Category Archives: Guida Acquisto

Genesis Mint concept: elettrica, sportiva, Premium e con forma di utilitaria

title

Si chiama Mint concept ed è la nuova scommessa futuristica della marca di lusso del Gruppo Hyundai. Genesis si presenta al Salone dell’auto di New York 2019 con una concept car che pretende di rivoluzionare il mercato delle sub-compatte con un’alternativa Premium.

Nello specifico si tratta di una 2+2 che punta al futuro come proposta a zero emissioni. È stata sviluppata con un “design organico e interni innovativi”, il tutto nato dalla collaborazione degli stilisti del dipartimento di design di Genesis in Germania, Stati Uniti e Corea del Sud. Con la livrea verniciata in Verde Hunter, sfoggia un design sportivo con una carrozzeria di piccole dimensioni – più o meno come un’utilitaria – e con un marcato stile coupé. Tetto spiovente all’indietro, quindi, e cerchi di grandi dimensioni (da 21 pollici).

 

Ancora di più richiamano l’attenzione le portiere posteriori ad apertura verticale che danno accesso al portabagagli e al mini divanetto posteriore. Gli interni sono completamente rivestiti in pelle marrone e seguono il linguaggio stilistico denominato da Genesis ‘G-Matrix’. Anche la plancia può contare su una distribuzione inedita con il quadro strumenti che si limita a uno schermo digitale posizionato al centro del volante.

 

Su entrambi i lati due unità di comandi sospesi danno accesso alle funzioni di infotainment. Dietro ai sedili, infine, un piccolo ripiano lascia un spazio minimo per il carico dei bagagli. Rispetto al powertrain Genesis ha dichiarato che la Mint concept monta un sistema di propulsione con 360 km di autonomia e una capacità di ricarica rapida fino a 350 kW.

L’articolo Genesis Mint concept: elettrica, sportiva, Premium e con forma di utilitaria proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Audi S5 TDI: un’altra micro-ibrida a gasolio di Ingolstadt

La demonizzazione del diesel non sembra essere cosa di Casa Audi. Dopo aver presentato le nuove S6 e S7 Sportback TDI micro-ibride a gasolio, ora è il turno della S5 2019.

Sia la variante coupé che la Sportback della gamma sportiva della A5 equipaggeranno, a partire dal prossimo mese di maggio, il V6 da 3.0 litri da 347 CV di potenza e 700 Nm di coppia.

Uno degli elementi chiave di questa elettrificazione è il compressore elettrico che, unito al sistema micro-hybrid, è in grado di assicurare fino al 19% di risparmio di carburante rispetto al modello precedente a benzina.

 

Sulla carta l’Audi S5 TDI dichiara infatti consumi medi di 6,2l/100 km. Gli ingegneri Audi, però, hanno fatto di tutto per assicurare comunque le migliori prestazioni per questo powertrain che permetterebbe alla S5 TDI di coprire lo sprint da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi (4,9 secondi per la sportback), con la solita velocità massima limitata elettronicamente a 250 km/h.

La nuova Audi S5 TDI 2019, che verrà commercializzata soltanto in Europa, offrirà anche elementi di serie tra cui il cruise control adattivo con assistente per gli ingorghi, l’assistente anti collisione e i sistemi di assistenza per il traffico incrociato. In Germania i prezzi partiranno da 65.300 euro.


News

Audi: nuove motorizzazioni diesel micro-hybrid per le S6 e S7 Sportback

350 CV e sistema a 48 volt per le ammiraglie sportive (a gasolio) dei Quattro Anelli

L’articolo Audi S5 TDI: un’altra micro-ibrida a gasolio di Ingolstadt proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Pininfarina porta a Shanghai due nuovi progetti

title

Il marchio Pininfarina conferma il suo impegno in Cina presentando a Shanghai due nuovi progetti, entrambi emblema della perfetta combinazione del miglior design italiano con una tecnologia ecologica. Dalla collaborazione con Karma Automotive nasce la nuovissima Karma Pininfarina GT, mentre Grove Hydrogen Automotive Company Limited svela una nuova concept car creata dal team cinese di Pininfarina Shanghai.

In Cina la competenza e lo stile italiano

“Portiamo in Cina – dichiara l’AD Silvio Pietro Angori – la nostra nota competenza nella progettazione di capolavori su quattro ruote, sia per brand rinomati che per nuovi costruttori che hanno bisogno del nostro supporto per definire l’identità del loro marchio e il proprio linguaggio di design. Il nostro tocco italiano nello stile si unisce alla speciale attenzione che rivolgiamo alla mobilità sostenibile e alla tecnologia all’avanguardia. Ciò che presentiamo a Shanghai non solo conferma che innoviamo nel presente, ma che forniamo anche soluzioni per un domani migliore”.

Karma Pininfarina GT

Il primo modello nasce, come anticipato, in collaborazione con Karma Automotive, casa automobilistica con sede nel sud della California produttrice di veicoli elettrici di lusso. Il risultato è la Karma Pininfarina GT, una vera “Gran Turismo” di lusso a due porte, caratterizzata da un design ricercatissimo e da interni super-lussuosi. In caso di interesse da parte di un certo numero di appassionati, Karma Automotive ne prevedrà la produzione in serie limitata.

Auto a idrogeno

L’altro modello nasce in collaborazione con Grove Hydrogen Automotive Company Limited, giovane e intraprendente azienda di celle a combustibile a idrogeno. La tecnologia delle celle a combustibile sta prendendo rapidamente piede grazie a molte aziende, inclusa la società madre di Grove (IGE), che fanno da pioniere. Combinando questa tecnologia con quella composita e della fibra di carbonio, Grove può sfruttare al massimo il vantaggio di avere l’idrogeno, un vettore di energia più leggero dell’aria (ossigeno) in un’auto poco pesante.

L’articolo Pininfarina porta a Shanghai due nuovi progetti proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Mercedes-AMG GLC 63 4MATIC+: ciliegina sulla torta

title

Il Salone di New York 2019 è il palcoscenico in cui Mercedes-Benz ha svelato in queste ore la versione più adrenalinica della rinnovata gamma GLC, anche con la carrozzeria coupé: la Mercedesz-AMG GLC 64 4MATIC+.

476 o 510n CV con la ’S’

Tra le novità c’è anche un ulteriore allestimento, ancora più radicale, denominato ’S’. In entrambi i casi, sotto al cofano pulsa il potente V8 da 4.0 litri abbinato alla trasmissione automatica a nove rapporti 9G-Tronic e alla trazione integrale. La variante convenzionale vanta una potenza di 476 CV, mentre la ’S’ arriva a 510 CV. In quanto a prestazioni lo sprint 0-100 viene coperto in 4 o 3,8 secondi, a seconda della versione, mentre la velocità massima è di 250 o 280 km/h.

Fuori mostra i muscoli

 

Esteticamente la nuova Mercedes-AMG GLC 63 4MATIC+ sfoggia la griglia frontale Panamericana con barre verticali cromate, fari anteriori con un nuovo design per le luci diurne a LED e paraurti voluminosi, sia davanti che dietro, con prese d’aria integrate.

Al posteriore spiccano lo spoiler che fuoriesce dal tetto e il diffusore dal quale fanno capolino i 4 terminali di scarico. La versione ’S’ aggiunge al pacchetto estetico cerchi in lega da 20 pollici, rifiniture in metallo opaco e un paraurti posteriore differente.

Sia la Mercedes-AMG GCL 64 4MATIC+ che la sua variante S sono equipaggiate, all’interno, con strumentazione digitale con schermo da 12,3 pollici, oltre allo schermo da 10.25 pollici del sistema di infotainment MBUX di ultima generazione, con tre modalità di visualizzazione: Classic, Sport e Supersport con informazioni dettagliate tra cui la forza G o i grafici dei circuiti.

Tutta regolabile

Grazie al sistema AMG Dynamics, inoltre, il guidatore può selezionare diverse modalità di guida: Slippery, Comfort, Sport, Sport+, Individual e Race, quest’ultimo disponibile solo sulla versione ’S’.

Infine la distribuzione della coppia sui due assi può essere regolata con i programmi Basic, Advanced, Pro e Master (solo per la S).


Anteprime

Mercedes GLC Coupé: restyling 2019

Dopo la GLC anche la Coupé si aggiorna con novità estetiche, meccaniche e tecnologiche

L’articolo Mercedes-AMG GLC 63 4MATIC+: ciliegina sulla torta proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Nissan 370Z 50th Anniversary Edition: mezzo secolo di Z

title

La Nissan 370Z si trova ormai sul rettilineo finale della sua vita commerciale. La sua erede arriverà dopo il 2020 e per salutarla la Casa di Yokohama ha preparato una versione speciale d’addio  che, tra l’altro, festeggia anche i 50 anni dall’arrivo della Datsun 240Z, la sua antenata, negli Stati Uniti.

Con la nuova Nissan 370Z 50th Anniversary Edition il marchio giapponese rende omaggio a tutti i modelli Z commercializzati durante questo mezzo secolo. Il suo debutto è previsto per il Salone di New York che si celebra in questi giorni nella Grande Mela, stesso palcoscenico dove debuttò, 5 decadi fa, la Datsun 240Z.

Esteticamente, oltre a diversi dettagli che fanno riferimento alla prima della serie ‘Z’, la  Nissan 370Z 50th Anniversary Edition sfoggia una decorazione che strizza l’occhio alla Brock Racing Enterprises 240Z #46 con cui il pilota John Morton ottenne fama e successo.

I clienti potranno scegliere tra i bianco o il grigio per la tinta di base della carrozzeria con dettagli come il cofano, gli specchietti retrovisori e il primo montante, nel primo caso verniciati in rosso a contrasto, nel secondo caso in nero. I cerchi sono da 19 pollici con rifiniture di nuovo in rosso e le scritte laterali richiamano la dicitura 50th Anniversary.

Anche all’interno della Nissan 370Z 50th Anniversary Edition ci sono elementi personalizzati tra cui le tappezzerie in pelle con cuciture a contrasto con stampato il logo dell’edizione speciale, il volante rivestito on Alcantara e l’impianto stereo Bose con otto altoparlanti.

Sotto al cofano della coupé a trazione posteriore di Yokohama trova posto il V6 da 3,7 Litri da 337 CV e 366 Nm di coppia, abbinato al cambio manuale a sei marce. Come optional c’è anche la trasmissione automatica a sette rapporti.

L’articolo Nissan 370Z 50th Anniversary Edition: mezzo secolo di Z proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Nuova Mercedes CLA: la piccola coupé diventa più matura

title

Credits: Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiterrot, Progressive, Ledernachbildung ARTICO/ Stoff Flèron macchiatobeige/schwarz, Kraftstoffverbrauch kombiniert: 5,5-5,3 l/100 km; CO2-Emissionen kombiniert: 127-121 g/km // Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiter red, Progressive, ARTICO man-made leather/Flèron fabric macchiato beige/black , Fuel consumption combined: 5.5-5.3 l/100 km; Combined CO2 emissions: 127-121 g/km

Mercedes CLA atto secondo: la versione con “la coda” della Classe A farà il suo debutto a maggio in Italia, ma noi l’abbiamo provata sulle strade tedesche, quelle delle rivali bavaresi, a dire il vero.

Leggermente più lunga e poco più larga (per un totale di 468 e 183 cm), la nuova Mercedes CLA ha quasi la stessa presenza su strada di una Classe C. All’occhio però appare più snella, più fresca, più giovanile. È più sobria e pulita delle precedente generazione: il frontale punta verso il basso (è inclinato di 5 gradi), mentre il posteriore fa un po’ il verso alla CLS. Bella o no, lo lascio decidere a voi.

La tecnologia è la stessa delle sorella Classe A, così come gli interni, caratterizzati da materiali pregiati e da un magnifico pannello nero lucido che in ingloba i due schermi, altamente configurabili.

Ci vuole un po’ per prendere confidenza con la quantità di pulsanti e levette, ma una volta appreso il sistema, diventa intuitivo e pratico. Ancor più pratico ormai il famoso assistente Mbux, che risponde la vostro “hey Mercedes” in modo sorprendente, provare per credere. Si tratta di una versione aggiornata, ancora più efficace, una scorciatoia comoda che vi aiuta a non distogliere lo sguardo dalla strada.

Mercedes-Benz Presse Fahrvorstellung CLA Coupé. München 2019// Mercedes-Benz Press Test Drive. Munich 2019

Credits: Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiterrot, Progressive, Ledernachbildung ARTICO/ Stoff Flèron macchiatobeige/schwarz, Kraftstoffverbrauch kombiniert: 5,5-5,3 l/100 km; CO2-Emissionen kombiniert: 127-121 g/km // Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiter red, Progressive, ARTICO man-made leather/Flèron fabric macchiato beige/black , Fuel consumption combined: 5.5-5.3 l/100 km; Combined CO2 emissions: 127-121 g/km

Mercedes-Benz Presse Fahrvorstellung CLA Coupé. München 2019// Mercedes-Benz Press Test Drive. Munich 2019

Credits: Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiterrot, Progressive, Ledernachbildung ARTICO/ Stoff Flèron macchiatobeige/schwarz, Kraftstoffverbrauch kombiniert: 5,5-5,3 l/100 km; CO2-Emissionen kombiniert: 127-121 g/km // Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiter red, Progressive, ARTICO man-made leather/Flèron fabric macchiato beige/black , Fuel consumption combined: 5.5-5.3 l/100 km; Combined CO2 emissions: 127-121 g/km

Mercedes-Benz Presse Fahrvorstellung CLA Coupé. München 2019// Mercedes-Benz Press Test Drive. Munich 2019

Credits: Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiterrot, Progressive, Ledernachbildung ARTICO/ Stoff Flèron macchiatobeige/schwarz, Kraftstoffverbrauch kombiniert: 5,5-5,3 l/100 km; CO2-Emissionen kombiniert: 127-121 g/km // Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiter red, Progressive, ARTICO man-made leather/Flèron fabric macchiato beige/black , Fuel consumption combined: 5.5-5.3 l/100 km; Combined CO2 emissions: 127-121 g/km

Mercedes-Benz Presse Fahrvorstellung CLA Coupé. München 2019// Mercedes-Benz Press Test Drive. Munich 2019

Credits: Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiterrot, Progressive, Ledernachbildung ARTICO/ Stoff Flèron macchiatobeige/schwarz, Kraftstoffverbrauch kombiniert: 5,5-5,3 l/100 km; CO2-Emissionen kombiniert: 127-121 g/km // Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiter red, Progressive, ARTICO man-made leather/Flèron fabric macchiato beige/black , Fuel consumption combined: 5.5-5.3 l/100 km; Combined CO2 emissions: 127-121 g/km

Mercedes-Benz Presse Fahrvorstellung CLA Coupé. München 2019// Mercedes-Benz Press Test Drive. Munich 2019

Credits: Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiterrot, Progressive, Ledernachbildung ARTICO/ Stoff Flèron macchiatobeige/schwarz, Kraftstoffverbrauch kombiniert: 5,5-5,3 l/100 km; CO2-Emissionen kombiniert: 127-121 g/km // Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiter red, Progressive, ARTICO man-made leather/Flèron fabric macchiato beige/black , Fuel consumption combined: 5.5-5.3 l/100 km; Combined CO2 emissions: 127-121 g/km

Mercedes-Benz Presse Fahrvorstellung CLA Coupé. München 2019// Mercedes-Benz Press Test Drive. Munich 2019

Credits: Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiterrot, Progressive, Ledernachbildung ARTICO/ Stoff Flèron macchiatobeige/schwarz, Kraftstoffverbrauch kombiniert: 5,5-5,3 l/100 km; CO2-Emissionen kombiniert: 127-121 g/km // Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiter red, Progressive, ARTICO man-made leather/Flèron fabric macchiato beige/black , Fuel consumption combined: 5.5-5.3 l/100 km; Combined CO2 emissions: 127-121 g/km

Mercedes-Benz Presse Fahrvorstellung CLA Coupé. München 2019// Mercedes-Benz Press Test Drive. Munich 2019

Credits: Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiterrot, Progressive, Ledernachbildung ARTICO/ Stoff Flèron macchiatobeige/schwarz, Kraftstoffverbrauch kombiniert: 5,5-5,3 l/100 km; CO2-Emissionen kombiniert: 127-121 g/km // Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiter red, Progressive, ARTICO man-made leather/Flèron fabric macchiato beige/black , Fuel consumption combined: 5.5-5.3 l/100 km; Combined CO2 emissions: 127-121 g/km

Mercedes-Benz Presse Fahrvorstellung CLA Coupé. München 2019// Mercedes-Benz Press Test Drive. Munich 2019

Credits: Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiterrot, Progressive, Ledernachbildung ARTICO/ Stoff Flèron macchiatobeige/schwarz, Kraftstoffverbrauch kombiniert: 5,5-5,3 l/100 km; CO2-Emissionen kombiniert: 127-121 g/km // Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiter red, Progressive, ARTICO man-made leather/Flèron fabric macchiato beige/black , Fuel consumption combined: 5.5-5.3 l/100 km; Combined CO2 emissions: 127-121 g/km

Su strada

La Mercedes CLA fa del comfort il suo punto di forza più grande. È silenziosa, agile e pronta – soprattutto di sterzo – ma anche stabile e rassicurante tra le curve.

L’abbiamo provata nella versione benzina CLA 200 con l’unità quattro cilindri 1.3 litri turbo da 163 CV. È un motore interessante, abbinabile solo al cambio a 7 rapporti automatico 7G-DCT.

La sua dote migliore è la silenziosità: è fluido, lineare, non vibra e non fa mai sentire la sua voce. È anche elastico, ma non aspettatevi una bella spinta ai bassi: i 250 Nm di coppia sono centellinati per tutto l’arco dei giri, così l’erogazione risulta piatta, lineare. Insomma è ottimo per nella vita di tutti i giorni, se non avete particolari velleità sportive.

Buono, invece, il cambio, dolcissimo nei passaggi di marcia, ma non fulmineo in modalità manuale.
I consumi dichiarati sono di 5.3 l/100 km, ma si attestano a circa 7,0 l/100 km con una guida realistica.

title

Credits: Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiterrot, Progressive, Ledernachbildung ARTICO/ Stoff Flèron macchiatobeige/schwarz, Kraftstoffverbrauch kombiniert: 5,5-5,3 l/100 km; CO2-Emissionen kombiniert: 127-121 g/km // Mercedes-Benz CLA 200 Coupé, jupiter red, Progressive, ARTICO man-made leather/Flèron fabric macchiato beige/black , Fuel consumption combined: 5.5-5.3 l/100 km; Combined CO2 emissions: 127-121 g/km

Prezzi e versioni

La nuova Mercedes CLA è già ordinabile e arriverà nelle concessionarie a maggio 2018. Quattro le motorizzazioni benzina disponibili, con potenze da 136 a 224 CV; l’unica diesel a lancio sarà la 180d 1.5 da 116 CV, per le versioni 200d e 220d bisognerà aspettare l’estate.

Prezzo? Si parte da 33.610 euro, mentre per la versione CLA 200 della nostra prova si parte da 38.340 euro.

Buona la dotazione di serie, che include due schermi da 7″ per la strumentazione con sistema multimediale, il volante sportivo con comandi e pulsanti touch control, bluetooth e le nuove prese USB C.

L’articolo Nuova Mercedes CLA: la piccola coupé diventa più matura proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Volkswagen ID. R, il test nella galleria del vento

Come accaduto nei preparativi al record della Pikes Peak dell’anno scorso, la Volkswagen ha testato l’aerodinamica della ID. R in galleria del vento. Inizialmente lo ha fatto con un modello in scala 1:2, poi ha continuato il lavoro sull’automobile vera e propria.

“Così facendo, abbiamo potuto simulare i movimenti della ID. R in frenata e in curva, con i conseguenti cambi nell’aerodinamica”, spiega Dechipre. Per provare più varianti possibili dei componenti aerodinamici progettati nelle simulazioni al computer, la Volkswagen Motorsport ha utilizzato ancora una volta la stampa 3D.

Con questa tecnica, piccoli componenti di plastica dalla forma complessa possono essere realizzati in poco tempo e risparmiando molto sui costi. Un esempio sono i deflettori davanti ai passaruota posteriori che ottimizzano il flusso dell’aria intorno alle ruote.

L’articolo Volkswagen ID. R, il test nella galleria del vento proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Audi A6 Avant 50d, l’ammiraglia wagon

title

Appeal La nuova Audi A6 trasuda lusso e tecnologia: è un’auto ancora più “status”
Conytenuto tecnologico 39 sistemi di assistenza alla guida, schermi da cinema e tutti i lussi del mondo. La A6 Avant spinge tanto su questo aspetto
Piacere di guida Silenziosa. Eccellente il lavoro delle sospensioni, anche nelle modalità più rigide sembra di essere su un tappeto volante. Il motore 3.0 diesel ha bisogno di “caricarsi” prima di ingranare, ma poi offre tanta spinta.
Dettagli special La nuova A6 offre i servizi on-line di connessione Car-to-x, che forniscono informazioni sulla segnaletica stradale e sui pericoli lungo il percorso.

Maestosa. La presenza su strada della nuova Audi A6 Avant è al pari di quella di un’Audi A8, l’ammiraglia di Ingolstadt. Forse perché è lunga e larga (precisamente 494 e 189 cm), ma non si tratta solo di questo: le sue linee e le sue proporzioni la fanno sembrare ancora più lussuosa, più costosa. Perde un po’ quelle linee slanciate e affilate della precedente generazione, ma ora ha un aspetto più regale.

La nuova griglia frontale possiede la stessa metratura di un monolocale, mentre il posteriore è più pomposo e cromato, caratterizzato da una linea argentata che allarga e schiaccia la coda.

Il passo poi è cresciuto e di conseguenza anche l’abitabilità interna, tanto che dietro potrebbero stare comodi anche tre giocatori di basket. Il bagagliaio rosicchia 14 mm in larghezza, ma la capacità di carico rimane la stessa: 530 litri e con “tutto giù”  si arriva fino a 1680 litri.

E poi ci sono gli interni, l’EXPO della digitalizzazione. Schermi, schermini e schermoni, forse anche troppi. Oltre all’ormai onnipresente strumentazione digitale personalizzabile (Audi Virtual Cockpit), troviamo altri due schermi touch: uno da 10,1” (infotainment e navigatore) e uno da 8,6” che racchiude i comandi del clima.

title

A chi si rivolge

L’Audi A6 Avant è rivolta al padre (o alla madre) di famiglia che desidera in primis lusso e spazio, ma anche una dinamica di guida “più sportiva” rispetto alla solita SUV.

I primi chilometri

Lo so che il superbollo non sarà simpatico, ma la 50 TDI con motore 3,0 litri ma da 286 CV è la motorizzazione “giusta” per l’Audi A6 Avant. Il sei cilindri è vellutato, nel suono e nell’erogazione, e il cambio Tiptronic a 8 rapporti (montato sulle versioni 3,0 litri) è più dolce rispetto al doppia frizione abbinato invece alle motorizzazioni quattro cilindri.

La coppia di 620 Nm è poderosa e vi travolge come un’onda in qualsiasi marcia. Il motore però soffre di un certo ritardo nella risposta, lasciando qualche attimo di vuoto prima di esplodere. Questa è l’unica sbavatura in una guida pressoché perfetta.

Lo sterzo Audi è leggero e lineare, non stanca, mentre le quattro ruote sterzanti rendono l’auto incredibilmente agile anche nelle curve più strette, facendola sembrare molto più corta di quello che è. E poi c’è la morbidezza delle sospensioni adattive, che assorbono buche (e i rumori delle buche) in maniera esemplare.

Dinamica di guida

In curva l’Audi A6 Avant non fa certo brutta figura, anzi: in modalità Dynamic la trazione integrale quattro “tira dietro” facendo lavorare le ruote posteriori, mentre le sospensioni adattive copiano bene le buche lasciando quel giusto rollio che infonde sicurezza. Per essere un’auto che pesa quasi due tonnellate è agile, rapida e sicura, anche se maltrattata.

Si potrebbero fare migliaia di chilometri senza accusare fatica, e questo è il suo pregio più grande. È un’auto da vivere, la nuova A6, a 360 gradi, con i comfort e i lussi di un’ammiraglia e un’agilità insospettabile.

title

Cosa dice di te

Ami il lusso ma sei un persona pratica. Abbastanza tradizionalista da “ignorare” i più alti SUV, in favore di una baricentro più basso e di una dinamica di guida migliore

Quanto ti costa

I prezzi della nuova Audi A6 Avant partono da 56.250 euro, la 50 d parte da 64.500 euro. Di serie troviamo i cerchi da 17”, i fari i full LED, i sedili in tessuto, i sensori di parcheggio e lane departure warning, il clima bi-zona, la radio MMI plus con MMI touch response e il cruise control. I consumi dichiarati sono di 5,8 l/100 km, ma nella realtà si riescono a fare i 7,0 l/100 km.

PROFILO
Motore 6 cilindri a V, turbo diesel
Cilindrata 2897 cc
Potenza 286 CV a 3.500 giri/min
Coppia 620 Nm a 2250 giri/min
Peso 1960 kg
0-100 km/h 5,5 secondi
V-MAX 250 km/h
Bagagliaio 530 litri – 1900 litri
Consumi 5,8 l/100 km
Prezzo da 64.500 euro (50 d)

Le concorrenti

BMW Serie5 e Mercedes Classe E lottano con i denti in questo segmento, l’alternativa meno tech ma più sporty è Jaguar XE Station.

L’articolo Audi A6 Avant 50d, l’ammiraglia wagon proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Volkswagen ID. R, c’è il DRS come sulle F1

title

La Volkswagen ID. R, dopo aver affrontato la Pikes Peak, dovrà affrontare la pista del Nurburgring-Nordschleife, dove l’efficienza aerodinamica sarà di fondamentale importanza. Per questo motivo gli ingegneri tedeschi stanno lavorando per rendere la vettura particolarmente efficiente, in tal senso.

Oltre a un fondo apposito e a una nuova ala all’anteriore, la ID. R avrà anche un alettone posteriore di nuovo disegno. Sarà molto più basso rispetto a quello della Pikes Peak, così da offrire meno superficie di resistenza allo scorrere dell’aria.

Il DRS come sulle F1

Inoltre, per ridurre ulteriormente la resistenza aerodinamica in alcuni settori, l’ala posteriore adotterà una tecnologia tipica della Formula 1:
il Drag Reduction System (DRS). Nella categoria regina del motorsport, il DRS viene utilizzato per aumentare la velocità e semplificare i sorpassi. La ID. R invece correrà da sola, quindi l’elemento apribile dell’ala posteriore verrà utilizzato solamente per risparmiare energia.

“La differenza tra la posizione normale e quella aperta in termini di deportanza è intorno al 20%”, spiega Dechipre, l’ingegnere responsabile dell’aerodinamica della Volkswagen ID. R. Il DRS tornerà particolarmente utile quando la Volkswagen ID. R percorrerà il rettilineo di quasi tre chilometri.

“Con il DRS attivato, l’auto ha bisogno di meno energia per mantenere la velocità massima lungo tutto il rettilineo, così la ID. R raggiunge la sua velocità massima più rapidamente”, ha detto Dechipre.

I test in galleria del vento

Come accaduto nei preparativi al record della Pikes Peak dell’anno scorso, la Volkswagen ha testato l’aerodinamica della ID. R in galleria del vento. Inizialmente lo ha fatto con un modello in scala 1:2, poi ha continuato il lavoro sull’automobile vera e propria.

“Così facendo, abbiamo potuto simulare i movimenti della ID. R in frenata e in curva, con i conseguenti cambi nell’aerodinamica”, spiega Dechipre. Per provare più varianti possibili dei componenti aerodinamici progettati nelle simulazioni al computer, la Volkswagen Motorsport ha utilizzato ancora una volta la stampa 3D.

Con questa tecnica, piccoli componenti di plastica dalla forma complessa possono essere realizzati in poco tempo e risparmiando molto sui costi. Un esempio sono i deflettori davanti ai passaruota posteriori che ottimizzano il flusso dell’aria intorno alle ruote.

L’articolo Volkswagen ID. R, c’è il DRS come sulle F1 proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Nissan GT-R 50th Anniversary Edition 2020

title

Credits: Few vehicles in the world can be instantly identified by just three letters. But to motoring enthusiasts everywhere, “GT-R” has become synonymous with excitement, high performance and unparalleled refinement.

Al Salone dell’Auto di New York 2019 Nissan porta la GT-R 50th Anniversary Edition 2020, che celebra il mezzo secolo di vita del modello. L’edizione speciale è declinata in tre diversi abbinamenti cromatici bicolore di ispirazione vintage, con richiami alle livree delle GT-R impegnate nei gran premi giapponesi, competizioni che la capostipite era nata per dominare.

Nuove tinte

Completo di strisce racing, fa il suo ritorno il blu Bayside (Wangan), ritirato temporaneamente con il modello GT-R “R34” (con accenti blu sulle razze dei cerchi), ma sono disponibili anche un bianco perla con strisce rosse e un argento con strisce bianche.

Dentro troviamo uno speciale schema cromatico grigio e tra le novità spiccano una finitura esclusiva per il volante e il pomello del cambio, padiglione in Alcantara® con impunture esclusive e alette parasole rivestite nel medesimo materiale.

 

Nissan GT-R 50th Anniversary Edition debuts in New York

Credits: Few vehicles in the world can be instantly identified by just three letters. But to motoring enthusiasts everywhere, “GT-R” has become synonymous with excitement, high performance and unparalleled refinement.

Nissan GT-R 50th Anniversary Edition debuts in New York

Credits: Few vehicles in the world can be instantly identified by just three letters. But to motoring enthusiasts everywhere, “GT-R” has become synonymous with excitement, high performance and unparalleled refinement.

Nissan GT-R 50th Anniversary Edition debuts in New York

Credits: Few vehicles in the world can be instantly identified by just three letters. But to motoring enthusiasts everywhere, “GT-R” has become synonymous with excitement, high performance and unparalleled refinement.

Nissan GT-R 50th Anniversary Edition debuts in New York

Credits: Few vehicles in the world can be instantly identified by just three letters. But to motoring enthusiasts everywhere, “GT-R” has become synonymous with excitement, high performance and unparalleled refinement.

Nissan GT-R 50th Anniversary Edition debuts in New York

Credits: Few vehicles in the world can be instantly identified by just three letters. But to motoring enthusiasts everywhere, “GT-R” has become synonymous with excitement, high performance and unparalleled refinement.

Nissan GT-R 50th Anniversary Edition debuts in New York

Credits: Few vehicles in the world can be instantly identified by just three letters. But to motoring enthusiasts everywhere, “GT-R” has become synonymous with excitement, high performance and unparalleled refinement.

Nissan GT-R 50th Anniversary Edition debuts in New York

Credits: Few vehicles in the world can be instantly identified by just three letters. But to motoring enthusiasts everywhere, “GT-R” has become synonymous with excitement, high performance and unparalleled refinement.

Nissan GT-R 50th Anniversary Edition debuts in New York

Credits: Few vehicles in the world can be instantly identified by just three letters. But to motoring enthusiasts everywhere, “GT-R” has become synonymous with excitement, high performance and unparalleled refinement.

Nissan GT-R 50th Anniversary Edition debuts in New York

Credits: Few vehicles in the world can be instantly identified by just three letters. But to motoring enthusiasts everywhere, “GT-R” has become synonymous with excitement, high performance and unparalleled refinement.

Nissan GT-R 50th Anniversary Edition debuts in New York

Credits: Few vehicles in the world can be instantly identified by just three letters. But to motoring enthusiasts everywhere, “GT-R” has become synonymous with excitement, high performance and unparalleled refinement.

Nissan GT-R 50th Anniversary Edition debuts in New York

Credits: Few vehicles in the world can be instantly identified by just three letters. But to motoring enthusiasts everywhere, “GT-R” has become synonymous with excitement, high performance and unparalleled refinement.

V6 da 565 CV

A spingere la Nissan GT-R 50th Anniversary Edition 2020 ci pensa il twin-turbo V6 24 valvole da 3,8 litri e 565 cavalli, a cui gli ingegneri Nissan hanno aggiiunto nuovi turbocompressori in grado di aumentare la risposta del motore ai bassi regimi sfruttando un rivestimento a tenuta abradibile che riduce i giochi e aumenta del 5% in l’efficienza.

Il cambio a doppia frizione a 6 rapporti della nuova GT-R è stato aggiornato, ora con una modalità R perfetta sia sulla strada che in pista. La scalata si fa più aggressiva per anticipare l’uscita dalle curve con agilità, mentre l’Adaptive Shift Control adatta le cambiate di marcia allo stile del pilota. C’è inoltre un nuovo silenziatore in titanio caratterizzato da terminali con estremità blu brunito.

Track Edition

Le sospensioni a controllo elettronico sono state tarate per garantire comfort di guida e maggiore stabilità in curva, mentre il nuovo servofreno si attiva anche esercitando una minore pressione sul pedale, per consentire al conducente di modulare con precisione la frenata.

Infine, per gli appassionati della guida in pista, Nissan propone la 2020 Track Edition: una versione rivisitata ad altissima potenza (600 CV), dotata di tetto in fibra di carbonio (opzionale) e di speciali pinze e dischi carbo-ceramici Brembo.

L’articolo Nissan GT-R 50th Anniversary Edition 2020 proviene da Icon Wheels.

Fonte: