Category Archives: Tuning

Estintore per auto: di cosa si tratta e a cosa serve

title

Credits: iStock

L’estintore per auto è un accessorio molto utile da tenere sempre in macchina, infatti lo scoppio di un incendio è un evento imprevedibile, ed essere pronti è sempre buona cosa per la propria sicurezza. Vediamo tutto quello che dobbiamo sapere.

Estintore auto: di che cosa si tratta

È un apparecchio mobile di sicurezza che fa parte del kit di emergenza per auto e che serve per spegnere fuochi che interessano l’auto stessa. È costituito da:

  • valvola, che permette alla sostanza di uscire;
  • serbatoio, che contiene la sostanza estinguente;
  • manichetta, il tubo flessibile che serve a indirizzare la sostanza sulle fiamme, per spegnerle.

L’estintore scelto deve avere una dichiarazione di conformità del produttore e un manuale.

È obbligatorio averlo in auto? Non esiste una legge che lo impone per le auto private, invece per quelle usate per la professione sì. Il D.lgs. 81/08 dice che “il datore deve offrire un sistema di protezione contro gli incendi, che tuteli il lavoratore”. Quindi in macchina bisognerebbe avere un mini estintore per auto, leggero e poco ingombrante.

Dove si tiene l’estintore auto?

Si sconsiglia di tenerlo libero nel bagagliaio, non è possibile raggiungerlo subito in caso di pericolo e potrebbe urtare altri oggetti. Si può eventualmente fissare vicino all’apertura del bagagliaio, altrimenti tenere sotto il sedile del passeggero anteriore o del guidatore, per averlo a portata di mano.

L’estintore si può comprare nei negozi di autoricambi, venduto insieme al supporto per montarlo. Quando hai scelto la posizione per fissarlo, segnala con delle viti sulla plastica dell’abitacolo, mantieni fermo il supporto e inserisci le quattro viti con un avvitatore, senza rovinare il supporto. Infine devi agganciare l’estintore.

Come si usa l’estintore per auto?

In caso di incendio, se vedi delle fiamme uscire dalla tua macchina (dal cofano) allora spostati immediatamente in un luogo sicuro, tipo a bordo strada. Indossa velocemente i guanti, prendi l’estintore e apri il cofano con attenzione. Togli la spoletta di sicurezza dell’estintore, tieni bene l’apparecchio dall’impugnatura e non dal grilletto di erogazione, cercando di non farti prendere dal panico. Azionalo, indirizzando i getti con attenzione, da sinistra a destra, sulla base della fiamma e sopra vento. Dovresti stare a 2-3 metri di distanza.

Attenzione: è necessario sempre chiamare i soccorsi e i Vigili del Fuoco.

Quale estintore per auto scegliere

Sicuramente l’apparecchio scelto deve rispettare i parametri delle direttive CE e soprattutto la norma UNI EN3/7:2004 in materia di estinguenti portatili. Deve inoltre essere stato testato per verificarne il funzionamento e la facilità d’uso.

Per scegliere il giusto estintore bisogna sapere la differenza tra i fuochi da spegnere, che si dividono nelle seguenti classi:

  • A: causati da combustibili fossili (gomma o carta);
  • B: da combustibili liquidi come benzina, solventi;
  • C: da fuoriuscite di gas come metano, idrogeno;
  • D: dai metalli (potassio, zinco e titanio);
  • F: da oli e grassi vegetali o animali;
  • E: da un’apparecchiatura elettrica in tensione.

L’estintore per auto va scelto in base alla classe A, B e C. Sull’etichetta è segnata la classe di incendio, oltre alla capacità estinguente. Non dimenticare inoltre che deve essere leggero e maneggevole. Le dimensioni e il peso dipendono anche dalla tipologia di auto. L’estinguente comunque non deve superare i 5 kg, il peso ideale di un mini estintore per auto è di 2 kg o anche un kg.

Estintore auto: i costi

L’estintore per auto non è molto costoso, in genere il prezzo si aggira tra i 20 e i 40 euro.

L’articolo Estintore per auto: di cosa si tratta e a cosa serve proviene da Icon Wheels.

Fonte

Esistono delle app che possono aiutare con la scelta dell’auto?

title

Credits: iStock

Comprare un’auto nuova non è mai semplice, anzi. I modelli sul mercato sono moltissimi, le tipologie di motorizzazione (con l’avvento delle vetture elettriche ibride) anche, e è fondamentale fare un’accurata analisi del budget che si ha a disposizione. Si tratta comunque di un investimento importante, su cui non si può sbagliare. E per rendere l’operazione più semplice è possibile usare una delle app che servono proprio per scegliere l’auto giusta.

Tutte le app per scegliere quale auto nuova acquistare

Tra le migliori applicazioni troviamo:

  • AutoScout24, che funziona sia per iOS che per Android. Serve per fare compravendita di veicoli e per valutare le offerte. Si tratta del mercato auto online più grande d’Europa, dove ci sono più di 2 milioni e mezzo di veicoli nuovi e usati. Per la ricerca è possibile impostare una serie di caratteristiche e parametri, come il prezzo. È possibile anche scrivere al venditore per sapere informazioni. L’app offre anche il sigillo di garanzia, quando viene applicato su un modello significa che il team ha provato personalmente il mezzo;
  • Quattroruote, sempre per Android e iOS, si riferisce al sito web che sicuramente tutti conoscete, leader nel settore e per tutti gli appassionati di auto. Dall’app è possibile accedere alla rivista e inserire tutti i filtri utili per la ricerca. Si possono selezionare fasce di prezzo, colori, optional ecc… ed è possibile anche salvare gli annunci più interessanti;
  • DriveK, per Android e iOS, si basa sul machine learning. Permette quindi all’utente di trovare l’auto a seconda dei propri gusti e della propria personalità, scegliendo tra circa 50 marchi, più di 500 modelli e oltre 5.000 veicoli. In seguito è possibile affinare la ricerca in base alla tipologia di mezzo, al suo aspetto, al prezzo e ad altre caratteristiche;
  • AutoUncle (Android e iOS), presenta una raccolta di oltre 11 milioni di auto usate proveniente da 1.900 siti web in Europa. Tutto è catalogato in base alla valutazione sul prezzo, per trovare le offerte più convenienti. Le classi di prezzo sono 5: molto cara, cara, super prezzo, ottimo prezzo e buon prezzo. È possibile inoltre avere a disposizione nell’app un assistente di ricerca personale, che avvisa su eventuali variazioni di prezzi o altre informazioni utili all’utente;
  • e infine, ultimo ma assolutamente non per importanza, TrovitAuto (Android e iOS), che aiuta a trovare l’auto perfetta per le proprie esigenze. L’app è in grado di informare l’utente sulle offerte più convenienti. La ricerca viene effettuata per caratteristiche, vengono quindi filtrati tutti i risultati. Ogni utente può scegliere di selezionare differenti parametri, tra cui la città di residenza, la data dell’annuncio, la marca dell’auto che si desidera, il modello, l’anno, i chilometri percorsi, il numero di porte ovviamente anche il prezzo. È possibile poi salvare i modelli che incuriosiscono di più, per affinare in seguito la scelta. Ci sono foto e descrizioni minuziose, per aiutare ogni utente.

Grazie alle app appena suggerite quindi la scelta dell’auto nuova diventa molto più semplice. Si tratta infatti di strumenti utile per poter aiutare l’utente nella scelta e selezione del suo veicolo ideale.

L’articolo Esistono delle app che possono aiutare con la scelta dell’auto? proviene da Icon Wheels.

Fonte

F1 – Vettel squalificato dal GP d’Ungheria 2021

title

Credits: Xavi Bonilla / DPPI

Sebastian Vettel è stato squalificato dal GP d’Ungheria 2021 per aver lasciato la sua Aston Martin senza benzina: secondo il regolamento tutte le monoposto devono avere sempre a disposizione almeno un litro di carburante da poter analizzare per verificare la conformità mentre sulla vettura britannica al termine della corsa dell’Hungaroring erano presenti solo 0,3 litri.

La squalifica di Vettel ha portato parecchi cambiamenti alla classifica del Gran Premio d’Ungheria: in prima posizione c’è sempre Esteban Ocon (Alpine) ma dietro di lui troviamo ora Lewis Hamilton (Mercedes) e Carlos Sainz Jr. (Ferrari). Kimi Räikkönen (Alfa Romeo) è invece passato dall’undicesima alla decima posizione ed è quindi riuscito a conquistare un punto iridato.

Di seguito troverete le nuove classifiche del GP d’Ungheria all’Hungaroring aggiornate in seguito alla squalifica di Vettel: qui invece il resoconto della gara.

La classifica del GP d’Ungheria 2021 di F1 aggiornata a dopo la squalifica di Vettel

  1. Esteban Ocon (Alpine) 2:04:43.199
  2. Lewis Hamilton (Mercedes) + 2,7 s
  3. Carlos Sainz Jr. (Ferrari) + 15,0 s
  4. Fernando Alonso (Alpine) + 15,7 s
  5. Pierre Gasly (AlphaTauri) + 1:03,6 s

La classifica del Mondiale F1 2021 Piloti aggiornata dopo il GP d’Ungheria

  1. Lewis Hamilton (Mercedes) 195 punti
  2. Max Verstappen (Red Bull) 187 punti
  3. Lando Norris (McLaren) 113 punti
  4. Valtteri Bottas (Mercedes) 108 punti
  5. Sergio Pérez (Red Bull) 104 punti

La classifica del Mondiale F1 2021 Costruttori aggiornata dopo il GP d’Ungheria

  1. Mercedes 303 punti
  2. Red Bull-Honda 291 punti
  3. Ferrari 163 punti
  4. McLaren 163 punti
  5. Alpine-Renault 77 punti

 

L’articolo F1 – Vettel squalificato dal GP d’Ungheria 2021 proviene da Icon Wheels.

Fonte

F1 2021: Ocon vince in Ungheria con la Alpine grazie (anche) ad Alonso

title

Credits: Mark Thompson/Getty Images

Esteban Ocon (Alpine) ha vinto a sorpresa il GP d’Ungheria all’Hungaroring – undicesima prova del Mondiale F1 2021 – riportando una monoposto francese sul gradino più alto del podio dopo 13 anni (Renault prima nel Gran Premio del Giappone 2008 con Fernando Alonso). Era invece dal 1996 – dal trionfo di PanisMonte Carlo con la Ligier – che non si vedeva il successo di un binomio pilota/vettura interamente transalpino.

Il driver d’Oltralpe ha tagliato per primo il traguardo davanti a Sebastian Vettel (Aston Martin) e Lewis Hamilton (Mercedes) in una delle gare più pazze di sempre: colpa di Valtteri Bottas (cinque posizioni di penalità in griglia nel prossimo Gran Premio del Belgio) e della sua frenata ritardata al via che ha messo fuori gioco Pérez rovinando oltretutto la corsa di diversi altri piloti tra cui Verstappen. Una vittoria arrivata grazie anche al lavoro del compagno Alonso, quinto e capace di tenere dietro per diversi giri il sette volte campione del mondo.

F1 Grand Prix of Hungary

Credits: Lars Baron/Getty Images

F1 Grand Prix of Hungary

Credits: Mark Thompson/Getty Images

F1 Grand Prix of Hungary

Credits: Mark Thompson/Getty Images

F1 Grand Prix of Hungary

Credits: Bryn Lennon/Getty Images

F1 Grand Prix of Hungary

Credits: Lars Baron/Getty Images

/

La Ferrari si è dovuta accontentare della quarta piazza con Carlos Sainz Jr. mentre Charles Leclerc è stato costretto al ritiro dopo essere stato centrato alla prima curva da Lance Stroll (anche per lui cinque posizioni di penalità in griglia nel prossimo GP del Belgio).

Mondiale F1 2021 – GP Ungheria: le pagelle

title

10
/10

Lewis Hamilton (Mercedes)

Senza l’errore dei box Mercedes alla ripartenza Lewis Hamilton avrebbe vinto a mani basse il Gran Premio d’Ungheria e invece si è ritrovato da solo in griglia con le gomme da bagnato quando tutti i rivali sono scattati dalla pit-lane con gli pneumatici da asciutto. Dopo un giro ha dovuto effettuare un pit-stop rientrando in pista in ultima (14°) posizione, per tutto il resto della corsa ha tirato come un pazzo tagliando il traguardo al terzo posto (che sarebbe potuto essere addirittura un primo senza l’ottima guida difensiva di Alonso).

Dopo la gara dell’Hungaroring il pilota britannico – grazie al quarto podio negli ultimi cinque GP – ha riconquistato il primato nel Mondiale F1 2021.

title

10
/10

Esteban Ocon (Alpine)

Un successo eroico, quello ottenuto da Esteban Ocon nel GP d’Ungheria 2021.

Il driver francese è stato sicuramente agevolato dall’incidente scatenato da Bottas al via e dalla scelta dei meccanici Mercedes di non cambiare le gomme a Hamilton in occasione della ripartenza dopo la bandiera rossa ma è stato anche bravissimo a mantenere ritmi elevati per tutta la corsa impedendo a Vettel qualsiasi possibilità di sorpasso.

title

8
/10

Max Verstappen (Red Bull)

Max Verstappen ha perso il primo posto nel Mondiale F1 2021: al via del GP d’Ungheria si è ritrovato coinvolto nel patatrac causato da Bottas e nonostante questo è riuscito a conquistare un punto iridato con una Red Bull profondamente danneggiata.

Per la prima volta nella stagione il pilota olandese ha disputato due gare di seguito senza salire sul podio: in entrambe le occasioni senza avere colpe.

title

7
/10

Pierre Gasly (AlphaTauri)

Quinto in qualifica ieri dietro le due Mercedes e le due Red Bull, sesto in gara oggi.

Pierre Gasly ha disputato un buon GP d’Ungheria e ha oltretutto lavorato per i “cugini” della Red Bull soffiando nel finale il giro veloce a Hamilton e togliendogli un punto iridato.

title

6
/10

Mercedes

La Mercedes aveva tutte le carte in regola per conquistare la doppietta nel GP d’Ungheria ma Bottas ha preferito rovinare tutto partendo malissimo e scatenando l’apocalisse alla prima curva per una frenata ritardata. Gli uomini al box, poi, ci hanno messo del loro lasciando Hamilton da solo in griglia alla ripartenza.

Nonostante tutto la Stella è riuscita a salire sul podio e ha riconquistato il primato nel Mondiale F1 2021 Piloti e in quello Costruttori.

Mondiale F1 2021 – I risultati del GP d’Ungheria

Prove libere 1

1 Max Verstappen (Red Bull) 1:17.555
2 Valtteri Bottas (Mercedes) 1:17.616
3 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:17.722
4 Carlos Sainz Jr. (Ferrari) 1:18.115
5 Pierre Gasly (AlphaTauri) 1:18.181

Prove libere 2

1 Valtteri Bottas (Mercedes) 1:17.012
2 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:17.039
3 Max Verstappen (Red Bull) 1:17.310
4 Esteban Ocon (Alpine) 1:17.759
5 Sergio Pérez (Red Bull) 1:17.824

Prove libere 3

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:16.826
2 Max Verstappen (Red Bull) 1:16.914
3 Valtteri Bottas (Mercedes) 1:17.055
4 Carlos Sainz Jr. (Ferrari) 1:17.497
5 Charles Leclerc (Ferrari) 1:17.520

Qualifiche

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:15.419
2 Valtteri Bottas (Mercedes) 1:15.734
3 Max Verstappen (Red Bull) 1:15.840
4 Sergio Pérez (Red Bull) 1:16.421
5 Pierre Gasly (AlphaTauri) 1:16.483

Le classifiche
La classifica del GP d’Ungheria 2021
Esteban Ocon (Alpine) 2h04:43.199
Sebastian Vettel (Aston Martin) + 1,9 s
Lewis Hamilton (Mercedes) + 2,7 s
Carlos Sainz Jr. (Ferrari) + 15,0 s
Fernando Alonso (Alpine) + 15,7 s
Classifica Mondiale Piloti
Lewis Hamilton (Mercedes) 192 punti
Max Verstappen (Red Bull) 186 punti
Lando Norris (McLaren) 113 punti
Valtteri Bottas (Mercedes) 108 punti
Sergio Pérez (Red Bull) 104 punti
Classifica Mondiale Costruttori
Mercedes 300 punti
Red Bull-Honda 290 punti
McLaren-Mercedes 163 punti
Ferrari 160 punti
Alpine-Renault 75 punti

L’articolo F1 2021: Ocon vince in Ungheria con la Alpine grazie (anche) ad Alonso proviene da Icon Wheels.

Fonte

Promozioni auto agosto 2021: le occasioni del mese

title

Il ritorno degli incentivi ha portato nel mese di agosto 2021 promozioni auto molto “succose”.

Gli sconti più interessanti del mese riguardano soprattutto vetture giapponesi e modelli appartenenti al segmento delle SUV piccole, anche se non mancano proposte di altre nazioni e di altre categorie. Scopriamole insieme.

Promozioni auto agosto 2021: le occasioni del mese

title

Audi A6 Avant

L’Audi A6 Avant 40 TDI quattro Business Sport costa ufficialmente 66.000 euro ma grazie alle promozioni di agosto 2021 della Casa tedesca bastano 59.452,02 euro per acquistarla. L’offerta comprende l’estensione di garanziaAudi Extended Warranty” di 1 anno/60.000 km ed è valida esclusivamente in caso di adesione al finanziamento Audi Financial Services (TAN fisso 3,74%, TAEG 4,33%): anticipo di 20.661,42 euro, 35 rate da 429 euro e una rata finale da 27.836,57 euro.

title

Dacia Sandero

Grazie alle promozioni Dacia di agosto 2021 bastano 8.550 euro (invece di 9.050) per portarsi a casa l’auto meno costosa in commercio: la Sandero Streetway 1.0 Access. Il finanziamento Simply Dacia abbinato (TAN fisso 5,25%, TAEG 8,40%) comprende: anticipo di 2.400 euro, 36 rate da 89,78 euro e una maxirata finale da 4.706 euro.

title

DS 7 Crossback

Da 55.200 a 47.200 euro: è questo lo sconto previsto dagli incentivi e dalle promozioni di agosto 2021 sulla DS 7 Crossback E-Tense Grand Chic. L’offerta è valida in caso di rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore a Euro 6 immatricolato in data anteriore all’1 gennaio 2011 e intestato da almeno 12 mesi.

title

Evo 3 Electric

Ad agosto 2021 la Evo 3 Electric costa 26.160 euro anziché 36.600, merito delle promozioni e degli incentivi statali: sconto di 2.440 euro dei concessionari, 6.000 euro di Ecobonus statale (Legge di Bilancio 2019) in caso di rottamazione di veicoli da Euro 0 a Euro 4 intestati da almeno 12 mesi all’acquirente o a suo familiare convivente e 2.000 euro di Ecobonus (Legge di Bilancio 2021) in caso di rottamazione di veicoli di classe inferiore ad Euro 6 con anzianità di almeno 10 anni dalla data di prima immatricolazione. In assenza di rottamazione il prezzo finale scontato è di 30.380 euro.

title

Fiat Panda

Le promozioni Fiat di agosto 2021 consentono di acquistare la Panda Hybrid “entry level” con 11.500 euro invece di 14.000. La cifra può scendere a 10.000 euro con gli incentivi statali e a 8.500 euro se si aderisce al finanziamento Contributo Prezzo Be-Hybrid di FCA Bank (TAN fisso 6,85% salvo arrotondamento rata, TAEG 10,09%): anticipo zero, prima rata a 180 giorni e 79 rate mensili da 151,50 euro.

title

Lexus NX

La Lexus NX più accessibile in commercio – la Premium – costa ufficialmente 53.000 euro ma grazie alle promozioni di agosto 2021 della Casa giapponese bastano 43.900 euro per acquistarla. L’offerta è valida esclusivamente per vetture disponibili in stock in caso di rottamazionepermuta.

title

Mitsubishi Space Star

Per tutto il mese di agosto 2021 sono sufficienti 8.500 euro (invece di 14.110 euro) per acquistare la Mitsubishi Space Star 1.2 Invite Radio. L’offerta – valida esclusivamente in caso di incentivi – va abbinata obbligatoriamente al finanziamento Eco shock (TAN fisso 6,82%, TAEG fisso 9,25%): anticipo zero e 84 rate mensili da 145,50 euro.

title

Nissan Qashqai

Lo sconto di 3.350 euro offerto dalle promozioni Nissan di agosto 2021 permette di acquistare la Qashqai 140 CV N-Connecta con 28.150 euro invece di 31.500. L’offerta – valida in caso di rottamazione di un’autovettura usata e di proprietà del cliente da almeno 6 mesi alla data del contratto del veicolo nuovo – può diventare ancora più conveniente (26.950 euro) se si aderisce al finanziamento IntelligentBuy (TAN fisso 4,99%, TAEG 6%): anticipo di 5.300 euro, 36 rate da 269 euro e una maxirata finale da 17.325 euro.

title

Renault Captur

Le promozioni Renault di agosto 2021 unite agli incentivi statali permettono di acquistare la Captur GPL Zen con 16.200 euro anziché 21.750 euro. L’offerta – valida in caso di rottamazione di un veicolo usato da Euro 0 a Euro 4 con data di immatricolazione fino al 31/12/2010 e di proprietà del cliente o di uno dei familiari conviventi da almeno dodici mesi – va abbinata obbligatoriamente al finanziamento Renault Easy (TAN fisso 5,25%, TAEG 6,74%): anticipo di 3.000 euro, 36 rate da 148,98 euro e una maxirata finale da 11.527,50 euro.

title

Suzuki Ignis

Ad agosto 2021 la Suzuki Ignis Cool costa 13.260 euro invece di 17.200 ed è oltretutto offerta con i primi tre tagliandi di manutenzione ordinaria gratis. L’offerta è valida in caso di accesso agli incentivi statali, con rottamazione di un veicolo immatricolato prima dell’1 gennaio 2011 e fino a Euro 4.

L’articolo Promozioni auto agosto 2021: le occasioni del mese proviene da Icon Wheels.

Fonte

Graffi sul parabrezza, come faccio a eliminarli in tutta sicurezza?

title

Credits: iStock

I graffi sul parabrezza di una vettura testimoniano che l’automobilista ha azionato i tergicristalli nel momento sbagliato: questo errore, commesso spesso anche dai più attenti, provoca dei cerchi antiestetici che la sera si rivelano più pericolosi, in quanto riflettono la luce dei fari e dei lampioni, provocando un disturbo alla visuale del conducente. Eliminare i graffi del parabrezza è un’operazione delicata ma non impossibile: si può effettuare anche usando dei prodotti in commercio, armandosi di tanta pazienza e buona volontà.

Quando è possibile eliminare i graffi sul parabrezza

Se uno o più graffi sul parabrezza attirano lo sguardo del conducente mentre si trova alla guida, significa che il danno è abbastanza esteso e ampio da ripercuotersi negativamente sulla sua vista di sera e quindi ha bisogno di essere riparato. Al contrario dei graffi sulla carrozzeria che possono essere nascosti semplicemente con un po’ di vernice, quelli dei cristalli sono più delicati.

I carrozzieri, la maggior parte delle volte, ritengono che il danno è irreversibile perché abradendo il vetro si andrebbero a creare ulteriori difetti ottici e il cristallo dovrebbe essere sostituito da capo. Di fronte a un intervento troppo costoso, molti automobilisti tendono a tenere il vetro così com’è, senza sostituirlo. Ci sono comunque dei casi in cui si può risolvere il problema anche da soli: tentare non nuoce ma il risultato non è sempre scontato e l’operazione richiede tempo, manualità e prodotti che se usati in maniera corretta sono potenzialmente pericolosi.

Cosa serve per eliminare i graffi dal parabrezza

Per eliminare i graffi dal parabrezza in maniera autonoma servirebbe munirsi dei giusti attrezzi: guanti, mascherina, occhiali protettivi, trapano, una pasta abrasiva di ossido di cerio e un disco di feltro su cui applicarla. L’operazione oltre ad essere complicata, lunga e anche abbastanza costosa per via dei materiali da reperire sul mercato, non è esente da pericoli: alla luce di ciò il consiglio è quello di rivolgersi sempre a professionisti specializzati in grado di eseguire il lavoro perfettamente e azzerare ogni tipo di rischio e preoccupazione.

Sostituire il parabrezza graffiato: quando conviene

Agire in maniera autonoma sul parabrezza di un’auto, senza avere le giuste capacità, oltre ad essere pericoloso può risultare anche controproducente. A questo va aggiunto anche il fatto che il bilancio tra costi e benefici è quasi sempre negativo. Conti alla mano, provare a riparare da soli il parabrezza può costare di più rispetto alla sostituzione integrale di un cristallo su un’utilitaria, magari scegliendone uno non originale. Rivolgendosi a professionisti del settore, inoltre, si ha la certezza che il lavoro venga fatto ad opera d’arte, evitando così ulteriori complicazioni.

Graffi sul parabrezza dell’auto: come prevenirli

Se si parla di manutenzione di una vettura, il motto “prevenire è meglio che curare” vale ancora di più: per evitare graffi al parabrezza e spiacevoli inconvenienti alla guida di notte, basta un semplice controllo settimanale al serbatoio lavavetri. Quando si lascia l’auto parcheggiata in strada, sul vetro può depositarsi praticamente di tutto, dalla polvere ai residui organici, passando per la sabbia: tutte cose che andrebbero pulite manualmente con un panno e un detergente specifico, così da non allungare la vita dei tergicristalli e automaticamente anche quella del parabrezza. I graffi più diffusi, infatti, si formano quando la spazzola del tergicristallo, in assenza di acqua, sposta tante microscopiche particelle abrasive che comprime contro il vetro.

L’articolo Graffi sul parabrezza, come faccio a eliminarli in tutta sicurezza? proviene da Icon Wheels.

Fonte

Mazda MX-5 1.5 (2020): pregi e difetti della spider giapponese

title

La Mazda MX-5 1.5 è la versione “base” della quarta generazione della spider giapponese ma non va sottovalutata: la sportiva asiatica a trazione posteriore è infatti un mezzo divertente rivolto a chi cerca il piacere di guida (e può rinunciare alla praticità). Oggi analizzeremo un esemplare del 2020, facile da trovare usato a poco più di 25.000: scopriamo insieme i suoi pregi e difetti.

I pregi della Mazda MX-5 1.5 del 2020

Abitabilità

I sedili sono solo due ma lo spazio non manca. Solo i più alti possono avere qualche problema.

Finitura

Meglio gli assemblaggi dei materiali utilizzati.

Dotazione di serie

Molto interessante: autoradio Aux Bluetooth DAB USB, cerchi in lega, climatizzatore automatico, cruise control, fari full LED, interni in pelle, navigatore, retrovisori ripiegabili elettricamente, sedili riscaldabili, sensore luci, sensore pioggia, sensori di parcheggio posteriori, telecamera posteriore e vernice metallizzata.

Posto guida

Sedile avvolgente, posizione di seduta bassa e comandi ergonomici: promossa.

Climatizzazione

L’impianto automatico di serie se la cava egregiamente.

Sospensioni

La taratura degli ammortizzatori è rigida ma non esagerata.

Rumorosità

Il propulsore si fa sentire parecchio: giusto così.

Motore

Il 1.5 a benzina da 132 CV e 152 Nm di coppia della Mazda MX-5 “entry level” è un propulsore aspirato che regala le cose migliori sopra i 4.000 giri.

Cambio

La trasmissione manuale a sei marce è quasi perfetta nella rapportatura. L’unica pecca arriva dalla tendenza a impuntarsi (non troppo spesso) nella guida sportiva.

Sterzo

Sensibile e diretto al punto giusto.

Prestazioni

Da vera sportiva: 204 km/h di velocità massima e 8,3 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Dotazione di sicurezza

Ricca: airbag frontali e laterali, avviso cambio corsia, frenata automatica, monitoraggio angolo cieco e riconoscimento segnali stradali. Solo quattro le stelle ottenute nei crash test Euro NCAP.

Visibilità

Le dimensioni esterne compatte (solo 3,92 metri di lunghezza), i sensori di parcheggio posteriori e la retrocamera sono di grande aiuto in manovra.

Freni

Potenti ed efficaci in qualsiasi situazione.

Tenuta di strada

Agile nelle curve e abbastanza rassicurante (a patto di non essere dei guidatori alle prime armi).

Prezzo

Da nuova nel 2020 la Mazda MX-5 1.5 costava 33.500 euro, oggi si trova facilmente di seconda mano a 27.000 euro: poco meno di una Fiat 500X 1.3 T4 Sport appena uscita dal concessionario.

Consumo

Davvero niente male: 16,4 km/l dichiarati.

Garanzie

La copertura scadrà nel 2023 (a meno che non siano stati percorsi più di 100.000 km).

I difetti della Mazda MX-5 1.5 del 2020

Capacità bagagliaio

Il vano è piccolo, adatto solo a un single.

Tenuta del valore

Le spider non “tirano” più come un tempo e la variante 2.0 in futuro sarà quella più richiesta sul mercato dell’usato.

L’articolo Mazda MX-5 1.5 (2020): pregi e difetti della spider giapponese proviene da Icon Wheels.

Fonte

Si può guidare la moto con le scarpe aperte o con le ciabatte e infradito?

title

Credits: iStock

È arrivata la stagione estiva e uno dei quesiti che ogni anno attanaglia la mente di automobilisti e motociclisti riguarda la possibilità di guidare il proprio veicolo con le ciabatte o le infradito, comunque con calzature aperte. Il nostro Codice della Strada vieta questo comportamento? Vediamolo insieme una volta per tutte e concentriamoci questa volta sui piloti in sella alle due ruote, che in questo periodo partono per gli amati viaggi on the road.

Estate e ciabatte: è rischioso in moto?

Durante la stagione estiva, a causa delle temperature elevate, la maggior parte delle persone sostituisce le scarpe chiuse che si portano tutto l’anno con infradito, zoccoli, ciabatte e sandali. Il problema, come abbiamo accennato in apertura, sorge quando si deve guidare. Ogni anno la fatidica domanda: si può condurre un veicolo, e soprattutto la moto, se si indossano scarpe aperte o addirittura scalzi? In realtà si corrono dei rischi, questo non è difficile da immaginare, anzi. Le ciabatte possono scivolare via durante la guida, creando problemi e possibilità di sinistri stradali. E in caso di caduta? Manca qualsiasi tipo di protezione a piedi e caviglie. La legge italiana però vieta esplicitamente questo comportamento?

Secondo il Codice della Strada si può guidare la moto in infradito?

Non vi è alcuna legge in Italia che vieta esplicitamente l’utilizzo di ciabatte e ogni tipologia di calzature aperte alla guida. L’unica cosa che possiamo leggere sul Codice della Strada (art. 140) però è la seguente: “è necessario comportarsi in modo da non costituire pericolo o intralcio per la circolazione e in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale” e poi (art. 141 comma 2) “conservare il controllo del proprio veicolo ed essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizione di sicurezza” e che bisogna “avere la più ampia libertà di movimento per effettuare le manovre necessarie per la guida” (art. 169 comma 1) e, in moto, “avere libero uso delle braccia, delle mani e delle gambe” (art. 170 comma 1). Sul sito della Polizia di Stato si sottolinea che ogni conducente di un veicolo che circola su strada deve essere in grado di autodisciplinarsi nella scelta dell’abbigliamento e degli accessori per garantire un’efficace azione di guida con i piedi.

Cosa comporta quanto detto sinora? Questo significa che se un motociclista viene sorpreso in condizioni di scarsa sicurezza ad un controllo da parte delle Forze dell’Ordine (e quindi anche scalzo o in ciabatte), viene ritenuto responsabile di mettere rischio la circolazione stradale. Perciò il rischio è quello di prendere una multa per il mancato rispetto degli articoli del Codice della Strada che abbiamo appena citato. Chi guida ciclomotori o motocicli senza avere il libero uso delle gambe, piedi compresi, rischia una multa che va da un minimo di 83 euro fino a un massimo di 333 euro (con la possibilità di subire anche il fermo amministrativo del mezzo per 60 giorni).

Cosa succede con l’assicurazione a chi guida la moto con le ciabatte?

Questo comportamento errato (e potenzialmente pericoloso) potrebbe avere delle conseguenze anche con la propria compagnia assicurativa. Se il conducente della moto infatti provoca un incidente guidando senza scarpe o con le infradito, l’assicurazione ha la facoltà di decidere di non farsi carico del risarcimento, a causa dell’abbigliamento non adeguato del suo cliente. Chiaramente, perché sia possibile, la Polizia dovrebbe scrivere sul verbale che l’uso inappropriato delle calzature può aver causato il sinistro.

L’articolo Si può guidare la moto con le scarpe aperte o con le ciabatte e infradito? proviene da Icon Wheels.

Fonte

Usato premium: SUV 3.0 diesel a sei cilindri a meno di 50.000 euro

title

Le SUV premium Euro 6 diesel sono auto usate perfette per chi percorre molti chilometri e cerca versatilità e prestigio. Nella “top five” di questo mese, vinta dall’Audi Q5, abbiamo analizzato cinque proposte del 2017 con cambio automatico con quotazioni che non superano i 50.000 euro.

La Sport Utility di Ingolstadt ha superato la connazionale BMW X6. le britanniche Land Rover Range Rover VelarRange Rover Sport e la nostra Maserati Levante. Scopriamo insieme la classifica, che prende in considerazione modelli 3.0 turbodiesel a trazione integrale con potenze comprese tra 275 e 315 CV.

title

7.1
/10

1° Audi Q5 3.0 TDI Business Sport

“Piccola” è meglio. L’Audi Q5 3.0 TDI Business Sport è la proposta più compatta (4,66 metri di lunghezza) tra quelle analizzate in questa “top five ma anche la più piacevole da guidare: merito del peso relativamente contenuto che incide positivamente sull’agilità nelle curve e sui consumi (17,5 km/l dichiarati offerti da un motore pronto ai bassi regimi). Ovviamente la praticità non è il suo forte: lo spazio a disposizione dei passeggeri posteriori e delle valigie è poco se paragonato alle altre SUV presenti in questa lista.

Da nuova la Sport Utility teutonica aveva un ottimo rapporto dotazione/prezzo (“solo” 62.700 euro), oggi è introvabile usata – più semplice rintracciare le più economiche Sport – e le sue quotazioni recitano 49.400 euro.

 

title

7.0
/10

2° BMW X6 xDrive40d Msport

La BMW X6 xDrive40d Msport ospita sotto il cofano un raffinato motore a sei cilindri in linea ricco di cavalli (313) ma non molto reattivo ai bassi regimi.

Costruita con grande cura, si trova facilmente di seconda mano a 43.700 euro.

title

7.0
/10

2° Land Rover Range Rover Velar 3.0 V6 SD6

Il punto di forza della Land Rover Range Rover Velar 3.0 V6 SD6 R-Dynamic HSE? Senza dubbio il comfort.

La SUV britannica costava tantissimo da nuova – 93.400 euro – e oggi si trova senza problemi a poco più di 40.000 euro.

title

6.4
/10

4° Land Rover Range Rover Sport 3.0 SDV6 HSE Dynamic

La Land Rover Range Rover Sport 3.0 SDV6 HSE Dynamic è una SUV adatta a chi affronta spesso il fuoristrada (se la cava quasi meglio in off-road che su asfalto) e ha bisogno di spazio: i passeggeri posteriori hanno un mare di centimetri a disposizione delle spalle e della testa e il bagagliaio è immenso.

Facile da trovare a meno di 30.000 euro, monta un motore un po’ troppo assetato di gasolio abbinato a un cambio automatico (convertitore di coppia) eccellente in grado di regalare passaggi marcia fluidi.

title

4.4
/10

5° Maserati Levante V6 Diesel 275 CV Gransport

La Maserati Levante V6 Diesel 275 CV Gransport è una SUV ingombrante (cinque metri di lunghezza sono complicati da gestire nel traffico) ma spaziosa (i passeggeri posteriori hanno tanti centimetri a disposizione delle gambe) che si trova facilmente usata a meno di 45.000 euro. Un po’ povera la dotazione di serie.

Il peso elevato unito a un motore carente di cavalli e di coppia e a un cambio automatico non molto reattivo nella guida sportiva incidono in modo rilevante sul piacere di guida nelle curve, sulle prestazioni (“0-100” in 6,9 secondi) e sui consumi (13,9 km/l dichiarati).

L’articolo Usato premium: SUV 3.0 diesel a sei cilindri a meno di 50.000 euro proviene da Icon Wheels.

Fonte

Promozioni Peugeot di giugno 2021

title

Anche a giugno 2021 sarà possibile beneficiare di ricche promozioni da parte di Peugeot: merito degli sconti sostanziosi abbinati (nel caso delle elettriche e delle ibride plug-in) agli incentivi statali.

Le proposte più vantaggiose del mese riguardano soprattutto piccole, berline medie e SUV piccole, anche se non mancano modelli di altri segmenti. Scopriamoli insieme.

Promozioni Peugeot di giugno 2021

title

Peugeot 108

La Peugeot più economica del listino – la 108 Active – costa ufficialmente 13.450 euro ma grazie alle promozioni della Casa francese valide fino al 7 giugno 2021 bastano meno di 10.000 euro (9.850, per l’esattezza) per acquistarla. L’offerta – valida per vetture in stock – va abbinata obbligatoriamente al finanziamento i-Move Avantage (TAN 5,49%, TAEG 8,82%, 36 mesi, 30.000 km): anticipo di 3.565 euro, 35 rate da 89 euro e una maxirata finale da 5.394 euro.

title

Peugeot 208

Grazie alle promozioni Peugeot valide fino al 7 giugno 2021 bastano 17.350 euro (anziché 21.000) per portarsi a casa la 208 BlueHDi Active Pack. L’offerta è valida per vetture in stock e va abbinata al finanziamento i-Move Avantage (TAN 5,49%, TAEG 7,3%, 36 mesi, 30.000 km): anticipo di 5.250 euro, 35 rate da 129 euro e una maxirata finale da 10.724 euro.

title

Peugeot 508

Le promozioni Peugeot valide fino al 7 giugno 2021 consentono di acquistare la 508 BlueHDi Allure Pack con 31.400 euro invece di 38.900 euro. L’offerta è disponibile solo per vetture in stock ed esclusivamente se si aderisce al finanziamento i-Move Avantage (TAN 5,49%, TAEG 6,56%, 36 mesi, 45.000 km): anticipo di 6.999 euro, 35 rate da 299 euro e una maxirata finale da 19.069 euro.

title

Peugeot 508 SW

Da 39.900 a 32.400 euro: è questo lo sconto previsto dalle promozioni Peugeot valide fino al 7 giugno 2021 sulla 508 SW BlueHDi Allure Pack. L’offerta è valida solo per vetture in stock ed esclusivamente se si aderisce al finanziamento i-Move Avantage (TAN 5,49%, TAEG 6,51%, 36 mesi, 45.000 km): anticipo di 6.882 euro, 35 rate da 299 euro e una maxirata finale da 20.385 euro.

title

Peugeot 2008

Fino al 7 giugno 2021 la Peugeot 2008 BlueHDi 110 Allure Pack costa 23.000 euro invece di 26.800. L’offerta – valida solo per vetture in stock – va abbinata obbligatoriamente al finanziamento i-Move Avantage (TAN 5,49%, TAEG 6,87%, 36 mesi, 30.000 km): anticipo di 6.588 euro, 35 rate da 149 euro e una maxirata finale da 15.046 euro.

title

Peugeot 3008

La Peugeot 3008 BlueHDi Allure Pack costa ufficialmente 35.100 euro ma grazie alle promozioni della Casa transalpina valide fino al 7 giugno 2021 sono sufficienti 30.100 euro per acquistarla. L’offerta è valida solo per vetture in stock e va abbinata al finanziamento i-Move Avantage (TAN 5,49%, TAEG 6,56%, 36 mesi, 45.000 km): anticipo di 5.538 euro, 35 rate da 299 euro e una maxirata finale da 18.949 euro.

title

Peugeot 3008 Hybrid

Grazie allo sconto di 11.750 euro offerto dalle promozioni Peugeot valide fino al 7 giugno 2021 e dagli incentivi statali (in caso di rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore a Euro 6 immatricolato prima dell’1 gennaio 2011) sono sufficienti 33.780 euro (anziché 45.530) per portarsi a casa la 3008 Hybrid Allure Pack. L’offerta è valida solo per vetture in stock ed esclusivamente se si aderisce al finanziamento i-Move Avantage Hybrid (TAN 4,5%, TAEG 5,34%, 36 mesi, 45.000 km): anticipo di 4.156 euro, 35 rate da 299 euro e una maxirata finale da 24.281 euro.

title

Peugeot 5008

31.750 euro (anziché 37.850): basta questa cifra fino al 7 giugno 2021 per portarsi a casa la Peugeot 5008 BlueHDi 130 Allure Pack. L’offerta è valida solo per vetture in stock ed esclusivamente in caso di adesione al finanziamento i-Move Avantage (TAN 5,49%, TAEG 6,5%, 36 mesi, 45.000 km): anticipo di 5.894 euro, 35 rate da 299 euro e una maxirata finale da 20.471 euro.

title

Peugeot e-208

L’unione tra le promozioni Peugeot valide fino al 7 giugno 2021 e gli incentivi statali (in caso di rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore ad Euro 6, immatricolato prima dell’1 gennaio 2011 e intestato da almeno 12 mesi) permette di acquistare la e-208 Active Pack con 20.650 euro anziché 34.650. L’offerta è valida solo per vetture in stock ed esclusivamente in caso di adesione al finanziamento i-Move Avantage Elettrici (TAN 4,5%, TAEG 5,7%, 36 mesi, 30.000 km): anticipo di 2.701 euro, 35 rate da 129 euro e una maxirata finale da 16.833 euro.

title

Peugeot e-2008

Gli sconti uniti agli incentivi (validi in caso di rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore ad Euro 6, immatricolato prima dell’1 gennaio 2011 e intestato da almeno 12 mesi) consentono di acquistare fino al 7 giugno 2021 la Peugeot e-2008 Allure Pack con 26.450 euro invece di 40.150. L’offerta è valida solo per vetture in stock ed esclusivamente se si aderisce al finanziamento i-Move Avantage Elettrici (TAN 4,5%, TAEG 5,5%, 36 mesi, 30.000 km): anticipo di 4.176 euro, 35 rate da 149 euro e una maxirata finale da 21.036 euro.

L’articolo Promozioni Peugeot di giugno 2021 proviene da Icon Wheels.

Fonte