Militem Ferox-T: le foto, i dati e il prezzo

title

Militem ha svelato le foto, i dati e il prezzo del Ferox-T: il pick-up “premium” lombardo basato sul Jeep Gladiator – già ordinabile – costa 97.490 euro IVA esclusa118.938 euro IVA compresa.

Le foto del Militem Ferox-T

Militem Ferox-T: dimensioni e caratteristiche off-road

Il Militem Ferox-T – lungo 5,52 metri, largo 2,03 metri e alto 1,95 metri – è rivolto a chi vuole un pick-up esclusivo e lussuoso ma se la cava egregiamente in fuoristrada (la base, d’altronde, è la stessa del Jeep Gladiator Rubicon). Un mezzo pronto a tutto: capacità di traino di 3.500 kg e gancio montato di serie.

Trazione integrale Rock-Tracsospensioni regolabili a doppio serbatoio in alluminio rivestite in carbonio, altezza da terra maggiorata grazie al lift kit di 2″, track bar (barre di torsione) regolabili e ammortizzatore di sterzo: queste sono le principali caratteristiche del raffinato truck lombardo. Senza dimenticare l’assale Dana 44 rinforzato, il rapporto al ponte 4,10, il bloccaggio elettronico dei differenziali anteriori e posteriori Tru-Lok e la barra stabilizzatrice anteriore a disconnessione elettronica.

 

title

Militem Ferox-T: il motore

Il Militem Ferox-T è spinto da un motore 3.6 V6 benzina da 285 CV e 353 Nm di coppia abbinato a un cambio automatico (convertitore di coppia) a 8 rapporti impreziosito dalle palette sul volante. Tra gli optional segnaliamo l’impianto a GPL.

title

Militem Ferox-T: il design

Facile distinguere esteticamente un Militem Ferox-T da un Jeep Gladiator: davanti spicca la mascherina anteriore in tinta (disponibile anche con carbonio a vista) con griglia nera a nido d’ape ed emblema del brand, il profilo è impreziosito dagli ampi passaruota ad effetto “wide body” verniciati (o in carbonio), dalle pedane elettriche e dai cerchi da 20″ (montati su pneumatici Cooper All-Terrain da 35×12,50) mentre nella coda troviamo il doppio scarico Black Performance e il roll-bar Ferox Bar. Ultimi, ma non meno importanti, i grandi paraurti avvolgenti in tinta.

Per quanto riguarda gli optional è possibile personalizzare ulteriormente il mezzo attingendo a un ricca lista di accessori. Qualche esempio? Il rivestimento del cassone in materiale nautico hi-tech customizzabile nelle colorazioni, i faretti LED a scomparsa, la barra a LED integrata nel paraurti anteriore e le pinze freno colorate.

title

Militem Ferox-T: gli interni

Se fuori il Militem Ferox-T punta su un look duro e puro dentro domina il lusso: pelle fiore usata per volante, inserti porta e cruscotto, battitacco personalizzato, finitura cassone antigraffio e inserti nero assoluto.

Per avere il massimo bisogna però sfogliare il listino degli optionalsedili in pelle fiore e Alcantara e una vasta scelta di tipologie di pelli, tessuti (compresa la novità Denim) e fibre tecniche.

Militem Ferox-T Adventure

La versione con pack Adventure enfatizza ulteriormente le doti off-road del Militem Ferox-T: tra le “chicche” più interessanti troviamo la vernice protettiva antigraffio per parafanghi, paraurti e portapacchi (completo di faretti LED per la guida notturna in fuoristrada), lo snorkel sul cofano anteriore lato passeggero per far “respirare” meglio il motore in caso di guado e gli pneumatici Cooper Mud Terrain tassellati.

L’articolo Militem Ferox-T: le foto, i dati e il prezzo proviene da Icon Wheels.

Fonte:

In quali casi si può contestare una multa per eccesso di velocità?

title

Credits: iStock

Prendere una multa per eccesso di velocità significa che l’automobilista è stato sorpreso nel momento in cui stava viaggiando superando i limiti consentiti dalla legge. Il soggetto multato può:

  • contestare la multa al giudice di pace del luogo dove è stata commessa l’infrazione, entro 30 giorni dalla notifica della multa;
  • contestare la multa al prefetto, entro 60 giorni dalla notifica.

La scelta è di chi ha commesso l’infrazione e ha preso la multa, non è possibile fare ricorso a entrambi.

Multa per eccesso di velocità: che cosa succede

È chiaro che i limiti di velocità imposti sulle nostre strade vadano assolutamente rispettati, per la propria sicurezza e quella degli altri utenti. Può succedere però di sforare anche di poco senza rendersene conto, basta un attimo di distrazione per essere beccati dall’autovelox, che sbuca all’improvviso. Visto che i sistemi di rilevamento della velocità devono essere obbligatoriamente segnalati, la mancanza di cartelli (con giusto anticipo) può essere motivo di annullamento della multa.

Attenzione: ricordate sempre che i segnali stradali di limite indicano la velocità massima raggiungibile, non da raggiungere a tutti i costi. Anzi, il consiglio è di procedere sempre ad andatura tranquilla, senza ‘correre’, può essere molto pericoloso. In prossimità dei centri abitati, rallentate sempre.

Come si contesta la multa

Per fare ricorso a una multa per eccesso di velocità, è possibile fare riferimento a:

  • errori di carattere sostanziale, rilevazione di una velocità sbagliata (abbastanza difficile da dimostrare);
  • errori di carattere formale, quindi commessi dagli strumenti di rilevazione.

Un promemoria sui limiti di velocità sulle strade italiane:

  • velocità massima 130 km/h sulle autostrade, che può essere elevato a 150 km/h in caso di tre corsie di percorrenza più quella di emergenza. Sono gli enti proprietari o concessionari a decidere di elevare eventualmente il limite massimo di velocità in base alle caratteristiche progettuali ed effettive del tracciato, e alle condizioni del traffico, atmosferiche e relative agli incidenti;
  • 110 km/h è il limite massimo consentito per le strade extraurbane principali;
  • si passa a 90 km/h sulle strade extraurbane secondarie e locali;
  • e infine 50 km/h nei centri abitati (70 km/h sulle strade urbane libere).

Come abbiamo detto, il ricorso comunque può essere fatto al giudice di pace (entro 30 giorni) o al prefetto (entro 60 giorni).

Quando è possibile impugnare una multa per eccesso di velocità

Contestare la multa per eccesso di velocità non è mai semplice, si tratta di un’infrazione comunque grave. Ma si può fare ricorso se:

  • la presenza dell’autovelox non viene segnalata prima, alla giusta distanza, con l’apposito cartello che, oltretutto, deve essere ben visibile e non nascosto. Vale la stessa regola anche per le postazioni mobili di controllo della velocità. Gli automobilisti devono sapere dell’installazione degli strumenti di rilevazione della velocità, l’obiettivo infatti non deve essere quello di fare multe, ma di spingere i guidatori a rispettare i limiti e non andare troppo veloci, mettendo a rischio la sicurezza su strada;
  • gli apparecchi non sono omologati e tarati una volta all’anno: deve essere possibile fornirne prova su richiesta del conducente multato, altrimenti il verbale è impugnabile;
  • le notifiche delle multe vengono inviate da società private a cui viene affidato il servizio di consegna di atti giudiziari da parte del Comune: la Corte di Cassazione ha stabilito che questi verbali sono da considerare inesistenti.

L’articolo In quali casi si può contestare una multa per eccesso di velocità? proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Alfa Romeo Stelvio, la tecnologia sigla per sigla

title

L’Alfa Romeo Stelvio è una delle SUV medie più amate dagli italiani: la Sport Utility del Biscione è rivolta a chi cerca il piacere di guida ma è anche ricca di tecnologia.

Di seguito troverete un glossario per capire meglio cosa significano le sigle che identificano tutti gli accessori dell’Alfa Romeo Stelvio.

Alfa Romeo Stelvio: la tecnologia sigla per sigla

Active Blind Spot

L’Active Blind Spot monitora gli angoli ciechi posteriori segnalando eventuali veicoli in avvicinamento e applicando una correzione sullo sterzo per evitare la collisione.

AEB

La sigla AEB (acronimo di Autonomous Emergency Brake) identifica la frenata automatica dell’Alfa Romeo Stelvio.

AFS

La sigla AFS (acronimo di Adaptive Frontlight System) identifica il sistema che orienta automaticamente i fari anabbaglianti.

Alfa Connect

Con Alfa Connect si ha a disposizione un servizio di assistenza dedicato che fornisce supporto in caso di furto, incidente o guasto. Con le nuove funzionalità remote è inoltre possibile sapere dov’è la vettura e controllare il livello carburante o la pressione degli pneumatici.

AT8

La sigla AT8 identifica il cambio automatico dell’Alfa Romeo Stelvio.

CDC

Il CDC (Alfa Chassis Domain Control) gestisce tutti i sistemi di controllo attivi.

DNA

Il sistema DNA (acronimo di Dynamic, NormalAll Weather) Alfa Romeo è un selettore che permette di scegliere tra diverse modalità di guida.

Driver Attention Assist

Il Driver Attention Assist monitora la sonnolenza del conducente e lo avvisa in caso di necessità.

FCW

Il Forward Collision Warning (FCW) dell’Alfa Romeo Stelvio tramite un sensore radar e una telecamera integrata nel parabrezza anteriore rallenta o arresta automaticamente la vettura in caso di collisione imminente.

Highway Assist System

L’Highway Assist System dell’Alfa Romeo Stelvio mantiene la vettura al centro della corsia in autostrada regolando la velocità in base ai limiti.

Hill Descent Control

L’Hill Descent Control è il controllo della velocità in discesa.

IBS

L’Integrated Brake System (IBS) dell’Alfa Romeo Stelvio combina il controllo di stabilità con il servofreno per ridurre gli spazi d’arresto.

Intelligent Speed Control

Il sistema Intelligent Speed Control dell’Alfa Romeo Stelvio propone al conducente l’adeguamento della velocità a quella rilevata dal Traffic Sign Recognition: se il conducente accetta il cruise control verrà automaticamente impostato in base ai nuovi limiti.

Lane Keep Assist

Il Lane Keep Assist dell’Alfa Romeo Stelvio rileva se il veicolo si sta allontanando dalla corsia senza che l’indicatore di direzione sia stato attivato e avvisa il conducente attraverso avvisi visivi e tattili. Interviene inoltre attivamente riportando il mezzo in corsia.

LDW

Il Lane Departure Warning (LDW) dell’Alfa Romeo Stelvio utilizza una videocamera per rilevare le linee di demarcazione della corsia e avvisa il guidatore se il veicolo esce dalla corsia o dalla carreggiata quando non viene attivato l’indicatore di direzione.

Q4

La sigla Q4 è usata dall’Alfa Romeo per identificare le Stelviotrazione integrale.

RWD

La sigla RWD identifica le Alfa Romeo Stelviotrazione posteriore.

TFT

TFT (acronimo di Thin Film Transistor) è una tecnologia applicata ai display LCD: i cristalli liquidi non vengono polarizzati tramite scariche dall’esterno del pannello ma attraverso transistor che operano direttamente sul punto necessario.

Traffic Jam Assist

Il Traffic Jam Assist dell’Alfa Romeo Stelvio mantiene la vettura al centro della corsia in condizioni di traffico intenso regolando la velocità in base ai limiti.

TSR

Il Traffic Sign Recognition (TSR) dell’Alfa Romeo Stelvio utilizza la telecamera di bordo, riconosce i segnali stradali riportandoli sul display e avvisa il conducente del limite di velocità corrente.

L’articolo Alfa Romeo Stelvio, la tecnologia sigla per sigla proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Renault Captur RS Line, la nostra prova su strada

title

IconWheels per Renault

La nostra prova su strada della nuova Renault Captur RSLine


La versione che mancava: full hybrid. Ora la gamma di Renault Captur è davvero completa. Non serve la spina per ricaricare il motore elettrico: e soprattutto si tratta di una tecnologia esclusiva del marchio francese, che deriva addirittura dalla Formula1.

Sotto il cofano c’è il motore 4 cilindri 1.600 coadiuvato da due motori elettrici (un e-motor e uno starter ad alta tensione) per un totale di 145 CV. Essendo una full hybrid, in decelerazione e frenata l’energia cinetica viene recuperata e trasformata in energia per ricaricare la batteria. In città è possibile guidare fino all’80% in modalità elettrica e, secondo la casa francese, si riesce a risparmiare fino al 40% di consumi, nel ciclo urbano, rispetto ai motori termici equivalenti.

E per noi di IconWheels, Renault Captur è nell’allestimento top di gamma, ovvero R.S. Line, disponibile su Captur, per la prima volta. Naturalmente si ispira al mondo del motorsport e va a enfatizzare anche un po’ le velleità sportive di questa vettura. Le caratteristiche tipiche dell’allestimento RS Line balzano subito all’occhio: a cominciare dal paraurti anteriore con lama F1 e una griglia a nido d’ape, un diffusore posteriore grigio, cristalli e lunotto posteriore scuri, doppio scarico cromato e cerchi in lega da 18” Le Castellet. E poi c’è il badge dedicato sul portellone del bagagliaio. Dettagli ad hoc che si ritrovano anche nell’abitacolo con sellerie specifiche con bordino rosso e volante in pelle traforata con cuciture rosse e grigie. I battitacchi in alluminio rivelano il legame di parentela con Renault Sport. L’abitacolo si arricchisce di una riga rossa sulle bocchette dell’aria e sulla plancia che adotta una finitura in stile carbonio.

Renault Captur è un suv compatto con tutte le caratteristiche ad hoc per una vettura di questo segmento: posto di guida rialzato, grande modularità e pure ampia possibilità di personalizzazione. Tutto questo si traduce in un unico concetto chiave: tanta versatilità.

Guidare Renault Captur è molto semplice e intuitivo. È una vettura certamente ideale per muoversi nel traffico cittadino con la spinta del motore elettrico che aiuta sia nelle partenze sia nelle accelerazioni. Molto apprezzata la silenziosità di marcia. E poi, sappiate che attraverso questo tasto potete addirittura scegliere fra tre diverse modalità di guida: My Sense, Eco e Sport.

Su questa vettura sono disponibili, naturalmente, tutti i più avanzati di assistenza alla guida di ultima generazione. Prezzi a partire da 25.750 Euro.

L’articolo Renault Captur RS Line, la nostra prova su strada proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Che cos’è il Vehicle to Grid e a che cosa serve?

title

Credits: iStock

Nell’ambito della mobilità del futuro e delle auto elettriche, sentiamo parlare sempre più spesso anche di Vehicle to Grid, ma sono pochissime le persone che hanno chiaro il significato di questo termine, che si riferisce soprattutto alle reti di nuova generazione, ai veicoli senza emissioni, a strategie e progetti di elettrificazione a lungo termine. Vediamo tutto quello che bisogna sapere.

Che cosa significa Vehicle to Grid?

La nuova tecnologia V2G apre nuove opportunità per quanto riguarda la vendita e la gestione intelligente dell’energia. Come funziona? Si tratta nello specifico di sistemi innovativi che consentono alle auto elettriche di scambiare l’energia immagazzinata nelle proprie batteria con e attraverso la rete. Il nuovo sistema funziona in maniera opposta rispetto a quanto siamo abituati, infatti i veicoli elettrici in genere ricevono esclusivamente energia elettrica, proveniente dalla rete, solo in entrata.

Le auto elettriche e ibride, con il sistema Vehicle to Grid, possono comunicare con la rete elettrica per vendere servizi (energia) a chi ne ha necessità. Grazie al V2G aumentano le capacità di stoccaggio dell’energia, che permettono alle auto elettriche di immagazzinare elettricità generata da fonti di energia rinnovabile e scaricarla.

Vehicle to Grid: come funziona?

Grazie al V2G il flusso di energia diventa bidirezionale: oltre alla ricezione dell’elettricità che serve ai veicoli per la mobilità, è possibile anche sbloccare l’energia raccolta nelle batterie dei mezzi a zero emissioni. Quando aumenta la domanda della rete, allora le auto cariche possono cedere energia nuovamente alla rete.

I vantaggi del Vehicle to Grid

Quali sono i punti di forza di questa innovativa tecnologia? Innanzitutto offre la possibilità ai gestori della rete (Terna in Italia) di poter contare su una capacità di riserva di energia molto alta, da poter distribuire sul territorio. Fondamentale, soprattutto in ottica di espansione del settore elettrico e diffusione di veicoli a zero emissioni nei prossimi anni.

Tra il 2030 e il 2050 è prevista una grande crescita delle energie rinnovabili intermittenti, quali il fotovoltaico e l’eolico; il Vehicle to Grid consentirà a imprese e privati di ottimizzare i costi di esercizio delle macchine elettriche, in modo che questa tipologia di alimentazione diventi sempre più conveniente per gli utenti, e pian piano i motori a combustione ‘spariscano’ dal mercato e dalle flotte auto. Il Vehicle to Grid inoltre viene considerato come una tecnologia che può dare il suo supporto nella creazione di un sistema elettrico più sostenibile e efficiente, oltre che affidabile.

In Italia il 14 febbraio 2020 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Vehicle to Grid (V2G), in cui sono indicati modalità e criteri per la diffusione di questa innovativa tecnologia a livello nazionale. Lo sviluppo del V2G è legato chiaramente alla mobilità elettrica. Nel 2030 in Italia potrebbero esserci tra 3,5 e 7 milioni macchine a zero emissioni e questa nuova tecnologia potrebbe spingere il settore ulteriormente.

La caratteristica principale dei sistemi Vehicle to Grid è la bidirezionalità e infatti alla base del V2G c’è l’inverter di potenza bidirezionale, in grado di collegarsi alla batteria ad alta tensione dell’auto e a quella della rete, in bassa tensione. In seguito un’unità di controllo gestisce i flussi di elettricità, tenendo conto delle esigenze di fabbisogno del gestore di rete e dell’utente.

L’articolo Che cos’è il Vehicle to Grid e a che cosa serve? proviene da Icon Wheels.

Fonte:

F1 2021: Hamilton torna alla vittoria in Russia e si riprende la vetta del Mondiale

title

Credits: Peter Fox/Getty Images

Lewis Hamilton ha vinto con la Mercedes un pazzo GP di Russia a Soči davanti a Max Verstappen (Red Bull) e ha riconquistato la vetta del Mondiale F1 2021. Un successo arrivato nel finale: la pioggia, arrivata a sette giri dal termine della corsa, ha premiato i piloti e le scuderie che hanno optato per la sosta ai box mentre Lando Norris, leader della corsa fino alla terzultima tornata, ha tagliato il traguardo in ottava posizione con la McLaren dopo essere andato lungo a causa della pista scivolosa.

F1 Grand Prix of Russia

Credits: Lars Baron – Formula 1/Formula 1 via Getty Images

F1 Grand Prix of Russia

Credits: Peter Fox/Getty Images

F1 Grand Prix of Russia

Credits: Dan Istitene – Formula 1/Formula 1 via Getty Images

Sochi prepares for 2021 Formula One Russian Grand Prix

Credits: Sergei FadeichevTASS via Getty Images

F1 Grand Prix of Russia

Credits: Mark Thompson/Getty Images

/

Un Gran Premio a due facce anche per la FerrariCarlos Sainz Jr., scattato dalla prima fila, è arrivato terzo dopo una gara quasi perfetta (nelle prestazioni e nel tempismo della sosta ai box) mentre Charles Leclerc è finito quindicesimo e fuori dai punti dopo una corsa ottima per 50 giri su 53.

Mondiale F1 2021 – GP Russia: le pagelle

title

10
/10

Lewis Hamilton (Mercedes)

Centesima vittoria in carriera e ritorno al successo dopo oltre due mesi di digiuno: grazie al trionfo di Soči Lewis Hamilton ha riconquistato il primo posto nel Mondiale F1 2021.

Il sette volte campione del mondo – partito male, entrato in zona podio al 15° giro in occasione del pit-stop di Sainz Jr. e secondo al 23° giro dopo la sosta di Ricciardo più lunga del previsto – è diventato imbattibile con le gomme dure. Al 49° giro ha cambiato le gomme con la pista bagnata e si è preso il primo posto due tornate dopo in seguito al lungo di Norris.

title

9
/10

Lando Norris (McLaren)

Scelta sbagliata? Scelta sfortunata? Difficile giudicare la decisione – in seguito rivelatasi errata – di Lando Norris di rimanere in pista nel GP di Russia nonostante il circuito bagnato.

Il driver britannico non ha sbagliato un colpo fino all’errore a due giri dalla fine: ieri ha conquistato la pole position, al via si è fatto passare da Sainz Jr. ma ha riconquistato il primo posto alla 13° tornata andando fortissimo. Con l’arrivo della pioggia ha preferito rimanere in pista ed è andato lungo buttando all’aria una vittoria sicura: ha tagliato il traguardo in ottava posizione portando a casa un punto bonus grazie al giro veloce.

title

7
/10

Valtteri Bottas (Mercedes)

Valtteri Bottas – settimo in qualifica – è stato costretto dalla strategia Mercedes a partire 17° (penalizzazione in griglia rimediata per aver sostituito alcune componenti della power unit) per marcare Verstappen. Un lavoro da scudiero svolto non benissimo visto che dopo soli sei giri si è fatto superare da Max.

Grazie alla pioggia e al pit-stop effettuato al momento giusto è riuscito però ad arrivare quinto a sorpresa a Soči: terzo piazzamento consecutivo in “top 5” e tanti punti utili alla Mercedes per il campionato Costruttori.

title

8
/10

Max Verstappen (Red Bull)

Max Verstappen è stato protagonista di un GP di Russia pazzesco: partito ultimo per aver montato una nuova power unit, è arrivato secondo sfruttando ogni opportunità e riuscendo a limitare i danni.

Il pilota olandese ha perso il primo posto nel Mondiale F1 2021 (cosa ampiamente prevedibile su un circuito come quello di Soči favorevole alle Mercedes) ma sono solo due i punti di distacco da Hamilton.

title

10
/10

Mercedes

Era da Silverstone che la Mercedes non saliva sul gradino più alto del podio.

La Stella ha ottenuto il massimo in Russia con la vittoria di Hamilton e il quinto posto di Bottas: due piazzamenti che hanno permesso alla scuderia tedesca di consolidare il primato nel Mondiale F1 2021 Costruttori.

Mondiale F1 2021 – I risultati del GP di Russia

Prove libere 1

1 Valtteri Bottas (Mercedes) 1:34.427
2 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:34.638
3 Max Verstappen (Red Bull) 1:34.654
4 Charles Leclerc (Ferrari) 1:35.117
5 Sebastian Vettel (Aston Martin) 1:35.781

Prove libere 2

1 Valtteri Bottas (Mercedes) 1:33.593
2 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:33.637
3 Pierre Gasly (AlphaTauri) 1:33.845
4 Lando Norris (McLaren) 1:34.154
5 Esteban Ocon (Alpine) 1:34.402

Qualifiche

1 Lando Norris (McLaren) 1:41.993
2 Carlos Sainz Jr. (Ferrari) 1:42.510
3 George Russell (Williams) 1:42.983
4 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:44.050
5 Daniel Ricciardo (McLaren) 1:44.156

Le classifiche
La classifica del GP di Russia 2021
Lewis Hamilton (Mercedes) 1h30:41.001
Max Verstappen (Red Bull) + 53,3 s
Carlos Sainz Jr. (Ferrari) + 1:02,5 s
Daniel Ricciardo (McLaren) + 1:05,6 s
Valtteri Bottas (Mercedes) + 1:07,5 s
Classifica Mondiale Piloti
Lewis Hamilton (Mercedes) 246,5 punti
Max Verstappen (Red Bull) 244,5 punti
Valtteri Bottas (Mercedes) 151 punti
Lando Norris (McLaren) 139 punti
Sergio Pérez (Red Bull) 120 punti
Classifica Mondiale Costruttori
Mercedes 397,5 punti
Red Bull-Honda 364,5 punti
McLaren-Mercedes 234 punti
Ferrari 216,5 punti
Alpine-Renault 103 punti

L’articolo F1 2021: Hamilton torna alla vittoria in Russia e si riprende la vetta del Mondiale proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Volvo C40: modello, prezzo, dotazione e foto

title

La Volvo C40 – nata nel 2021 – è una SUV compatta elettrica svedese a trazione integrale sviluppata sullo stesso pianale della XC40. Una specie di variante “filante” della crossover a emissioni zero nordica.

In questa guida all’acquisto vi mostreremo nel dettaglio il listino dell’ecologica Sport Utility scandinava: prezzomotori, accessori, pregidifetti e chi più ne ha più ne metta.

Le foto della Volvo C40

Volvo C40: le caratteristiche principali

La Volvo C40 – come la cugina XC40 Recharge – è una SUV compatta elettrica costosa, piacevole da guidare e costruita con grande cura con un divano un po’ stretto per accogliere comodamente tre persone. Il bagagliaio posteriore, però, è leggermente più piccolo di quello della XC40 e c’è meno spazio per la testa di chi si accomoda dietro: colpa della linea più bassa del tetto.

title

Volvo C40: modello e prezzo di listino

Di seguito troverete tutte le caratteristiche della Volvo C40. La SUV compatta elettrica svedese monta due motori elettrici, uno sull’asse anteriore e l’altro su quello posteriore.

  • due motori elettrici da 408 CV

Volvo C40 (57.500 euro)

La Volvo C40 è spinta da due motori elettrici in grado di generare una potenza complessiva di 408 CV e una coppia totale di 660 Nm. Eccellente l’autonomia420 km.

title

Volvo C40: la dotazione di serie

La dotazione di serie della Volvo C40 – poco personalizzabile – comprende:

Audio e comunicazione

  • Digital Services (include Google Services integrati Android OS, Google Maps, Google Assistant e Google Play Store, include SIM card integrata che garantisce il pacchetto dati per i servizi Google per 4 anni, ricarica a induzione per smartphone con wireless charging, Volvo On Call servizio telematico satellitare di emergenza, prevede anche l’applicazione Volvo Cars compatibile con smartwatch per consentire il collegamento con la vettura da remoto e le funzioni localizzazione dell’automobile, attivazione luci e clacson, avvio climatizzazione da remoto, impostazione timer pre-climatizzazione, stato di carica della batteria)
  • Impianto Harman Kardon Premium Sound – Comprende amplificatore digitale di classe D con 13 altoparlanti di cui: 1 full-range da 100 mm e 1 air woofer da 200 mm sotto il parabrezza, 1 tweeter da 19 mm in ciascun montante anteriore, 1 mid-range da 100 mm in ciascuna portiera anteriore, 1 mid-range da 80 mm e 1 woofer da 140 mm in ciascuna portiera posteriore, 2 full-range surround da 100 mm nell’ultimo montante del tetto C/D, 1 air subwoofer ventilato da 200 mm posizionato nell’alloggiamento della ruota posteriore sinistra. Output complessivo 600 watt
  • Radio digitale (DAB/DAB+)
  • Sistema di infotainment con comandi audio al volante, schermo a colori touch-screen da 9″ formato ritratto, funzione vivavoce Bluetooth con audio streaming, connessione USB-C (2 per i sedili anteriori e 2 per quelli posteriori) e aggiornamento software OTA (Over The Air) che include pacchetto dati necessario agli aggiornamenti dell’auto per tutto il ciclo di vita della vettura

Climatizzazione

  • Afterrun Parking Climate (sistema che permette di attivare la ventilazione e riscaldare l’abitacolo a motore spento per i successivi 40 minuti)
  • Climatizzatore automatico a controllo elettronico bi-zona con “Clean Zone” – Include bocchette dell’aria regolabili per i sedili posteriori nella zona posteriore del tunnel centrale, sensore umidità, funzione di ricircolo automatico e preventilazione abitacolo allo sblocco delle portiere con telecomando
  • Pompa di calore

Sicurezza

  • Airbag full size lato guida/passeggero e airbag ginocchia lato guida
  • AVAS (Audible Vehicle Alert System) – segnalatore acustico esterno a bassa velocità (attivo fino ai 30 km/h)
  • Care Key – Funzione che permette di impostare un inferiore limite di velocità alla vettura e include una chiave telecomando color arancione (in aggiunta a quella in dotazione color antracite) che consente di guidare entro i suddetti parametri
  • Chiave attivazione/disattivazione airbag lato passeggero
  • Comando elettrico di apertura/chiusura portiere (include diodo luminoso che segnala la chiusura delle portiere anteriori)
  • Comando elettrico sicurezza bambini per le porte posteriori
  • Cinture di sicurezza anteriori regolabili in altezza
  • EBL – Emergency Brake Lights (in caso di frenata di emergenza, vengono attivate le luci di frenata in modalità lampeggiante, poi sotto i 10 km/h sono sostituite dall’accensione degli indicatori di direzione)
  • Keyless Entry (apertura veicolo con sensore di prossimità del telecomando. Include illuminazione del suolo dalle maniglie. Comprende anche funzione di sblocco “handsfree opening” senza mani del portellone posteriore
  • Home Safe Lighting – Accensione fari anteriori a tempo
  • IC – Inflatable Curtain (airbag ai finestrini laterali per la protezione del capo e del collo dei passeggeri)
  • ISO-fix – Punti di ancoraggio nel sedile passeggero anteriore e nei due posti laterali del divano posteriore
  • Kit compressore mobilità Volvo
  • Kit di pronto soccorso
  • Immobilizzatore elettronico
  • Piantone dello sterzo collassabile
  • Safety Assistance, basato sulla nuova piattaforma di sensori avanzata, include: Collision Avoidance & Mitigation by braking (sistema diurno e notturno di rilevazione di veicoli, ciclisti e pedoni con avviso anticollisione e frenata automatica a tutte le velocità. Include funzione di rilevamento e frenata automatica in caso di veicoli provenienti frontalmente negli incroci), Connected Safety (include Hazard Light Alert – in caso di attivazione delle quattro frecce, segnala la situazione di pericolo alle altre Volvo vicine e connesse tramite “cloud”, viceversa si è avvisati in caso altri conducenti nelle vicinanze attivino le quattro frecce – e Slippery Road Alert, nel caso il conducente riceva sul proprio display l’avviso di strada con scarsa aderenza, la stessa informazione viene fornita tramite “cloud” agli altri veicoli Volvo connessi nelle vicinanze), Driver Alert Control (sistema di allerta in grado di rilevare la stanchezza del conducente e segnalare la necessità di fare una pausa tramite un avviso acustico e un messaggio nel quadro strumenti), Lane Keeping Aid (avverte il conducente che sta uscendo involontariamente dalla propria corsia e, se necessario, interviene con leggere correzioni dello sterzo per farlo rientrare), limitatore di velocità, Oncoming Lane Mitigation (aiuta il conducente ad evitare collisioni quando si effettua un sorpasso, in presenza di veicoli provenienti dalla direzione opposta, attivo fra i 65 e i 140 km/h), Post Impact Braking (frenata automatica) e sblocco portiere in caso di collisione, Ready to drive notification (informa il conducente fermo in una coda che il veicolo che precede è ripartito e quindi è il momento di riprendere la guida), Road Sign Information (sistema che permette di visualizzare i cartelli stradali nel proprio quadro strumenti), Roll Stability Control (sistema elettronico antiribaltamento) e Run-Off Road Mitigation & Protection (il sistema interviene sullo sterzo e su freni per evitare l’uscita di strada. Se ciò fosse inevitabile, gli occupanti dei sedili anteriori possono beneficiare della protezione dei sedili dalla speciale struttura ad assorbimento dei carichi verticali e dai pretensionatori a riavvolgimento elettrico che mantengono i passeggeri al centro della seduta)
  • SIPS – Side Impact Protection System con airbag laterali nei sedili anteriori
  • TPMS  – Tyre Pressure Monitoring System (sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici)
  • Volvo Guard Alarm – Antifurto con allarme e telecomando (comprende sirena, sensore di movimento interno ed inclinazione e Private Locking, ovvero la funzione di chiusura a comando elettrico del bagagliaio tramite lo schermo a colori touch screen e un codice personale)
  • WHIPS – Whiplash Protection System (dispositivo integrato nei sedili anteriori per la protezione contro il colpo di frusta)

Charging

  • Cavo di ricarica delle batterie Tipo 2, Mode 2, 7 mt, 2.3 kW, 10A, monofase con presa di tipo Schuko
  • Cavo di ricarica delle batterie Tipo 2, Mode 3, 4,5 mt, max. 16 A, trifase con presa Mennekes
  • Tessera per l’accesso alla rete europea di colonnine di ricarica pubblica Plugsurfing e convenzionate

Telaio e motore

  • Trasmissione EDT (Electric Drive Train) a marcia singola
  • Servosterzo progressivo in funzione della velocità
  • Telaio con assetto “Touring”
  • Trazione integrale permanente

Garanzia

  • 3 anni/100.000 km

title

Volvo C40: gli optional

La dotazione di serie della Volvo C40 andrebbe a nostro avviso arricchita con la vernice metallizzata (880 euro).

Volvo C40 usata

Le Volvo C40 di seconda mano non sono disponibili, anche perché devono ancora iniziare le consegne dei primi esemplari nuovi…

Volvo C40 dimensioni

La Volvo C40 è lunga 4,43 metri, larga 1,85 metri e alta 1,58 metri.

L’articolo Volvo C40: modello, prezzo, dotazione e foto proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Si può usare il vivavoce per telefonare in automobile o è vietato?

title

Credits: iStock

Come sappiamo, ovviamente, usare il telefono mentre si guida è assolutamente vietato dalla Legge, può essere anche molto pericoloso. Il Codice penale punisce i trasgressori, perché il rischio di incidenti anche gravi è molto alto, e oltre a mettere in pericolo la propria vita, chi telefona o guarda il suo smartphone mentre guida, mette a rischio anche quella degli altri, sia eventuali passeggeri a bordo, che gli utenti che si incontrano sulla strada, alla guida del loro mezzo. Le distrazioni mentre si è al volante purtroppo possono essere fatali, a volte basta un solo secondo per rimetterci la vita. Vediamo quali sono le situazioni in cui, secondo il Codice della Strada, è possibile usare il telefono alla guida e in che modo.

Telefono alla guida: quando posso usarlo

Con le più recenti modifiche che sono state apportate al Codice della Strada, sono tanti gli automobilisti che si sono chiesti se sono state introdotte delle novità anche per quanto riguarda l’utilizzo del cellulare in auto. Una cosa è certa ed è chiara a tutti: telefonare, mandare messaggi, usare Whatsapp e guardare i social dal proprio smartphone sono comportamenti assolutamente vietati dalla legge.

Quello che ci si chiede è, per esempio, se si può usare il telefono col vivavoce, oppure quando si è fermi in coda o ancora se si può premere il pulsante per rifiutare una chiamata mentre si sta guidando. La risposta è sempre no, anche nei momenti di ‘sosta’ per semaforo rosso, passaggio a livello chiuso, traffico, non è possibile usare il cellulare, nemmeno per premete il tasto rosso e rifiutare una telefonata.

In quali situazioni si può usare il telefono in auto? È consentito telefonare o guardare lo smartphone o un altro device solo se collegato al Bluetooth mentre si guida oppure quando si è fermi dentro un parcheggio. Con il Bluetooth si possono ricevere o fare telefonate anche quando si è in marcia, l’unica cosa che deve essere fatta a macchina ferma è la sincronizzazione dei contatti. Nel caso in cui il telefono è appoggiato sul sedile da parte o nel vano portaoggetti, allora si può usare con i comandi vocali, durante la guida.

Telefono con vivavoce: si può usare mentre si guida l’auto?

La guida con il cellulare è uno dei comportamenti sempre vietati dal Codice della Strada, non esistono delle eccezioni, delle deroghe o situazioni in cui è consentito usare il telefono in macchina, mentre si è al volante. Nessun automobilista può tenere in mano il telefono mentre guida.

Facciamo però il dovuto approfondimento sulla modalità vivavoce, si può usare se si riceve una chiamata in macchina? È difficile dare una risposta, perché non è sempre consentito usare il vivavoce, ma solo ed esclusivamente se il telefono si trova su un apposito supporto. Se invece il cellulare è nelle mani del conducente, allora si rischia la sanzione pecuniaria e la decurtazione di 5 punti dalla patente, anche se è stato attivato il vivavoce. Nel caso in cui l’automobilista venga trovato ancora con il suo smartphone in mano alla guida nei due anni successivi alla prima multa, allora rischia fino a tre mesi di sospensione della patente.

Le mani devono essere sempre libere mentre si è al volante, il Codice della Strada è chiaro, quindi non basta giustificarsi dichiarando di aver attivato il vivavoce per poter chiedere l’annullamento della multa.

L’articolo Si può usare il vivavoce per telefonare in automobile o è vietato? proviene da Icon Wheels.

Fonte:

SUV: l’elenco completo per marca (con i prezzi)

title

Le SUV sono amatissime dagli automobilisti italiani. Basta un dato per capirlo: nei primi sei mesi del 2021 le crossover e le fuoristrada hanno rappresentato il 46,9% delle immatricolazioni nel nostro Paese.

Di seguito troverete l’elenco completo di tutte le SUV in commercio (con i prezzi): tante proposte per tutti i gusti e tutte le tasche.

SUV: l’elenco completo per marca (con i prezzi)

title

SUV Alfa Romeo

  • Stelvio da 52.500 euro

title

SUV Aston Martin

  • DBX 188.126 euro

title

SUV Audi

  • Q2 da 28.750 euro
  • Q3 da 36.650 euro
  • Q3 Sportback da 39.900 euro
  • Q5 da 51.900 euro
  • Q5 Sportback da 54.900 euro
  • Q7 da 73.450 euro
  • Q8 da 77.700 euro
  • e-tron da 73.200 euro
  • e-tron Sportback da 75.500 euro
  • Q4 e-tron da 45.700 euro

title

SUV Bentley

  • Bentayga da 179.142 euro

title

SUV BMW

  • X1 da 33.000 euro
  • X2 da 34.150 euro
  • X3 da 55.200 euro
  • X4 da 59.600euro
  • X5 da 69.900 euro
  • X6 da 81.500 euro
  • X7 da 98.350 euro
  • iX3 da 69.900 euro
  • iX da 84.000 euro

title

SUV Cadillac

  • XT4 da 42.010 euro

title

SUV Citroën

  • C3 Aircross da 19.800 euro
  • C5 Aircross da 27.400 euro

title

SUV Cupra

  • Ateca 48.200 euro
  • Formentor da 32.000 euro

title

SUV Dacia

  • Duster da 12.950 euro

title

SUV DR

  • dr 3 da 15.400 euro
  • dr 5.0 da 18.900 euro
  • dr F35 da 23.900 euro

title

SUV DS

  • DS 3 Crossback da 26.000 euro
  • DS 7 Crossback da 37.600 euro
  • DS 3 Crossback E-Tense da 40.200 euro

title

SUV Evo

  • 3 14.900 euro
  • 4 16.900 euro
  • 5 14.900 euro
  • 6 19.900 euro
  • 3 Electric 36.600 euro

title

SUV Fiat

  • 500X da 21.750 euro

title

SUV Ford

  • EcoSport da 23.000 euro
  • Puma da 21.000 euro
  • Kuga da 27.300 euro
  • Explorer 81.000 euro
  • Mustang Mach-E da 49.900 euro

title

SUV Giotti Victoria

  • Glory 24.490 euro

title

SUV Haval

  • H2 da 18.800 euro

title

SUV Honda

  • HR-V da 24.950 euro
  • CR-V da 36.900 euro

title

SUV Hyundai

  • Bayon da 19.400 euro
  • Kona da 22.000 euro
  • Tucson da 29.400 euro
  • Santa Fe da 56.000 euro
  • Kona Electric da 35.850 euro
  • Ioniq 5 da 44.750 euro

title

SUV Jaguar

  • E-Pace da 39.750 euro
  • F-Pace da 56.280 euro
  • I-Pace da 82.460 euro

title

SUV Jeep

  • Renegade da 24.550 euro
  • Compass da 31.200 euro
  • Wrangler da 51.000 euro
  • Wrangler Unlimited da 54.500 euro

title

SUV Kia

  • Stonic da 16.750 euro
  • Niro da 26.750 euro
  • XCeed da 23.300 euro
  • Sportage da 25.500 euro
  • Sorento da 44.500 euro
  • e-Soul da 39.850 euro
  • e-Niro da 35.850 euro
  • EV6 da 49.500 euro

title

SUV Lamborghini

  • Urus 225.730 euro

title

SUV Land Rover

  • Defender 90 da 54.200 euro
  • Defender 110 da 57.400 euro
  • Discovery Sport da 44.610 euro
  • Discovery da 63.500 euro
  • Range Rover Evoque da 40.300 euro
  • Range Rover Velar da 61.200 euro
  • Range Rover Sport da 75.500 euro
  • Range Rover da 111.000 euro

title

SUV Lexus

  • UX da 38.000 euro
  • NX da 53.000 euro
  • RX da 73.000 euro
  • UX 300e da 57.000 euro

title

SUV Mahindra

  • KUV100 da 12.930 euro
  • XUV500 da 21.240 euro

title

SUV Maserati

  • Levante da 82.391 euro

title

SUV Mazda

  • CX-3 da 23.150 euro
  • CX-30 da 25.200 euro
  • CX-5 da 33.300 euro
  • MX-30 da 34.900 euro

title

SUV Mercedes

  • GLA da 36.007 euro
  • GLB da 37.770 euro
  • GLC da 50.439 euro
  • GLC Coupé da 55.042 euro
  • GLE da 74.094 euro
  • GLE Coupé da 82.146 euro
  • GLS da 96.730 euro
  • classe G da 114.390 euro
  • EQA da 51.150 euro
  • EQC da 73.644 euro

title

SUV MG

  • EHS da 35.850 euro
  • ZS da 34.350 euro

title

SUV Mini

  • Countryman da 27.450 euro

title

SUV Mitsubishi

  • ASX da 22.800 euro
  • Eclipse Cross da 25.500 euro
  • Outlander da 30.670 euro

title

SUV Nissan

  • Juke da 21.000 euro
  • Qashqai da 25.500 euro
  • X-Trail da 28.755 euro

title

SUV Opel

  • Mokka da 22.550 euro
  • Crossland da 21.200 euro
  • Grandland da 29.350 euro
  • Mokka-e da 35.250 euro

title

SUV Peugeot

  • 2008 da 22.200 euro
  • 3008 da 30.100 euro
  • 5008 da 32.850 euro
  • e-2008 da 38.750 euro

title

SUV Porsche

  • Macan da 68.214 euro
  • Cayenne da 85.271 euro
  • Cayenne Coupé da 92.469 euro

title

SUV Renault

  • Captur da 21.150 euro
  • Kadjar da 27.550 euro
  • Arkana da 30.350 euro
  • Koleos da 35.450 euro

title

SUV Rolls-Royce

  • Cullinan da 351.000 euro

title

SUV Seat

  • Arona da 19.100 euro
  • Ateca da 24.400 euro
  • Tarraco da 31.500 euro

title

SUV Skoda

  • Kamiq da 21.990 euro
  • Karoq da 26.100 euro
  • Kodiaq da 29.450 euro
  • Enyaq iV da 35.950 euro

title

SUV Ssangyong

  • Tivoli da 21.100 euro
  • Korando da 25.840 euro
  • Rexton da 37.400 euro

title

SUV Subaru

  • XV da 24.950 euro
  • Forester da 35.500 euro
  • Outback da 42.750 euro

title

SUV Suzuki

  • Ignis da 16.800 euro
  • Vitara da 24.000 euro
  • S-Cross da 23.600 euro
  • Across da 56.900 euro

title

SUV Tesla

  • Model Y da 61.970 euro
  • Model X da 100.970 euro

title

SUV Toyota

  • Yaris Cross da 25.400 euro
  • C-HR da 30.500 euro
  • RAV4 da 36.850 euro
  • Land Cruiser 3p. da 48.150 euro
  • Land Cruiser 5p. da 72.150 euro
  • Highlander da 52.200 euro

title

SUV Volkswagen

  • T-Cross da 20.750 euro
  • T-Roc da 25.050 euro
  • T-Roc Cabriolet da 30.400 euro
  • Tiguan da 31.750 euro
  • Tiguan Allspace da 39.500 euro
  • Touareg da 63.800 euro
  • ID.4 da 43.150 euro

title

SUV Volvo

  • XC40 da 30.950 euro
  • XC60 da 48.900 euro
  • XC90 da 69.950 euro
  • XC40 Recharge da 48.800 euro
  • C40 57.500 euro

L’articolo SUV: l’elenco completo per marca (con i prezzi) proviene da Icon Wheels.

Fonte:

BMW X1, la tecnologia sigla per sigla

title

La BMW X1 – arrivata alla seconda generazione – è una SUV compatta tedesca disponibile a trazione anterioreintegrale sviluppata sullo stesso pianale di altri modelli della Casa bavarese (serie 1serie 2 Active Tourerserie 2 Gran Coupé e X2). Una crossover ricca di tecnologia nonostante l’età avanzata (è stata svelata sei anni fa).

Di seguito troverete un glossario per capire meglio cosa significano le sigle che identificano tutti gli accessori tecnologici della Sport Utility teutonica.

BMW X1: la tecnologia sigla per sigla

AUC

La sigla AUC identifica il ricircolo automatico dell’aria.

Automatic Hold

La funzione Automatic Hold (presente sulle vetture con cambio automatico) blocca la macchina con motore acceso anche su strade in salita o in pianura senza dover premere il pedale del freno.

BMW Connected Drive Services

Il pacchetto BMW Connected Drive Services consente l’utilizzo delle funzioni dell’App BMW Connected/My BMW App in vettura e la tecnologia “BMW Apps” per l’utilizzo di selezionate app compatibili presenti sullo smartphone iOS/Android attraverso i comandi della vettura.

BMW Intelligent Emergency Call

Il sistema BMW Intelligent Emergency Call non è altro che la chiamata di emergenza.

BMW TeleService

Abilita la comunicazione telematica tra vettura, concessionaria e centrale d’assistenza.

Comfort Access

Il Comfort Access consente di lasciare le chiavi in tasca. Per sbloccare/bloccare la vettura è sufficiente toccare la maniglia delle portiere.

Concierge Service

Il Concierge Service prevede la possibilità di usufruire di un call center sempre a disposizione per richiedere informazioni su itinerari, esercizi commerciali, ristoranti, cinema, etc…

Cornering Brake Control

Il Cornering Brake Control aumenta la stabilità nelle curve veloci in caso di frenata leggera.

Driving Assistant

Il Driving Assistant, basato su radar + telecamera, include i seguenti sistemi di sicurezza attiva: avvertimento di presenza pedoni e rischio di tamponamento con funzione frenata City, Speed Limit Info con indicatore di divieto di sorpasso, avvertimento di traffico trasversale posteriore, segnalatore di presenza veicoli nei punti ciechi e avvertimento di collisione posteriore.

DSC

Il DSC è il controllo dinamico di stabilità BMW.

Follow-me-home

La funzione Follow-me-home mantiene accese le luci anabbaglianti a veicolo spento (durata regolabile).

HDC

L’HDC (acronimo di Hill Descent Control) è attivabile sulle versioni a trazione integrale e riduce la velocità nelle discese ripide senza intervento frenante da parte del guidatore.

iDrive

L’iDrive è un controller che permette di gestire diverse funzioni della vettura attraverso una rotella.

Parking Assistant

L’assistente al parcheggio Parking Assistant offre una serie di funzioni che permettono di parcheggiare in modo confortevole e automatico sia in parcheggi paralleli alla carreggiata che in parcheggi traversali oppure a pettine rispetto alla strada.

PDC

La sigla PDC (acronimo di Park Distance Control) identifica i sensori di parcheggio.

Remote Services

Permette il controllo da remoto della vettura: localizzazione, comando a distanza (chiusura/apertura, lampeggio fari, clacson), attivazione ventilazione/climatizzazione e invio delle destinazioni dall’app MyBMW alla vettura.

sDrive

La sigla sDrive identifica le BMW X1trazione anteriore.

Steptronic

La sigla Steptronic identifica il cambio automatico della BMW X1.

Traffic Information

Il Traffic information fornisce informazioni sul traffico su autostrade, strade principali e arterie urbane ricevendo aggiornamenti in tempo reale e segnalando eventuali itinerari alternativi.

xDrive

La sigla xDrive identifica la BMW X1trazione integrale.

L’articolo BMW X1, la tecnologia sigla per sigla proviene da Icon Wheels.

Fonte: