BMW Serie 1 Digital Edition: la limited si compra online

title

Il BMW Group, precursore nelle vendite online di BMW i e dell’usato, propone una nuova vettura, preordinabile e acquistabile unicamente online: la BMW Serie 1 Digital Edition.

Gli ordini partiranno, rigorosamente tramite web, dalle ore 20.00 del 27 marzo e rimarranno aperti solo per 100 ore e fino a un massimo di 100 clienti.

Già dal 21 marzo, però, è possibile configurare l’edizione limitata della compatta bavarese grazie alla piattaforma online. Per questa serie speciale sono previsti prezzi promozionali, a partire da 23.500 euro fino a 29.300 euro.

Per la carrozzeria si potrà scegliere tra le colorazioni Alpin Weiss, Mineral Grey e Saphischwarz.

Equipaggiamento di serie e motorizzazioni

 

title

Tra i vari accessori la BMW Serie 1 Digital Edition offre di serie il sistema di navigazione, le luci a LED, i cerchi in lega da 16 pollici, Apple CarPlay, la ricarica Wireless dei dispositivi mobili e i sensori di parcheggio.

Le nuove BMW Serie 1 Digital Edition saranno disponibili con le 4 motorizzazioni 116d, 118d, 116i e 118i, sia con trasmissione manuale che automatica.


News

BMW Serie 1 2017: le novità tutte dentro

A listino anche tre nuove versioni con dettagli personalizzati

L’articolo BMW Serie 1 Digital Edition: la limited si compra online proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Alfa Romeo: sportive in listino, tutti i modelli

title

Il brand Alfa Romeo sta vivendo una nuova rinascita.

Il marchio italiano possiede una storia e un fascino che risalgono ai primi anni del ‘900, un appeal riconosciuto in tutto il globo (all’estero le Alfa sono apprezzatissime) e un design unico.

Tuttavia, la fine degli anni ’90 e i primi anni 2000 sono stati periodi un po’ fiacchi per il brand, sopratutto per quanto riguarda le vetture sportive.

Oggi, però, grazie alla spinta del compianto Sergio Marchionne, l’Alfa Romeo è tornata in forma smagliante, e in listino spiccano svariati modelli “sotto steroidi” degni del titolo di sportive Alfa Romeo.

Ecco l’elenco completo.


<!–

–>

title

Alfa Romeo MiTo Veloce

La piccola Alfa Romeo Mito avrà anche qualche anno sulle spalle, ma è ancora un’ottima utilitaria.

Rivitaminizzata e alimentata dal motore 1.4 Multiair da 170 CV, poi, scatta da 0 a 100 km/h in 7,5 secondi e tocca i 210 km/h di velocità massima.

PREZZO: da 21.900 euro

Dati tecnici
Potenza 170 CV
Coppia 250 Nm
Trazione Anteriore

title

Alfa Romeo Giulia Veloce Q4

La Giulia (guarda la nostra videoprova) è l’Alfa Romeo che ha lanciato il nuovo corso stilistico del brand, oltre al nuovo imprinting dinamico.

Da guidare è semplicemente stupenda, merito dello sterzo chirurgico e dell’assetto morbido ma precisissimo.

La Alfa Romeo Giulia Veloce è una versione da 280 CV che scatta da 0 a 100 km/h in 5,2 secondi e tocca i 240 Km/h di velocità massima.

PREZZO: da 56.650 euro

Dati tecnici
Potenza 280 CV
Coppia 600 Nm
Trazione Posteriore

title

Alfa Romeo Stelvio Super Q4 280 CV

L’Alfa Romeo Stelvio (leggi il nostro Primo Contatto) sarà pure una SUV, ma al volante sembra di guidare una compatta sportiva.

La Stelvio Super nella versione da 280 CV è comoda e veloce, ma non costa una follia: 0 a 100 in 5,7 e 240 Km/h di velocità massima.

PREZZO: da 55.250 euro

In breve
Potenza 280 CV
Coppia 400 Nm
Trazione Integrale

title

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio

Lo zenit della Alfa Romeo Giulia: la Quadrifoglio.

Il suo motore 2.9 litri V6 biturbo (derivato da quello della Ferrari California) eroga la bellezza di 510 CV. Precisissima da guidare, ma anche facile.

Il look muscoloso rende la berlina ancora più sexy ed esotica: una vera belva.

PREZZO: da 86.100 euro

Dati tecnici
Potenza 510 CV
Coppia 600 Nm
Trazione Posteriore

title

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio

Con lo stesso motore 2.9 turbo della Giulia Quadrifoglio, la Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio è (quasi) veloce allo stesso modo ma è più versatile e pratica, grazie anche alla trazione integrale. Le abbiamo anche messe a confronto.

In curva sembra sfidare le leggi della fisica, provare per credere.

PREZZO: da 96.600 euro

In breve
Potenza 510 CV
Coppia 600 Nm
Trazione Integrale

title

Alfa Romeo 4C

L’Alfa Romeo 4C (leggi la nostra prova) è la super sportiva del brand: leggera come una piuma (950 kg), dotata di motore 1750 turbo da 240 CV e telaio in fibra di carbonio.

È dura e pura da guidare, ha la presenza scenica di una piccola Ferrari e una sensualità unica.

Lo 0 -100 km/h viene bruciato in 4,5 secondi.

PREZZO: da 65.550 euro

Potenza 240 CV
Coppia 350 Nm
Trazione Posteriore

L’articolo Alfa Romeo: sportive in listino, tutti i modelli proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Sicurezza stradale: le province con più incidenti

title

Credits: Tre giovani calciatori della primavera della Juventus sono stati coinvolti in un incidente stradale. L’auto su cui viaggiavano si è scontrata in corso Potenza, per cause ancora in corso di accertamento, con una volante della polizia che si è ribaltata. Due agenti sono rimasti lievemente feriti, uno dei quali trasportato in ospedale dai sanitari del 118 in codice giallo. I tre calciatori non hanno riportato conseguenze, Torino, 10 dicembre 2018. ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

Quali sono le province con più incidenti stradali sulle strade extraurbane secondarie? Secondo lo studio “Localizzazione degli incidenti stradali 2017 sulle strade provinciali” realizzato da ACI il primato come numero di sinistri va a Roma (832 incidenti). La Capitale è prima anche nella classifica dei decessi (41) insieme a Torino.

Per quanto riguarda le altre statistiche troviamo invece tre classifiche relative al numero di incidenti per km di strada (densità, Cosenza al primo posto), al tasso di mortalità (morti per 1.000 incidenti, Caserta davanti a tutte) e all’indice di gravità [morti/(morti+feriti)] che vede in prima posizione Campobasso. Scopriamo insieme le cinque graduatorie.

Le province con più incidenti

  1. Roma 832
  2. Milano 741
  3. Torino 701
  4. Treviso 586
  5. Padova 542

Le province con più morti in incidenti stradali

  1. Roma 41
  2. Torino 41
  3. Bologna 23
  4. Lecce 22
  5. Napoli 22

Le province con più densità di incidenti (incidenti per km)

  1. Cosenza 1,6
  2. Monza e della Brianza 1,5
  3. Milano 1,1
  4. Como 0,7
  5. Prato 0,7

Le province con l’indice di mortalità più alto (morti per 1.000 incidenti)

  1. Caserta 133,3
  2. Enna 130,4
  3. Campobasso 125,0
  4. Foggia 115,7
  5. Trapani 102,6

Le province con l’indice di gravità più alto [morti/(morti+feriti)]

  1. Campobasso 7,9
  2. Enna 7,5
  3. Genova 7,4
  4. Caserta 7,3
  5. Trapani 5,9

L’articolo Sicurezza stradale: le province con più incidenti proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Ford Fiesta ST o Volkswagen Polo GTI? / Icon Wheels FACE-OFF

title

La Ford Fiesta ST e la Volkswagen Polo GTI sono due piccole sportive, entrambe compatte, relativamente economiche da comprare e da mantenere.

Ma offrono entrambe prestazioni e divertimento, senza però rinunciare alla versatilità.

Quello delle utilitarie sportive è un segmento davvero interessante: questi giocattolini ormai sono notevoli, e anche tecnologia, comfort e spazio a bordo sono cresciuti parecchio.

Abbiamo deciso di metterle a confronto, una contro l’altra.

In breve
Ford Fiesta ST
Anno di commercializzazione
Motore Benzina turbo
Cilindrata 1.5 / Tre cilindri
Potenza 200 CV
Coppia 260 Nm a 1600 giri
PREZZO Da 26.300 euro
Volkswagen Polo GTI
Anno di commercializzazione
Motore Benzina turbo
Cilindrata 2.0 / Quattro cilindri
Potenza 200 CV
Coppia 320 Nm a 1500 giri
PREZZO Da 24.600 euro

title

Dimensioni

Sulla carta, le due compatte sportive sono molto simili.

La Volkswagen Polo GTI è larga 175 cm, e lunga 407 cm, la Ford Fiesta ST è appena più stretta (174 cm) e lunga uguale. Ma sull’ago della bilancia si ferma a 1262 Kg, contro i 1325 kg della rivale tedesca.

La Fiesta ha anche un passo più corto di 6 cm rispetto a quello della Polo (249 contro 255 cm), il che significa che è anche più agile e reattiva. La segmento B di Volkswagen però fa leggermente meglio con la capacità di carico: 305 litri contro i 292 della Ford.

Sulla carta, quindi, la Ford Fiesta appare più leggera e agile ma meno spaziosa, mentre la Volkswagen Polo è più pesante ma leggermente più comoda e sfruttabile. A voi la scelta.

title

Potenza

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, entrambe hanno 200 CV ma erogati da due motori differenti:

  • la Volkswagen Polo GTI monta un motore 2.0 litri TSI turbo quattro cilindri, che eroga 200 CV a 5500 giri/min e 320 Nm di coppia a 1500 giri/min.
  • la Ford Fiesta ST monta un piccolo motore 1.5 litri turbo tre cilindri, che produce 200 CV a 6000 giri/min e 290 Nm di coppia a 1600 giri/min.

Entrambe hanno il cambio manuale a 6 rapporti e la trazione anteriore, ma la Fiesta utilizza un differenziale meccanico a slittamento limitato, mentre la Polo un sistema che “pinza” la ruota con meno aderenza.

Anche qui: la Polo ha più coppia, il che è ottimo per la guida di tutti i giorni, mentre la Fiesta eroga la potenza a un regime più alto, quindi si adatta meglio a una guida più sportiva.

Inoltre il differenziale autobloccante aiuta tantissimo a fornire trazione e direzionalità in uscita di curva. Preferite la sportività o la versatilità?

title

Prestazioni

Il peso inferiore della Ford Fiesta ST la porta in vantaggio nello scatto da 0 a 100 km/h: 6,5 secondi, contro i 6,7 della Polo GTI.

La Polo però ha una velocità di punta superiore e tocca i 240 km/h, mentre la Fiesta si ferma a 232 km/h.

Vicini i consumi dichiarati: 6,2 l/100 km per la tedesca, 6,0 l/km per la Ford, che anche qui riesce a ottenere un leggero vantaggio grazie al peso inferiore.

L’articolo Ford Fiesta ST o Volkswagen Polo GTI? / Icon Wheels FACE-OFF proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Porsche: 9.700 euro ai dipendenti come premio per il 2018

title

Il prossimo mese di aprile i dipendenti Porsche non potranno essere più contenti. La marca tedesca li premierà, infatti, per l’esito più che positivo del bilancio fiscale del 2018, con niente meno che un plus extra di 9.700 euro (tasse escluse).

Una cifra proporzionale all’enorme successo che Porsche ha riscosso lo scorso anno, nonostante gli ingenti investimenti che il marchio di Stuttgart ha elargito soprattutto per affrontare l’elettrificazione della marca, con lo sviluppo del progetto Taycan e Taycan Cross Turismo, oltre al riadattamento delle catene di montaggio in vista della produzione dei nuovi modelli elettrici.

Oliver Blume, massimo responsabile di Porsche ha spiegato:

“Il 2018 è stato estremamente positivo e intenso. Il nostro team ha dovuto sforzarsi al massimo. Si tratta di un riconoscimento per il risultato dell’azienda generato da tutta la squadra.”

Un organico che è stato incrementato del 9% e che ora conta su 32.325 lavoratori.

Il risultato operativo di Porsche nel 2018 è stato di un 4% in più rispetto al 2017, in gran parte grazie alla maggior quota di vendite dei modelli più cari, con un totale di 256.255 unità (246.375 unità nel 2017), con un’attenzione speciale alla Porsche 911 e alla Porsche Panamera che hanno contribuito con un aumento delle vendite di quasi il 10%.

Modelli

Consegne/produzione 2018 

Consegne/produzione 2017

911

35.573 / 36.236

32.197 / 33.820

918 Spyder

– / –

7 / –

718 Boxster / Cayman

24.750 / 23.658

25.114 / 26.427

Macan

86.031 / 93.953

97.202 / 98.763

Cayenne

71.458 / 79.111

63.913 / 59.068

Panamera

38.443 / 35.493

27.942 / 37.605

Taycan

– / 240 

– / –


Anteprime

Porsche Cayenne: Coupé è più sexy

Tetto spiovente e spalle più larghe per la nuova SUV della famiglia di Stoccarda

L’articolo Porsche: 9.700 euro ai dipendenti come premio per il 2018 proviene da Icon Wheels.

Fonte:

DS3 Crossback punta all’eccellenza con il sistema audio Focal

title

Accomunate dalla matrice francese, le due aziende Focal e DS automobiles hanno intrapreso una collaborazione finalizzata alla “realizzazione di prodotti votati all’eccellenza”. In particolare dalla partnership emerge che le vetture del brand di lusso potranno essere equipaggiate con i sistemi audio Focal (che gli appassionati hi-fi di tutto il mondo conosceranno) che alla qualità audio uniscono anche un design esclusivo.

Qualità sonora e design

La DS 3 Crossback è dunque pronta ad ospitare il sistema Focal Electra, caratterizzato da 12 altoparlanti posizionati strategicamente in un abitacolo che è stato appositamente adattato per l’occasione, come dimostrano i pannelli di maggiore spessore sulle portiere. I quattro tweeter invertiti in alluminio, garantiscono alti precisi e dal dettaglio rifinito. I quattro woofer sono affiancati da tre altoparlanti per le medie frequenze, realizzati con l’esclusivo trattamento Polyglass, per un ricercato compromesso tra smorzamento e rigidità.

515 Watt di potenza

Il risultato è una definizione sonora perfetta, grazie al posizionamento degli altoparlanti per le medie frequenze nelle portiere anteriori. A completamento dell’esperienza sonora, il subwoofer Power Flower inserito nella base del bagagliaio e il potente amplificatore di Classe D/Classe AB con tecnologia ibrida, e i suoi 515 Watt di potenza.

L’articolo DS3 Crossback punta all’eccellenza con il sistema audio Focal proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Bentley Bentayga Mulliner Pearl of the Gulf

Da Crewe arrivano novità per la gamma di lusso inglese. La SUV della famiglia si declina in una nuova edizione limitata denominata Pearl of the Gulf. Una serie di rifiniture inedite rendono ancora più esclusiva e lussuosa l’unica sport utility targata Bentley. Si chiama Bentayga Mulliner Pearl of the Gulf.


Anteprime

Bentley Bentayga Mulliner Pearl of the Gulf

Ispirata all’ancestrale pesca delle perle nel Golfo Persico

L’articolo Bentley Bentayga Mulliner Pearl of the Gulf proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Bentley Bentayga Mulliner Pearl of the Gulf

title

Da Crewe arrivano novità per la gamma di lusso inglese. La SUV della famiglia si declina in una nuova edizione limitata denominata Pearl of the Gulf. Una serie di rifiniture inedite rendono ancora più esclusiva e lussuosa l’unica sport utility targata Bentley

Nata su richiesta di un capriccioso cliente e creata dalla divisione speciale Mulliner, ne saranno prodotte soltanto 5 unità che disporranno tutte della stessa configurazione: una nuova combinazione di colori e materiali creati ad hoc per questa limited edition britannica che si inspira all’ancestrale industria di perle del Golfo Persico.

 

Anche se la Bentley Bentayga Mulliner Pearl of the Gulf non avrà perle a bordo, alcuni degli elementi e materiali imitano la superficie bianca delle pietre preziose, come nel caso della pelle naturale che riveste gli interni con tinta bi colore con il grigio pallido Brunel che fa da protagonista cromatico.

Tra le altre caratteristiche che contraddistinguono questa Bentley Bentayga Mulliner Pearl of the Golf ci sono anche inserti in legno di eucalipto su diverse sezioni della plancia e della console centrale. E come chicca finale, sulla plancia davanti al passeggero anteriore è inciso un disegno che immortala l’antica pesca delle perle nel Golfo.

Per il momento Bentley non ha svelato il prezzo di questa serie speciale anche se ci si può aspettare che sarà abbastanza più salato rispetto a quello di una Bentayga convenzionale. Tutte le unità saranno comunque motorizzate con il mastodontico dodici cilindri a W che dispone di una potenza di 608 CV.


News

Bentley Bentayga Speed, il SUV più veloce al mondo

Monta un motore W12 da 6 litri capace di raggiungere i 306 km/h, accelerando da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi

L’articolo Bentley Bentayga Mulliner Pearl of the Gulf proviene da Icon Wheels.

Fonte:

BMW, la nuova collezione di orologi

title

Credits: BMW2770979, BMW2812845

Non solo auto e moto. BMW è anche sinonimo di stile non associato (direttamente) a quattro o a due ruote, così lancia la nuova collezione di orologi pensati per chi cerca un prodotto esclusivo e dal taglio sportivo. Realizzata in collaborazione con Fossil Group, la nuova collezione trae ovviamente ispirazione dal design automobilistico, con il logo dell’elica che crea un segno distintivo all’interno del quadrante.

Richiami al design automobilistico

L’involucro esibisce forme “aerodinamiche”, che richiamano in qualche modo (con un po’ di fantasia, ovviamente) le linee delle vetture sportive del marchio bavarese. “Questi orologi sono una combinazione di gioia, prestazioni e passione”, dicono in BMW. D’altronde la collezione prevede diverse configurazioni per poter soddisfare i gusti di ciascun cliente. Nello specifico, parliamo di due linee diverse: la Collezione BMW e la collezione BMW M Motorsport.

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

BMW2770979, BMW2812845

Credits: BMW2770979, BMW2812845

Due linee: BMW e BMW M Motorsport

La prima prevede bracciali a tre fili in acciaio inossidabili o cinturini in pelle, con quadranti caratterizzati dall’iconico blu del marchio o dai colori di argento, rosso, nero e cashmere di ispirazione automobilistica, con il logo inciso sulla corona. Nel caso della versione M Motorsport, invece, abbiamo a che fare chiaramente con un aspetto più sportivo, di ispirazione racing: dunque, cinturino in acciaio o silicone e top con zigrinatura e strisce Motorsport.

La collezione sarà disponibile a partire dall’estate 2019, con prezzi che variano dai 169 ai 439 euro.

L’articolo BMW, la nuova collezione di orologi proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Ducati Diavel 1260 2019, il video dinamico

La Diavel 1260 è più aggressiva nelle forme, più performante, divertente da guidare nel misto e anche più confortevole, sia per il pilota che per il passeggero. L’anima da sport naked viene amplificata grazie al motore Testastretta DVT 1262, che offre una regolarità ai bassi regimi ideale per un uso quotidiano oppure turistico della moto. È disponibile anche nella più sportiva versione S, caratterizzato dalle preziose sospensioni Ohlins, ruote dedicate, un impianto frenante ancora più performante, oltre al “Ducati Quick Shift up & down Evo” di serie. È disponibile nel colore Sandstone Grey al prezzo di 19.990 euro franco concessionario, mentre il Diavel 1260 S è in vendita nei colori Sandstone Grey o Thrilling Black & Dark Stealth, a 22.990 euro franco concessionario.

L’articolo Ducati Diavel 1260 2019, il video dinamico proviene da Icon Wheels.

Fonte: