Monthly Archives: maggio 2017

Ford Focus RS: negli USA dice addio con una Limited Edition

A volte è difficile dire addio a un’auto. Soprattutto quando l’auto in questione è la Ford Focus RS che sta arrivando alla sua fine… Almeno per quanto riguarda il mercato nordamericano, dove la MY 2018 sarà l’ultima per la compatta sportiva.Ford non ha voluto salutare la sua hatchback arrabbiata con un’edizione RS500 da sogno, ma ha deciso di farlo con una più realistica Limited Edition. Ma quale sarà il destino della Focus RS in Europa? Probabilmente lo stesso, visto che la politica dell’Ovale blu ha una filosofia globale. D’altra parte la quarta generazione della Ford Focus tira dritta vero la fine della sua carriera. Speriamo che anche la prossima avrà una sua versione RS altrettanto valida come quella attuale.Stile tutto suo, per dire addioDi fatto questa Ford Focus Limited Edition si differenzia soprattutto per la sua colorazione inedita Race Red che si aggiunge alla già nota colorazione Nitrous Blue. Tutte le Ford Focus RS Limited Edition saranno vendute con cerchi da 19 pollici avvolti da pneumatici semi-slick Michelin Sport Cup 2. Sia il tetto che gli specchietti retrovisori e lo spoiler sono in nero a contrasto.Per quanto riguarda l’equipaggiamento di serie, avrà in dotazione i sedili sportivi Recaro, volante riscaldato e sistema di infotainment SYNC con comandi vocali.Con il differenziale anterioreRimane invariata la meccanica con il 2.3 EcoBoost da 350 CV, mentre viene aggiunto un differenziale autobloccante anteriore firmato Quaife che la renderà ancora più veloce in curva.Della nuova Ford Focus RS Limited Edition ne saranno prodotte soltanto 1.500 unità delle quali 1.000 saranno destinate al mercato statunitense e 500 a quello canadese. E in Europa come la saluteremo? 
Fonte:

Novità per la Fiat Panda: le nuove City Cross e Panda 4X4

Si sono aperti ieri gli ordini della nuova Fiat Panda che arriva nelle versioni City Cross a trazione anteriore e Panda 4×4 con la trazione integrale, in pieno stile off-road. Insieme a questi due allestimenti rinnovati per la city car di Casa Fiat arrivano anche due inedite tinte per la carrozzeria (Grigio Moda e Blu Giotto), nuovi cerchi dal design rinnovato, e nuovi pacchetti optional.Nuova Panda City CrossLa nuova Fiat Panda City Cross 2017 si caratterizza per l’aspetto in stile off-road congli inserti dei paraurti anteriori e posteriori e le modanature laterali in tinta carrozzeria, le calotte degli specchietti laterali, le barre longitudinali al tetto e le maniglie delle portiere in nero a contrasto e le nuove cover ruota dallo stile dedicato.All’interno dell’abitacolo le novità riguardano la fascia della plancia in grigio con inserti del quadro strumenti in nero opaco, inuovi sedili rivestiti in tessuto nella nuova tonalità nero e grigia con inserti laterali in eco-pelle nera.La Panda City Cross 2017 è disponibile con due motorizzazioni e trazione anteriore: il 1.2 benzina da 69 CV e il turbodiesel 1.3 MultiJet da 95 CV.Nuova Panda 4x4Fiat rinnova anche la Panda 4×4 che, oltre all’aspetto off-road, è equipaggiata con il sistema di trazione integrale e può montare ilTwinAir 0.9 a benzina da 85 CV o il turbodiesel 1.3 Multijet da 95 CV. Esteticamente si riconosce per i nuovi cerchi neri e l’inedito cover mozzo che ospita il logo 4×4 marcato a rilievo. Nere sono anche le calotte degli specchietti retrovisori e le maniglie delle portiere. All’interno spicca inveceuna nuova combinazione di sedili in tessuto con cuciture a contrasto, sono stati rinnovati per esaltare al meglio la sua personalità.Pacchetti optionalE ancora, oltre alle due nuove tinte carrozzeria i clienti della nuova Panda avranno la possibilità di scegliere tra diversi pacchetti economicamente vantaggiosi, tra cui il Safety Pack(sensori di parcheggio posteriori, specchi retrovisori elettrici riscaldabili, autonomous city brake), il Comfort (sedile guida regolabile in altezza, Kit Comfort, Cargo Box) Pack e il Plus Pack(climatizzatore automatico, sensori di parcheggio, vetri privacy).Porte aperte e PrezziIl “porte aperte” dedicato è previsto per il 17 e il 18 giugno, insieme al lancio della nuova Fiat 500L.La nuova gamma Panda partirà ancora dal prezzo promozionale di 8.950 euro, che diventano 7.950 euro con il finanziamento “MenoMille”. la nuova Panda City Cross verrà invece proposta al prezzo promozionale di 12.950 euro, che diventano 11.950 euro con il finanziamento “MenoMille”.
Fonte:

Fiat 500 Kar-masutra, l’ultima novità di Lapo

Quella che vedete in questa immagine è la Fiat 500 customizzata da Lapo Elkann, che non è certamente nuovo a realizzazioni così creative e stravaganti.500 Kar-masutraL’immagine è stata pubblicata sul profilo instagram di Garage Italia Custom lunedì e a quanto pare sarà seguita da altri progetti grafici “unconventional” che saranno “esposti” sempre ad inizio settimana sul social network.Su questo modello ci sono rappresentazioni artistiche del Kamasutra indiano e giapponese, censurate con dei rettangoli neri che scompaiono all’aumentare della temperatura a causa di una vernice speciale. 
Fonte:

AMG: mezzo secolo di successi e continua a crescere

AMG, tre lettere in cui è scritta la storia, lunga mezzo secolo, del marchio sportivo di Mercedes. Le iniziali dei cognomi dei due fondatori del marchio (Aufrecht e Melcher), insieme all’iniziale del luogo in cui fu fondato (Großaspach), sono ora sinonimo di “Driving Performance”, la mission che da sempre è stata perseguita da quella che oggi è la punta di diamante sportiva del Gruppo Daimler.Dal 1967 ad oggi Mercedes-AMG si è affermata come marchio sportivo di successo. Un successo consacrato non solo da auto che hanno fatto sognare e fanno sognare gli appassionati di tutto il mondo, ma anche da numerose vittorie nelle competizioni sportive.E oggi Mercedes-AMG continua a crescere. Le quasi 100.000 vetture vendute nel 2016 (+40% di crescita) e la più grande offensiva di modelli della storia dell’azienda hanno rappresentato per AMG un inizio anno da record. Il primo trimestre del 2017 fa supporre che quest’anno verrà infranto anche il muro delle 100.000 unità.Questa rapida crescita è stata resa possibile dal continuo sviluppo dei modelli Performance, sempre più richiesti. È stato, però, anche l’ampliamento strategico della gamma degli ultimi anni che ha permesso di conquistare nuovi target. Attualmente gli amanti di vetture sportive possono contare su un’ampia gamma di modelli della famiglia AMG GT. A tutto ciò bisogna aggiungere il successo internazionale dei modelli a otto cilindri delle Serie 63.  
Fonte:

Musée de l’Aventure Peugeot: il museo del Leone a Sochaux

Il Musée de l’Aventure Peugeot di Sochaux – museo dedicato alla storia della Casa francese – è un luogo imperdibile per gli appassionati di motori. Un “paese dei balocchi” composto da 120 veicoli, 50 bici e moto e 500 oggetti di uso comune come macinini da caffè, radio e macchine da cucire.Fondato nel 1988, dal 2000 può vantare una sezione dedicata alle auto della Casa transalpina prodotte negli anni ’50, ’60 e ’70 e un’altra rivolta alle biciclette e alle moto. Dal 2010 è inoltre possibile ammirare le vetture degli anni ’80 e ’90, i mezzi da lavoro e le auto da corsa.Musée de l’Aventure Peugeot: le auto più interessanti del museo del LeoneNel Musée de l’Aventure Peugeot di Sochaux è possibile ammirare diverse auto interessanti: la prima vettura con motore a scoppio realizzata da Peugeot Frères (la Vis-à-Vis del 1891), la 205 Turbo 16 capace di conquistare quattro Mondiali rally WRC (due Piloti con i finlandesi Timo Salonen e Juha Kankkunen e due Costruttori) nel biennio 1985-1986 e i tre prototipi (la 905 nel 1992 e nel 1993 e la 908 nel 2009) vincitori della 24 Ore di Le Mans.Musée de l’Aventure Peugeot: non solo autoNon solo auto: il Musée de l’Aventure Peugeot di Sochaux offre anche la possibilità di ammirare tutti gli altri prodotti realizzati dall’azienda transalpina – attiva nella produzione di automobili dal 1889 ma nata nel lontano 1810 – in oltre 200 anni di attività.Qualche esempio? Crinoline per le gonne delle signore dell’Ottocento, utensili in metallo, macinacaffè, biciclette e moto. Tra le “chicche” più rilevanti presenti nel museo di Sochaux segnaliamo la prima bici dell’azienda transalpina (la Grand Bi del 1882) e quella che ha vinto – con il francese Bernard Thévenet nel 1977 – l’ultimo dei dieci Tour de France portati a casa dalle due ruote del Leone.Musée de l’Aventure Peugeot: la brasserieAll’interno del Musée de l’Aventure Peugeot è possibile anche… mangiare. La brasserie del museo di Sochaux è aperta dalle 12 alle 14:30 e consente di rifocillarsi in mezzo alle vetture esposte.Musée de l’Aventure Peugeot: le date e gli orari di aperturaIl Musée de l’Aventure Peugeot di Sochaux è aperto tutti i giorni (tranne l’1 gennaio e il 25 dicembre) dalle 10 alle 18. Il 24 e il 31 dicembre il museo chiude alle 16.Musée de l’Aventure Peugeot: i prezzi dei bigliettiIl biglietto del Musée de l’Aventure Peugeot di Sochaux costa 9 euro. 5 euro per i ragazzi da 7 a 18 anni, gratuito per i bambini da 0 a 6 anni.
Fonte

F1 – Le foto più belle del GP di Monaco 2017

Il GP di Monaco a Monte Carlo – sesta prova del Mondiale F1 2017 – è stato molto importante per la Ferrari: Sebastian Vettel ha riportato la Rossa sul gradino più alto del podio della corsa del Principato dopo 16 anni mentre grazie al secondo posto di Kimi Räikkönen la Scuderia di Maranello ha realizzato una doppietta che mancava da sette anni.Qui troverete una gallery con le foto più belle della corsa monegasca, una gara che ha visto al terzo posto Daniel Ricciardo (Red Bull) e la Mercedes per la prima volta fuori dal podio dopo 21 Gran Premi consecutivi in “top 3”.
Fonte

Mondiale F1 2017 – GP Monaco: vince Vettel, doppietta Ferrari

La Ferrari ha dominato il GP di Monaco, sesta tappa del Mondiale F1 2017: il Cavallino è tornato sul gradino più alto del podio di Monte Carlo dopo 16 anni grazie a Sebastian Vettel e il secondo posto di Kimi Räikkönen ha portato alla scuderia di Maranello una doppietta che non si verificava da sette anni (Germania 2010).La grande delusa della corsa del Principato? Senza dubbio la Mercedes, per la prima volta fuori dal podio dopo 21 GP e con Lewis Hamilton solo settimo (a causa di una qualifica non eccezionale che lo ha costretto a partire dalla 13° piazza).Mondiale F1 2017 – GP Monaco a Monte Carlo: la gara in cinque punti1) Sebastian Vettel ha vinto meritatamente il GP di Monaco a Monte Carlo grazie alla serie di giri veloci effettuati con gli pneumatici Ultrasoft usati che gli hanno permesso di tornare in pista dopo il pit-stop davanti al compagno Räikkönen. Ora il pilota tedesco è al comando del Mondiale F1 2017 con ben 25 punti di vantaggio su Hamilton.2) Kimi Räikkönen ha disputato un ottimo GP di Monaco: dopo aver conquistato la pole position ieri (evento che non si verificava da ben 9 anni) ha gestito molto bene la prima parte di gara ma non è stato altrettanto grintoso nel momento in cui non si è più trovato in testa alla corsa.3) Secondo podio consecutivo per Daniel Ricciardo e quarto piazzamento di seguito in “top 5” a Monte Carlo per il pilota australiano della Red Bull, molto bravo a difendersi nel finale dagli attacchi di Bottas e Verstappen.4) Valtteri Bottas nel GP di Monaco non è stato in grado di tenere il ritmo della Ferrari e della Red Bull. Un quarto posto finale insoddisfacente per gli standard Mercedes.5) Era dal GP di Germania 2010 (1° Alonso e 2° Massa) che la Ferrari non portava a casa una doppietta. Il Cavallino ha ottenuto questo importante risultato nel GP più prestigioso dell’anno monopolizzando la corsa e lasciando le briciole agli avversari. Un exploit che ha permesso alla Scuderia di Maranello di conquistare la vetta del Mondiale F1 2017 Costruttori.Mondiale F1 2017 – I risultati del GP di Monaco a Monte CarloProve libere 1
1 Lewis Hamilton (Mercedes)   1:13.425
2 Sebastian Vettel (Ferrari)  1:13.621
3 Max Verstappen (Red Bull)   1:13.771
4 Valtteri Bottas (Mercedes)  1:13.7915 Daniel Ricciardo (Red Bull)  1:13.854Prove libere 2
1 Sebastian Vettel (Ferrari)  1:12.720
2 Daniel Ricciardo (Red Bull)  1:13.207
3 Kimi Räikkönen (Ferrari)   1:13.283
4 Daniil Kvyat (Toro Rosso)   1:13.3315 Carlos Sainz Jr. (Toro Rosso)  1:13.400Prove libere 3
1 Sebastian Vettel (Ferrari)  1:12.395
2 Kimi Räikkönen (Ferrari)   1:12.740
3 Valtteri Bottas (Mercedes)  1:12.830
4 Max Verstappen (Red Bull)   1:12.9405 Lewis Hamilton (Mercedes)   1:13.230Qualifiche
1 Kimi Räikkönen (Ferrari)   1:12.178
2 Sebastian Vettel (Ferrari)  1:12.221
3 Valtteri Bottas (Mercedes)  1:12.223
4 Max Verstappen (Red Bull)   1:12.4965 Daniel Ricciardo (Red Bull)  1:12.998Gara
1 Sebastian Vettel (Ferrari)  1h44:44.340
2 Kimi Räikkönen (Ferrari)      + 3,1 s
3 Daniel Ricciardo (Red Bull)     + 3,7 s
4 Valtteri Bottas (Mercedes)     + 5,5 s5 Max Verstappen (Red Bull)      + 6,2 sLe classifiche del Mondiale F1 2017 dopo il GP di Monaco a Monte CarloClassifica Mondiale Piloti
1 Sebastian Vettel (Ferrari) 129 punti
2 Lewis Hamilton (Mercedes)  104 punti
3 Valtteri Bottas (Mercedes) 75 punti
4 Kimi Räikkönen (Ferrari)  67 punti5 Daniel Ricciardo (Red Bull) 52 puntiClassifica Mondiale Costruttori
1 Ferrari       196 punti
2 Mercedes       179 punti
3 Red Bull-TAG Heuer    97 punti
4 Force India-Mercedes   53 punti5 Toro Rosso-Renault    29 punti
Fonte

Mondiale F1 2017 – GP Monaco a Monte Carlo: gli orari TV su Rai e Sky

Nel GP di Monaco a Monte Carlo – sesta tappa del Mondiale F1 2017 che sarà trasmessa in diretta su Rai e Sky (di seguito troverete gli orari TV) – Lewis Hamilton potrà approfittare di un circuito da lui molto amato per superare Sebastian Vettel nel campionato.Sulle strette stradine del Principato assisteremo sicuramente ad un altro interessante duello tra la Mercedes e la Ferrari. Senza dimenticare il ritorno di Jenson Button, che rimpiazzerà solo per questa corsa al volante della McLaren Fernando Alonso, impegnato alla 500 Miglia di Indianapolis.F1 2017 – GP Monaco a Monte Carlo: cosa aspettarsiIl circuito cittadino di Monte Carlo è lento e offre poche possibilità di sorpasso ma è affascinante come pochi altri. Le qualifiche sono fondamentali: dal 1997, infatti, il vincitore della corsa monegasca è sempre scattato dalle prime tre posizioni della griglia di partenza.Nelle ultime cinque edizioni chi ha vinto il GP di Monaco non ha conquistato il Mondiale e la Ferrari non sale sul gradino più alto del podio dal lontano 2001. Di seguito troverete il calendario del Gran Premio di Formula 1, gli orari TV su Rai e Sky e il nostro pronostico.F1 2017 – Monte Carlo, il calendario e gli orari TV su Rai e SkyGiovedì 25 maggio 2017
10:00-11:30 Prove libere 1 (diretta su Rai Sport e Sky Sport F1)14:00-15:30 Prove libere 2 (diretta su Rai Sport e Sky Sport F1)Sabato 27 maggio 2017
11:00-12:00 Prove libere 3 (diretta su Rai Sport e Sky Sport F1)14:00-15:00 Qualifiche (diretta su Rai 2 e Sky Sport F1)Domenica 28 maggio 201714:00   Gara (diretta su Rai 1 e Sky Sport F1)F1 – I numeri del GP di Monaco 2017
LUNGHEZZA CIRCUITO:  3.337 m
GIRI:      78
RECORD IN PROVA:   Daniel Ricciardo (Red Bull RB12) – 1’13”622 – 2016
RECORD IN GARA:   Lewis Hamilton (Mercedes F1 W07 Hybrid) – 1’17”939 – 2016RECORD DISTANZA:   Nico Rosberg (Mercedes F1 W06) – 1h49’18”420 – 2015F1 – Il pronostico del GP di Monaco 20171° Lewis Hamilton (Mercedes)Lewis Hamilton ama molto Monte Carlo: il pilota britannico della Mercedes ha ottenuto due vittorie nel GP di Monaco e nelle ultime tre edizioni è sempre salito sul podio.Quale migliore occasione per soffiare a Vettel la vetta del Mondiale F1 2017: basta “solo” una vittoria…2° Sebastian Vettel (Ferrari)Sebastian Vettel non ama Monte Carlo quanto Hamilton: il suo unico successo nel Principato risale al 2011.Il driver tedesco della Ferrari punterà secondo noi ad un podio sicuro (sarebbe il settimo consecutivo) e a portare a casa punti importanti in ottica iridata.3° Daniel Ricciardo (Red Bull)Dopo il terzo posto in Spagna Daniel Ricciardo cercherà di chiudere in “top 3” anche il GP di Monaco.I precedenti del pilota australiano della Red Bull sono incoraggianti: due podi nelle ultime tre edizioni.Da tenere d’occhio: Kimi Räikkönen (Ferrari)La Ferrari ha bisogno dei punti di Kimi Räikkönen se vuole vincere il Mondiale F1 2017 Costruttori.Il palmarès di “Iceman” nel Principato? Un successo nel lontano 2005 e un podio che manca dal 2009.La squadra da seguire: MercedesLa favorita del GP di Monaco? Senza dubbio la Mercedes.La scuderia tedesca ha vinto gli ultimi quattro Gran Premi di Monte Carlo e ha tutto quello che serve per continuare la striscia consecutiva di gare con almeno una vettura sul podio (per il momento siamo a quota 21).
Fonte

Maserati Levante by Novitec

Addio eleganza. La SUV di lusso del Tridente è passata per le mani del reparto specializzato in Maserati del tuner Novitec. E si tratta di un tuning declinato in un’unica chiave: quella sportiva. Passaruota allargati, nuovi paraurti, minigonne laterali, un nuovo cofano, un inedito alettone in stile lip al posteriore e un immancabile diffusore. Con questo kit carrozzeria, che allarga la carreggiata di ben 30 cm, la già imponente Maserati Levante si trasforma quasi in un’altra auto, di quelle che non passano inosservate. E poi c’è anche la sospensione ribassata di 25 mm che la schiaccia a terra, senza contare i mastodontici cerchi da 22 pollici e dal design esclusivo. La versione di base per il tuning di Novitec è la S che monta il V6 a benzina biturbo da 3 litri di cilindrata. Uscito di fabbrica questo propulsore offre una potenza di 430 CV con una coppia di 580 Nm ma dopo l’upgrade raggiunge i 500 CV e i 660 Nm.
Fonte

Mercedes-AMG C 63 Coupé Chromotec

Chromotec, tuner bavarese specializzato nel custode di modelli Mercedes, presenta una nuova inedita interpretazione della variante più radicale all’interno della gamma Classe C, la C 63 Coupé.Body kit in carbonioLa berlina compatta della Stella riceve un body kit in carbonio con modifiche alla griglia frontale a allo spoiler anteriore, nuovi specchietti retrovisori e ritocchi anche al posteriore con un nuovo spoiler e un nuovo diffusore.Le sospensioni regolabili e i cerchi da 20 pollici completano il quadro delle possibilità, acquistabili anche separatamente, proposte da Chromotec.Upgrade da oltre 600 CVSotto il cofano anche il V8 twinturbo da 4.0 litri riceve un upgrade che ne innalza ala potenza a 603 CV (+134 CV rispetto all’originale). E poi ci sarà la possibilità di avere anche il sistema di scarico con controllo elettronico delle valvole, un kit per la centralina, un acceleratore elettronico e terminali di scarico speciali.   
Fonte