Category Archives: Guida Acquisto

BMW X3: modelli, prezzi, dotazioni e foto

title

La BMW X3 – nata nel 2017 – è una SUV media “premium” tedesca disponibile a trazione posteriore o integrale sviluppata sullo stesso pianale della X4.

In questa guida all’acquisto della BMW X3 vi mostreremo nel dettaglio tutte le versioni presenti in listino della Sport Utility bavarese: prezzi, motori, pregi, difetti e chi più ne ha più ne metta.

Le foto della BMW X3

BMW X3: le caratteristiche principali

La terza serie della BMW X3 è una SUV relativamente ingombrante (oltre 4,70 metri di lunghezza) dotata di un bagagliaio ampio adatto alle famiglie.

L’abitacolo – che presenta qualche imprecisione di troppo nelle finiture delle zone meno curate – offre tanti centimetri alla testa e alle gambe dei passeggeri posteriori ma in tre dietro si sta stretti.

title

Gli allestimenti della BMW X3

Gli allestimenti della BMW X3 sono otto: “base”, Business AdvantagexLineLuxuryMsport, xDriveM40MM Competition.

BMW X3

La BMW X3 “base” – caratterizzata da un ottimo rapporto prezzo/dotazione – offre:

Sicurezza

  • Airbag per guidatore e passeggero disattivabile tramite apposita chiave
  • Sistema di disattivazione airbag anteriore lato passeggero
  • Airbag laterali per la testa per prima e seconda fila di sedili
  • Airbag laterali per guidatore e passeggero
  • Poggiatesta regolabili per prima e seconda fila di sedili
  • Protezione laterale contro urti integrata
  • Cinture di sicurezza attive e regolabili per i 4 passeggeri
  • Fissaggio Isofix per sedili posteriori esterni e ancoraggio posteriore Top Tether
  • Porte posteriori con sistema di chiusura meccanica di sicurezza per bambini
  • Sistema anti bloccaggio di sicurezza ABS, con Brake Assist System e Cornering Brake Control
  • Luci freno dinamiche
  • Terza luce di stop a Led sopra il lunotto posteriore
  • Controllo dinamico di stabilità DSC
  • Controllo dinamico della trazione DTC
  • Avvisatore acustico bitonale
  • Indicatore pressione pneumatici
  • Sensori di collisione attivi
  • Kit pronto soccorso (incluso nella messa in strada)
  • Kit attrezzi
  • Triangolo di sosta d’emergenza (compreso nella messa in strada)
  • Assistente di attenzione alla guida
  • Sistema di sicurezza passiva per pedoni
  • Batteria con morsetto di sicurezza
  • Segnalatore acustico cinture di sicurezza
  • Sistema Active Guard (Euro NCAP)
  • Avvisatore acustico per pedoni (per xDrive30e)
  • Bulloni antifurto per cerchi in lega
  • BMW Intelligent Emergency Call

Cerchi e pneumatici

  • Cerchi in lega da 18″ a V, styling 618 (7 J x 18), pneumatici standard 225/60 R 18, colore Reflex Silver, catenabili

Design esterno

  • Montante B con finitura in nero opaco
  • Specchietti retrovisori esterni con calotta verniciata in tinta carrozzeria e base nero opaca
  • Specchietti retrovisori esterni con reg. elett. riscaldati e asferici
  • Luci direzione integrate negli specchietti retrovisori esterni
  • Calandra doppio rene con flap attivi (Active Air Stream) e listelli nero
  • Copertura motore con badge
  • Tergicristallo lunotto posteriore
  • Maniglie esterne ed altri particolari in tinta carrozzeria
  • Sistema di scarico cromato, tondo lato sinistro e lato destro, diametro 2×90 mm
  • Badge con nome modello sul portellone posteriore
  • Badge “sDrive” o “xDrive” e dettaglio modello sulle fiancate anteriori a sinistra e destra
  • Air breather laterali in nero opaco
  • Barre longitudinali sul tetto in alluminio satinato

Interni

  • Sedili in stoffa “Hevelius” Antracite
  • Modanature color argento opaco Oxyde Silver con finiture Pearl Chrome
  • Tappetini in velluto
  • Luci interne: centrale anteriore e posteriore, luci lettura anteriori
  • Luci interne: vano piedi anteriore e posteriore, sotto porta anteriori e vano bagagli
  • Sedili per cinque passeggeri
  • Sedili Std. con regolaz. manuale dell’altezza, dell’inclinazione e dello schienale
  • Sedili Std. con regolaz. manuale dello scorrimento longitudinale e dei poggiatesta
  • Bracciolo anteriore e posteriore integrato nella portiera
  • Bracciolo anteriore centrale con vano porta oggetti
  • Bracciolo centrale per sedili posteriori con portavivande integrato
  • Vano portaoggetti con cover fronte passeggero
  • Vano portaoggetti integrato nelle portiere, lato passeggero e guidatore
  • Vano portaoggetti nella consolle centrale con chiusura scorrevole e portavivande inclusi
  • Sistema di carico passante con schienale del sedile posteriore abbattibile 40:20:40
  • Volante sportivo in pelle a 3 razze con comandi multifunzione
  • Regolazione manuale del piantone sterzo in altezza e profondità
  • Cristalli temperati con trattamento anti-abbagliamento e regolazione del calore
  • Battitacco anteriore
  • Pacchetto luci

Tecnologia a bordo

  • Fari anteriori con calotta di rifrazione: luci anabbaglianti e diurne a LED, luci abbaglianti e indicatori di direzione alogene
  • Fari posteriori con luci di posizione LED e luce freno, indicatore di direzione e fendinebbia alogeni
  • Sistema di regolazione automatica della profondità dei fari
  • Sensore pioggia con accensione anabbaglianti, regolazione tergicristalli e sensore di appannamento
  • Luci interne e area maniglie illuminata con apertura telecomando
  • Funzione Follow-me-home regolabile tramite iDrive Controller
  • Ugelli tergicristalli riscaldati
  • Regolazione automatica delle prese d’aria della calandra (BMW EfficientDynamics)
  • Filtro antiparticolato per motori Diesel (sDrive18d, xDrive20d, xDrive30d)
  • Serbatoio con capacità maggiorata (xDrive20d, xDrive30d, xDrive30i, xDrive30e)
  • Sistema di Start/stop automatico e bottone per disinserimento (non per xDrive20d)
  • Sistema di Start/stop automatico (solo per xDrive20d)
  • Sistema Immobiliser
  • Cambio automatico 8 rapporti Steptronic
  • Cavo di ricarica domestica (5 metri)
  • Servotronic
  • Spia usura pastiglie freni
  • Dischi freno anteriori e posteriori autoventilanti
  • Freno di stazionamento elettroidraulico/meccanico, Automatic Hold con cambi automatici
  • Selettore del feeling di guida (con modalità Eco PRO, Comfort, Sport+/+)
  • Indicatore del punto ottimale di cambiata (solo con cambio manuale)
  • Cruise control con funzione freno
  • Limitatore velocità massima
  • Climatizzatore aut. mono zona con micro filtro
  • Climatizzatore aut. trizona con funzioni ampliate, regolaz. flusso d’aria separato per guidatore, passeggero e sedili post. (xDrive30e)
  • Presa elettrica da 12V: vano portaoggetti anteriore
  • Profili guidatore configurabili e memorizzabili
  • Sistema di chiusura centralizzata: portiere, flap serbatoio, bagagliaio, chiusura aut. regolabile
  • Brake Energy Regeneration (BMW EfficientDynamics)
  • Accensione senza inserimento chiave
  • Apertura Comfort del bagagliaio
  • Predisposizione non fumatori
  • Sensori di parcheggio PDC Ant./Post.
  • Mild Hybrid – 48V (xDrive20d)
  • Cavo di ricarica monofase BMW e tessera Charge Now (cavo monofase con connettore Type 2/Mode 3; max 7,4 kW, lunghezza 5 m, per stazioni di ricarica pubblica) (xDrive30e)

Sistemi di comunicazione e infotainment

  • Quadro strumenti analogico 4 indicatori con display digitale LCD da 5,7″
  • Radio BMW Professional
  • Computer di bordo: vel. media, consumi medi, autonomia, indicatore di temp. esterna
  • Radio DAB
  • Funzioni preferite programmabili: 7 posizioni disponibili (radio, direzioni, contatti rubrica, menu opzioni)
  • Controller iDrive nella consolle centrale con tasti per selezione diretta funzioni
  • Telecomando ad onde radio per chiusura centralizzata, chiave fisica di sicurezza e accensione luci
  • Sistema di monitoraggio per manutenzione
  • Guida uso e manutenzione integrata e accessibile via Control Display
  • Speaker stereo con 6 altoparlanti: 2 mid ant., 2 mid post., 2 bassi centr.
  • BMW Live Cockpit (comprende un display da 5,7″ nel quadro strumenti e un Control Display da 8,8″ con funzione touch)
  • BMW Connected Package
  • eDrive Services (xDrive30e)
  • BMW Teleservices
  • BMW Connected Drive Services

BMW X3 Business Advantage

La BMW X3 Business Advantage – la versione che ci sentiamo di consigliare – ha un prezzo interessante, costa 2.900 euro più della “base” a parità di motore e aggiunge:

  • Serbatoio con capacità maggiorata (sDrive18d)
  • BMW Live Cockpit Plus
  • BMW Connected Package Plus
  • Rete divisoria bagagliaio
  • Specchietti retrovisori interno ed esterni autoanabbaglianti
  • Specchietto retrovisore interno con funzione anabbagliante automatica
  • Climatizzatore aut. trizona con funzioni ampliate, regolaz. flusso d’aria separato per guidatore, passeggero e sedili post. (sDrive18d, xDrive20d, xDrive30d, xDrive30i, xDrive20i)
  • Lettore CD in plancia
  • Pacchetto porta-oggetti (ganci e anelli multifunzione nel vano bagagli, reti portaoggetti nel dorso degli schienali anteriori, presa 12V vano bagagli (a dx), presa 12V consolle centrale sedili posteriori, presa USB consolle centrale sedili posteriori ricarica solo con 2.1A, vano portaoggetti posizionato a sx sotto comando luci, vano portaoggetti posizionato sotto il sedile di guida, adattatore USBA presa a 12 volts)

BMW X3 xLine

La BMW X3 xLine – piuttosto cara – costa 3.900 euro più della Business Advantage a parità di motore e aggiunge:

  • Sedili combinazione Stoffa/Pelle “Vivus” Antracite
  • Cerchi in lega a Y, con styling 694 da 19″ (245/50 R19)
  • Cornice esterna in Alluminio satinato BMW Individual
  • Sedili sportivi con fianchetti e schienale regolabili elettricamente
  • Modanatura nero lucido con profili Pearl Chrome
  • Illuminazione interna diffusa (Luce ambiente)
  • Fari fendinebbia anteriori con tecnologia a LED inseriti nel paraurti anteriore
  • Fari Bi-LED con Cornering Lights
  • Contenuti estetici xLine (calandra a doppio rene con cornice cromata e 7 listelli verticali in color alluminio satinato, flap attivi Active Air Stream in nero lucido, protezione sottoscocca anteriore in color alluminio satinato, protezione sottoscocca posteriore in color Glacier Silver opaco, inserti orizzontali del paraurti anteriore e minigonne laterali in color Glacier Silver opaco, Air Breather con finitura in color alluminio satinato, soglia vano carico bagagliaio in acciaio inox, battitacco anteriore sx e dx con scritta BMW xLine, chiave specifica per xLine)

BMW X3 Luxury

La BMW X3 Luxury – molto cara – costa 5.500 euro più della Business Advantage a parità di motore e aggiunge:

  • Sedili in pelle Vernasca Black con cuciture a contrasto Grey
  • Cerchi in lega a doppie razze, con styling 696 da 19″ (245/50 R19)
  • Plancia strumenti e pannelli porte in pelle Sensatec Black con cuciture a contrasto Grey
  • Modanatura in legno pregiato Pioppo Venato grigio lucido con profilo Pearl Chrome
  • Illuminazione interna diffusa (Luce ambiente)
  • Fari fendinebbia anteriori con tecnologia a LED inseriti nel paraurti anteriore
  • Fari Bi-LED con Cornering Lights
  • Contenuti estetici Luxury (calandra a doppio rene con cornice cromata e 7 listelli verticali cromati, flap attivi Active Air Stream con finitura cromata, protezione sottoscocca anteriore in Frozen Grey opaco con finitura cromata, protezione sottoscocca posteriore in Frozen Grey opaco con finitura cromata, cornice esterna dei finestrini cromata, montante centrale e posteriore, triangolo e base dei retrovisori esterni in nero lucido, inserti orizzontali del paraurti anteriore e minigonne laterali in Frozen Grey opaco con finitura cromata, Air Breather con finitura cromata, soglia vano bagagliaio in acciaio inox, battitacco anteriore sx e dx con scritta “BMW Luxury Line”, chiave specifica per Luxury Line)

BMW X3 Msport

La BMW X3 Msport – cara e un po’ povera – costa 6.300 euro più della Business Advantage a parità di motore e aggiunge:

  • Sedili combinazione Stoffa/Pelle “Vernasca” Nera con cucitura a contrasto blu
  • Cerchi in lega a doppie razze con styling 698M da 19″ (245/50 R19)
  • Pinze freni MSport di colore blu (xDrive30)
  • Cambio automatico Sportivo Steptronic a 8 rapporti con paddle al volante (xDrive30)
  • Cambio automatico Steptronic a 8 rapporti con paddle al volante (sDrive18d, xDrive20)
  • Performance Control (xDrive20, xDrive30)
  • Variable Sport Steering
  • Barre longitudinali BMW Individual Black High-gloss
  • Sedili sportivi con fianchetti e schienale regolabili elettricamente
  • Modanature in Alluminio Rhombicle con profili Pearl Chrome
  • Illuminazione interna diffusa (Luce ambiente)
  • Fari fendinebbia anteriori con tecnologia a LED inseriti nel paraurti anteriore
  • Fari Bi-LED con Cornering Lights
  • Sospensioni con assetto sportivo MSport (sDrive18d, xDrive20, xDrive30d, xDrive30i)
  • Volante sportivo MSport
  • Pacchetto aerodinamico MSport
  • BMW Individual Black High-Gloss Shadow Line
  • Rivestimento interno del padiglione in colore antracite
  • Contenuti MSport Line (calandra a doppio rene con cornice cromata e 7 listelli verticali nero lucido, Air Breather nero lucidi, poggiapiede lato guidatore con design “MSport”, montante B in nero lucido Black High Gloss, base specchietti retrovisori esterni in nero lucido Black High-Gloss, grembialatura posteriore con inserto del diffusore in Dark Shadow metallic, soglia vano carico bagagliaio in acciaio inox, battitacco anteriore sx e dx con logo “M”, badge “M” sulle fiancate anteriori a sinistra e destra, chiave specifica per Msport line)

BMW X3 xDriveM40

La BMW X3 xDriveM40 aggiunge rispetto alla “base”:

Cerchi e pneumatici

  • Cerchi in lega da 20″ a doppie razze, styling 699 M, pneum. misti ant. (8 J x 20) 245/45 R 20, post- (9,5 J x 20) 275/40 R 20, runflat

Design esterno

  • Barre longitudinali sul tetto BMW Individual in high-gloss nero lucido
  • Calandra doppio rene con cornici e listelli in Cerium Grey
  • Prese d’aria nel paraurti anteriore con inserti orizzontali in Cerium grey
  • Calotte degli specchietti retrovisori in Cerium grey
  • Air breather laterali in Cerium grey
  • BMW Individual Black High-Gloss Shadow Line
  • Pacchetto aerodinamico M Sport
  • Calandra doppio rene con cornice in cerium e listelli in Cerium Grey, flap attivi (Active Air Stream)
  • Sistema di scarico cromato, trapezoidale lato sinistro e lato destro da 126 mm
  • Badge M40 in Cerium grey sul portellone posteriore lato destro
  • Badge M sulle fiancate anteriori sinistra e destra

Interni

  • Sedili combinazione Stoffa/Pelle “Vernasca” Nera con cucitura a contrasto blu
  • Modanatura in alluminio Rhombicle con profili in Pearl Chrome
  • Rivestimento interno del padiglione in colore antracite
  • Plancia in pelle Sensatec
  • Sedili Std con regolaz. elettrica sedili anteriori e piantone sterzo
  • Sedili anteriori sportivi
  • Pacchetto portaoggetti (piano del vano bagagli con guide e quattro occhielli di fissaggio regolabili, reti portaoggetti nel dorso degli schienali anteriori, presa 12V vano bagagli a dx, presa 12V consolle centrale sedili posteriori, presa USB consolle centrale sedili posteriori ricarica solo con 2.1A, vano portaoggetti posizionato a sx sotto comando luci, vano portaoggetti posizionato sotto il sedile di guida, ganci multifunzionali nel vano bagagli posizionati a dx e sx, adattatore USB per presa a 12 volts)
  • Volante M Sport
  • Ambient Light – Illuminazione interna diffusa
  • Supporto lombare per sedili anteriori

Tecnologia a bordo

  • Fari Bi-LED con Cornering Lights
  • Fari fendinebbia anteriori con tecnologia a LED inseriti nel paraurti anteriore
  • Cambio automatico Sportivo Steptronic a 8 rapporti con paddle al volante
  • Variable Sport Steering
  • Performance control
  • Pinze freni MSport di colore blu
  • Climatizzatore aut. trizona con funzioni ampliate, regolaz. flusso d’aria separato per guidatore, passeggero e sedili post.
  • Parking Assistant con telecamera posteriore e linee guida di manovra
  • Specchietti retrovisori interno ed esterni autoanabbaglianti ed esterni ripiegabili elettricamente
  • Specchietto retrovisore interno con funzione anabbagliante automatica

Sistemi di comunicazione e infotainment

  • BMW Live Cockpit Plus
  • BMW Connected Package Plus

BMW X3 M

La BMW X3 M ha un prezzo interessante in rapporto alle rivali e offre:

Sicurezza

  • Airbag laterali per guidatore e passeggero
  • Airbag laterali per la testa per prima e seconda fila di sedili
  • Airbag per guidatore e passeggero disattivabile tramite apposita chiave
  • Assistente di attenzione alla guida
  • Cinture di sicurezza a tre punti con pretensionatore
  • Clacson bitonale
  • Controllo dinamico di stabilità DSC
  • Fissaggio Isofix per sedili posteriori esterni e ancoraggio posteriore Top Tether
  • Kit attrezzi
  • Kit prontosoccorso (incluso nella messa in strada)
  • Luci freno dinamiche
  • Poggiatesta regolabili per prima e seconda fila di sedili
  • Porte posteriori con sistema di chiusura meccanica di sicurezza per bambini
  • Protezione laterale contro urti integrata
  • Segnalatore acustico cinture di sicurezza
  • Sistema ABS, con Brake Assist System e Cornering Brake Control
  • Sistema di sicurezza passiva per pedoni
  • Terza luce di stop a Led sopra il lunotto posteriore
  • Triangolo di sosta d’emergenza (compreso nella messa in strada)
  • Indicatore pressione pneumatici
  • Bulloni antifurto per cerchi in lega
  • Antifurto con allarme
  • Sistema Active Guard
  • Sistema di disattivazione airbag anteriore lato passeggero
  • BMW Intelligent Emergency Call

Dinamica di guida

  • Barra stabilizzatrice anteriore M
  • Differenziale autobloccante meccanico a controllo elettronico attivo M
  • Impianto frenante M Compund con dischi freno forati e autoventilanti
  • M Drive: 3 set-up singoli (Comfort, Sport, Sport+) per motore, assetto, cambio, sterzo, trazione, DSC, Head-Up Display; 2 profili vettura (M1, M2) configurabili
  • Servotronic M
  • Trazione integrale M xDrive: trazione integrale con 2 set-up (4WD, 4WD Sport)
  • Cambio automatico Sportivo Steptronic a 8 rapporti con Drivelogic e paddle al volante
  • Assetto sportivo adattivo M
  • Performance Control

Design esterno

  • Air Breather laterali con logo X3 M e finitura cromata
  • Badge con nome modello sul portellone posteriore lato destro con finitura cromata
  • Calandra a doppio rene con listelli doppi M, badge X3 M e cornice cromata
  • Copertura motore con badge M Power
  • Diffusore posteriore in nero lucido
  • Luci direzione integrate negli specchietti retrovisori esterni
  • Paraurti ed altri particolari in tinta carrozzeria
  • Specchietti retrovisori esterni con calotte in tinta carrozzeria
  • Specchietti retrovisori esterni reg. elett., riscaldati e asferici
  • Spoiler posteriore in tinta carrozzeria
  • Terminali di scarico doppi (gemellati) a destra e a sinistra con finitura cromata
  • BMW Individual Shadow-line nero lucido

Cerchi e pneumatici

  • Cerchi in lega 20″ styling 764M bicolore diamantati Orbit Grey con pneumatici misti (ant. 255/45 R20, post. 265/45 R20)

Interni

  • Bracciolo centrale per sedili anteriori con vano portaoggetti
  • Bracciolo centrale per sedili posteriori con portabevande
  • Ganci e anelli multifunzione nel vano bagagli
  • Leva selettrice del cambio specifica M
  • Listelli battitacco con badge X3 M
  • Pedali M con cover in Alluminio
  • Portabevande: 2 ant. e 2 post. centrali
  • Predisposizione non fumatori
  • Regolazione manuale del piantone sterzo in altezza e profondità
  • Sedili per 5 passeggeri
  • Vano portaoggetti, lato passeggero e guidatore, nelle portiere sia anteriori che posteriori con portabevande (1 l)
  • Volante sportivo M in pelle a 3 razze con comandi multifunzione
  • Interni in Pelle “Vernasca” estesa
  • Rete divisoria bagagliaio
  • Tappetini in velluto M
  • Regolazione elettrica sedili anteriori
  • Sistema di carico passante con schienale del sedile posteriore abbattibile 40:20:40
  • Sedili anteriori sportivi
  • Pacchetto portaoggetti
  • Riscaldamento dei sedili anteriori
  • Rivestimento della plancia e parte superiore pannelli portiere in Sensatec
  • Ambient Light – Illuminazione interna diffusa
  • Modanature interne in Alluminio Carbon con profilo Pearl Chrome
  • Rivestimento interno del padiglione in colore antracite BMW Individual

Tecnologia a bordo

  • Brake Energy Regeneration (BMW EfficientDynamics)
  • Climatizzatore con microfiltri ai carboni attivi
  • Filtro antiparticolato
  • Freno di stazionamento elettro meccanico con funzione Automatic Hold
  • Funzione Follow-me-home regolabile tramite iDrive Controller
  • Indicatore usura pastiglie freni
  • Luci interne e area maniglie illuminata con apertura telecomando
  • Luci posteriori con tecnologia a LED e fari fendinebbia
  • Presa elettrica da 12V nel vano portaoggetti anteriore
  • Profilo impostazioni personali dedicato per chiave
  • Pulsante di avviamento e spegnimento del motore senza inserimento chiave in rosso con anello decorativo in Pearl Chrome
  • Sensore livello e qualità olio motore
  • Sistema di chiusura centralizzata: portiere, flap serbatoio, bagagliaio. Chiusura aut. regolabile
  • Sistema di regolazione automatica della profondità dei fari
  • Sistema di Start/stop automatico e tasto per disinserimento
  • Sistema Immobiliser elettronico
  • Telecomando ad onde radio per chiusura centralizzata specifico M con chiave di emergenza fisica integrata. Telecomandi forniti: 2
  • Ugelli tergicristalli riscaldati
  • Apertura Comfort del bagagliaio
  • Specchietti retrovisori esterni regolabili e ripieg. elett., riscaldati e lato guida auto anabbagliante
  • Specchietto retrovisore interno con funzione anabbagliante automatica
  • Sensori di parcheggio PDC Ant./Post.
  • Sensore pioggia con accensione anabbaglianti, regolazione tergicristalli e sensore di appannamento
  • Cruise Control con funzione freno e funzione limitatore di velocità
  • Climatizzatore automatico con controllo a 3 Zone
  • High-Beam Assistant
  • LED headlights

Sistemi di comunicazione e infotainment

  • Computer di bordo: vel. media, consumi medi, autonomia, indicatore di temp. esterna
  • Controller iDrive nella consolle centrale con tasti per selezione diretta funzioni
  • Guida uso e manutenzione integrata e accessibile via Control Display
  • Sistema di monitoraggio per manutenzione
  • BMW Live Cockpit Professional
  • BMW Connected Package Professional
  • Radio DAB
  • Sistema di altoparlanti amplificato
  • BMW Teleservices
  • BMW Connected Drive Services
  • Interfaccia Bluetooth e USB con funzionalità estese, Wireless Charging e WLAN Hotspot

BMW X3 M Competition

La BMW X3 M Competition aggiunge alla dotazione della M:

Sicurezza

  • Active Protection

Design esterno

  • Badge con nome modello sul portellone posteriore lato destro con finitura in nero lucido
  • Calandra a doppio rene con listelli doppi M, badge X3 M e cornice in nero lucido
  • Maniglie portiere in tinta carrozzeria
  • Specchietti retrovisori esterni con calotte in nero lucido
  • Terminali di scarico doppi (gemellati) a destra e a sinistra con finitura Dark Chrome
  • BMW Individual Shadow-line nero lucido con contenuti estesi

Cerchi e pneumatici

  • Cerchi in lega 21″ styling 765M bicolore diamantati in Jet Black con pneumatici misti (ant. 255/40 R21, post. 265/40 R21)

Interni

  • Listelli battitacco con badge X3 M Competition
  • Interni in Pelle “Merino” estesa
  • Supporto lombare elettrico per i sedili anteriori
  • Cinture di sicurezza M
  • Sedili sportivi M

Tecnologia a bordo

  • Impianto di scarico sportivo M
  • Allestimento Competition

title

BMW X3: modelli e prezzi di listino

Di seguito troverete tutte le caratteristiche delle versioni della BMW X3. La gamma motori della terza generazione della SUV media di Monaco è composta da undici unità sovralimentate:

  • un 2.0 turbo benzina da 184 CV
  • un 2.0 turbo benzina da 252 CV
  • un 3.0 turbo benzina sei cilindri in linea da 354 CV
  • un 3.0 biturbo benzina sei cilindri in linea da 480 CV
  • un 3.0 biturbo benzina sei cilindri in linea da 510 CV
  • un 2.0 turbo ibrido plug-in benzina da 292 CV
  • un 2.0 mild hybrid turbodiesel da 190 CV
  • un 2.0 turbodiesel da 150 CV
  • un 3.0 turbodiesel a sei cilindri in linea da 249 CV
  • un 3.0 turbodiesel a sei cilindri in linea da 265 CV
  • un 3.0 turbodiesel a sei cilindri in linea da 326 CV

BMW X3 xDrive20i (da 50.250 euro)

La BMW X3 xDrive20i (prezzi fino a 59.450 euro) è la versione “base” a benzina della SUV media teutonica: una vettura agile nelle curve e poco assetata di carburante che non paga l’ecotassa. Il motore – penalizzato da una cilindrata elevata che non aiuta a risparmiare sull’assicurazione RC Auto – è povero di cavalli (184) e di coppia (300 Nm), rumorosetto e non molto brioso (“0-100” in 8,3 secondi) ma in compenso è molto elastico. Migliorabile il cambio.

BMW X3 xDrive30i (da 57.150 euro)

La BMW X3 xDrive30i (prezzi fino a 66.350 euro) è, secondo noi, la variante migliore della Sport Utility bavarese. Il motore è un 2.0 turbo a benzina in grado id generare una potenza di 252 CV e una coppia di 350 Nm.

BMW X3 xDriveM40i (74.400 euro)

La BMW X3 xDrive M40i offre il giusto compromesso tra piacere di guida e (relativamente) bassi consumi. Il propulsore, però, potrebbe essere più reattivo ai bassi regimi.

BMW X3 M (93.300 euro)

La BMW X3 M monta un motore 3.0 biturbo benzina a sei cilindri in linea da 480 CV e 600 Nm di coppia.

BMW X3 M Competition (102.600 euro)

La BMW X3 M Competition è la versione più “cattiva” della Sport Utility teutonica e ospita sotto il cofano un propulsore 3.0 dalla cilindrata relativamente contenuta che aiuta a risparmiare sull’assicurazione RC Auto.

BMW X3 xDrive30e (da 58.950 euro)

La BMW X3 xDrive30e (prezzi fino a 67.450 euro) è la versione ibrida plug-in benzina (ossia ricaricabile attraverso una presa di corrente) della terza evoluzione della SUV media tedesca. Beve poco (a patto di sfruttare il più possibile la modalità di guida elettrica) ma il peso considerevole incide negativamente sul divertimento nel misto. Senza dimenticare il motore 2.0 (cilindrata importante che non aiuta a risparmiare sull’assicurazione RC Auto) rumoroso, poco pimpante e carente di cavalli (292) e di coppia (420 Nm).

BMW X3 xDrive20d 48V (da 52.450 euro)

La BMW X3 xDrive20d 48V (prezzi fino a 61.650 euro) è la variante mild hybrid diesel della Sport Utility di Monaco ed è spinta da un motore 2.0 turbodiesel da 190 CV.

BMW X3 sDrive18d (da 48.350 euro)

La BMW X3 sDrive18d (prezzi fino a 57.550 euro) è la versione più accessibile della crossover bavarese nonché l’unica a trazione posteriore. Si accontenta di poco gasolio e ha un buon cambio ma il motore (carente di cavalli – 150 – e di coppia: 350 Nm) non brilla alla voce “brio” (9,5 secondi sullo “0-100”). Esistono concorrenti più godibili nelle curve.

BMW X3 xDrive30d 249 CV (da 58.950 euro)

La BMW X3 xDrive30d 249 CV (prezzi fino a 68.150 euro) ospita sotto il cofano un raffinato motore a sei cilindri in linea ricco di cavalli e di coppia (620 Nm), silenzioso, scattante e poco assetato di carburante. La cilindrata elevata (3.0) non aiuta chi vuole risparmiare sull’assicurazione RC Auto e la risposta ai bassi regimi potrebbe essere più corposa.

BMW X3 xDrive30d (da 58.950 euro)

La BMW X3 xDrive30d (prezzi fino a 68.150 euro) monta un motore a sei cilindri in linea silenzioso ed elastico penalizzato esclusivamente dalla cilindrata elevata (tre litri). Le concorrenti bevono meno gasolio.

BMW X3 xDriveM40d (73.550 euro)

La BMW X3 xDrive M40d è la versione diesel più potente della SUV media di Monaco ma punta più sul comfort che sul piacere di guida. Il motore è silenzioso e vivace (“0-100” in 4,9 secondi) ma regala le cose migliori agli alti regimi.

 

title

BMW X3: gli optional

La dotazione di serie della BMW X3 andrebbe a nostro avviso arricchita con due optional fondamentali: l’Active Cruise Control con funzione Stop&Go e la vernice metallizzata (1.100 euro, 1.000 euro per M e M Competition). Sugli allestimenti MM Competition aggiungeremmo il tetto in vetro scorrevole/inclinabile ad azionamento elettrico (1.700 euro).

BMW X3 usata

La terza generazione della BMW X3 è una delle SUV medie “premium” più richieste sul mercato dell’usato: i primi esemplari del 2017 della versione xDrive20d Luxury si trovano di seconda mano a meno di 35.000 euro.

BMW X3 dimensioni

La BMW X3 è lunga 4,71 metri (4,72 la M40, 4,73 la M e la M Competition), larga 1,89 metri (1,90 per M40, M e M Competition) e alta 1,68 metri (1,67 per M e M Competition). Il passo di 2,86 metri è lo stesso della “cugina” X4.

L’articolo BMW X3: modelli, prezzi, dotazioni e foto proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Multa autovelox, come evitare la decurtazione dei punti

title

Conosciamo tutti gli autovelox, strumenti che gli automobilisti temono, che controllano la velocità di percorrenza delle vetture su determinate tratte di strada in cui vengono installati. Si tratta di dispositivi che scattano una foto alla targa dei veicoli che procedono ad una velocità che va oltre i limiti consentiti dalla Legge. In seguito viene inviata la multa al possessore della vettura che ha commesso l’infrazione.

Questo significa che si deve pagare obbligatoriamente una sanzione pecuniaria e a volte anche delle sanzioni accessorie, come la decurtazione dei punti dalla patente, la sospensione o la revoca della stessa. La multa deve essere pagata entro e non oltre 5 giorni dalla notifica, se si vuole beneficiare della riduzione del 30%, oppure entro 60 giorni.

Ma oggi vediamo una notizia che riguarda la decurtazione dei punti dalla patente, gli automobilisti multati saranno contenti di sapere che la Corte di Cassazione, con l’ordinanza 9555/2018 depositata dalla Seconda sezione civile, ha deciso che non è più obbligatorio sapere chi c’era al volante, da parte del proprietario di un’auto, nell’istante in cui è stata scattata la foto dall’autovelox. Se non si comunicano quindi i dati del conducente oggi non scatta più la seconda sanzione e nemmeno la decurtazione dei punti, vediamo cosa succede.

Come evitare il taglio dei punti e la seconda sanzione in caso di multa con autovelox

Tutte le infrazioni che non possono essere contestate al momento, come quelle per eccesso di velocità rilevate grazie alla presenza dell’autovelox, in passato prevedevano la spedizione della multa direttamente a casa del proprietario del veicolo incriminato entro i 90 giorni successivi al momento in cui era stato captato l’errato comportamento alla guida. Con la multa, arrivava a destinazione anche l’invito a comunicare i dati della persona che si trovava effettivamente al volante in quell’istante.

Dovevano essere trasmessi nome, cognome e numero di patente del soggetto che aveva commesso l’infrazione. Questo serviva per avere le generalità della persona a cui decurtare i punti. La comunicazione doveva essere fatta anche se al volante c’era il proprietario stesso del veicolo; se le Forze dell’Ordine non ricevevano alcun dato richiesto senza una ragione particolare e dichiarata, allora il titolare dell’auto riceveva una seconda multa di valore compreso tra i 282 e i 1142 euro.

Ora però le cose sono cambiate, la Corte ha deciso che il proprietario della macchina ‘incriminata’ può anche esonerarsi da questa responsabilità di comunicazione, dimostrando di non avere la possibilità di risalire alla persona che guidava nel momento in cui è stata commessa l’infrazione per eccesso di velocità; in questo caso non è costretto comunque né a pagare la seconda multa e nemmeno a perdere punti sulla propria patente di guida. Le persone che ricevono una multa rilevata dall’autovelox oggi possono quindi limitarsi a pagare la multa principale, evitando la decurtazione dei punti e la seconda sanzione per non aver comunicato i dati anagrafici della persona che ha infranto il Codice della Strada.

Per farlo devono però rispondere entro 60 giorni alla Polizia, affermando di avere un’auto condivisa con altri familiari e di non poter risalire al soggetto che si trovava al volante nel momento in cui è stata rilevata l’infrazione, visto anche il tempo trascorso. Ovviamente alla fine spetta comunque al giudice incaricato valutare, uno ad uno, quali casi meritano davvero di essere accolti e quali invece restano obbligati al pagamento della seconda sanzione e alla decurtazione dei punti della patente.

L’articolo Multa autovelox, come evitare la decurtazione dei punti proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Mondiale F1 2020 – GP Australia a Melbourne: gli orari TV su Sky e TV8

title

Credits: Credits: Peter Nicholls-WPA Pool/Getty Images

Il GP d’Australia a Melbourne aprirà (coronavirus permettendo) il Mondiale F1 2020: la prima tappa del campionato del mondo di Formula 1 sarà trasmessa in diretta su Sky e in differita su TV8 (di seguito troverete gli orari TV).

F1 Pre Season Testing 2020 In Barcelona

Credits: Credits: Xavier Bonilla/NurPhoto via Getty Images

The Duke Of Sussex Officially Opens The Silverstone Experience

Credits: Credits: Peter Nicholls-WPA Pool/Getty Images

F1 Winter Testing in Barcelona – Day Two

Credits: Credits: Charles Coates/Getty Images

F1 Winter Testing in Barcelona – Day Three

Credits: Credits: Joan Valls/Urbanandsport /NurPhoto

F1 Grand Prix of Australia – Previews

Credits: Credits: Mark Thompson/Getty Images

/

La Mercedes sarà anche quest’anno la monoposto da battere? Molto probabile. Resta solo da capire chi – tra Ferrari e Red Bull – sarà la principale rivale della scuderia tedesca.

F1 2020 – GP Australia: cosa aspettarsi

Il circuito di Melbourne – sede del GP d’Australia – premia le vetture veloci in curva e i piloti che disputano delle buone qualifiche: dal 2004 a oggi solo Kimi Räikkönen è stato capace di salire sul gradino più alto del podio senza scattare dalle prime due file della griglia.

La pioggia è prevista ma solo nella giornata di venerdì durante le prime prove libere. Di seguito troverete il calendario del Gran Premio d’Australia, gli orari TV su Sky e TV8 e il nostro pronostico.

F1 2020 – Melbourne, il calendario e gli orari TV su Sky e TV8
Venerdì 13 marzo 2020
02:00-03:30 Prove libere 1 (diretta su Sky Sport F1)
06:00-07:30 Prove libere 2 (diretta su Sky Sport F1)
Sabato 14 marzo 2020
04:00-05:00 Prove libere 3 (diretta su Sky Sport F1)
07:00-08:00 Qualifiche (diretta su Sky Sport F1, differita alle 15:00 su TV8)
Domenica 15 marzo 2020
06:10 Gara (diretta su Sky Sport F1, differita alle 14:45 su TV8)

F1 – I numeri del GP d’Australia
LUNGHEZZA CIRCUITO 5.303 m
GIRI 58
RECORD IN PROVA Lewis Hamilton (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1’20”486 – 2019
RECORD IN GARA Michael Schumacher (Ferrari F2004) – 1’24”125 – 2004
RECORD DISTANZA Michael Schumacher (Ferrari F2004) – 1h24’15”757 – 2004

F1 – Il pronostico del GP d’Australia 2020

title

1° Lewis Hamilton (Mercedes)

Lewis Hamilton vincerà il GP d’Australia 2020? Secondo noi e secondo i bookmaker sì. Il pilota britannico punta al settimo titolo iridato per eguagliare il record di Mondiali conquistati di Michael Schumacher e ha tutte le carte in regola per riuscirci.

Reduce da cinque piazzamenti in “top 3” nelle ultime sei corse dello scorso anno, può vantare in Oceania otto pole position (di cui sei negli ultimi sei anni), due vittorie (l’ultima, però, cinque anni fa) e nove podi totali.

title

2° Sebastian Vettel (Ferrari)

La Ferrari non sembra molto in forma ma Sebastian Vettel vuole iniziare alla grande il Mondiale F1 2020 dopo un 2019 sotto le aspettative chiuso con tre Gran Premi fuori dal podio.

I precedenti in Australia del driver tedesco? Tre pole position (ma mai con la Rossa), tre successi e sette podi. Senza dimenticare che da quando corre con la scuderia di Maranello è sempre partito dalle prime due file a Melbourne.

title

3° Valtteri Bottas (Mercedes)

Valtteri Bottas si presenta al via del GP d’Australia 2020 da vicecampione del mondo dopo una stagione memorabile terminata senza particolari guizzi (fuori dalla “top 3” nelle ultime due gare del 2019).

La seconda guida Mercedes ha trionfato a Melbourne lo scorso anno e può vantare due podi complessivi sul tracciato australiano. Non c’è due senza tre?

title

Da tenere d’occhio: Max Verstappen (Red Bull)

In Australia capiremo finalmente se Max Verstappen sarà davvero il principale rivale delle Mercedes nel Mondiale F1 2020 o se – al contrario – le Ferrari si sono nascoste durante i test di Barcellona.

Va detto, però, che Melbourne non è un circuito molto amato dal giovane talento della Red Bull (reduce da un Mondiale 2019 pazzesco terminato con tre GP di seguito sul podio): mai in “top 3” in qualifica e un terzo posto come miglior piazzamento lo scorso anno.

title

La squadra da seguire: Mercedes

Sei pole position negli ultimi sei anni e quattro vittorie: è questo l’impressionante palmarès della Mercedes nel GP d’Australia.

Anche nel Mondiale F1 2020 le frecce d’argento saranno le monoposto più veloci: lo scorso anno hanno dominato chiudendo il campionato con cinque trionfi negli ultimi sei Gran Premi stagionali.

L’articolo Mondiale F1 2020 – GP Australia a Melbourne: gli orari TV su Sky e TV8 proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Graffi superficiali carrozzeria: come eliminarli alla perfezione

title

Accorgersi di avere dei graffi sulla carrozzeria della propria auto è sicuramente una seccatura, soprattutto se la macchina è nuova o comunque ben tenuta. Purtroppo però non è raro che capiti di rovinare la macchina, utilizzarla infatti la espone al rischio di ritrovarsi dei graffi, sia per responsabilità propria che di altri.

Le cause dei graffi sulla carrozzeria dell’auto

I graffi sulla carrozzeria possono essere causati da diversi fattori, un sassolino che si solleva e ci colpisce, un urto con un bracciale o una cerniera o con le stesse chiavi dell’auto, un parcheggio sbagliato, o addirittura un atto vandalico voluto. Esiste comunque una soluzione per i graffi superficiali della carrozzeria, che permette di riparare i danni in poche e semplici mosse, che possono essere eseguite anche in autonomia.

Come eliminare i graffi superficiali dalla carrozzeria dell’auto

Ci sono differenti metodi per eliminare i graffi di minore entità dalla carrozzeria, vediamo i passaggi da seguire:

  • prima di tutto lavate l’auto e pulite accuratamente la superficie. In questo modo potrete vedere bene i graffi presenti sulla carrozzeria e potrete eliminare lo sporco che si può accumulare all’interno di ogni segno sulla vernice;
  • valutate poi la profondità del solco sulla macchina, per capire poi successivamente come intervenire. Quindi passate un dito sulla parte rovinata, in particolare con l’unghia, e cercate di capire quanto è profondo appunto il danno;
  • munitevi di pasta abrasiva e cotone, se il graffio non è troppo profondo la pasta abrasiva per auto a grana fina può bastare. Si tratta di una sostanza che riesce a sospingere alcune particelle di vernice che si trovano attorno al graffio verso l’interno del solco, cercando di riempirlo per eliminare il danno. È bene essere attenti però nell’utilizzo di questo materiale per eliminare i graffi dalla carrozzeria, innanzitutto l’auto deve essere ben pulita, per evitare che la vernice si amalgami allo sporco. In seguito, potete applicare la pasta abrasiva su un pezzo di cotone e passare il tutto con movimenti circolari sul graffio, con un tocco abbastanza leggero;
  • se la pasta abrasiva non basta, allora è necessario procedere facendo un ritocco con vernice e un pennello fino. Per comprare la vernice del colore esatto bisogna procurarsi il codice che identifica la tinta della macchina, che solitamente si trova all’interno della portiera. Il pennello consente di penetrare nel graffio e eliminarlo, riempiendolo di vernice. Anche in questo caso ovviamente l’auto deve essere pulita e soprattutto al riparo dagli agenti atmosferici fino all’asciugatura;
  • infine bisogna ripulire con cura la zona in cui si è intervenuti e lucidare, per eliminare i residui di pasta abrasiva e gli aloni provocati da quest’ultima, rendendo la riparazione ottimale e uniforme.

Ci sono anche degli accorgimenti da tenere presente per prevenire i danni e i graffi sulla carrozzeria dell’auto, per evitare così di dover provvedere con la riparazione fai da te, sempre se possibile. Tra i vari prodotti che esistono in commercio oggi nei centri specializzati per auto, alcuni hanno una funzione protettiva della vernice, tra cui ad esempio il polish. Si tratta di una sostanza, una sorta di cera, da applicare su tutta l’auto: la rende lucida e crea anche una specie di pellicola protettiva che preserva la macchina da eventuali graffi superficiali alla carrozzeria. Il polish è facile da applicare in autonomia, prima bisogna lavare e asciugare l’auto e poi la cera va stesa con un panno, l’applicazione deve essere fatta accuratamente e uniformemente, eliminando eventuali punti in eccesso.

L’articolo Graffi superficiali carrozzeria: come eliminarli alla perfezione proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Audi A3: la nuova generzione in Italia con prezzi da 29.150 euro

title

L’Audi A3 sbarca sul mercato italiano con la quarta generazione, già ordinabile con prezzi a partire da 29.150 euro e prime consegne previste entro il mese di giugno.

Audi A3 Sportback 2020: tre motori al lancio

Al lancio commerciale la nuova Audi A3 2020 entra in listino con due motorizzazioni: il 1.5 TFSI da 150 CV (da 30.100 euro) e il 2.0 TDI da 116 CV (da 29.150 euro) o 150 CV (da 35.200 euro). Solo quest’ultimo è abbinato alla trasmissione automatica s troni a 7 rapporti. Più avanti arriveranno in gamma il tre cilindri 1.0 TFSI da 110 CV e il 1.5 TFSI da 150 CV mild-hybrid da 48 Volt.

Audi A3: equipaggiamento di serie

DI serie, su tutte le versioni, la nuova Audi A3 è equipaggiata con i cerchi da 16 pollici, i fari a LED, i sensori per le luci e la pioggia e i retrovisori elettrici e riscattabili. A borda conta sul climatizzare naturale, il sistema MMI con radio digitale DAB, la strumentazione digitale, il cruise control adattivo, la frenata automatica d’emergenza e il Lane Departire Warning.

Gli allestimenti dell’Audi A3 2020

Oltre alla variante di accesso alla gamma A3, sono disponibili altri tre allestimenti con un equipaggiamento più ricco:

Audi A3 Business

Prima scelta dopo l’allestimento di accesso alla gamma A3 di Audi è la versione Business che aggiunge all’equipaggiamento di serie anche i sensori di parcheggio posteriori, l’adattive cruise control con stop&go, il clima bizona, e il sistema di infotainment  compatibile con Apple CarPlay e Android Auto.

Audi A3 Business Advanced

L’allestimento Business Advanced monta anche i cerchi da 18 pollici, il sistema di assistenza per il parcheggio, battitacchi in alluminio e carrozzeria in tinta lucida con rifiniture in grigio selenite opaco.

Audi A3 S Line Edition

Al top della gamma Audi A3 2020 c’è l’allestimento sportiveggiante S-Editon con cerchi da 18 pollici in grigio grafite, rifiniture nere e grigio platino opaco e l’Audi Drive Select per la personalizzazione delle modalità dio guida.

L’articolo Audi A3: la nuova generzione in Italia con prezzi da 29.150 euro proviene da Icon Wheels.

Fonte:

AdBlue, a cosa serve e quando bisogna rabboccarlo

title

L’AdBlue è una soluzione composta da urea a elevata purezza e acqua demineralizzata. Viene iniettata nei gas di scarico di un motore diesel e il suo compito è quello di ridurre le emissioni di NOx insieme alla tecnologia SCR.

Si tratta quindi di un additivo diesel da usare in tutti i motori Euro 6 obbligatoriamente, viene nebulizzato grazie all’iniettore che si trova nell’impianto di scarico e si trasforma, ad alte temperature, in anidride carbonica e ammoniaca. L’auto ha un serbatoio apposito dove deve essere versato l’AdBlue; nel momento in cui il liquido è esaurito, non è possibile avviare il motore, lo stesso avviene se l’additivo viene inserito erroneamente nel serbatoio del carburante.

AdBlue: da cosa dipende il consumo

I consumi del liquido AdBlue dipendono da differenti fattori, tra cui anche lo stile di guida adottato dall’automobilista al volante. In linea generale il consumo di questo additivo dovrebbe essere attorno a 500 km/litro, pare che il serbatoio possa contenere una quantità che varia da 11 a 19 litri. Sul manuale di istruzioni dell’auto è possibile trovare l’esatta posizione in cui si trova il serbatoio dell’AdBlue, il tappo è di colore blu, quindi è facilissimo individuarlo.

Come e quando fare rifornimento di AdBlue

Molti veicoli diesel, dopo l’introduzione delle nuove norme Euro 6 relative alle emissioni auto, sono dotati di un serbatoio per l’additivo AdBlue. Su questa tipologia di vetture c’è il catalizzatore SCR che, con l’AdBlue, consente la trasformazione dell’85% circa degli ossidi di azoto prodotti in azoto e acqua, elementi che risultano essere innocui sia per la nostra salute che per l’ambiente. Si tratta di una tecnologia in grado di dosare la quantità di additivo per ogni litro di carburante consumato.

Il rabbocco del liquido, una volta esaurito, può essere effettuato in officina ogni volta che si fa il tagliando, periodicamente. Ci sono casi in cui però questo non basta, ad esempio se si percorrono delle strade particolari che richiedono un maggiore consumo di diesel o se si tiene uno stile di guida sportivo. Più si consuma gasolio, più si consuma AdBlue. Per questo è importante sapere anche come e quando eseguire il rabbocco dell’additivo in autonomia, senza il bisogno di un meccanico in un’officina specializzata.

In base alla capacità dei serbatoi AdBlue solitamente le auto possono percorrere in media fino ai 15-20.000 km con un pieno di additivo. Una spia e un messaggio sul cruscotto avvisano l’automobilista quando l’auto necessita del rifornimento di AdBlue; il rabbocco è obbligatorio e il consiglio è quello di non arrivare mai all’esaurimento totale del liquido.

Dove si acquista l’AdBlue e come si fa rifornimento?

Sono differenti i punti vendita in cui è possibile acquistare l’additivo, infatti viene distribuito nelle stazioni di servizio, nelle officine, nelle concessionarie e addirittura nei maggiori e-commerce. I formati di vendita sono diversi, i più comuni sono il flacone da 2 litri oppure il fustino da 10 litri. Come abbiamo detto, invece che comprare autonomamente l’additivo, si può fare rifornimento al distributore, lo stesso in cui si fa anche il pieno di gasolio e benzina.

Il serbatoio per l’AdBlue può trovarsi in differenti posizioni a seconda del modello di auto, può essere sotto il tappeto del bagagliaio, accanto al serbatoio del carburante oppure anche nel vano motore. È fondamentale usare la pistola erogatrice o l’apposito erogatore, senza far entrare altre sostanze differenti dall’AdBlue nel serbatoio, si può rabboccare l’additivo come si fa con la benzina o il gasolio, nello stesso modo.

Il prezzo del rifornimento di AdBlue

Non esiste un prezzo fisso dell’additivo, in commercio infatti ci sono liquidi differenti in base al produttore che li realizza e commercializza. Possiamo fare una media dei prezzi che vediamo negli e-commerce, le taniche da 10 litri costano dai 15 ai 30 euro circa.

L’articolo AdBlue, a cosa serve e quando bisogna rabboccarlo proviene da Icon Wheels.

Fonte:

F1 2020: il calendario e i circuiti

title

Il calendario del Mondiale F1 2020 (per il momento) è composto da 21 GP come lo scorso anno, anche se va detto che c’è una ventiduesima tappa – il Gran Premio della Cina – rinviata a data da destinarsi per via del coronavirus. Una stagione particolare, con due nuove gare (Vietnam e Olanda) che hanno preso il posto della Germania.

Di seguito troverete il calendario completo del Mondiale F1 2020, le mappe e le caratteristiche dei circuiti compresi i record sul giro e gli orari per seguire le prove libere, le qualifiche e le gare. Senza dimenticare le corse che verranno trasmesse in diretta TV anche in chiaro su TV8 e non solo su Sky Sport F1.

Mondiale F1 2020 – Il calendario e i circuiti

title

1 – GP Australia (Melbourne) – 15 marzo 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5.303 m
GIRI: 58
RECORD IN PROVA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1’20”486 – 2019
RECORD IN GARA: Michael Schumacher (Ferrari F2004) – 1’24”125 – 2004
RECORD DISTANZA: Michael Schumacher (Ferrari F2004) – 1h24’15”757 – 2004

Il calendario

VENERDÌ 13 MARZO 2020

Prove libere 1 02:00-03:30
Prove libere 2 06:00-07:30

SABATO 14 MARZO 2020

Prove libere 3 04:00-05:00
Qualifiche 07:00-08:00

DOMENICA 15 MARZO 2020

Gara 06:10

title

2 – GP Bahrein (Sakhir) – 22 marzo 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5.412 m
GIRI: 57
RECORD IN PROVA: Charles Leclerc (Ferrari SF90) – 1’27”866 – 2019
RECORD IN GARA: Pedro de la Rosa (McLaren MP4-20) – 1’31”447 – 2005
RECORD DISTANZA: Fernando Alonso (Renault R25) – 1h29’18”531 – 2005

Il calendario

VENERDÌ 20 MARZO 2020

Prove libere 1 12:00-13:30
Prove libere 2 16:00-17:30

SABATO 21 MARZO 2020

Prove libere 3 13:00-14:00
Qualifiche 16:00-17:00

DOMENICA 22 MARZO 2020

Gara 16:10

title

3 – GP Vietnam (Hanoi) – 5 aprile 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5.607 m
GIRI: 55

Il calendario

VENERDÌ 3 APRILE 2020

Prove libere 1 06:00-07:30
Prove libere 2 10:00-11:30

SABATO 4 APRILE 2020

Prove libere 3 07:00-08:00
Qualifiche 10:00-11:00

DOMENICA 5 APRILE 2020

Gara 09:10

title

4 – GP Olanda (Zandvoort) – 3 maggio 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 4.252 m
GIRI: 72

Il calendario

VENERDÌ 1 MAGGIO 2020

Prove libere 1 11:00-12:30
Prove libere 2 15:00-16:30

SABATO 2 MAGGIO 2020

Prove libere 3 12:00-13:00
Qualifiche 15:00-16:00

DOMENICA 3 MAGGIO 2020

Gara 15:10

title

5 – GP Spagna (Barcellona) – 10 maggio 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 4.655 m
GIRI: 66
RECORD IN PROVA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W09 EQ Power +) – 1’16”173 – 2018
RECORD IN GARA: Daniel Ricciardo (Red Bull RB14) – 1’18”441 – 2018
RECORD DISTANZA: Felipe Massa (Ferrari F2007) – 1h31’36”230 – 2007

Il calendario

VENERDÌ 8 MAGGIO 2020

Prove libere 1 11:00-12:30
Prove libere 2 15:00-16:30

SABATO 9 MAGGIO 2020

Prove libere 3 12:00-13:00
Qualifiche 15:00-16:00

DOMENICA 10 MAGGIO 2020

Gara 15:10

title

6 – GP Monaco (Monte Carlo) – 24 maggio 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 3.337 m
GIRI: 78
RECORD IN PROVA: Daniel Ricciardo (Red Bull RB14) – 1’10”810 – 2018
RECORD IN GARA: Max Verstappen (Red Bull RB14) – 1’14”260 – 2018
RECORD DISTANZA: Daniel Ricciardo (Red Bull RB14) – 1h42’54”807 – 2018

Il calendario

GIOVEDÌ 21 MAGGIO 2020

Prove libere 1 11:00-12:30
Prove libere 2 15:00-16:30

SABATO 23 MAGGIO 2020

Prove libere 3 12:00-13:00
Qualifiche 15:00-16:00

DOMENICA 24 MAGGIO 2020

Gara 15:10 (in diretta TV anche in chiaro su TV8)

title

7 – GP Azerbaigian (Baku) – 7 giugno 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 6.003 m
GIRI: 51
RECORD IN PROVA: Valtteri Bottas (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1’40”495 – 2019
RECORD IN GARA: Charles Leclerc (Ferrari SF90) – 1’43”009 – 2019
RECORD DISTANZA: Valtteri Bottas (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1h31’52”942 – 2019

Il calendario

VENERDÌ 5 GIUGNO 2020

Prove libere 1 11:00-12:30
Prove libere 2 15:00-16:30

SABATO 6 GIUGNO 2020

Prove libere 3 12:00-13:00
Qualifiche 15:00-16:00

DOMENICA 7 GIUGNO 2020

Gara 14:10

title

8 – GP Canada (Montréal) – 14 giugno 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 4.361 m
GIRI: 70
RECORD IN PROVA: Sebastian Vettel (Ferrari SF90) – 1’10”240 – 2019
RECORD IN GARA: Valtteri Bottas (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1’13”078 – 2019
RECORD DISTANZA: Michael Schumacher (Ferrari F2004) – 1h28’24”803 – 2004

Il calendario

VENERDÌ 12 GIUGNO 2020

Prove libere 1 17:00-18:30
Prove libere 2 21:00-22:30

SABATO 13 GIUGNO 2020

Prove libere 3 17:00-18:00
Qualifiche 20:00-21:00

DOMENICA 14 GIUGNO 2020

Gara 20:10

title

9 – GP Francia (Le Castellet) – 28 giugno 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5.842 m
GIRI: 53
RECORD IN PROVA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1’28”319 – 2019
RECORD IN GARA: Sebastian Vettel (Ferrari SF90) – 1’32”740 – 2019
RECORD DISTANZA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1h24’31”198 – 2019

Il calendario

VENERDÌ 26 GIUGNO 2020

Prove libere 1 11:00-12:30
Prove libere 2 15:00-16:30

SABATO 27 GIUGNO 2020

Prove libere 3 12:00-13:00
Qualifiche 15:00-16:00

DOMENICA 28 GIUGNO 2020

Gara 15:10

title

10 – GP Austria (Red Bull Ring) – 5 luglio 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 4.318 m
GIRI: 71
RECORD IN PROVA: Charles Leclerc (Ferrari SF90) – 1’03”003 – 2019
RECORD IN GARA: Kimi Räikkönen (Ferrari SF71H) – 1’06”957 – 2018
RECORD DISTANZA: Valtteri Bottas (Mercedes F1 W08 EQ Power +) – 1h21’48”523 – 2017

Il calendario

VENERDÌ 3 LUGLIO 2020

Prove libere 1 11:00-12:30
Prove libere 2 15:00-16:30

SABATO 4 LUGLIO 2020

Prove libere 3 12:00-13:00
Qualifiche 15:00-16:00

DOMENICA 5 LUGLIO 2020

Gara 15:10

title

11 – GP Gran Bretagna (Silverstone) – 19 luglio 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5.891 m
GIRI: 52
RECORD IN PROVA: Valtteri Bottas (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1’25”093 – 2019
RECORD IN GARA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1’27”369 – 2019
RECORD DISTANZA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W10 EQ Power +) -1h21’08”452 – 2019

Il calendario

VENERDÌ 17 LUGLIO 2020

Prove libere 1 12:00-13:30
Prove libere 2 16:00-17:30

SABATO 18 LUGLIO 2020

Prove libere 3 13:00-14:00
Qualifiche 16:00-17:00

DOMENICA 19 LUGLIO 2020

Gara 16:10 (in diretta TV anche in chiaro su TV8)

title

12 – GP Ungheria (Hungaroring) – 2 agosto 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 4.381 m
GIRI: 70
RECORD IN PROVA: Max Verstappen (Red Bull RB15) – 1’14”572 – 2019
RECORD IN GARA: Max Verstappen (Red Bull RB15) – 1’17”103 – 2019
RECORD DISTANZA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1h35’03”796 – 2019

Il calendario

VENERDÌ 31 LUGLIO 2020

Prove libere 1 11:00-12:30
Prove libere 2 15:00-16:30

SABATO 1 AGOSTO 2020

Prove libere 3 12:00-13:00
Qualifiche 15:00-16:10

DOMENICA 2 AGOSTO 2020

Gara 15:10 (in diretta TV anche in chiaro su TV8)

title

13 – GP Belgio (Spa-Francorchamps) – 30 agosto 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 7.004 m
GIRI: 44
RECORD IN PROVA: Sebastian Vettel (Ferrari SF71H) – 1’41”501 – 2018
RECORD IN GARA: Valtteri Bottas (Mercedes F1 W09 EQ Power +) – 1’46”286 – 2018
RECORD DISTANZA: Kimi Räikkönen (Ferrari F2007) – 1h20’39”066 – 2007

Il calendario

VENERDÌ 28 AGOSTO 2020

Prove libere 1 11:00-12:30
Prove libere 2 15:00-16:30

SABATO 29 AGOSTO 2020

Prove libere 3 12:00-13:00
Qualifiche 15:00-16:00

DOMENICA 30 AGOSTO 2020

Gara 15:10 (in diretta TV anche in chiaro su TV8)

title

14 – GP Italia (Monza) – 6 settembre 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5.793 m
GIRI: 53
RECORD IN PROVA: Kimi Räikkönen (Ferrari SF71H) – 1’19”119 – 2018
RECORD IN GARA: Rubens Barrichello (Ferrari F2004) – 1’21”046 – 2004
RECORD DISTANZA: Michael Schumacher (Ferrari F2003 GA) – 1h14’19”838 – 2003

Il calendario

Venerdì 4 settembre 2020

Prove libere 1 11:00-12:30
Prove libere 2 15:00-16:30

Sabato 5 settembre 2020

Prove libere 3 12:00-13:00
Qualifiche 15:00-16:00

Domenica 6 settembre 2020

Gara 15:10 (in diretta TV anche in chiaro su TV8)

title

15 – GP Singapore (Marina Bay) – 20 settembre 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5.065 m
GIRI: 61
RECORD IN PROVA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W09 EQ Power +) – 1’36”015 – 2018
RECORD IN GARA: Kevin Magnussen (Haas VF18) – 1’41”905 – 2018
RECORD DISTANZA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W09 EQ Power +) – 1h51’11”611 – 2018

Il calendario

VENERDÌ 18 SETTEMBRE 2020

Prove libere 1 10:30-12:00
Prove libere 2 14:30-16:00

SABATO 19 SETTEMBRE 2020

Prove libere 3 12:00-13:00
Qualifiche 15:00-16:00

DOMENICA 20 SETTEMBRE 2020

Gara 14:10

title

16 – GP Russia (Soči) – 27 settembre 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5.848 m
GIRI: 53
RECORD IN PROVA: Valtteri Bottas (Mercedes F1 W09 EQ Power +) – 1’31”387 – 2018
RECORD IN GARA: Valtteri Bottas (Mercedes F1 W09 EQ Power +) – 1’35”861 – 2018
RECORD DISTANZA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W09 EQ Power +) – 1h27’25”181 – 2018

Il calendario

VENERDÌ 25 SETTEMBRE 2020

Prove libere 1 10:00-11:30
Prove libere 2 14:00-15:30

SABATO 26 SETTEMBRE 2020

Prove libere 3 11:00-12:00
Qualifiche 14:00-15:00

DOMENICA 27 SETTEMBRE 2020

Gara 13:10

title

17 – GP Giappone (Suzuka) – 11 ottobre 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5.807 m
GIRI: 53
RECORD IN PROVA: Sebastian Vettel (Ferrari SF90) – 1’27”064 – 2019
RECORD IN GARA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1’30”983 – 2019
RECORD DISTANZA: Valtteri Bottas (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1h21’46”755 – 2019

Il calendario

VENERDÌ 9 OTTOBRE 2020

Prove libere 1 04:00-05:30
Prove libere 2 08:00-09:30

SABATO 10 OTTOBRE 2020

Prove libere 3 05:00-06:00
Qualifiche 08:00-09:00

DOMENICA 11 OTTOBRE 2020

Gara 06:10

title

18 – GP USA (Austin) – 25 ottobre 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5.513 m
GIRI: 56
RECORD IN PROVA: Valtteri Bottas (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1’32”029 – 2019
RECORD IN GARA: Charles Leclerc (Ferrari SF90) – 1’36”169 – 2019
RECORD DISTANZA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W08 EQ Power +) – 1h33’50”991 – 2017

Il calendario

VENERDÌ 23 OTTOBRE 2020

Prove libere 1 18:00-19:30
Prove libere 2 22:00-23:30

SABATO 24 OTTOBRE 2020

Prove libere 3 20:00-21:00
Qualifiche 23:00-00:00

DOMENICA 25 OTTOBRE 2020

Gara 20:10 (in diretta TV anche in chiaro su TV8)

title

19 – GP Città del Messico (Città del Messico) – 1 novembre 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 4.304 m
GIRI: 71
RECORD IN PROVA: Daniel Ricciardo (Red Bull RB14) – 1’14”759 – 2018
RECORD IN GARA: Valtteri Bottas (Mercedes F1 W09 EQ Power +) – 1’18”741 – 2018
RECORD DISTANZA: Max Verstappen (Red Bull RB13) – 1h36’26”552 – 2017

Il calendario

VENERDÌ 30 OTTOBRE 2020

Prove libere 1 18:00-19:30
Prove libere 2 22:00-23:30

SABATO 31 OTTOBRE 2020

Prove libere 3 17:00-18:00
Qualifiche 20:00-21:00

DOMENICA 1 NOVEMBRE 2020

Gara 20:10

title

20 – GP Brasile (Interlagos) – 15 novembre 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 4.309 m
GIRI: 71
RECORD IN PROVA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W09 EQ Power +) – 1’07”281 – 2018
RECORD IN GARA: Valtteri Bottas (Mercedes F1 W09 EQ Power +) – 1’10”540 – 2018
RECORD DISTANZA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W09 EQ Power +) – 1h27’09”066 – 2018

Il calendario

VENERDÌ 13 NOVEMBRE 2020

Prove libere 1 15:00-16:30
Prove libere 2 19:00-20:30

SABATO 14 NOVEMBRE 2020

Prove libere 3 16:00-17:00
Qualifiche 19:00-20:00

DOMENICA 15 NOVEMBRE 2020

Gara 18:10

title

21 – GP Abu Dhabi (Yas Marina) – 29 novembre 2020

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5.554 m
GIRI: 55
RECORD IN PROVA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1’34”779 – 2019
RECORD IN GARA: Lewis Hamilton (Mercedes F1 W10 EQ Power +) – 1’39”283 – 2019
RECORD DISTANZA: Sebastian Vettel (Red Bull RB5) – 1h34’03”414 – 2009

Il calendario

VENERDÌ 27 NOVEMBRE 2020

Prove libere 1 10:00-11:30
Prove libere 2 14:00-15:30

SABATO 28 NOVEMBRE 2020

Prove libere 3 11:00-12:00
Qualifiche 14:00-15:00

DOMENICA 29 NOVEMBRE 2020

Gara 14:10 (in diretta TV anche in chiaro su TV8)

L’articolo F1 2020: il calendario e i circuiti proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Pulizia auto: a mano o all’autolavaggio? Come scegliere

title

Pulire la propria auto è fondamentale, igienizzare ed eliminare ogni residuo di sporco. Spesso ci chiediamo però quale sia il metodo migliore per il lavaggio e per riuscire a mantenere la propria vettura come nuova per più tempo possibile. Vediamo le varie tipologie di lavaggio dell’auto e le migliori in base alle proprie necessità.

Pulizia auto: il lavaggio a mano e a secco

Lavare l’auto a mano significa fare una pulizia della propria vettura in maniera sicura per non danneggiare la carrozzeria e prendendosi cura di ogni particolare e ogni dettaglio, senza rovinare alcun elemento. Spesso si pensa che il lavaggio a mano dell’auto sia quello fatto a casa propria, in giardino o in cortile, con acqua e sapone e pulendo gli interni con l’aspirapolvere. Tanti lo fanno in questo modo, ma bisogna essere sempre molto scrupolosi, lavando la carrozzeria con un panno in microfibra e asciugando i vetri in modo da non lasciare aloni che possano ridurre la visibilità. La pratica “casalinga” comunque ovviamente non permette di ottenere dei risultati professionali.

Forse non tutti sanno che è in alcuni casi è vietata per Legge, la normativa prevede sanzioni pesanti, perché servirebbero impianti di smaltimento e depurazione delle acque reflue, per smaltire i residui che si creano con il lavaggio e la schiuma che si forma e viene scaricata, aumentando l’inquinamento. Questo è il motivo per cui oggi esistono molte realtà di lavaggio auto professionale, che sono effettuate con prodotti specifici realizzati appositamente, che non producono schiuma, e senza l’utilizzo di acqua.

Oggi si può usufruire del lavaggio a mano professionale a domicilio, senza doversi spostare per portare la macchina presso l’autolavaggio. Il lavaggio a mano a secco professionale prima era una possibilità per pochi, perché costava molto e quindi era dedicato principalmente a chi possedeva auto di lusso o d’epoca, molto delicate e di alto valore. Oggi invece i prezzi sono più vantaggiosi e quindi il servizio può essere richiesto da tutti.

Il lavaggio completo può durare fino a un’ora, il costo medio per gli esterni parte da circa 14 euro, quello del lavaggio completo a domicilio invece può costare circa 50 euro, escluse la sanificazione e la pulizia degli interni.

Pulizia auto: il self service e l’autolavaggio automatico

Il lavaggio automatico è un’altra alternativa, che offre la possibilità di pulire la macchina tramite i rulli presso un centro o un’officina autorizzata. È un metodo che si usa da decenni ma di cui oggi molti automobilisti diffidano, perché hanno paura che i rulli possano graffiare la carrozzeria. Per evitare danni è bene affidarsi a un autolavaggio che abbia rulli con fibre sintetiche, che possono rimuovere lo sporco senza andare a rovinare la vettura. Anche i detergenti utilizzati sono ovviamente importanti e devono essere di qualità. Si tratta comunque di un metodo di lavaggio dell’auto molto veloce e economico, ovviamente dedicato solo agli esterni. Per gli interni invece bisogna occuparsene in autonomia o richiedere la pulizia ad un addetto.

L’autolavaggio self service invece prevede l’uso di gettoni, l’automobilista deve usare autonomamente gli strumenti a disposizione, quali lance ad alta pressione che sparano acqua e sapone e altro, che permettono sicuramente un lavaggio più profondo. Con l’utilizzo dei gettoni si possono scegliere tutte le opzioni disponibili, tra cui il prelavaggio, l’insaponatura, il risciacquo, la spazzolatura della carrozzeria e degli pneumatici, l’applicazione della cera. Infine è possibile lavare i tappettini nell’apposito strumento e passare l’aspirapolvere negli interni.

Anche in questo caso il tempo stimato è di circa un’ora, il costo medio del lavaggio degli esterni si aggira attorno ai 5-10 euro, quello del lavaggio completo tra i 10 e i 15 euro.

L’articolo Pulizia auto: a mano o all’autolavaggio? Come scegliere proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Seat Tarraco FR e Ateca FR Black Edition

title

Seat presenta due nuove versioni di Ateca e Tarraco, orientate una all’eleganza, l’altra alla sportività.

Seat Tarraco FR

La Seat Tarraco FR, che entra nei listini della Casa spagnola, è la versione sportiva del più grande tra i SUV della gamma marchio, che va ad arricchirne la gamma di allestimenti già disponibili. Esteticamente la nuova Seat Tarraco FR è  caratterizzata da passaruota più ampi, spoiler al tetto, nuovo design degli estrattori posteriori e cerchi da 19” o da 20” con design dedicato. Per la versione FR debutta inoltre un nuovo colore esclusivo, il Cosmo Grey. Un ulteriore tocco di stile è rappresentato dalla nuova firma Tarraco sul portellone, in rilievo e con il “lettering” in grafia a mano, che aggiunge ricercatezza al design degli esterni. Un dettaglio, questo, che d’ora in poi caratterizzerà Tarraco in ogni sua versione.

Rispetto all’abitacolo, tra gli elementi che caratterizzano l’abitacolo spicca sicuramente il nuovo volante multifunzione in pelle, che debutta proprio con la versione FR di Tarraco e sarà successivamente introdotto su tutti gli altri allestimenti del modello nel corso dei prossimi mesi. Inoltre, i sedili anteriori supersportivi Bucket in tessuto con rifiniture in PVC (di serie sulla versione FR) e la pedaliera in alluminio conferiscono all’abitacolo un aspetto dinamico che distingue Tarraco dagli altri modelli del segmento.

Per quanto riguarda le dotazioni di serie disponibili per il nuovo allestimento, la Seat Tarraco FR include il sistema di navigazione con display touch da 8”, il park assist, il sistema di accesso Kessy entry, il Seat Drive Profile per la selezione del profilo di guida e il cruise control adattivo. 

La Seat Seat Tarraco FR è disponibile in una gamma di propulsori che include tre motorizzazioni benzina (1.5 TSI 150 CV abbinato al cambio manuale o DSG e 2.0 TSI 190 CV 4Drive con DSG) e tre Diesel (2.0 TDI 150 CV, 2.0 TDI 150 CV 4Drive e DSG e 2.0 TDI 190 CV 4Drive DSG), con prezzi che partono da 36.250 Euro chiavi in mano.

Seat Ateca FR Black Edition

La nuova Seat Ateca FR Black Edition si arricchisce di un nuovo allestimento speciale,  Black Edition, che offre ai clienti il massimo in termini di eleganza e performance su strada. Questa nuova versione nasce sulla base dell’allestimento FR, da cui eredita l’ampia offerta motori e i principali contenuti tecnologici, e si propone come versione top di gamma per il suo design distintivo e fuori dagli schemi.

Oltre agli equipaggiamenti già previsti per la versione FR di Seat Ateca, la versione speciale Black Edition include cerchi in lega Aneto Black da 19”, griglia, cornice anteriore e specchietti esterni in colore nero e bocchette di aerazione, pomello della leva del cambio, cornice del sistema d’infotainment e maniglie delle portiere anteriori in colore nero lucido. Dotazioni che si aggiungono al ricco contenuto di serie dell’allestimento FR, tra cui spicca il sistema di navigazione con display touch da 8”, fari full LED, sedili in Ultra microfibra Dinamica nera, mancorrenti al tetto neri e vetri posteriori oscurati.

 La Seat Ateca FR Black Edtition sarà disponibile in 7 diverse motorizzazioni, di cui tre a benzina (1.5 TSI 150 CV, 1.5 TSI 150 CV DSG e 2.0 TSI CV 4Drive DSG) e 4 Diesel (2.0 TDI 150 CV, 2.0 TDI 150 CV DSG, 2.0 TDI 150 CV 4Drive DSG e 2.0 TDI 190 CV 4Drive DSG), a partire da 30.450 Euro chiavi in mano.

L’articolo Seat Tarraco FR e Ateca FR Black Edition proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Patente di guida europea, dove puoi utilizzarla

title

Viaggiare in automobile in altri Paesi europei si può, ma è importante prima assicurarsi che la propria patente di guida sia valida nei Paesi UE in cui si ha intenzione di andare, oltre che l’assicurazione della propria auto. Come facciamo a sapere se la nostra patente di guida è utilizzabile in altri territori all’interno dell’Unione?

Patente di guida europea: riconoscimento e validità

Se la patente di cui sei in possesso è stata rilasciata da uno dei Paesi che fanno parte dell’Unione Europea, allora la puoi utilizzare in tutto il territorio dell’UE. L’unica cosa da controllare prima di partire, ovviamente, è che il tuo documento sia ancora valido e non scaduto. Se però ti accorgi che la tua patente scadrà proprio nel momento in cui sarai in viaggio all’estero, allora ricorda che il documento perderà automaticamente la sua validità e non potrà essere riconosciuto in nessun altro Paese UE. Se hai una patente o un certificato provvisori per qualsiasi motivo, non puoi guidare in un Paese diverso da quello in cui risiedi.

Patente di guida europea formato standard

Tutte le patenti rilasciate nell’Unione Europea, a partire dal 2013, hanno lo stesso formato: si presentano come una sorta di carta di credito in plastica, hanno maggiore protezione della sicurezza e un unico formato standard per tutta l’Europa. Le patenti con il vecchio formato non sono interessate dalla nuova normativa e infatti vengono tutte man mano sostituite con un documento nel nuovo formato standard nel momento del rinnovo o comunque sicuramente entro e non oltre il 2033.

In Europa le categorie di patenti di guida riconosciute sono le seguenti: AM, A1, A2, A, B, BE, B1, C1, C1E, C, CE, D1, D1E, D e DE. Per alcune categorie di veicoli, in alcuni Paesi dell’Unione Europea si applicano dei limiti di età diversi rispetto a quelli italiani per guidare determinate categorie di veicoli. Un esempio è l’età per conseguire il patentino per ciclomotori: 14 anni in Italia, 16 anni in Belgio. Ovviamente un adolescente italiano in Belgio non potrà guidare il motorino fino al compimento del 16esimo anno (non dovrà fare un nuovo esame di guida in questo Paese).

Patente di guida europea: due casi specifici

Chi ha una patente di guida europea ottenuta in sostituzione alla propria patente extra-UE perché vive in un nuovo Paese europeo, allora ha la possibilità di guidare liberamente in tutta l’Unione. Se invece si è in possesso di una patente rilasciata in un territorio extra-UE, allora è necessario contattare le autorità, il consolato o l’ambasciata.

Patente di guida europea: smarrimento o furto all’estero

Nel caso in cui tu perda o ti venga rubata la patente di guida durante un viaggio all’estero, allora è necessario rivolgersi alla Polizia Locale, al consolato o all’ambasciata del proprio Paese per fare la denuncia. Il consolato deve contattare le autorità nazionali che hanno rilasciato la patente di guida, in seguito la Polizia può rilasciare un documento provvisorio per guidare nel Paese estero in cui ci si trova per un periodo di tempo limitato (lavoro o vacanza). La sostituzione della patente può essere richiesta solo nel Paese in cui hai la residenza, tutti i certificati e le patenti provvisori che vengono rilasciati per sostituire i documenti smarriti o rubati non vengono riconosciuti automaticamente negli altri Paesi dell’Unione Europea.

Questo significa che se risiedi in Italia e vuoi visitare la Germania e la Francia (ad esempio) e perdi la patente all’inizio del viaggio (ad esempio in Germania) chiaramente rischi di prendere una multa se vieni fermato dalla Polizia. Per questo ti devi rivolgere all’ambasciata italiana in Germania e denunciare lo smarrimento alla Polizia Locale. Questi forniscono un certificato che attesta che si è legittimi titolari di una patente di guida italiana. Ma nel momento in cui decidi di spostarti in Francia, devi prima contattare le autorità e chiedere il riconoscimento del certificato provvisorio rilasciato.

L’articolo Patente di guida europea, dove puoi utilizzarla proviene da Icon Wheels.

Fonte: