Category Archives: Tuning

Mercedes classe S, la tecnologia sigla per sigla

title

La Mercedes classe S – arrivata alla settima generazione – è l’auto più raffinata della Stella: un concentrato di tecnologia che anticipa molte soluzioni tecniche che vedremo in futuro su altri modelli più accessibili della Casa tedesca (e non solo). Di seguito troverete un glossario per capire meglio cosa significano le sigle che identificano tutti gli accessori dell’esclusiva “segmento F” di Stoccarda.

4MATIC

Le Mercedes classe S 4MATIC sono quelle dotate della trazione integrale.

Active Lane Keeping Assist

L’Active Lane Keeping Assist interviene in caso di abbandono involontario della corsia di marcia.

Air-Balance

Il pacchetto Air-Balance comprende ionizzazione, filtraggio aria migliorato e profumazione.

Airmatic

Con la sigla Airmatic Mercedes indica le sospensioni pneumatiche.

Blind Spot Assist attivo

Il Blind Spot Assist attivo controlla mediante sensori radar orientati lateralmente all’indietro le zone laterali del veicolo non visibili al guidatore. Una spia di avvertimento integrata negli specchi retrovisori esterni richiama l’attenzione del guidatore su eventuali veicoli presenti nella zona sorvegliata. Quando viene attivato l’indicatore di direzione per effettuare il cambio di corsia viene inoltre emesso un segnale ottico e acustico di avvertimento. Se viene riconosciuto un pericolo di collisione laterale, al fine di evitare l’impatto può essere eseguito un intervento frenante per correggere la traiettoria di marcia. Prima di un intervento frenante per correggere la traiettoria di marcia il Blind Spot Assist attivo valuta lo spazio libero in direzione di marcia e lateralmente.

Comfortmatic

Comfortmatic è il climatizzatore automatico della Mercedes classe S.

Digital Light

Il sistema Digital Light della Mercedes classe S proietta segnali sull’asfalto per migliorare la sicurezza.

Distronic

Il Distronic è il sistema attivo alla regolazione della distanza.

Energizing

Il pacchetto Energizing riunisce una serie di equipaggiamenti premium che permettono di affrontare lunghi viaggi in totale relax.

EQ-BOOST

La sigla EQ-Boost identifica tutte le Mercedes classe S mild hybrid.

Frigobox

Il frigobox consente di conservare nella vettura bevande e cibi freschi.

Hands-free Access

La funzione Hands-free Access consente di aprire e chiudere il cofano del bagagliaio in modo completamente automatico, senza usare le mani.

Keyless-Go

Il pacchetto Keyless-Go permette di aprire, avviare e chiude l’auto con la chiave elettronica.

LTE Advanced

LTE Advanced è il modulo di comunicazione per l’utilizzo dei servizi Mercedes me connect.

Magic vision control

Il Magic vision control è un sistema di lavaggio del parabrezza composto da spazzole del tergicristallo riscaldate dotate di piccoli fori dai quali fuoriesce il liquido detergente o l’acqua.

MBUX

MBUX è il sistema multimediale della Mercedes classe S.

Mercedes me connect

Mercedes me connect consente ai clienti di essere sempre connessi al veicolo.

Multicontour

I sedili Multicontour montano cuscini d’aria integrati con funzione massaggio che permettono ampie possibilità di regolazione.

Multibeam LED

I fari Multibeam LED presentano LED attivabili singolarmente.

OLED

OLED – acronimo di “organic light emitting diode” – è una tecnologia che utilizza strati sottilissimi di materiale organico elettroluminescente disposti su una lastra di vetro. Una soluzione che garantisce un fascio luminoso molto omogeneo in tutte le direzioni.

Pacchetto chauffeur

Con il pacchetto chauffeur della Mercedes classe S è possibile spostare il sedile lato passeggero e rimuovere anche il poggiatesta, lasciando così una migliore visuale sulla strada al passeggero posteriore seduto su questo lato. Senza dimenticare il poggiapiedi estraibile dietro il sedile lato passeggero.

Pre-Safe

Il sistema Pre-Safe sfrutta il tempo che precede il rischio di un incidente, mettendo in atto una serie di interventi che possono ridurre le sollecitazioni a carico dei passeggeri.

Pre-Safe impulse side

Il Pre-Safe impulse side della Mercedes classe S è in grado di preparare a un impatto laterale i passeggeri anteriori imprimendo loro un impulso laterale, riducendo così il rischio di collisioni. Il sistema li allontana dal lato esposto all’urto, spingendoli verso il centro per mitigare le conseguenze dell’impatto laterale.

Pre-Safe Plus

Il Pre-Safe Plus è in grado di rilevare un possibile tamponamento imminente e di allertare di conseguenza i conducenti che seguono attivando le luci posteriori di emergenza con una frequenza di lampeggio più rapida. Allo stesso tempo mantiene in posizione l’auto ferma per impedire che venga spinta in avanti, riducendo così le sollecitazioni sui passeggeri e il rischio di collisioni conseguenti. Appena prima dell’impatto si possono anche attivare i pretensionatori Pre-Safe reversibili.

Tirefit

Il Tirefit è il kit di riparazione pneumatici della Mercedes classe S.

Traffic sign assist

Il Traffic sign assist è il dispositivo che riconosce i segnali stradali.

Urban Guard

Il pacchetto protezione vettura Urban Guard della Mercedes classe S comprende un impianto di allarme antifurto-antiscasso e una protezione antirimozione in grado di rilevare le variazioni di posizione. Anche i movimenti all’interno dell’abitacolo attivano segnali ottici e acustici di avvertimento. Il rilevamento di tentativi di furto e collisioni da parcheggio di Mercedes me informa tramite l’app.

USB Plus

Il pacchetto USB Plus è composto da quattro porte USB-C supplementari. Inoltre tutte le porte USB a bordo permettono la ricarica rapida.

L’articolo Mercedes classe S, la tecnologia sigla per sigla proviene da Icon Wheels.

Fonte

Auto analogiche: l’elenco completo (con i prezzi)

title

Le auto “analogiche” – quelle cioè non elettrificate – molto probabilmente spariranno gradualmente dalla circolazione nei prossimi anni ma oggi rappresentano ancora la fetta più importante (oltre il 70%) del mercato italiano.

Di seguito troverete una guida completa a tutte le auto analogiche in commercio: tante proposte benzinadieselGPLmetano per tutti i gusti e tutte le tasche rivolte a chi vuole (e può) fare a meno delle ibride e delle elettriche.

Auto “analogiche”: l’elenco completo (con i prezzi)

title

Abarth

  • 595 145 CV 21.200 euro
  • 595 165 CV da 26.700 euro
  • 595 180 CV da 28.500 euro
  • 595 C 165 CV da 28.700 euro
  • 595 C 180 CV da 30.500 euro
  • 695 34.900 euro

title

Alfa Romeo

  • Giulietta 1.4 Turbo da 22.100 euro
  • Giulietta 1.6 JTDm da 23.600 euro
  • Giulietta 2.0 JTDm 30.950 euro
  • Giulia 2.0 Turbo 200 CV da 47.500 euro
  • Giulia 2.0 Turbo 250 CV 55.400 euro
  • Giulia 2.0 Turbo 280 CV da 58.900 euro
  • Giulia 2.2 Turbodiesel 160 CV da 45.000 euro
  • Giulia 2.2 Turbodiesel 190 CV da 48.500 euro
  • Giulia 2.2 Turbodiesel 210 CV da 58.700 euro
  • Stelvio 2.0 Turbo 200 CV da 56.500 euro
  • Stelvio 2.0 Turbo 250 CV 61.700 euro
  • Stelvio 2.0 Turbo 280 CV da 66.200 euro
  • Stelvio 2.2 Turbodiesel 160 CV da 51.500 euro
  • Stelvio 2.2 Turbodiesel 190 CV da 55.000 euro
  • Stelvio 2.2 Turbodiesel 210 CV da 66.200 euro

title

Alpine

  • A110 252 CV da 59.300 euro
  • A110 292 CV da 70.650 euro

title

Aston Martin

  • Rapide 236.247 euro
  • Vantage 158.772 euro
  • DBS 288.270 euro
  • DBS Volante 303.648 euro
  • DB11 190.263 euro
  • DB11 AMR da 229.122 euro
  • DB11 Volante 205.641 euro
  • DBX 198.378 euro

title

Audi

  • A1 SPB 25 TFSI da 22.350 euro
  • A1 SPB 30 TFSI da 23.100 euro
  • A1 SPB 35 TFSI da 27.400 euro
  • S3 Sedan da 51.200 euro
  • A3 Sedan 30 TFSI da 29.250 euro
  • A3 Sedan 35 TFSI da 31.400 euro
  • A3 Sedan 30 TDI da 30.450 euro
  • A3 Sedan 35 TDI da 36.500 euro
  • S3 SPB da 49.900 euro
  • A3 SPB 30 TFSI da 27.950 euro
  • A3 SPB 35 TFSI da 30.100 euro
  • A3 SPB g-tron da 31.900 euro
  • A3 SPB 30 TDI da 29.150 euro
  • A3 SPB 35 TDI da 35.200 euro
  • A4 Avant g-tron da 44.600 euro
  • RS4 Avant da 95.150 euro
  • RS5 SPB da 98.950 euro
  • A5 SPB g-tron da 49.400 euro
  • RS5 da 98.950 euro
  • S5 Cabrio da 88.300 euro
  • TT 45 TFSI 47.900 euro
  • TT TFSI 306 CV da 60.800 euro
  • TT RS 80.100 euro
  • TT Roadster 45 TFSI 50.600 euro
  • TT Roadster TFSI 306 CV da 63.500 euro
  • TT RS Roadster 82.800 euro
  • R8 RWD 154.750 euro
  • R8 184.000 euro
  • R8 performance 202.450 euro
  • R8 Spyder RWD 168.050 euro
  • R8 Spyder 197.300 euro
  • R8 Spyder performance 215.750 euro
  • Q2 30 TFSI da 28.100 euro
  • Q2 35 TFSI da 29.700 euro
  • SQ2 da 51.700 euro
  • Q2 TDI da 36.900 euro
  • Q3 35 TFSI da 35.600 euro
  • RS Q3 69.400 euro
  • Q3 35 TDI da 38.300 euro
  • Q3 40 TDI da 44.900 euro
  • Q3 SPB 35 TFSI da 39.250 euro
  • RS Q3 SPB 72.600 euro
  • Q3 SPB 35 TDI da 41.950 euro
  • Q3 SPB 40 TDI da 48.850 euro
  • SQ7 TFSI da 104.200 euro
  • SQ7 TDI da 103.200 euro

title

Bentley

  • Flying Spur 224.088 euro
  • Continental GT V8 204.446 euro
  • Continental GT W12 219.940 euro
  • Continental GTC V8 225.918 euro
  • Continental GTC W12 242.786 euro
  • Bentayga V8 187.732 euro
  • Bentayga Speed 249.220 euro

title

BMW

  • 116i da 26.500 euro
  • 118i da 28.100 euro
  • 120i da 40.200 euro
  • 128ti 42.500 euro
  • M 135i 47.000 euro
  • 116d da 28.800 euro
  • 118d da 32.100 euro
  • 120d da 39.700 euro
  • 318i da 38.400 euro
  • 320i da 44.250 euro
  • 330i da 51.600 euro
  • M3 95.900 euro
  • M3 Competition 100.400 euro
  • 318i Touring da 40.250 euro
  • 320i Touring da 46.100 euro
  • 330i Touring da 53.450 euro
  • M5 134.500 euro
  • 750i da 122.550 euro
  • 216i Active Tourer 30.400 euro
  • 220i Active Tourer 34.950 euro
  • 216d Active Tourer da 31.550 euro
  • 218d Active Tourer da 34.500 euro
  • 220d Active Tourer da 38.900 euro
  • 220i Gran Tourer 37.450 euro
  • 216d Gran Tourer da 33.750 euro
  • 218d Gran Tourer da 36.200 euro
  • 220d Gran Tourer da 41.400 euro
  • 218i Coupé da 31.450 euro
  • 220i Coupé da 35.550 euro
  • 230i Coupé 46.900 euro
  • M2 67.100 euro
  • M2 CS 100.900 euro
  • M 240i Coupé 53.500 euro
  • 218i Cabrio da 37.750 euro
  • 220i Cabrio da 41.950 euro
  • 230i Cabrio 51.600 euro
  • M 240i Cabrio 58.200 euro
  • 218i Gran Coupé da 32.000 euro
  • 220i Gran Coupé da 40.750 euro
  • M 235 i Gran Coupé 53.500 euro
  • 216d Gran Coupé da 34.000 euro
  • 218d Gran Coupé da 34.600 euro
  • 220d Gran Coupé da 42.350 euro
  • 420i Coupé da 50.750 euro
  • 430i Coupé da 56.400 euro
  • M4 96.500 euro
  • M4 Competition 101.000 euro
  • 420i Cabrio da 59.250 euro
  • 430i Cabrio da 64.900 euro
  • 840i Coupé da 100.100 euro
  • M850i Coupé 132.700 euro
  • M8 Coupé 158.900 euro
  • M8 Coupé Competition 176.400 euro
  • 840i Cabrio da 108.100 euro
  • M850i Cabrio 140.700 euro
  • M8 Cabrio 166.900 euro
  • M8 Cabrio Competition 184.400 euro
  • 840i Gran Coupé da 97.100 euro
  • M850i Gran Coupé 129.700 euro
  • M8 Gran Coupé 155.900 euro
  • M8 Gran Coupé 625 CV da 173.400 euro
  • Z4 sDrive20i da 43.800 euro
  • Z4 sDrive30i da 53.100 euro
  • Z4 M40i 66.800 euro
  • X1 sDrive18i da 33.000 euro
  • X1 sDrive20i da 39.150 euro
  • X1 sDrive16d da 33.150 euro
  • X1 18d da 35.050 euro
  • X1 20d da 41.200 euro
  • X2 sDrive18i da 34.150 euro
  • X2 sDrive20i da 40.300 euro
  • X2 xDriveM35i 56.850 euro
  • X2 sDrive16d da 34.400 euro
  • X2 18d da 36.300 euro
  • X2 20d da 42.450 euro
  • X3 xDrive20i da 50.250 euro
  • X3 xDrive30i da 57.150 euro
  • X3 M 94.400 euro
  • X3 M Competition 102.600 euro
  • X3 xDriveM40i 74.400 euro
  • X4 xDrive20i 54.950 euro
  • X4 xDrive30i 62.050 euro
  • X4 xDriveM40i 78.350 euro
  • X4 M 99.150 euro
  • X4 Competition 107.350 euro
  • X5 M50i 101.050 euro
  • X5 M 132.500 euro
  • X5 M Competition 146.500 euro
  • X5 xDrive25d da 68.850 euro
  • X6 M50i 107.550 euro
  • X6 M 139.050 euro
  • X6 M Competition 153.050 euro
  • X7 xDrive M50i 124.350 euro

title

Cadillac

  • XT4 2.0 T da 39.860 euro
  • XT4 2.0 TD da 37.710 euro

title

Chevrolet

  • Camaro Coupé 60.950 euro
  • Camaro Cabriolet 69.780 euro
  • Corvette Coupé 102.500 euro
  • Corvette Cabrio 109.680 euro

title

Citroën

  • C1 da 10.750 euro
  • C3 PureTech 83 da 14.100 euro
  • C3 PureTech 110 da 17.850 euro
  • C3 BlueHDi da 18.100 euro
  • C4 PureTech da 22.900 euro
  • C4 BlueHDi da 26.400 euro
  • C4 Cactus PureTech 22.700 euro
  • C4 Cactus BlueHDi 24.200 euro
  • C4 SpaceTourer PureTech da 28.350 euro
  • C4 SpaceTourer BlueHDi da 27.850 euro
  • Grand C4 SpaceTourer PureTech da 27.600 euro
  • Grand C4 SpaceTourer BlueHDi 130 da 29.100 euro
  • Grand C4 SpaceTourer BlueHDi 160 da 37.600 euro
  • C3 Aircross PureTech 110 da 19.400 euro
  • C3 Aircross PureTech 130 da 22.650 euro
  • C3 Aircross BlueHDi 110 da 20.400 euro
  • C3 Aircross BlueHDi 120 da 23.650 euro
  • C5 Aircross PureTech 130 da 26.900 euro
  • C5 Aircross PureTech 180 36.900 euro
  • C5 Aircross BlueHDi da 28.400 euro
  • Berlingo 1.2 PureTech 110 CV da 22.800 euro
  • Berlingo 1.2 PureTech 131 CV da 25.050 euro
  • Berlingo 1.5 BlueHDi 102 CV da 24.000 euro
  • Berlingo 1.5 BlueHDi 131 CV da 24.750 euro

title

Cupra

  • Ateca 47.200 euro
  • Formentor 1.5 TSI da 31.250 euro
  • Formentor 2.0 TSI da 46.250 euro

title

Dacia

  • Sandero 1.0 da 8.950 euro
  • Sandero 1.0 TCe da 11.050 euro
  • Sandero ECO-G da 11.550 euro
  • Duster 1.0 TCe da 12.600 euro
  • Duster ECO-G da 15.000 euro
  • Duster 1.5 Blue dCi 15.750 euro
  • Duster 1.5 Blue dCi 115 CV da 16.250 euro

title

Dallara

  • Stradale 189.100 euro

title

DR

  • dr 3 15.400 euro
  • dr 3 GPL 16.400 euro
  • dr 5.0 1.5 18.900 euro
  • dr 5.0 1.5 Turbo 21.900 euro
  • dr 5.0 1.5 GPL 19.900 euro
  • dr 5.0 1.5 Turbo GPL 22.900 euro
  • dr F35 da 23.900 euro
  • dr F35 GPL da 24.900 euro

title

DS

  • DS 3 Crossback PureTech 100 da 26.000 euro
  • DS 3 Crossback PureTech 130 da 29.500 euro
  • DS 3 Crossback BlueHDi 110 da 27.850 euro
  • DS 3 Crossback BlueHDi 130 da 31.350 euro
  • DS 7 Crossback PureTech 130 da 37.200 euro
  • DS 7 Crossback PureTech 180 da 40.200 euro
  • DS 7 Crossback PureTech 225 da 48.200 euro
  • DS 7 Crossback BlueHDi 130 da 38.200 euro
  • DS 7 Crossback BlueHDi 180 da 42.000 euro

title

Evo

  • 4 16.900 euro
  • 5 14.900 euro
  • 6 19.900 euro

title

Ferrari

  • Portofino 198.061 euro
  • 488 Pista 296.000 euro
  • 488 Pista Spider 326.400 euro
  • F8 Tributo 236.000 euro
  • F8 Spider 262.000 euro
  • 812 Superfast 303.727 euro
  • 812 GTS 336.000 euro

title

Fiat

  • Panda 4×4 da 17.350 euro
  • Panda Natural Power da 17.050 euro
  • Panda Cross 4×4 19.750 euro
  • Tipo 1.0 da 18.500 euro
  • Tipo 1.3 Mjt da 20.600 euro
  • Tipo 1.6 Mjt da 23.500 euro
  • Tipo SW 1.0 da 20.000 euro
  • Tipo SW 1.3 Mjt da 22.100 euro
  • Tipo SW 1.6 Mjt da 25.000 euro
  • 500L 1.4 da 19.950 euro
  • 500L 1.3 MJT da 22.650 euro
  • 500L Wagon 1.3 MJT da 22.050 euro
  • 500L Wagon 1.6 MJT da 23.550 euro
  • 500X 1.0 T3 da 21.000 euro
  • 500X 1.3 T4 da 25.200 euro
  • 500X 1.3 MultiJet da 22.900 euro
  • 500X 1.6 MultiJet da 26.100 euro

title

Ford

  • Fiesta 1.0 EcoBoost 95 CV 20.900 euro
  • Fiesta 1.0 EcoBoost 125 CV da 22.150 euro
  • Fiesta 1.1 da 17.050 euro
  • Fiesta ST da 30.650 euro
  • Fiesta GPL da 19.050 euro
  • Focus 1.0 EcoBoost 100 CV 23.300 euro
  • Focus 1.0 EcoBoost 125 CV 32.300 euro
  • Focus 1.5 EcoBoost 30.800 euro
  • Focus ST da 38.950 euro
  • Focus 1.5 EcoBlue 95 CV 25.150 euro
  • Focus 1.5 EcoBlue 120 CV da 26.150 euro
  • Focus 2.0 EcoBlue 150 CV da 33.400 euro
  • Focus 2.0 EcoBlue ST 39.650 euro
  • Focus SW 1.0 EcoBoost 33.300 euro
  • Focus SW 1.5 EcoBoost 31.800 euro
  • Focus SW 1.5 EcoBlue 95 CV 26.150 euro
  • Focus SW 1.5 EcoBlue 120 CV da 27.150 euro
  • Focus SW 2.0 EcoBlue da 34.400 euro
  • Mondeo 2.0 EcoBlue 150 CV 5p. da 35.300 euro
  • Mondeo 2.0 EcoBlue 190 CV 39.550 euro
  • Mondeo SW 2.0 EcoBlue 150 CV da 36.550 euro
  • Mondeo SW 2.0 EcoBlue 190 CV da 43.100 euro
  • Mustang 2.3 EcoBoost 43.000 euro
  • Mustang GT da 48.000 euro
  • Mustang Bullitt 58.400 euro
  • Mustang Convertible 2.3 EcoBoost 47.500 euro
  • Mustang Convertible GT da 52.500 euro
  • EcoSport 1.0 EcoBoost 100 CV 21.250 euro
  • EcoSport 1.0 EcoBoost 125 CV da 22.250 euro
  • Puma 1.0 EcoBoost 95 CV da 21.000 euro
  • Puma 1.0 EcoBoost 125 CV da 25.750 euro
  • Puma ST 33.000 euro
  • Puma EcoBlue da 22.750 euro
  • Kuga 1.5 EcoBoost 120 CV 26.800 euro
  • Kuga 1.5 EcoBoost 150 CV da 31.000 euro
  • Kuga 1.5 EcoBlue da 28.550 euro
  • Kuga 2.0 EcoBlue da 39.000 euro
  • Edge 2.0 EcoBlue 150 CV 49.400 euro
  • Edge 2.0 EcoBlue 238 CV da 58.650 euro
  • Tourneo Connect da 29.500 euro
  • S-Max 2.0 EcoBlue 150 CV da 39.850 euro
  • S-Max 2.0 EcoBlue 190 CV da 46.850 euro
  • Galaxy 2.0 EcoBlue 150 CV da 44.150 euro
  • Galaxy 2.0 EcoBlue 190 CV da 48.650 euro

title

Giotti Victoria

  • Glory 24.490 euro

title

Honda

  • Civic 1.0T da 23.900 euro
  • Civic 1.5T da 31.500 euro
  • Civic Type-R da 42.400 euro
  • Civic 1.6 da 25.300 euro
  • HR-V 1.5 da 24.550 euro
  • HR-V 1.5T da 30.450 euro
  • HR-V 1.6 i-DTEC da 28.300 euro
  • CR-V 1.5T da 29.200 euro
  • CR-V 1.5T 193 CV da 36.700 euro

title

Hyundai

  • i10 1.0 da 13.050 euro
  • i10 1.0 T-GDI 17.550 euro
  • i10 GPL da 14.900 euro
  • i20 1.2 da 16.950 euro
  • Kona 1.0 T-GDI da 19.550 euro
  • Kona 1.6 T-GDI da 28.050 euro
  • Kona 1.6 CRDI 115 CV da 21.650 euro
  • Kona 1.6 CRDI 136 CV da 26.700 euro
  • Tucson 1.6 CRDI da 30.750 euro
  • Santa Fe da 52.200 euro

title

Jaguar

  • XE 2.0 250 CV da 47.880 euro
  • XE 2.0 300 CV da 53.770 euro
  • XF 2.0 250 CV da 57.360 euro
  • XF 2.0 300 CV da 63.520 euro
  • XF Sportbrake 2.0 250 CV da 60.520 euro
  • XF Sportbrake 2.0 300 CV da 66.680 euro
  • F-Type 2.0 da 66.330 euro
  • F-Type 5.0 V8 da 95.340 euro
  • F-Type R 129.280 euro
  • F-Type Convertibile 2.0 da 73.500 euro
  • F-Type Convertibile 5.0 V8 da 102.520 euro
  • F-Type Convertibile R 135.940 euro
  • E-Pace 2.0D da 39.950 euro
  • F-Pace 2.0 da 60.300 euro
  • F-Pace SVR 108.850 euro

title

Jeep

  • Renegade 1.0 T3 da 23.900 euro
  • Renegade 1.3 T4 da 27.400 euro
  • Renegade 1.6 Mjt da 27.400 euro
  • Compass 1.3 T4 34.800 euro
  • Compass 1.6 Multijet II da 30.050 euro
  • Wrangler 2.0 Turbo da 50.000 euro
  • Wrangler 2.2 Mjt II da 50.000 euro
  • Wrangler Unlimited 2.0 Turbo da 53.500 euro
  • Wrangler Unlimited 2.2 Mjt II da 53.500 euro

title

Kia

  • Picanto 1.0 da 12.350 euro
  • Picanto 1.0 TGDi 17.650 euro
  • Picanto EcoGPL da 14.500 euro
  • Rio EcoGPL da 15.950 euro
  • Ceed 1.0 T-GDi 100 CV da 20.500 euro
  • Ceed 1.0 T-GDi 120 CV 23.200 euro
  • Ceed 1.4 T-GDi da 24.450 euro
  • Ceed GT da 30.250 euro
  • Ceed GPL da 21.750 euro
  • Ceed 1.6 CRDi 115 CV da 23.500 euro
  • Ceed 1.6 CRDi 136 CV 28.700 euro
  • Ceed SW 1.0 T-GDi da 21.500 euro
  • Ceed SW 1.4 T-GDi da 25.450 euro
  • Ceed SW GPL da 22.750 euro
  • Ceed SW 1.6 CRDi da 24.500 euro
  • ProCeed 1.4 T-GDI da 26.950 euro
  • ProCeed GT da 33.250 euro
  • ProCeed 1.6 CRDI da 29.200 euro
  • Stonic 1.2 da 16.750 euro
  • Stonic ECO GPL da 18.750 euro
  • XCeed 1.0 TGDi da 22.750 euro
  • XCeed 1.4 T-GDi da 25.750 euro
  • XCeed 1.6 TGDi 32.750 euro
  • XCeed GPL da 24.750 euro
  • XCeed 1.6 CRDi 115 CV da 25.750 euro
  • XCeed 1.6 CRDi 136 CV da 31.000 euro
  • Sportage 1.6 CRDI da 27.000 euro

title

Lamborghini

  • Huracán da 197.071 euro
  • Huracán Spyder da 216.522 euro
  • Aventador S 346.250 euro
  • Aventador SVJ 432.730 euro
  • Aventador Roadster S 385.059 euro
  • Aventador Roadster SVJ 474.698 euro
  • Urus 225.730 euro

title

Land Rover

  • Defender 90 2.0 Si4 da 56.000 euro
  • Defender 110 2.0 Si4 da 61.700 euro
  • Range Rover Evoque 2.0D da 40.500 euro
  • Range Rover Velar 2.0 Si4 da 60.300 euro
  • Range Rover Sport 2.0 Si4 da 72.600 euro
  • Range Rover Sport 5.0 V8 525 CV da 104.800 euro
  • Range Rover Sport SVR da 139.500 euro
  • Range Rover 5.0 Supercharged 525 CV da 132.200 euro
  • Range Rover SVAutobiography Dynamic da 186.300 euro

title

Lexus

  • LC V8 da 111.000 euro
  • LC Convertible da 125.000 euro

title

Lotus

  • Elise Sport 220 55.380 euro
  • Elise Cup 250 67.830 euro
  • Exige Sport 350 82.800 euro
  • Exige Sport 410 105.440 euro
  • Exige Cup 430 135.640 euro
  • Exige Roadster Sport 350 82.800 euro
  • Exige Roadster Sport 410 105.440 euro
  • Evora 117.040 euro

title

Mahindra

  • KUV100 da 11.990 euro
  • KUV100 M-Bifuel GPL da 13.750 euro
  • XUV500 da 21.240 euro

title

Maserati

  • Ghibli V6 da 77.939 euro
  • Ghibli V6 430 CV da 102.620 euro
  • Ghibli Trofeo 135.145 euro
  • Ghibli V6 Diesel da 74.145 euro
  • Ghibli V6 Diesel 275 CV da 74.145 euro
  • Quattroporte V6 da 130.472 euro
  • Quattroporte Trofeo 171.025 euro
  • Levante V6 da 84.094 euro
  • Levante V6 430 CV 109.803 euro
  • Levante GTS 142.326 euro
  • Levante Trofeo 163.745 euro
  • Levante V6 Diesel da 78.967 euro
  • Levante V6 Diesel 275 CV da 78.967 euro

title

Mazda

  • Mazda3 1.8L Skyactiv-D da 25.900 euro
  • Mazda6 2.0L 35.000 euro
  • Mazda6 2.5L da 39.950 euro
  • Mazda6 2.2L Skyactiv-D 150 CV 36.850 euro
  • Mazda6 2.2L Skyactiv-D 184 CV da 43.450 euro
  • Mazda6 Wagon 2.0 35.000 euro
  • Mazda6 Wagon 2.5 da 39.950 euro
  • Mazda6 Wagon 2.2L Skyactiv-D 150 CV 36.850 euro
  • Mazda6 Wagon 2.2L Skyactiv-D 184 CV da 43.450 euro
  • MX-5 1.5 33.500 euro
  • MX-5 2.0 da 36.100 euro
  • CX-3 da 23.150 euro
  • CX-5 2.0L da 32.350 euro
  • CX-5 2.5L da 41.200 euro
  • CX-5 2.2L Skyactiv-D 150 CV da 34.850 euro
  • CX-5 2.2L Skyactiv-D 184 CV da 41.300 euro

title

McLaren

  • 540C 176.000 euro
  • 570S 194.000 euro
  • 570GT 204.500 euro
  • 600LT 236.000 euro
  • 570S Spider 214.450 euro
  • 720S 252.620 euro
  • 720S Spider 287.000 euro
  • GT 203.000 euro

title

Mercedes

  • A 180 4p. da 29.669 euro
  • A 200 4p. da 31.509 euro
  • A 250 4p. da 40.417 euro
  • A 35 AMG 4p. 48.629 euro
  • A 180 d 4p. da 29.250 euro
  • A 200 d 4p. da 32.280 euro
  • A 220 d 4p. da 40.266 euro
  • A 160 da 27.460 euro
  • A 180 da 28.980 euro
  • A 200 da 30.810 euro
  • A 250 da 39.570 euro
  • A 35 AMG 47.780 euro
  • A 45 AMG 58.670 euro
  • A 45 AMG S 63.140 euro
  • A 180 d da 28.540 euro
  • A 200 d da 31.810 euro
  • A 220 d da 39.660 euro
  • B 160 da 25.365 euro
  • B 180 da 26.805 euro
  • B 200 da 29.378 euro
  • B 250 da 36.953 euro
  • B 180 d da 28.800 euro
  • B 200 d da 31.618 euro
  • B 220 d da 41.073 euro
  • C 43 AMG 80.628 euro
  • C 63 AMG 100.187 euro
  • C 63 AMG S 108.299 euro
  • C 180 d da 38.453 euro
  • C 200 d da 40.516 euro
  • C 220 d da 44.635 euro
  • C 300 d da 50.510 euro
  • C 43 AMG S.W. 82.204 euro
  • C 63 AMG S.W. 101.702 euro
  • C 63 AMG S S.W. 109.814 euro
  • C 180 d S.W. da 39.833 euro
  • C 200 d S.W. da 41.896 euro
  • C 220 d S.W. da 46.015 euro
  • C 300 d S.W. da 52.025 euro
  • C 43 AMG Coupé 82.130 euro
  • C 63 AMG Coupé 102.023 euro
  • C 63 AMG S Coupé 110.135 euro
  • C 220 d Coupé da 49.662 euro
  • C 300 d Coupé da 53.274 euro
  • C 43 AMG Cabrio 90.780 euro
  • C 63 AMG Cabrio 111.027 euro
  • C 63 AMG S Cabrio 119.139 euro
  • C 220 d Cabrio da 58.904 euro
  • C 300 d Cabrio da 62.516 euro
  • E 63 AMG S 129.434 euro
  • E 200 d da 54.989 euro
  • E 220 d da 58.125 euro
  • E 400 d da 74.595 euro
  • E 63 AMG S.W. 131.678 euro
  • E 200 d S.W. da 57.234 euro
  • E 220 d S.W. da 60.370 euro
  • E 400 d S.W. da 76.840 euro
  • E 220 d Coupé da 60.379 euro
  • E 400 d Coupé da 73.987 euro
  • E 450 Cabrio da 78.316 euro
  • E 220 d Cabrio da 67.207 euro
  • E 400 d Cabrio da 80.815 euro
  • S 350 d da 107.644 euro
  • S 400 d da 117.160 euro
  • S 450 Coupé da 109.052 euro
  • S 560 Coupé da 141.591 euro
  • S 63 AMG Coupé 196.126 euro
  • S 560 Cabrio da 158.707 euro
  • S 63 AMG Cabrio 213.640 euro
  • CLA 180 da 33.611 euro
  • CLA 200 da 36.931 euro
  • CLA 250 da 45.371 euro
  • CLA 35 AMG 55.131 euro
  • CLA 45 AMG 63.286 euro
  • CLA 45 AMG S 67.756 euro
  • CLA 180 d da 33.670 euro
  • CLA 200 d da 36.210 euro
  • CLA 220 d da 43.981 euro
  • CLA 180 Shooting Brake da 34.371 euro
  • CLA 200 Shooting Brake da 37.691 euro
  • CLA 250 Shooting Brake da 46.331 euro
  • CLA 35 AMG Shooting Brake 55.741 euro
  • CLA 45 AMG Shooting Brake 63.896 euro
  • CLA 45 AMG S Shooting Brake 68.366 euro
  • CLA 180 d Shooting Brake da 34.430 euro
  • CLA 200 d Shooting Brake da 36.990 euro
  • CLA 220 d Shooting Brake da 44.871 euro
  • CLS 400 d da 94.347 euro
  • SLC 200 da 44.341 euro
  • SLC 300 da 50.411 euro
  • SLC 43 AMG da 70.238 euro
  • SL 400 108.730 euro
  • SL 500 127.010 euro
  • GT AMG 131.710 euro
  • GT AMG S 151.100 euro
  • GT AMG C 164.320 euro
  • GT AMG R 181.400 euro
  • GT AMG Roadster 144.280 euro
  • GT AMG Roadster S 162.690 euro
  • GT AMG Roadster C 176.880 euro
  • GT AMG Roadster R 218.490 euro
  • GT Coupé 4 63 AMG 164.560 euro
  • GT Coupé 4 63 AMG S 178.040 euro
  • GLA 180 da 36.617 euro
  • GLA 200 da 39.387 euro
  • GLA 250 da 44.887 euro
  • GLA 35 AMG 57.100 euro
  • GLA 45 AMG 62.730 euro
  • GLA 45 AMG S 67.230 euro
  • GLA 180 d da 36.007 euro
  • GLA 200 d da 38.697 euro
  • GLA 220 d da 45.347 euro
  • GLB 180 da 38.380 euro
  • GLB 200 da 46.360 euro
  • GLB 250 da 47.090 euro
  • GLB 35 AMG 59.780 euro
  • GLB 180 d da 37.770 euro
  • GLB 200 d da 40.460 euro
  • GLB 220 d da 47.550 euro
  • GLC 43 AMG 85.588 euro
  • GLC 63 AMG 103.514 euro
  • GLC 63 AMG S 106.137 euro
  • GLC 200 d da 50.768 euro
  • GLC 220 d da 53.983 euro
  • GLC 300 d da 56.842 euro
  • GLC 400 d da 61.728 euro
  • GLC Coupé 43 AMG 83.830 euro
  • GLC Coupé 63 AMG 99.645 euro
  • GLC Coupé 63 AMG S 102.268 euro
  • GLC Coupé 200 d da 55.372 euro
  • GLC Coupé 220 d da 58.587 euro
  • GLC Coupé 300 d da 61.446 euro
  • GLC Coupé 400 d da 67.869 euro
  • GLE 300 d da 71.410 euro
  • GLE 350 d da 77.827 euro
  • GLE 400 d da 84.598 euro
  • GLE Coupé 350 d da 82.329 euro
  • GLE Coupé 400 d da 94.398 euro
  • GLS 350 d da 96.730 euro
  • GLS 400 d da 101.200 euro
  • G 500 da 125.050 euro
  • G 63 AMG da 165.480 euro
  • G 350 d da 110.970 euro
  • G 400 d da 114.390 euro
  • Citan 108 CDI da 23.205 euro
  • Citan 109 CDI da 23.621 euro
  • Citan 111 CDI da 24.752 euro

title

Mini

  • Mini One 75 CV da 19.100 euro
  • Mini One da 20.500 euro
  • Mini Cooper da 23.100 euro
  • Mini Cooper S da 27.600 euro
  • Mini John Cooper Works 33.800 euro
  • Mini John Cooper Works GP da 45.900 euro
  • Mini One 75 CV 5 porte da 20.100 euro
  • Mini One 5 porte da 21.350 euro
  • Mini Cooper 5 porte da 23.950 euro
  • Mini Cooper S 5 porte da 28.450 euro
  • Mini Cabrio One da 24.550 euro
  • Mini Cabrio Cooper da 27.350 euro
  • Mini Cabrio Cooper S da 32.150 euro
  • Mini Cabrio John Cooper Works 40.700 euro
  • Clubman One da 25.100 euro
  • Clubman Cooper da 27.600 euro
  • Clubman Cooper S da 31.600 euro
  • Clubman John Cooper Works 44.200 euro
  • Clubman One D da 27.600 euro
  • Clubman Cooper D da 30.100 euro
  • Clubman Cooper SD da 36.100 euro
  • Countryman One 31.702 euro
  • Countryman Cooper da 29.500 euro
  • Countryman Cooper S da 34.100 euro
  • Countryman One D da 29.600 euro
  • Countryman Cooper D da 32.150 euro
  • Countryman Cooper SD da 38.100 euro

title

Mitsubishi

  • Space Star da 13.450 euro
  • Space Star bi-fuel GPL da 15.100 euro
  • ASX da 22.600 euro
  • ASX GPL Bi-fuel da 24.300 euro
  • Eclipse Cross 1.5 turbo da 25.300 euro
  • Eclipse Cross 2.2 diesel da 32.050 euro
  • Outlander 2.0 da 30.470 euro
  • Outlander GPL Bi-fuel da 32.470 euro

title

Nissan

  • Micra da 16.315 euro
  • GT-R da 108.600 euro
  • Juke da 20.600 euro
  • Qashqai 1.3 DIG-T 140 CV da 27.280 euro
  • Qashqai 1.3 DIG-T 160 CV da 30.790 euro
  • X-Trail da 28.755 euro

title

Opel

  • Corsa 1.2 da 15.600 euro
  • Corsa 1.2 100 CV da 16.600 euro
  • Corsa 1.2 130 CV da 21.800 euro
  • Corsa D da 17.600 euro
  • Astra 1.2 T 110 CV da 24.550 euro
  • Astra 1.2 T 130 CV da 25.350 euro
  • Astra 1.2 T 145 CV da 26.150 euro
  • Astra 1.4 T 145 CV da 27.500 euro
  • Astra 1.5 CDTI 105 CV da 26.100 euro
  • Astra 1.5 CDTI 122 CV da 26.800 euro
  • Astra ST 1.2 T 110 CV da 25.550 euro
  • Astra ST 1.2 T 130 CV da 26.350 euro
  • Astra ST 1.2 T 145 CV da 27.150 euro
  • Astra ST 1.4 T 145 CV da 28.500 euro
  • Astra ST 1.5 CDTI 105 CV da 27.100 euro
  • Astra ST 1.5 CDTI 122 CV da 27.800 euro
  • Insignia Grand Sport 2.0 T da 40.100 euro
  • Insignia Grand Sport GSi 47.600 euro
  • Insignia Grand Sport 1.5 CDTI da 34.500 euro
  • Insignia Grand Sport 2.0 CDTI da 36.500 euro
  • Insignia ST 2.0 T da 41.100 euro
  • Insignia ST GSi 48.600 euro
  • Insignia ST 1.5 CDTI da 35.500 euro
  • Insignia ST 2.0 CDTI da 37.500 euro
  • Mokka 1.2 Turbo da 22.200 euro
  • Mokka 1.2 Turbo 130 CV da 23.200 euro
  • Mokka diesel da 23.700 euro
  • Crossland 1.2 da 20.850 euro
  • Crossland 1.2 Turbo 110 CV da 21.850 euro
  • Crossland 1.2 Turbo 130 CV da 24.350 euro
  • Crossland 1.5 Ecotec D 110 CV da 23.350 euro
  • Crossland 1.5 Ecotec D 120 CV da 25.350 euro
  • Grandland X 1.2 T da 28.600 euro
  • Grandland X 1.6 T da 34.600 euro
  • Grandland X diesel da 31.100 euro
  • Combo 1.2 Turbo 110 CV da 22.955 euro
  • Combo 1.2 Turbo 131 CV da 25.205 euro
  • Combo 1.5 Diesel 102 CV da 24.155 euro
  • Combo 1.5 Diesel 131 CV da 24.905 euro

title

Peugeot

  • 108 da 12.700 euro
  • 208 PureTech 75 da 15.700 euro
  • 208 PureTech 100 da 19.800 euro
  • 208 PureTech 130 da 24.100 euro
  • 208 BlueHDi da 18.600 euro
  • 308 PureTech Turbo 110 22.700 euro
  • 308 PureTech Turbo 130 da 23.350 euro
  • 308 BlueHDi da 25.350 euro
  • 308 SW PureTech Turbo 110 23.700 euro
  • 308 SW PureTech Turbo 130 da 24.350 euro
  • 308 SW BlueHDi da 26.350 euro
  • 508 PureTech Turbo 130 da 32.500 euro
  • 508 PureTech Turbo 180 da 37.500 euro
  • 508 Puretech Turbo 225 45.000 euro
  • 508 BlueHDi da 34.500 euro
  • 508 SW PureTech Turbo 130 da 33.500 euro
  • 508 SW PureTech Turbo 180 da 38.500 euro
  • 508 SW PureTech Turbo 225 46.000 euro
  • 508 SW BlueHDi da 35.500 euro
  • 2008 PureTech 100 da 21.850 euro
  • 2008 PureTech 130 da 23.550 euro
  • 2008 PureTech 155 da 30.550 euro
  • 2008 BlueHDi 110 da 23.850 euro
  • 2008 BlueHDi 130 da 28.350 euro
  • 3008 Puretech Turbo 130 da 29.600 euro
  • 3008 PureTech Turbo 180 da 38.300 euro
  • 3008 BlueHDi da 31.600 euro
  • 5008 PureTech Turbo 130 da 31.750 euro
  • 5008 PureTech Turbo 180 da 41.050 euro
  • 5008 BlueHDi 130 da 33.750 euro
  • 5008 BlueHDi 180 da 40.650 euro
  • Rifter 1.2 PureTech Turbo 110 CV da 22.350 euro
  • Rifter 1.2 PureTech Turbo 131 CV da 26.400 euro
  • Rifter 1.5 BlueHDi 102 CV da 23.100 euro
  • Rifter 1.5 BlueHDi 131 CV da 24.300 euro

title

Porsche

  • Panamera 2.9 da 99.201 euro
  • Panamera GTS Sport Turismo 150.475 euro
  • Panamera GTS 147.547 euro
  • Panamera Turbo S da 192.565 euro
  • 718 Cayman 2.0 da 61.236 euro
  • 718 Cayman S 74.015 euro
  • 718 Cayman GTS 88.289 euro
  • 718 Cayman GT4 103.295 euro
  • 718 Boxster 63.310 euro
  • 718 Boxster T 72.338 euro
  • 718 Boxster S 76.089 euro
  • 718 Boxster GTS 90.363 euro
  • 718 Boxster Spyder 100.367 euro
  • 911 385 CV da 112.400 euro
  • 911 450 CV da 128.260 euro
  • 911 Turbo 193.530 euro
  • 911 Turbo S 227.080 euro
  • 911 Cabriolet/Targa 385 CV da 127.040 euro
  • 911 Cabriolet/Targa 450 CV da 142.900 euro
  • 911 Turbo Cabriolet 207.438 euro
  • 911 Turbo S Cabriolet 240.988 euro
  • 911 Speedster 279.905 euro
  • Macan 2.0 66.267 euro
  • Macan GTS 84.811 euro
  • Macan Turbo 98.963 euro
  • Macan S 72.001 euro
  • Cayenne S 101.322 euro
  • Cayenne 83.144 euro
  • Cayenne GTS 120.354 euro
  • Cayenne Turbo 150.488 euro
  • Cayenne Coupé S 107.422 euro
  • Cayenne Coupé 90.830 euro
  • Cayenne Coupé GTS 124.868 euro
  • Cayenne Coupé Turbo 156.100 euro

title

Renault

  • Twingo da 12.950 euro
  • Clio SCe 65 CV 15.050 euro
  • Clio SCe 75 CV da 17.000 euro
  • Clio TCe 90 CV da 17.100 euro
  • Clio GPL da 17.700 euro
  • Clio Blue dCi 85 CV da 19.200 euro
  • Clio Blue dCi 115 CV da 20.000 euro
  • Mégane TCe 140 CV da 26.650 euro
  • Mégane R.S. da 41.550 euro
  • Mégane Blue dCi da 26.650 euro
  • Mégane Sporter TCe da 27.650 euro
  • Mégane Sporter Blue dCi da 27.650 euro
  • Talisman Sporter TCe da 37.500 euro
  • Talisman Sporter Blue dCi 160 CV da 40.700 euro
  • Talisman Sporter Blue dCi 190 CV da 45.800 euro
  • Scénic TCe 115 CV 22.750 euro
  • Scénic TCe 140 CV da 28.400 euro
  • Scénic TCe 160 CV da 35.900 euro
  • Scénic Blue dCi 120 CV da 26.550 euro
  • Scénic Blue dCi 150 CV da 30.050 euro
  • Grand Scénic TCe 115 CV 24.000 euro
  • Grand Scénic TCe 140 CV da 29.150 euro
  • Grand Scénic TCe 160 CV da 37.150 euro
  • Grand Scénic Blue dCi 120 CV da 27.800 euro
  • Grand Scénic Blue dCi 150 CV da 31.300 euro
  • Espace Blue dCi 160 CV da 45.300 euro
  • Espace Blue dCi 190 CV da 47.300 euro
  • Captur TCe da 18.550 euro
  • Captur GPL da 19.150 euro
  • Captur Blue dCi 95 CV da 20.900 euro
  • Captur Blue dCi 115 CV da 23.300 euro
  • Kadjar da 27.550 euro
  • Koleos Blue dCi 150 CV da 35.850 euro
  • Koleos Blue dCi 190 CV da 40.050 euro
  • Kangoo 1.5 Blue dCi 95 CV da 22.510 euro
  • Kangoo 1.5 Blue dCi 116 CV da 23.110 euro

title

Seat

  • Ibiza 1.0 da 16.700 euro
  • Ibiza 1.0 EcoTSI 95 CV da 17.300 euro
  • Ibiza 1.0 EcoTSI 110 CV da 17.750 euro
  • Ibiza 1.5 TSI 23.100 euro
  • Ibiza TGI da 18.650 euro
  • Leon TGI da 27.300 euro
  • Leon 1.0 TSI 110 CV da 23.300 euro
  • Leon 1.5 TSI da 23.950 euro
  • Leon 1.5 TSI 150 CV 27.600 euro
  • Leon 2.0 TDI 115 CV da 25.800 euro
  • Leon 2.0 TDI 150 CV da 28.450 euro
  • Leon 1.0 TSI 90 CV da 22.700 euro
  • Leon Sportstourer 1.5 TSI da 24.700 euro
  • Leon Sportstourer 1.5 TSI 150 CV 28.350 euro
  • Leon Sportstourer 2.0 TDI 150 CV da 29.200 euro
  • Leon Sportstourer 1.0 TSI da 23.450 euro
  • Arona 1.0 EcoTSI da 18.500 euro
  • Arona 1.0 EcoTSI 110 CV da 20.950 euro
  • Arona 1.5 TSI 25.750 euro
  • Arona TGI da 19.900 euro
  • Ateca 1.0 TSI da 24.150 euro
  • Ateca 1.5 EcoTSI da 28.700 euro
  • Ateca 2.0 TDI 115 CV da 27.200 euro
  • Ateca 2.0 TDI 150 CV da 31.650 euro
  • Tarraco 1.5 TSI da 31.200 euro
  • Tarraco 2.0 TDI 150 CV da 34.900 euro
  • Tarraco 2.0 TDI 200 CV da 45.850 euro

title

Skoda

  • Fabia 1.0 da 14.830 euro
  • Fabia 1.0 TSI da 16.830 euro
  • Fabia Wagon da 17.630 euro
  • Scala 1.0 TSI 20.850 euro
  • Scala 1.0 TSI 110 CV da 22.450 euro
  • Scala 1.5 TSI da 24.950 euro
  • Scala G-Tec da 22.630 euro
  • Octavia RS da 36.350 euro
  • Octavia 1.0 TSI da 23.900 euro
  • Octavia 1.5 TSI da 26.600 euro
  • Octavia G-TEC da 29.350 euro
  • Octavia 2.0 TDI da 27.550 euro
  • Octavia 2.0 TDI 150 CV da 30.150 euro
  • Octavia 2.0 TDI 200 CV 37.900 euro
  • Octavia Wagon RS da 37.400 euro
  • Octavia Wagon 1.0 TSI da 24.950 euro
  • Octavia Wagon 1.5 TSI da 27.650 euro
  • Octavia Wagon G-TEC da 30.400 euro
  • Octavia Wagon 2.0 TDI da 28.600 euro
  • Octavia Wagon 2.0 TDI 150 CV da 31.200 euro
  • Octavia Wagon 2.0 TDI 200 CV da 38.950 euro
  • Superb 1.5 TSI da 34.750 euro
  • Superb 2.0 TSI 51.650 euro
  • Superb 2.0 TDI 122 CV da 37.450 euro
  • Superb 2.0 TDI 150 CV da 37.200 euro
  • Superb 2.0 TDI 200 CV da 40.750 euro
  • Superb Wagon 1.5 TSI da 35.850 euro
  • Superb Wagon 2.0 TSI 52.750 euro
  • Superb Wagon 2.0 TDI 122 CV da 38.550 euro
  • Superb Wagon 2.0 TDI 150 CV da 38.300 euro
  • Superb Wagon 2.0 TDI 200 CV da 41.850 euro
  • Kamiq 1.0 TSI 21.640 euro
  • Kamiq 1.0 TSI 110 CV da 22.940 euro
  • Kamiq 1.5 TSI da 26.540 euro
  • Kamiq G-Tec da 23.240 euro
  • Karoq 1.0 TSI da 25.650 euro
  • Karoq 1.5 TSI da 27.300 euro
  • Karoq 2.0 TDI 115 CV da 28.600 euro
  • Karoq 2.0 TDI 150 CV da 30.300 euro
  • Kodiaq 1.5 TSI da 29.200 euro
  • Kodiaq 2.0 TDI da 35.150 euro
  • Kodiaq 2.0 TDI 200 CV da 43.670 euro

title

Ssangyong

  • Tivoli 1.2 GDI da 21.000 euro
  • Tivoli 1.5 GDI da 24.300 euro
  • Tivoli Bi-fuel GPL da 26.300 euro
  • Tivoli diesel da 24.300 euro
  • Korando 1.5 GDI-Turbo da 25.550 euro
  • Korando GPL da 28.050 euro
  • Korando Diesel da 28.050 euro
  • Rexton da 37.400 euro
  • XLV 1.6 da 21.850 euro
  • XLV 1.6 e-XDi da 23.850 euro

title

Subaru

  • Impreza 1.6i da 22.750 euro
  • Levorg da 33.000 euro
  • BRZ 39.900 euro
  • XV 1.6i da 24.950 euro
  • Outback da 39.000 euro

title

Toyota

  • Aygo da 13.100 euro
  • Yaris 1.0 da 17.700 euro
  • Yaris GR 39.900 euro
  • Supra 2.0B da 55.900 euro
  • Supra 3.0B 67.900 euro
  • Land Cruiser 3 porte da 48.150 euro
  • Land Cruiser 5 porte 72.150 euro
  • Proace City Verso 1.2 110 CV da 22.150 euro
  • Proace City Verso 1.2 131 CV da 31.050 euro
  • Proace City Verso 1.5D 102 CV da 23.950 euro
  • Proace City Verso 1.5D 131 CV da 24.950 euro

title

Volkswagen

  • up! da 14.450 euro
  • up! GTI da 20.850 euro
  • up! eco da 17.000 euro
  • Polo 1.0 da 17.950 euro
  • Polo 1.0 TSI da 18.750 euro
  • Polo 1.0 TSI 110 CV da 21.750 euro
  • Polo 1.5 TSI 25.250 euro
  • Polo TGI da 19.200 euro
  • Golf 1.0 TSI 26.100 euro
  • Golf 1.5 TSI da 27.450 euro
  • Golf 1.5 TSI 150 CV 30.500 euro
  • Golf TGI da 32.500 euro
  • Golf 2.0 TDI da 29.950 euro
  • Golf 2.0 TDI 150 CV da 34.250 euro
  • Golf GTI 41.450 euro
  • Golf GTD 41.450 euro
  • Golf Variant 1.0 TSI 27.050 euro
  • Golf Variant 1.5 TSI da 28.400 euro
  • Golf Variant 1.5 TSI 150 CV 31.450 euro
  • Golf Variant TGI da 33.450 euro
  • Golf Variant 2.0 TDI da 30.900 euro
  • Golf Variant 2.0 TDI 150 CV da 35.200 euro
  • Passat Variant 1.5 TSI da 35.650 euro
  • Passat Variant 2.0 TDI 122 39.000 euro
  • Passat Variant 2.0 TDI 150 CV da 39.650 euro
  • Passat Variant 2.0 TDI 200 CV da 46.600 euro
  • Arteon 2.0 TDI da 50.900 euro
  • Arteon 2.0 BiTDI 57.450 euro
  • Touran TSI da 34.100 euro
  • Touran 2.0 TDI 122 CV da 35.650 euro
  • Touran 2.0 TDI 150 CV da 38.900 euro
  • T-Cross 1.0 TSI da 20.400 euro
  • T-Cross 1.0 TSI 110 CV da 23.150 euro
  • T-Cross 1.5 TSI da 26.700 euro
  • T-Cross TDI da 23.650 euro
  • T-Roc 1.0 TSI da 24.600 euro
  • T-Roc 1.5 TSI da 27.050 euro
  • T-Roc R 45.500 euro
  • T-Roc 2.0 TDI da 28.650 euro
  • T-Roc 2.0 TDI 150 CV da 30.650 euro
  • T-Roc Cabriolet 1.0 TSI 29.900 euro
  • T-Roc Cabriolet 1.5 TSI da 32.400 euro
  • Tiguan 1.5 TSI da 31.150 euro
  • Tiguan 1.5 TSI 150 CV da 32.900 euro
  • Tiguan R 57.900 euro
  • Tiguan 2.0 TDI 33.150 euro
  • Tiguan 2.0 TDI 150 CV da 36.900 euro
  • Tiguan 2.0 TDI 200 CV da 45.900 euro
  • Tiguan Allspace TSI da 38.900 euro
  • Tiguan Allspace 2.0 TDI da 42.850 euro
  • Tiguan Allspace 2.0 TDI 200 CV 53.000 euro
  • Touareg TSI 76.900 euro
  • Touareg 3.0 TDI da 62.700 euro
  • Touareg 3.0 TDI 286 CV da 67.200 euro
  • Caddy TSI da 25.940 euro
  • Caddy 2.0 TDI 102 CV da 27.280 euro
  • Caddy 2.0 TDI 122 CV da 28.560 euro

title

Volvo

  • XC40 T2 da 30.550 euro
  • XC40 T3 da 33.250 euro

L’articolo Auto analogiche: l’elenco completo (con i prezzi) proviene da Icon Wheels.

Fonte

Come pulire la capote in tessuto della tua auto senza danneggiarla

title

Credits: iStock

Che belle le auto decappottabili, viaggiare con i capelli al vento d’estate! Ma non ci sono solo aspetti positivi legati alla capote della macchina, il tetto pieghevole  in tela o in materiale plastico e retrattile. Vediamo come pulirlo senza danneggiarlo.

Come pulire la capote dell’auto

Chi non ha mai posseduto una decappottabile non lo sospetta, ma il ‘tetto pieghevole’ è molto delicato e può presentare dei problemi. Può uscire di sede, può strapparsi, può sporcarsi o diventare opaco. E non sempre è facile da pulire. Ha comunque bisogno senza alcun dubbio di una manutenzione extra. I tettucci delle cabriolet sono realizzati con materiali flessibili, tessuto o vinile, che consentono loro di piegarsi. La pulizia deve essere fatta regolarmente, perché la capote altrimenti inizia a perdere il suo splendore e il suo bell’aspetto originale, potrebbe anche essere soggetta a strappi e richiedere quindi una sostituzione anticipata.

Capote in tessuto o in vinile: cosa sapere

Prima di pulire la capote della tua auto è importante determinare se è realizzata in tessuto o vinile. La maggior parte delle decappottabili oggi ha il tettuccio in tessuto, ma ce ne sono diverse anche in vinile. Come capirlo? Fate cadere alcune gocce d’acqua sulla parte superiore e provate a strofinarle con le dita; se il materiale sembra assorbire l’acqua, allora è tessuto, se l’acqua rimane in superficie è vinile. È importante determinare la composizione della capote perché i prodotti per la pulizia e la protezione sono differenti.

Come si pulisce una capote in tessuto?

La parte superiore dell’auto in tessuto purtroppo ovviamente attira molta sporcizia e detriti. Cosa serve per pulire la capote in tessuto? Una spazzola morbida e dell’acqua. Come fare: bagna bene la parte superiore dell’auto e usa la spazzola con setole robuste e resistenti per poter rimuovere lo sporco ma non così dure da danneggiare il tessuto. Una volta che la parte superiore è bagnata, applica un detergente per tessuti e spazzola nuovamente la superficie con movimenti decisi ma non aggressivi. Lava tutta la capote, non solo una eventuale singola macchia, perché il colore potrebbe rimanere non uniforme una volta che il tessuto si asciuga. Sciacqua accuratamente il detergente finché non rimane più alcuna traccia di schiuma. Infine asciuga la capote con asciugamani in microfibra, che non lasciano lanugine rispetto agli asciugamani di cotone e spugna.

Se la capote è in vinile? Il procedimento è più o meno lo stesso, ma i prodotti devono essere espressamente formulati per questo materiale.

Consigli utili:

  • in ogni caso è bene lavare la capote (come tutta l’auto) all’ombra e non alla luce diretta del sole, che può far evaporare rapidamente l’acqua e lasciare residui;
  • la spazzola deve avere setole morbide anche per rimuovere lo sporco più ostinato.

Protezione della capote dell’auto

Dopo la pulizia della capote è necessario applicare un trattamento formulato per proteggere il tessuto, proprio come usi la cera per proteggere la carrozzeria, un buon protettivo fa lo stesso per il tettuccio. Questo non solo migliorerà il suo aspetto, ma aumenterà anche la sua longevità. Un buon prodotto migliora anche le proprietà di resistenza all’acqua della capote.

Attenzione: non usare mai prodotti non adatti al tessuto della tua capote perché potresti rovinarla in maniera irreversibile, andando a compromettere l’aspetto della tua vettura.

L’articolo Come pulire la capote in tessuto della tua auto senza danneggiarla proviene da Icon Wheels.

Fonte

Adrián Campos, il talent-scout spagnolo della F1

title

Credits: Xavier Bonilla/NurPhoto via Getty Images

Prima dell’arrivo di Adrián Campos nel mondo delle corse il motorsport spagnolo si basava sui rally e sulle moto. Scopriamo insieme la storia dell’uomo che ha scoperto Fernando Alonso e che ha reso la Spagna una nazione protagonista delle gare in pista.

Adrián Campos: la storia

Adrián Campos nasce il 17 giugno 1960 ad Alzira (Spagna): appassionato delle quattro ruote fin da bambino, inizia a gareggiare con le auto radiocomandate conquistando il titolo nazionale iberico nel 1980.

Le auto vere

Campos debutta con le vetture vere piuttosto tardi – a 23 anni – prendendo parte al campionato europeo F3 e ottiene il primo risultato rilevante nel 1985 quando arriva terzo nel campionato tedesco. L’anno seguente debutta nell’endurance con una Porsche 962 alla 360 km di Jerez e corre anche in F3000, senza però brillare particolarmente.

Due stagioni in F1

Adrián Campos debutta in F1 con la Minardi nel 1987: un solo arrivo al traguardo (14° nel GP di casa) e prestazioni peggiori di quelle del compagno di scuderia, il nostro Alessandro Nannini.

L’anno seguente disputa i primi cinque GP iridati (16° posto a San Marino) ma dopo una serie di risultati deludenti – fa peggio del coéquipier spagnolo Luis Pérez-Sala – viene rimpiazzato da Pierluigi Martini.

Addio e ritorno

Dopo due anni in Formula 1 sotto le aspettative Campos lascia il mondo delle corse e torna a gareggiare solo nel 1992 nel campionato turismo spagnolo, vinto due anni più tardi al volante di un’Alfa Romeo 155.

Nel 1997 Adrián Campos si cimenta con i prototipi: gareggia nella International Sports Racing Series e corre la 24 Ore di Le Mans con una Ferrari 333 SP (vettura costretta al ritiro dopo soli 18 giri).

Dietro le quinte

La seconda vita di Campos inizia nel 1998 con la creazione della scuderia Campos Racing e con la partecipazione al campionato Euro Open by Nissan.

Il team iberico conquista le prime tre edizioni della serie e lancia due giovani piloti di talento: Marc Gené e, soprattutto, Fernando Alonso.

La Campos Racing diventa presto una delle squadre più attive nella scoperta di giovani driver – come ad esempio il nostro Giorgio Pantano e il russo Vitaly Petrov – e si toglie diverse soddisfazioni nelle classi minori del motorsport come ad esempio la conquista del titolo Costruttori GP2 del 2008.

La scalata verso la F1

Alla fine del 2009 Adrián Campos fonda la scuderia HRT ma deve cederla prima dell’esordio nel Mondiale F1 2010 per carenza di fondi.

Il team manager spagnolo continua a recitare il ruolo di protagonista nelle serie propedeutiche anche negli anni ‘10 del XXI secolo e in particolar modo nel campionato spagnolo di F3, nella Euroformula Open, in F2 e in Formula E.

Adrián Campos scompare il 27 gennaio 2021 a Valencia (Spagna) per una dissezione aortica.

L’articolo Adrián Campos, il talent-scout spagnolo della F1 proviene da Icon Wheels.

Fonte

Macchina ferma a lungo: come prepararla a un periodo di inattività

title

Credits: iStock

Se devi trasferirti o partire per un po’ di tempo senza portare con te la tua auto (e quindi senza usarla per diverse settimane o per mesi), allora è necessario pensare a degli accorgimenti per tenere la vettura in stand-by e preservarla correttamente, evitando di trovarsi ad affrontare dei problemi meccanici o di altro tipo. Vediamo cosa bisogna fare.

Le operazioni da eseguire

Prima di tutto è bene cambiare l’olio e il filtro; se l’auto starà “a riposo” per molto tempo (mesi o anni), allora è necessario chiedere al meccanico di far aggiungere degli additivi all’olio.

È bene anche che il serbatoio sia pieno, infatti la condensa è un problema per un’auto che rimane inutilizzata a lungo. Bisogna usare benzina senza alcool e di qualità premium, per evitare l’accumulo di condensa. È necessario anche aggiungere uno stabilizzatore per evitare che la benzina, col tempo, diventi troppo densa. Anche i livelli del liquido di raffreddamento devono essere controllati prima di lasciare l’auto a riposo per molto tempo.

Cosa fare prima di lasciare l’auto ferma a lungo

Altre operazioni utili:

  • prima di tutto bisogna gonfiare gli pneumatici anche un pelo più del dovuto, per evitare che si schiaccino. Quando tornerai a guidare l’auto, è bene saperlo, le gomme saranno più dure, almeno per i primi 20 chilometri;
  • la macchina deve essere pulita e lucidata, devono essere ben puliti tutti gli elementi esterni e anche l’abitacolo. Un consiglio? Togliere i tappetini per evitare la formazione di muffa;
  • lascia l’auto con un finestrino abbassato, se è al coperto. Attenzione: lo spazio non deve consentire a piccoli animali di entrare. Infila uno straccio nel tubo di scappamento per evitare la formazione di nidi;
  • se l’auto rimarrà ferma per più di un mese, allora usa uno strumento per ricaricare la batteria. Esisto degli elementi che si attivano periodicamente. Per tempi brevi, possono essere collegati alla batteria dentro al cofano, per periodi lunghi invece è meglio togliere la batteria dall’auto e collegarla al caricabatteria fuori dal cofano;
  • posiziona un telo di plastica sotto i tergicristalli, per non far attaccare la gomma al vetro del parabrezza. Un’alternativa è smontare i tergicristalli, lasciandoli riposti in un luogo asciutto.

Come provvedere all’auto che non verrà usata per molto tempo

Altri accorgimenti molto utili possono essere la rimozione delle candele, spruzzare dell’olio nei cilindri per evitare la ruggine, per poi inserire nuovamente le candele. Se l’auto resterà ferma per molto tempo, allora è meglio posizionarla su dei cavalletti per preservare l’integrità delle gomme. Altro elemento a cui forse non si pensa è il freno a mano: lasciatelo abbassato, in modo che i cuscinetti dei freni non aderiscano ai dischi. Per evitare che l’auto si muova metti dei pesi/blocchi dietro le gomme. Chiudi l’auto a chiave, per evitare un possibile furto.

Un consiglio molto utile? Appunta ogni operazione fatta su un foglietto e lascialo sull’auto, in modo da ricordare ogni passaggio una volta recuperata l’auto dopo molto tempo. Ad esempio, per ricordare che hai lasciato uno straccio del tubo di scappamento o dove hai messo i tappetini o ancora la batteria. Segna tutto alla perfezione, per poi poter fare il contrario di ogni operazione eseguita, controllando tutto.

Se tieni l’auto all’esterno o al coperto, ma in un posto polveroso, allora raccomandiamo di usare una copertura per fare in modo che la macchina non si rovini e/o macchi.

L’articolo Macchina ferma a lungo: come prepararla a un periodo di inattività proviene da Icon Wheels.

Fonte

SUV Mercedes: l’elenco completo (con i prezzi)

title

Non tutti sanno che la Mercedes è la Casa automobilistica con più SUV in listino: sono ben nove, per il momento, le Sport Utility compatte, medie e grandi offerte dalla Stella.

Di seguito troverete una guida completa a tutte le SUV Mercedes in commercio: una breve descrizione condita dalla gamma motori e dai prezzi.

SUV Mercedes: l’elenco completo (con i prezzi)

title

Mercedes GLA

La seconda generazione della Mercedes GLA è una SUV compatta nata nel 2020 disponibile a trazione anterioreintegrale.

Mercedes GLA: i motori

  • un 1.3 turbo benzina da 136 CV
  • un 1.3 turbo benzina da 163 CV
  • un 2.0 turbo benzina da 224 CV
  • un 2.0 turbo benzina da 306 CV
  • un 2.0 turbo benzina da 387 CV
  • un 2.0 turbo benzina da 421 CV
  • un 2.0 turbo ibrido plug-in benzina da 218 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 116 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 150 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 190 CV

Mercedes GLA: i prezzi

Motori benzina

  • Mercedes GLA 180 Executive 36.617 euro
  • Mercedes GLA 180 Business 37.477 euro
  • Mercedes GLA 180 Sport 38.437 euro
  • Mercedes GLA 180 Sport Plus 39.777 euro
  • Mercedes GLA 180 Premium 41.277 euro
  • Mercedes GLA 200 Executive 39.387 euro
  • Mercedes GLA 200 Business 40.247 euro
  • Mercedes GLA 200 Sport 41.207 euro
  • Mercedes GLA 200 Sport Plus 42.547 euro
  • Mercedes GLA 200 4Matic Sport 43.467 euro
  • Mercedes GLA 200 4Matic Sport Plus 44.807 euro
  • Mercedes GLA 200 4Matic Premium 46.317 euro
  • Mercedes GLA 250 Sport 44.887 euro
  • Mercedes GLA 250 Sport Plus 45.977 euro
  • Mercedes GLA 250 Premium 47.737 euro
  • Mercedes GLA 250 4Matic Sport 47.147 euro
  • Mercedes GLA 250 4Matic Sport Plus 48.237 euro
  • Mercedes GLA 250 4Matic Premium 49.997 euro
  • Mercedes GLA 35 AMG 57.100 euro
  • Mercedes GLA 45 AMG 62.730 euro
  • Mercedes GLA 45 AMG S 67.230 euro

Motori ibridi plug-in benzina

  • Mercedes GLA 250 e Sport 49.644 euro
  • Mercedes GLA 250 e Sport Plus 50.734 euro
  • Mercedes GLA 250 e Premium 52.494 euro

Motori diesel

  • Mercedes GLA 180 d Executive 36.007 euro
  • Mercedes GLA 180 d Business 36.867 euro
  • Mercedes GLA 180 d Sport 37.827 euro
  • Mercedes GLA 180 d Sport Plus 39.167 euro
  • Mercedes GLA 180 d Premium 40.667 euro
  • Mercedes GLA 200 d Executive 38.697 euro
  • Mercedes GLA 200 d Business 39.557 euro
  • Mercedes GLA 200 d Sport 40.517 euro
  • Mercedes GLA 200 d Sport Plus 41.857 euro
  • Mercedes GLA 200 d Premium 43.357 euro
  • Mercedes GLA 200 d 4Matic Sport 42.777 euro
  • Mercedes GLA 200 d 4Matic Sport Plus 44.117 euro
  • Mercedes GLA 200 d 4Matic Premium 45.627 euro
  • Mercedes GLA 220 d Sport 45.347 euro
  • Mercedes GLA 220 d Sport Plus 46.437 euro
  • Mercedes GLA 220 d Premium 48.197 euro
  • Mercedes GLA 220 d 4Matic Sport 47.607 euro
  • Mercedes GLA 220 d 4Matic Sport Plus 48.697 euro
  • Mercedes GLA 220 d 4Matic Premium 50.457 euro

 

title

Mercedes GLB

La Mercedes GLB è una SUV compatta nata nel 2019 disponibile a trazione anterioreintegrale.

Mercedes GLB: i motori

  • un 1.3 turbo benzina da 136 CV
  • un 1.3 turbo benzina da 163 CV
  • un 2.0 turbo benzina da 224 CV
  • un 2.0 turbo benzina da 306 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 116 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 150 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 190 CV

Mercedes GLB: i prezzi

Motori a benzina

  • Mercedes GLB 180 Executive 38.380 euro
  • Mercedes GLB 180 Business 39.240 euro
  • Mercedes GLB 180 Sport 40.530 euro
  • Mercedes GLB 180 Sport Plus 41.860 euro
  • Mercedes GLB 180 Premium 43.590 euro
  • Mercedes GLB 200 Executive 41.150 euro
  • Mercedes GLB 200 Business 42.010 euro
  • Mercedes GLB 200 Sport 43.300 euro
  • Mercedes GLB 200 Sport Plus 44.630 euro
  • Mercedes GLB 200 Premium 46.360 euro
  • Mercedes GLB 200 4Matic Sport 45.560 euro
  • Mercedes GLB 200 4Matic Sport Plus 46.890 euro
  • Mercedes GLB 200 4Matic Premium 48.615 euro
  • Mercedes GLB 250 Sport 47.090 euro
  • Mercedes GLB 250 Sport Plus 48.180 euro
  • Mercedes GLB 250 Premium 50.640 euro
  • Mercedes GLB 250 4Matic Sport 49.350 euro
  • Mercedes GLB 250 4Matic Sport Plus 50.440 euro
  • Mercedes GLB 250 4Matic Premium 52.900 euro
  • Mercedes GLB 35 AMG 59.780 euro

Motori diesel

  • Mercedes GLB 180 d Executive 37.770 euro
  • Mercedes GLB 180 d Business 38.630 euro
  • Mercedes GLB 180 d Sport 39.920 euro
  • Mercedes GLB 180 d Sport Plus 41.250 euro
  • Mercedes GLB 180 d Premium 42.980 euro
  • Mercedes GLB 200 d Executive 40.460 euro
  • Mercedes GLB 200 d Business 41.320 euro
  • Mercedes GLB 200 d Sport 42.610 euro
  • Mercedes GLB 200 d Sport Plus 43.940 euro
  • Mercedes GLB 200 d Premium 45.670 euro
  • Mercedes GLB 200 d 4Matic Sport 44.870 euro
  • Mercedes GLB 200 d 4Matic Sport Plus 46.200 euro
  • Mercedes GLB 200 d 4Matic Premium 47.925 euro
  • Mercedes GLB 220 d Sport 47.550 euro
  • Mercedes GLB 220 d Sport Plus 48.640 euro
  • Mercedes GLB 220 d Premium 51.100 euro
  • Mercedes GLB 220 d 4Matic Sport 49.810 euro
  • Mercedes GLB 220 d 4Matic Sport Plus 50.900 euro
  • Mercedes GLB 220 d 4Matic Premium 53.360 euro

title

Mercedes GLC

La Mercedes GLC – nata nel 2015 e sottoposta a un restyling nel 2019 – è una SUV mediatrazione integrale.

Mercedes GLC: i motori

  • un 3.0 V6 biturbo benzina da 390 CV
  • un 4.0 V8 biturbo benzina da 476 CV
  • un 4.0 V8 biturbo benzina da 510 CV
  • un 2.0 turbo mild hybrid benzina da 211 CV
  • un 2.0 turbo mild hybrid benzina da 272 CV
  • un 2.0 turbo ibrido plug-in benzina da 321 CV
  • un 2.0 turbodiesel ibrido plug-in da 306 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 163 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 194 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 245 CV
  • un 2.9 turbodiesel a sei cilindri in linea da 330 CV

Mercedes GLC: i prezzi

Motori a benzina

  • Mercedes GLC 43 AMG 85.588 euro
  • Mercedes GLC 63 AMG 103.514 euro
  • Mercedes GLC 63 AMG S 106.137 euro

Motori mild hybrid benzina

  • Mercedes GLC 200 EQ-Boost Executive 50.439 euro
  • Mercedes GLC 200 EQ-Boost Business 52.559 euro
  • Mercedes GLC 200 EQ-Boost Sport 54.519 euro
  • Mercedes GLC 200 EQ-Boost Premium 59.279 euro
  • Mercedes GLC 200 EQ-Boost Premium Plus 63.369 euro
  • Mercedes GLC 300 EQ-Boost Executive 59.658 euro
  • Mercedes GLC 300 EQ-Boost Business 61.778 euro
  • Mercedes GLC 300 EQ-Boost Sport 63.738 euro
  • Mercedes GLC 300 EQ-Boost Premium 68.498 euro
  • Mercedes GLC 300 EQ-Boost Premium Plus 72.588 euro

Motore ibrido plug-in benzina

  • Mercedes GLC 300 e Executive 64.657 euro
  • Mercedes GLC 300 e Business 66.777 euro
  • Mercedes GLC 300 e Sport 68.737 euro
  • Mercedes GLC 300 e Premium 73.497 euro
  • Mercedes GLC 300 e Premium Plus 77.587 euro

Motore ibrido plug-in diesel

  • Mercedes GLC 300 de Executive 66.487 euro
  • Mercedes GLC 300 de Business 68.607 euro
  • Mercedes GLC 300 de Sport 70.567 euro
  • Mercedes GLC 300 de Premium 75.327 euro
  • Mercedes GLC 300 de Premium Plus 79.417 euro

Motori diesel

  • Mercedes GLC 200 d Executive 50.768 euro
  • Mercedes GLC 200 d Business 52.888 euro
  • Mercedes GLC 200 d Sport 54.848 euro
  • Mercedes GLC 200 d Premium 59.608 euro
  • Mercedes GLC 200 d Premium Plus 63.698 euro
  • Mercedes GLC 220 d Executive 53.983 euro
  • Mercedes GLC 220 d Business 56.103 euro
  • Mercedes GLC 220 d Sport 58.063 euro
  • Mercedes GLC 220 d Premium 62.823 euro
  • Mercedes GLC 220 d Premium Plus 66.913 euro
  • Mercedes GLC 300 d Executive 56.842 euro
  • Mercedes GLC 300 d Business 58.962 euro
  • Mercedes GLC 300 d Sport 60.922 euro
  • Mercedes GLC 300 d Premium 65.682 euro
  • Mercedes GLC 300 d Premium Plus 69.772 euro
  • Mercedes GLC 400 d Executive 61.728 euro
  • Mercedes GLC 400 d Business 63.848 euro
  • Mercedes GLC 400 d Sport 65.438 euro
  • Mercedes GLC 400 d Premium 70.568 euro
  • Mercedes GLC 400 d Premium Plus 74.288 euro

 

title

Mercedes GLC Coupé

La Mercedes GLC Coupé – variante filante della GLE nata nel 2016 e sottoposta a un restyling nel 2019 – è una SUV mediatrazione integrale.

Mercedes GLC Coupé: i motori

  • un 3.0 V6 biturbo benzina da 390 CV
  • un 4.0 V8 biturbo benzina da 476 CV
  • un 4.0 V8 biturbo benzina da 510 CV
  • un 2.0 turbo mild hybrid benzina da 211 CV
  • un 2.0 turbo mild hybrid benzina da 272 CV
  • un 2.0 turbo ibrido plug-in benzina da 321 CV
  • un 2.0 turbodiesel ibrido plug-in da 306 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 163 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 194 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 245 CV
  • un 2.9 turbodiesel a sei cilindri in linea da 330 CV

Mercedes GLC Coupé: i prezzi

Motori a benzina

  • Mercedes GLC Coupé 43 AMG 83.830 euro
  • Mercedes GLC Coupé 63 AMG 99.645 euro
  • Mercedes GLC Coupé 63 AMG S 102.268 euro

Motori mild hybrid benzina

  • Mercedes GLC Coupé 200 EQ-Boost Executive 55.042 euro
  • Mercedes GLC Coupé 200 EQ-Boost Business 57.162 euro
  • Mercedes GLC Coupé 200 EQ-Boost Sport 57.762 euro
  • Mercedes GLC Coupé 200 EQ-Boost Premium 63.762 euro
  • Mercedes GLC Coupé 200 EQ-Boost Premium Plus 66.102 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 EQ-Boost Executive 64.262 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 EQ-Boost Business 66.382 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 EQ-Boost Sport 66.982 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 EQ-Boost Premium 72.982 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 EQ-Boost Premium Plus 75.322 euro

Motore ibrido plug-in benzina

  • Mercedes GLC Coupé 300 e Executive 69.261 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 e Business 71.381 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 e Sport 71.981 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 e Premium 77.981 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 e Premium Plus 80.321 euro

Motore ibrido plug-in diesel

  • Mercedes GLC Coupé 300 de Executive 71.091 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 de Business 73.211 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 de Sport 73.811 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 de Premium 79.811 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 de Premium Plus 82.151 euro

Motori diesel

  • Mercedes GLC Coupé 200 d Executive 55.372 euro
  • Mercedes GLC Coupé 200 d Business 57.492 euro
  • Mercedes GLC Coupé 200 d Sport 58.092 euro
  • Mercedes GLC Coupé 200 d Premium 64.o92 euro
  • Mercedes GLC Coupé 200 d Premium Plus 66.432 euro
  • Mercedes GLC Coupé 220 d Executive 58.587 euro
  • Mercedes GLC Coupé 220 d Business 60.707 euro
  • Mercedes GLC Coupé 220 d Sport 61.307 euro
  • Mercedes GLC Coupé 220 d Premium 67.307 euro
  • Mercedes GLC Coupé 220 d Premium Plus 69.647 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 d Executive 61.446 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 d Business 63.566 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 d Sport 64.166 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 d Premium 70.166 euro
  • Mercedes GLC Coupé 300 d Premium Plus 72.506 euro
  • Mercedes GLC Coupé 400 d Executive 67.869 euro
  • Mercedes GLC Coupé 400 d Business 69.989 euro
  • Mercedes GLC Coupé 400 d Sport 70.589 euro
  • Mercedes GLC Coupé 400 d Premium 76.589 euro
  • Mercedes GLC Coupé 400 d Premium Plus 78.929 euro

 

 

title

Mercedes GLE

La seconda generazione della Mercedes GLE – nata nel 2018 – è una grande SUVtrazione integrale.

Mercedes GLE: i motori

  • un 3.0 turbo mild hybrid benzina a sei cilindri in linea da 389 CV
  • un 3.0 turbo mild hybrid benzina a sei cilindri in linea da 457 CV
  • un 4.0 V8 biturbo mild hybrid benzina da 634 CV
  • un 2.0 turbodiesel ibrido plug-in da 320 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 245 CV
  • un 2.9 turbodiesel a sei cilindri in linea da 272 CV
  • un 2.9 turbodiesel a sei cilindri in linea da 330 CV

Mercedes GLE: i prezzi

Motori mild hybrid benzina

  • Mercedes GLE 450 EQ-Boost Sport 80.072 euro
  • Mercedes GLE 450 EQ-Boost Premium 87.087 euro
  • Mercedes GLE 450 EQ-Boost Premium Plus 93.986 euro
  • Mercedes GLE 53 AMG EQ-Boost 94.480 euro
  • Mercedes GLE 63 AMG S EQ-Boost 145.635 euro

Motore ibrido plug-in diesel

  • Mercedes GLE 350 de Sport 81.792 euro
  • Mercedes GLE 350 de Premium 86.599 euro
  • Mercedes GLE 350 de Premium Plus 93.498 euro

Motori diesel

  • Mercedes GLE 300 d Executive 71.410 euro
  • Mercedes GLE 300 d Sport 74.045 euro
  • Mercedes GLE 300 d Premium 79.767 euro
  • Mercedes GLE 300 d Premium Plus 86.666 euro
  • Mercedes GLE 350 d Sport 77.827 euro
  • Mercedes GLE 350 d Premium 84.159 euro
  • Mercedes GLE 350 d Premium Plus 91.058 euro
  • Mercedes GLE 400 d Sport 84.598 euro
  • Mercedes GLE 400 d Premium 89.710 euro
  • Mercedes GLE 400 d Premium Plus 96.609 euro

title

Mercedes GLE Coupé

La seconda generazione della Mercedes GLE Coupé – variante filante della GLE nata nel 2020 – è una grande SUVtrazione integrale.

Mercedes GLE Coupé: i motori

  • un 3.0 turbo mild hybrid benzina a sei cilindri in linea da 457 CV
  • un 4.0 V8 biturbo mild hybrid benzina da 634 CV
  • un 2.0 turbodiesel ibrido plug-in da 320 CV
  • un 2.9 turbodiesel a sei cilindri in linea da 272 CV
  • un 2.9 turbodiesel a sei cilindri in linea da 330 CV

Mercedes GLE Coupé: i prezzi

Motori mild hybrid benzina

  • Mercedes GLE Coupé 53 AMG EQ-Boost Premium 108.913 euro
  • Mercedes GLE Coupé 53 AMG EQ-Boost Premium Plus 113.388 euro
  • Mercedes GLE Coupé 53 AMG EQ-Boost Premium Pro 122.528 euro
  • Mercedes GLE Coupé 53 AMG EQ-Boost Ultimate 131.016 euro
  • Mercedes GLE Coupé 63 AMG S EQ-Boost 171.450 euro

Motore ibrido plug-in diesel

  • Mercedes GLE Coupé 350 de Sport 86.294 euro
  • Mercedes GLE Coupé 350 de Premium 92.392 euro
  • Mercedes GLE Coupé 350 de Premium Plus 97.860 euro
  • Mercedes GLE Coupé 350 de Premium Pro 101.527 euro
  • Mercedes GLE Coupé 350 de Ultimate 109.032 euro

Motori diesel

  • Mercedes GLE Coupé 350 d Sport 82.329 euro
  • Mercedes GLE Coupé 350 d Premium 88.427 euro
  • Mercedes GLE Coupé 350 d Premium Plus 93.895 euro
  • Mercedes GLE Coupé 350 d Premium Pro 97.562 euro
  • Mercedes GLE Coupé 350 d Ultimate 105.067 euro
  • Mercedes GLE Coupé 400 d Premium 94.398 euro
  • Mercedes GLE Coupé 400 d Premium Plus 99.867 euro
  • Mercedes GLE Coupé 400 d Premium Pro 103.534 euro
  • Mercedes GLE Coupé 400 d Ultimate 110.352 euro

title

Mercedes GLS

La seconda generazione della Mercedes GLS – nata nel 2019 – è una grande SUV7 postitrazione integrale.

Mercedes GLS: i motori

  • un 4.0 V8 biturbo mild hybrid benzina da 512 CV
  • un 4.0 V8 biturbo mild hybrid benzina da 579 CV
  • un 4.0 V8 biturbo mild hybrid benzina da 534 CV
  • un 2.9 turbodiesel a sei cilindri in linea da 286 CV
  • un 2.9 turbodiesel a sei cilindri in linea da 330 CV

Mercedes GLS: i prezzi

Motori mild hybrid benzina

  • Mercedes GLS 580 EQ-Boost 122.990 euro
  • Mercedes GLS Maybach EQ-Boost 169.500 euro
  • Mercedes GLS 63 AMG EQ-Boost 165.600 euro

Motori diesel

  • Mercedes GLS 350 d Premium 96.730 euro
  • Mercedes GLS 350 d Premium Plus 100.732 euro
  • Mercedes GLS 400 d Premium 101.200 euro
  • Mercedes GLS 400 d Premium Plus 105.169 euro

title

Mercedes classe G

La seconda generazione della Mercedes classe G – nata nel 2018 – è una grande SUVtrazione integrale.

Mercedes classe G: i motori

  • un 4.0 V8 biturbo benzina da 422 CV
  • un 4.0 V8 biturbo benzina da 585 CV
  • un 2.9 turbodiesel a sei cilindri in linea da 330 CV

Mercedes classe G: i prezzi

Motori a benzina

  • Mercedes G 500 125.050 euro
  • Mercedes G 63 AMG 165.480 euro

Motore diesel

  • Mercedes G 400 d 114.390 euro

title

Mercedes EQC

La Mercedes EQC – nata nel 2019 – è una grande SUV elettricatrazione integrale.

Mercedes EQC: il motore

  • due motori elettrici da 408 CV

Mercedes EQC: i prezzi

Motore elettrico

  • Mercedes EQC Sport 73.644 euro
  • Mercedes EQC Premium 80.714 euro
  • Mercedes EQC Premium Plus 87.494 euro

 

L’articolo SUV Mercedes: l’elenco completo (con i prezzi) proviene da Icon Wheels.

Fonte

Gancio di traino: quanto costa e come installarlo in tutta sicurezza

title

Il gancio di traino è uno degli elementi necessari per molti automobilisti, che lo montano sulla propria vettura per poter usare un carrello TATS, Trasporto Attrezzature Turistiche e Sportive, o un carrello appendice. Ci sono molte informazioni e curiosità che è bene sapere prima di acquistare il giusto gancio di traino, anche se spesso ci si concentra prima di tutto sul prezzo. Vediamo tutto quello che bisogna sapere prima di scegliere e montare il gancio di traino in auto.

Quale gancio di traino scegliere

Volete sapere se è più conveniente scegliere di montare un gancio di traino omologato in aftermarket o se ordinare l’auto nuova già provvista di questo elemento? Sembra una scelta di poco conto, che interessa principalmente il costo di montaggio del gancio da sostenere, ma in realtà non è così. In effetti, in alcuni casi, scegliere tra differenti tipologie di gancio significa accettare degli adattamenti all’auto, che però potrebbero anche non piacere.

Innanzitutto è bene sapere che:

  • il gancio di traino ordinato e quello montato successivamente non presentano grandi differenze dal punto di vista della sicurezza e della qualità;
  • in alcuni casi la concessionaria monta il kit fornito dalla Casa auto prima di immatricolare l’auto, riportando la modifica sul libretto di circolazione.

Quanto costa il montaggio del gancio di traino auto?

Il prezzo è differente a seconda della tipologia di gancio che l’automobilista sceglie. I prezzi infatti possono partire da circa 100/150 euro per un elemento aftermarket. Quali sono le differenti tipologie di ganci da traino in commercio, che possono essere montati successivamente all’acquisto del veicolo? Le seguenti:

  • gancio smontabile in orizzontale o verticale;
  • gancio con meccanismo a scomparsa;
  • gancio di traino fisso.

Il costo totale per montare il gancio di traino comprende le seguenti voci:

  • acquisto del gancio di traino, ovviamente;
  • kit elettrico che serve per alimentare le differenti luci di segnalazione posteriore da applicare sull’appendice o sul carrello;
  • costi per il collaudo e l’aggiornamento del libretto;
  • modifiche eventualmente necessarie al paraurti posteriore o al telaio.

Altre informazioni utili

Ci sono differenti valutazioni da fare prima di scegliere un gancio di traino per la propria auto, sia da inserire direttamente prima dell’acquisto del veicolo che aftermarket. Le cose da considerare nella scelta del gancio di traino “originale” o aftermarket sono:

  • alcune auto con serbatoio AdBlue, impianto a GPL o etano non sono compatibili con il montaggio del gancio;
  • il gancio di traino deve essere scelto anche in base al carico verticale massimo sulla sfera, soprattutto per il trasporto di bici con l’auto;
  • su alcune auto bisogna tagliare il paraurti posteriore nella parte inferiore per aggiungere il gancio;
  • le auto con sensori di parcheggio hanno bisogno di un kit elettrico specifico che disabilita automaticamente i sensori quando si collega il connettore;
  • l’installazione del gancio traino segue le regole scritte nel Codice della Strada, che prevede un lavoro svolto esclusivamente da personale tecnico specializzato (art.78).
  • dopo l’esito positivo della prova di collaudo in Motorizzazione civile, bisogna registrare le modifiche e l’aggiornamento della carta di circolazione.

Per formalizzare l’omologazione servono i seguenti documenti e pagamenti:

  • il modello TT2119;
  • la dichiarazione di montaggio;
  • il documento identificativo dell’azienda produttrice;
  • la copia della carta di circolazione;
  • alcuni versamenti: 25 euro alla motorizzazione e 14,62 euro come imposta di bollo.

L’articolo Gancio di traino: quanto costa e come installarlo in tutta sicurezza proviene da Icon Wheels.

Fonte

Auto elettriche, quali fattori ne influenzano efficienza e consumi?

title

A quanti è capitato di spulciare le caratteristiche tecniche di un’automobile, di studiare a fondo e confrontare consumi e autonomia, per poi scoprire che raramente corrispondono ai valori indicati dalla casa automobilistica su sito web e opuscoli vari. Certo, grazie ai nuovi test WLTP la situazione è migliorata e i valori di consumo e autonomia dei vari veicoli sono sempre più vicini a quelli reali, ma un minimo di discrepanza. Infatti, per quanto possano essere veritieri, i test non potranno mai tenere in considerazione tutti i fattori che incidono su efficienza e consumi.

Un discorso valido tanto per le auto con motore termico, quando per le auto con motore elettrico. In quest’ultimo caso, se possibile, i fattori che influenzano efficienza e consumi sono ancora maggiori. Ad esempio, l’autonomia di un’auto elettrica è influenzata dalla temperatura esterna molto più di quanto accada con le auto a benzina o diesel. Ma questo è solo uno dei tanti elementi che devono essere tenuti in considerazione quando si vogliono calcolare i consumi di un’auto elettrica. I principali sono quattro: scopriamoli insieme.

Il tragitto

Sembrerà banale dirlo, ma il principale fattore che incide sull’efficienza e i consumi di un’auto elettrica (ma il discorso è valido anche per quelle con motore termico) è la strada che si sceglie di seguire. Maggiore il dislivello che si percorrerà, maggiore il consumo di energia elettrica per mantenere l’auto in movimento. Anche se i sistemi di recupero sono in grado di convertire l’energia dissipata in frenata (in discesa) in carica per le batterie, l’energia impiegata dal motore per scollinare sarà di gran lunga maggiore rispetto a quella necessaria per percorrere un tratto di strada analogo, ma in pianura. Per questo, se programmate una gita fuori porta in montagna, fate bene attenzione a dove potrete fare “il pieno” di elettricità: eviterete così di ritrovarvi con le batterie completamente scariche a metà strada.

Lo stile di guida

Lo stile di guida è un altro fattore da tenere in grande considerazione quando si parla di efficienza e consumi di un’auto elettrica. Se, ad esempio, si ha un piede piuttosto “pesante” e si viaggia sempre a tavoletta, la carica della batteria è destinata a durare molto meno di quanto previsto dai test condotti dal produttore del veicolo. Discorso simile nel caso in cui si ha una guida molto sportiva, caratterizzata da improvvise accelerazioni e decelerazioni drastiche.

Temperatura e meteo

Anche se non tutti ne sono a conoscenza, le batterie agli ioni di litio (come quelle dello smartphone o della fotocamera digitale) funzionano regolarmente in un range di temperatura ben preciso. Se la colonnina di mercurio sale troppo in alto o troppo in basso, la carica scenderà molto rapidamente. In alcuni casi, addirittura, l’autonomia del veicolo potrebbe ridursi drasticamente e potremmo essere costretti a collegare l’auto alla colonnina molto più spesso di quanto preventivato.

Il carico del veicolo

Il quarto e ultimo fatto è il peso. I test delle case automobilistiche vengono effettuate con un carico “standard”, ma se si viaggia con il bagagliaio pieno di oggetti particolarmente pesanti, il powertrain sarà costretto a erogare molta più potenza per mantenere velocità elevate (o anche per ripartire da fermo). Per questo, è sempre consigliabile non esagerare con il carico del veicolo, altrimenti si sarà costretti a programmare qualche sosta in più del solito.

L’articolo Auto elettriche, quali fattori ne influenzano efficienza e consumi? proviene da Icon Wheels.

Fonte

Gomme, perché è utile misurare lo spessore del battistrada

title

Gli pneumatici sono fondamentali perché sono l’unico punto di contatto tra il veicolo e il manto stradale. La parte della gomma che aderisce al terreno è quella che chiamiamo battistrada. Quest’ultimo deve essere abbastanza profondo, per evitare che l’auto perda trazione e che i tempi di frenata del veicolo si allunghino troppo.

È difficile controllare l’auto in caso di pioggia; se le scanalature del battistrada sono basse, è più frequente anche il fenomeno dell’aquaplaning. Attenzione quindi alla misurazione dello spessore del battistrada, per viaggiare sempre in sicurezza.

Spessore del battistrada

Una gomma nuova ha circa 8/9 millimetri di battistrada, che col tempo e l’utilizzo, chiaramente si usura e consuma. Lo pneumatico perde aderenza con una profondità del battistrada inferiore a 1.6 millimetri, in questo caso infatti il controllo del mezzo diminuisce e aumenta invece lo spazio di frenata, la guida può diventare molto pericolosa e oltretutto si rischia anche una multa salata.

Raccomandiamo quindi di controllare regolarmente le gomme dell’auto, oltre a ridurre la velocità quando si percorrono strade bagnate o innevate, in cui le prestazioni di frenata diminuiscono progressivamente e il rischio di aquaplaning aumenta.

Cosa sono gli indicatori di usura del battistrada

Le gomme dell’auto presentano degli indicatori di usura del battistrada, i tasselli, che sono distanziati uniformemente lungo le scanalature principali. Lo pneumatico deve essere sostituito se i tasselli sono a filo con il battistrada, perché non è più idoneo alla guida.

Come misurare lo spessore del battistrada con un calibro

Per misurare lo spessore del battistrada delle gomme, è possibile usare un calibro. Basta inserire la barra della sonda nella scanalatura e portare le due spalle a filo con il battistrada. Per vedere il valore (la misura), controlla ovviamente la parte superiore del tuo strumento, altrimenti puoi anche usare un righellino.

Un’alternativa al calibro? Le monete da un euro. Puoi inserirne una nella scanalatura della gomma; la corona dorata non deve assolutamente sporgere oltre il battistrada, altrimenti significa che bisogna considerare la sostituzione dello pneumatico.

Attenzione: ricorda che il battistrada potrebbe anche consumarsi in maniera non uniforme, soprattutto se la ruota è fuori assetto. Per questo è necessario misurarlo in più punti, concentrandosi ad esempio sulle parti più consumate. Bisogna sempre considerare lo spessore più basso rilevato. Se non hai strumenti idonei alla misurazione oppure non sei sicuro di fare un buon lavoro da solo, allora porta l’auto in un centro di assistenza specializzato.

I danni alle gomme auto

Nel momento in cui misuri lo spessore del battistrada delle gomme, ricordati di controllare che non siano presenti fenomeni di coppettazione o scalloping (frange), dei difetti che provocano la formazione di bordi rialzati o di usura diversa tra la spalla e il centro degli pneumatici. Questi danneggiamenti possono indicare la perdita di assetto o altri problemi all’auto, che deve quindi essere controllata da un professionista.

Attenzione: le gomme non devono presentare dei rigonfiamenti nel battistrada o sul fianco.

Riassumendo:

  • gli indicatori di usura del battistrada sono a distanza uniforme nelle scanalature principali del battistrada. Lo pneumatico deve essere sostituito se questi elementi sono in linea con il livello del battistrada;
  • si può usare anche un profondimetro per misurare il battistrada, inserendo la barra nella scanalatura e premendo le spalle in linea con il battistrada, per poter vedere la misurazione;
  • un altro metodo molto semplice è il controllo della profondità con una moneta da un euro; il bordo dorato non deve uscire dal battistrada, altrimenti significa che è meglio sostituire la gomma, perché la profondità è arrivata sotto i 3 mm.

L’articolo Gomme, perché è utile misurare lo spessore del battistrada proviene da Icon Wheels.

Fonte

Autovelox del rumore, che cosa sono? Esistono in Italia?

title

Da molti mesi, anche in Italia, si sente parlare di autovelox del rumore, una dispositivo in grado di misurare i decibel emessi da un veicolo. In qualche nazione europea questo strumento è in fase di sperimentazione da diverso tempo, mentre nel nostro Paese ancora non ce n’è traccia, nonostante sia in ballo una riforma del Codice della strada. Andiamo a scoprire cos’è un autovelox del rumore e cosa si rischia quando si viene rilevati da questo dispositivo.

Cos’è l’autovelox del rumore

L’autovelox del rumore, chiamato anche radar, è un dispositivo che misura i decibel sprigionati da un veicolo: si tratta di un sistema del tutto simile a quello degli autovelox che rilevano la velocità di auto e moto solo che questo è stato concepito e progettato appositamente per il rumore.

L’apparecchio è costituito da quattro microfoni che misurano i decibel dei veicoli ogni decimo di secondo: così facendo riescono a individuare il punto da cui proviene il suono e capire se eccede o no i livelli di rumore consentiti dal Codice della strada.

Come funziona l’autovelox del rumore

Il funzionamento dell’autovelox del rumore è simile a quello degli autovelox tradizionali. Quando passa un veicolo, il dispositivo registra in un computer una scia acustica formata da puntini dietro la sorgente del rumore. Una volta individuata l’auto o la moto che emette un rumore superiore al consentito, la multa scatta in automatico.

L’autovelox del rumore e l’Italia

Nonostante sia stato già testato in alcuni Paesi europei, in Italia ancora non esiste alcun autovelox del rumore. La mancanza di questo dispositivo, comunque, non permette agli utenti della strada di poter emettere rumori senza alcuna conseguenza, sia viaggiando a bordo di un’automobile che di una moto.

Secondo il Codice della strada, infatti, non è consentito né guidare in modo troppo rumoroso, né truccare il sistema silenziatore del motore o della marmitta. Le multe per i trasgressori vanno da un minimo di 42 euro fino a un massimo di 173 euro. Vanno incontro alle stesse sanzioni anche tutti quegli automobilisti che viaggiano con la musica o la radio a un volume troppo alto.

Dove sono stati testati gli autovelox del rumore

Gli autovelox del rumore sono stati testati in via sperimentale in alcuni Paesi europei. In Francia il dispositivo è chiamato Méduse e la sperimentazione è avvenuta sia in città di provincia che nel centro di Parigi. Sul suolo transalpino, l’autovelox del rumore è stato collegato alle telecamere a circuito chiuso delle centrali di polizia, così da inviare automaticamente le multe ai trasgressori. L’obiettivo dei test è quello di eliminare o mitigare l’inquinamento acustico, un elemento ritenuto dannoso per la salute dei cittadini. Alcuni test sono stati effettuati anche in Gran Bretagna, da parte della Segreteria ai Trasporti della città di Londra per aiutare la Polizia sovraccarica di compiti.

Cosa cambia con l’autovelox del rumore

L’introduzione in Italia degli autovelox del rumore aiuterebbe a combattere l’inquinamento acustico, fattore di stress tanto nelle grandi città quanto nei piccoli centri abitati. Il Codice della strada parla chiaro e punisce chi fa troppo rumore a bordo della propria automobile oppure in sella ad una moto o ad uno scooter, a patto che venga individuato e fermato.

Con l’autovelox del rumore, invece, le multe arriverebbero in automatico. Nessun utente della strada potrebbe pensare di passarla liscia, perché il radar acustico è in grado di rilevare in maniera autonoma il rumore in accesso, procedendo a multare i trasgressori. Questo strumento rappresenterebbe un grande aiuto per gli agenti di polizia e per le orecchie dei cittadini che vogliono solo passeggiare, leggere o guardare un film senza essere disturbati da rumori molesti.

L’articolo Autovelox del rumore, che cosa sono? Esistono in Italia? proviene da Icon Wheels.

Fonte