Renault sperimenta la nuova ricarica elettrica bidirezionale

title

Credits: CS- LA GAMMA RENAULT Z.E. PROTAGONISTA DI ECOMOB expò 2018

Ricarica elettrica bidirezionale. È questo il nuovo concetto su cui sta lavorando il Gruppo Renault, avviando le prime sperimentazioni su larga scala. La sua tecnologia in corrente alternata, che ha la specificità di integrare il caricabatterie bidirezionale direttamente nei veicoli, richiede solo un semplice adattamento alle colonnine di ricarica esistenti, per un costo ragionevole.

Come funziona la ricarica bidirezionale?

Il principio della ricarica bidirezionale modula il caricamento e lo scarico della batteria del veicolo elettrico in funzione delle esigenze dell’utente e dell’offerta di elettricità disponibile sulla rete. La ricarica viene effettuata ai massimi livelli quando l’offerta di elettricità è più abbondante rispetto al fabbisogno, in particolare in corrispondenza dei picchi di produzione delle energie rinnovabili. Tuttavia, i veicoli sono in grado anche di trasmettere energia elettrica alla rete nei momenti di picco dei consumi. I veicoli elettrici possono quindi fungere da unità di stoccaggio temporanee di energia e diventano un elemento chiave per sviluppare le energie rinnovabili. La rete elettrica ottimizza, così, la fornitura di energia rinnovabile locale e riduce i costi delle infrastrutture.

Nel 2019 si partirà con 15 Renault ZOE

Nel corso del 2019 una flotta di 15 ZOE a ricarica bidirezionale sarà sviluppata in Europa per poter elaborare le future offerte di ricarica del Gruppo e predisporre le norme, con il supporto dei partner. Le sperimentazioni cominciano a Utrecht (Paesi Bassi) in un ecosistema sviluppato da We Drive Solar e sull’Isola di Porto Santo (arcipelago di Madera in Portogallo) con Empresa de Electricidade da Madeira, una utility energetica. Seguiranno sviluppi in Francia, Germania, Svizzera, Svezia e Danimarca.

Colonna portante degli ecosistemi elettrici intelligenti

«Con questa iniziativa, il Gruppo Renault svolge pienamente il suo ruolo di leader della mobilità elettrica per tutti, nonché di protagonista della transizione energetica. La ricarica bidirezionale è una colonna portante degli ecosistemi elettrici intelligenti sviluppati dal Gruppo Renault. Abbiamo scelto una tecnologia a bordo che consente anche di ottimizzare il costo della colonnina di ricarica e, pertanto, di facilitare lo sviluppo su larga scala della mobilità elettrica», ha annunciato Gilles Normand, Direttore Veicoli Elettrici del Gruppo Renault.

L’articolo Renault sperimenta la nuova ricarica elettrica bidirezionale proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Seat Leon, nuovi motori per la top di gamma

title

Seat amplia la gamma di motori disponibili per la Leon ST, introducendo il nuovo 2.0 TDI 150 CV con trazione 4Drive e cambio DSG a 7 rapporti, in abbinamento all’allestimento sportivo top di gamma FR, per un prezzo di listino di 31.645 euro. Il nuovo propulsore fa registrare un consumo di carburante in ciclo combinato WLTP min-max pari a 5,5-6,3 l/100 km, a fronte di emissioni di CO2 in ciclo combinato WLTP min-max pari a 143-165 g/km (128-131- 135 in ciclo NEDC min-max).

Top di gamma anche a metano

Ma le novità non finiscono qui, perché la nuova Leon è disponibile anche nella versione a metano nell’allestimento top di gamma Exellence: è ora possibile optare per il monofuel 1.5 TGI 130 CV, ora disponibile sia con cambio manuale a 6 rapporti, sia con cambio automatico DSG a 7 rapporti. Così, come già accade per le versioni alimentate a metano di Ibiza e Arona, la Leon a metano viene proposta ora in tutti gli allestimenti presenti in gamma, unendo i vantaggi di un’alimentazione economica, ecologica ed efficiente a un equipaggiamento completo

I prezzi

I prezzi della Leon con motore a metano omologato monofuel (1.5 TGI 130 CV) nell’allestimento top di gamma XCellence partono da 26.615 euro, per la versione di carrozzeria cinque porte in abbinamento al cambio manuale, mentre la versione abbinata al cambio automatico DSG parte da 28.115 euro. La versione familiare invece, parte da 27.365 euro con cambio manuale e da 28.865 euro in abbinamento al cambio automatico DSG.

L’articolo Seat Leon, nuovi motori per la top di gamma proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Porsche Cayenne, Coupé è più sexy

title

Alla fine anche Porsche ha ceduto al fascino della SUV Coupé. E così la Cayenne, la sport utility grande della famiglia di Stoccarda, adotta la carrozzeria fastback e diventa Cayenne Coupé, più sexy che mai. La BMW X6, la Mercedes-Benz GLE Coupé e l’Audi Q8 avranno così una nuova rivale nel segmento delle ammiraglie a ruote alte.

Tetto spiovente e spalle larghe

Rispetto alla Cayenne convenzionale, la Porsche Cayenne Coupé si distingue esteticamente per la linea del tetto che scende all’indietro in maniera molto più pronunciata.

Ma non è l’unica novità che vedremo su questa new entry.

Anche il lunotto è più basso e inclinato, mentre all’anteriore il parabrezza ha una superficie più piccola, dovuta al tetto più basso di 20mm. I passaruota posteriori e le portiere ridisegnati le irrobustiscono anche le spalle, con 18 mm in più di larghezza. La linea del tetto finisce su un primo alettone superiore, ma in basso si nasconde un secondo grosso spoiler che si solleva automaticamente di 135 mm, superati i 90 km/h, per aumentare il carico aerodinamico.

Interni: stessa abitabilità

A bordo della nuova Porsche Cayenne Turbo ci sono meno novità.

Rispetto alla Cayenne si differenzia per la nuova configurazione dei sedili posteriori, composti da due poltrone individuali separate da un riposabraccia.

Di serie, insomma, è una quattro posti ma volendo la si potrà ordinare (senza costi aggiuntivi) con la configurazione a cinque.

Tra l’altro il divano posteriore è stato posizionato 30 mm più in basso rispetto alla Cayenne standard per compensare lo spazio per la testa dei passeggeri occupato dal tetto più basso che, tra l’altro, viene offerto di serie cin una superficie vetrata panoramica di 2,16 m2 (in optional potrà essere in carbonio).

Tre pacchetti opzionali

Tra gli altri accessori che compongono i tre pack sportivi disponibili per la Porsche Cayenne Coupé ci sono anche i cerchi in lega da 22 pollici, rifiniture in carbonio e rivestimenti in Alcantara per l’abitacolo.

Nel caso della Cayenne Turbo Coupé figura anche l’impianto di scarico sportivo. Il bagagliaio, con 625 litri di capacità di carico, perde 145 litri e nel caso della Turbo si riduce a 600 litri. Tanto per avere dei termini di paragone, il portabagagli della BMW X6 ha una capienza di 580 litri, quello della Mercedes-Benz GLE 650 litri e quello della Q8 di 605 litri.


News

Nuova Porsche Cayenne 2018

Il SUV tedesco si rinnova profondamente. È già ordinabile a partire da 78.040 euro

6 o 8 cilindri. Tanta differenza anche di prezzo

Al lancio la nuova Porsche Cayenne Coupé potrà contare su due motorizzazioni benzina. Il 6 cilindri turbo da 3.0 litri con 340 CV e 450 Nm di coppia. Con il pacchetto Sport Chrono scatta da 0 a 100 km/h in 6 secondi, performance che scende a 5,9 secondi con gli altri due pacchetti sportivi opzionali. La velocità massima è di 242 km/h. Come seconda scelta, in alto di gamma, c’è la versione Turbo che monta il V8 biturbo da 4.0 litri e 550 CV di potenza. La coppia in questo caso è di 770 Nm e lo sprint 0-100 scende drasticamente a 3,9 secondi con la velocità massima di 286 km/h. La Mercedes-AMG GLE 63 4Matic Coupé (557 CV e 700 Nm), ad esempio, raggiunge i 100 km/h da ferma in 4,3 secondi e ha una velocità massima limitata a 250 km/h.

I prezzi della nuova Porsche Cayenne Coupé

In Italia la nuova Porsche Cayenne Coupé nella configurazione di base costerà 86.692 euro, mentre per avere la Cayenne Coupé Turbo bisognerà sborsare almeno 151.230 euro.

L’articolo Porsche Cayenne, Coupé è più sexy proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Honda, la storia in F1

title

Dr. Jekyll e Mr. Hyde: così si può riassumere la storia della Honda in F1. La Casa giapponese ha dominato il Circus come motorista regalando a Williams e McLaren undici Mondiali (cinque Piloti e sei Costruttori) tra il 1986 e il 1991 ma non è stata altrettanto vincente quando ha provato a cimentarsi come team.

Di seguito troverete la storia delle otto stagioni affrontate dalla Honda in F1 come costruttore: poche soddisfazioni e tanti rimpianti.

La storia della Honda in F1

Honda entra in F1 nel 1964, solo un anno dopo aver lanciato la sua prima automobile di serie. L’unica monoposto schierata – dotata di un motore 1.5 V12 – viene affidata allo statunitense Ronnie Bucknum e ottiene come miglior piazzamento stagionale un 13° posto nella gara d’esordio in Germania.

La prima vittoria

Nel 1965 arrivano le prime soddisfazioni per la squadra giapponese: il nuovo pilota Richie Ginther (di nuovo uno statunitense) porta al team nipponico i primi punti con un 6° posto in Belgio e addirittura il primo successo di sempre nel Circus di una Casa asiatica (in Messico).

Arrivano i 3.0

Le modifiche al regolamento introdotte a partire dal Mondiale F1 1966 permettono ai team di schierare monoposto con motori di massimo tre litri di cilindrata (fino al 1965 il limite era di 1,5 litri). La Honda entra solo nella settima gara stagionale con una vettura dotata di un propulsore 3.0 V12 e ottiene come miglior piazzamento un quarto posto in Messico con Ginther.

La situazione migliora nel 1967 con l’ingaggio di John Surtees: il pilota britannico (campione del mondo tre anni prima dopo aver dominato con le moto tra la fine degli anni ’50 e l’inizio dei ’60) sorprende tutti con un terzo posto al debutto in Sudafrica e sale sul gradino più alto del podio in Italia.

1968: il primo addio

Nel 1968 la Honda ottiene grazie a Surtees un secondo posto in Francia e un terzo negli USA ma a fine stagione abbandona la F1 in seguito alla morte del pilota francese Jo Schlesser, scomparso nella gara di casa al volante della nuova monoposto RA302 (motore 3.0 V8 raffreddato ad aria e scocca in magnesio iperleggera ma anche estremamente infiammabile) a causa di un incendio.

Il ritorno

Dopo la brillante esperienza come motorista negli anni ’80 e ’90 (undici Mondiali, come abbiamo visto, tra il 1986 e il 1992) e all’inizio del XXI secolo Honda torna ufficialmente come costruttore in F1 nel 2006 con l’acquisto della scuderia BAR.

La monoposto – dotata di un motore 2.4 V8 e affidata al britannico Jenson Button (vittoria in Ungheria e due terzi posti in Malesia e in Brasile) e al brasiliano Rubens Barrichello – regala la migliore stagione di sempre alla scuderia asiatica.

Il declino

Il 2007 non è altrettanto convincente: l’addio dello sponsor principale British American Tobacco toglie risorse finanziarie importanti alla scuderia giapponese, costretta a schierare una vettura poco performante (caratterizzata da una livrea “ecologista” che raffigura il pianeta Terra) che ottiene come miglior piazzamento un 5° posto con Button in Cina. Il team del Sol Levante termina il campionato con soli due punti di vantaggio sulla squadra “satellite” Super Aguri.

L’ultimo addio

Nel 2008 la Honda continua a deludere: l’unica gioia arriva dal terzo posto di Barrichello in Gran Bretagna. Al termine della stagione – per via della crisi economica – la Casa giapponese abbandona la F1 e cede il team a Ross Brawn (artefice dei successi iridati di Michael Schumacher con la Benetton e la Ferrari).

La scuderia cambia nome in Brawn GP e si aggiudica a sorpresa il Mondiale 2009 grazie a una monoposto sviluppata l’anno prima da tecnici del marchio nipponico e adattata per ospitare motori Mercedes. Ma questa è un’altra storia…

L’articolo Honda, la storia in F1 proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Wrong-way driver warning, mai più veicoli contromano

title

Lo sviluppo di tecnologie pensate per migliorare giorno dopo giorno la sicurezza degli automobilisti (e non solo) è da sempre una delle mission del marchio Bosch, che grazie al wrong-way driver warning sta dimostrando che bastano poche migliaia di righe di codice informatico per proteggere vite umane dal pericolo di ritrovarsi contro auto che percorrono la strada contromano.

Un avviso che avverte i conducenti delle “auto interessate”

Parliamo nello specifico di un servizio basato su cloud, disponibile in 13 Paesi europei, che non solo avverte il conducente che sta procedendo nel senso di marcia sbagliato, ma allerta anche gli altri guidatori che si trovano nell’area di pericolo, inviando con la massima velocità notifiche push. Al momento, ben 15 app di navigazione, streaming e radio hanno integrato la funzione app sviluppata da Bosch. Con essa il servizio è in grado di raggiungere diversi milioni di persone in Europa, dall’Irlanda all’Italia e dal Portogallo alla Polonia.

Presto sui sistemi di infotainment delle auto

Per rilevare se una macchina imbocca l’autostrada nel senso opposto di marcia, la tecnologia basata su cloud confronta i movimenti effettivi del veicolo con la direzione di marcia consentita. Le informazioni vengono memorizzate in un database e in caso di “anomalie” le parti interessate riceveranno delle notifiche direttamente sul proprio veicolo. Infine, Bosch utilizzerà un nuovo modulo software per integrare il wrong-way driver warning direttamente nei sistemi di infotainment dei veicoli futuri.

L’articolo Wrong-way driver warning, mai più veicoli contromano proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Fiat 500: la prossima generazione sarà elettrica

title

La Fiat 500, come urban city car per antonomasia quale è, è da sempre stata una potenziale candidata a convertirsi in auto elettrica al 100%.  Di fatto, sembrerebbe che a partire dal 2020, la piccola dell’ex -Lingotto diventerà una EV a zero emissioni.

Lo ha confermato ai microfoni della rivista Autoexpress Olivier François, direttore marketing di FCA. E il Salone di Ginevra 2020 sarà l’evento internazionale in cui debutterà in anteprima mondiale.

“La nuova Fiat 500 rispetterà tutto ciò che conosciamo della gamma, ma sarà completamente nuova. Sotto pelle il cambio sarà radicale, ma nonostante ciò la si riconoscerà immediatamente per le sue dimensioni e proporzioni”.

Il responsabile di FCA ha fatto riferimento all’uso di una piattaforma elettrica completamente nuova, la stessa che probabilmente sfrutterà anche il modello di produzione derivato dal prototipo Centoventi visto quest’anno alla kermesse svizzera.

 

190305_Fiat_Concept_Centoventi_01

Credits: Fiat Concept Centoventi

190305_Fiat_Concept_Centoventi_02

Credits: Fiat Concept Centoventi

190305_Fiat_Concept_Centoventi_03

Credits: Fiat Concept Centoventi

190305_Fiat_Concept_Centoventi_04

Credits: Fiat Concept Centoventi

Olivier François ha fatto riferimento anche all’importanza del prezzo della nuova Fiat 500:

“L’inizio del nostro cammino elettrico con la Fiat 500 è molto importante. È chiaro che non possiamo vendere la 500 elettrica allo stesso prezzo di accesso della gamma attuale, ma a noi è anche chiaro che oltre la metà dei nostri clienti non compra modelli entry level. Per questo un prezzo attorno ai 24.000 euro sarebbe accettabile”.

La 500 elettrica però non sarà sola, entro fine anno infatti sembrerebbe che arriverà una variante mild-hybrid. Ma con la prossima generazione Fiat punterà sull’elettrica e François ha parlato chiaro:

“Lo facciamo sia per la voglia di creare un’auto elettrica redditizia, sia per evitare multe potenziali per non rispettare il nuovo limite EU sulle emissioni di CO2.”

che a partire dal 2020 sarà di 95g/km.


WheelsTV / Saloni

Fiat Concept Centoventi

Un anticipo della futura Fiat Panda

L’articolo Fiat 500: la prossima generazione sarà elettrica proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Metano self-service: tutto quello che c’è da sapere

title

Il metano self-service è (quasi) realtà: lo schema di decreto che modifica il testo, attualmente in vigore, della norma inerente l’esercizio degli impianti di distribuzione stradale del gas naturale per autotrazione che permetterà il rifornimento di metano in modalità self-service è stato pubblicato lo scorso 20 marzo 2019 in Gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore dopo 30 giorni dalla data di pubblicazione.

Di seguito troverete una guida completa a tutte le novità relative al metano self-service in Italia: i dettagli sul testo del decreto e i requisiti che i proprietari di veicoli a gas dovranno possedere per poter rifornire in maniera autonoma la propria auto.

Quali sono le novità relative al metano self-service introdotte dal decreto?

Prima del decreto il blocco dell’erogazione nei dispositivi self-service avveniva attraverso il rilascio del dispositivo che comanda l’erogazione del gas. Ora invece si dovrà premere un pulsante di ritenuta (posizionato ad adeguata distanza dall’apparecchio di distribuzione in uso, comunque non inferiore alla lunghezza della manichetta di carico del veicolo e collocato in modo da consentire all’utente una completa visione dell’apparecchio al fine di controllo della regolare erogazione).

Il decreto consente inoltre il rifornimento di gas naturale per autotrazione in modalità self-service non presidiata presso impianti dotati di un sistema di riconoscimento dell’utente (identificato mediante l’inserimento dello strumento di pagamento elettronico che fornisce il consenso all’erogazione dell’apparecchio di distribuzione asservito al dispositivo self-service).

Gli utenti che intendono usufruire della modalità self-service devono essere preventivamente istruiti in merito alle modalità di effettuazione del rifornimento, ai rischi ad esso connessi, alle avvertenze, alle limitazioni, ai divieti, ai comportamenti da tenere in caso di emergenza, alle conseguenze relative a comportamenti scorretti o non permessi ed essere inseriti all’interno di una specifica banca dati (la registrazione avverrà secondo modalità individuate dal Ministero dell’interno e condivise con i Ministeri dello sviluppo economico e delle infrastrutture e dei trasporti o potrà essere effettuata su un portale telematico implementato da una società regolata dall’Autorità di regolamentazione per energia reti e ambiente o, in subordine, sul portale di un sito internet di un organismo che opera nel settore delle infrastrutture del gas presente su tutto il territorio nazionale, previo assenso del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Come avvengono le modalità di istruzione sul metano self-service?

L’istruzione deve avvenire preso un distributore di gas naturale per autotrazione con impianto self-service a cura del gestore o di personale dallo stesso delegato (che deve provvedere anche un addestramento sul corretto utilizzo del distributore self-service e deve essere accompagnata da apposito opuscolo dimostrativo: il completamento dell’istruzione comporta la registrazione dell’utente, nella banca dati precedentemente citata, da parte del gestore) o avvalendosi di un tutorial sul portale precedentemente citato.

In entrambe le modalità di istruzione l’utente dovrà dichiarare di essere stato adeguatamente istruito sulle modalità di effettuazione del rifornimento self-service e dei rischi connessi assumendosi ogni responsabilità in merito al corretto uso di tale sistema di rifornimento e dichiarare di utilizzare personalmente lo strumento elettronico di pagamento confermando ulteriormente, prima di iniziare l’erogazione del carburante, le precedenti dichiarazioni sull’istruzione e i requisiti del veicolo.

L’articolo Metano self-service: tutto quello che c’è da sapere proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Mitsubishi Eclipse Cross Knight: il lato ‘dark’ della SUV giap

title

Esclusiva, dal taglio premium e soprattutto ‘Dark’. La SUV coupé di Casa Mitsubishi si veste da cavaliere nero con l’edizione speciale Knight esclusiva per l’Italia.

La nuova Mitsubishi Eclipse Cross Knight esalta il lato oscuro della gamma con la calandra Dynamic Shield verniciata in Total Black. L’eleganza e la sportività di questa special edition si concentrano anche al posteriore con lo spoiler Knight, l‘antenna shark, gli specchietti retrovisori neri e i finestrini Chrome Pack oscurati.

Un ulteriore tocco di stile è dato dalle rifiniture “red line” delle minigonne, dei tappetini e del battitacco delle portiere anteriori e posteriori.

Quattro saranno infine le diverse tinte disponibili per la carrozzeria: Polar White Pastello, Sterling Silver Metallizzato, Titanium Grey Metallizzato, Amethyst Black Metallizzato.

 

La versione Knight della Mitsubishi Eclipse Cross potrà godere della motorizzazione Turbodiesel da 16 valvole DOHC con Auto Stop & Go, abbinata al sistema di trazione integrale Super All Wheel Control (S-AWC).


Prova su Strada

Mitsubishi Eclipse Cross 1.5 turbo 4WD, la prova

Abbiamo provato la Mitsubishi Eclipse Cross 1.5 turbo 4WD: la spaziosa (più per i passeggeri che per i bagagli) SUV giapponese a benzina potrebbe essere più vivace

L’articolo Mitsubishi Eclipse Cross Knight: il lato ‘dark’ della SUV giap proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Hyundai Tucson: look sportivo con la N Line

title

Il popolare SUV compatto coreano appena aggiornato con un restyling di metà carriera, tra le novità ha ricevuto diverse varianti semi-ibride che gli hanno conferito l’etichetta ECO. Anche il design della Hyundai Tucson è evoluto con un’immagine più moderna e l’equipaggiamento è stato arricchito. Ora, però, è arrivato il momento della versione sportiva.

La nuova Hyundai Tucson N Line si posizionerà in gamma come variante top dal taglio sportivo e se la vedrà sul mercato con concorrenti come la Seat Ateca FR o la Skoda Karoq Sportline. La sua indole racing si fermerà, però, soltanto all’aspetto estetico, sotto al cofano pulseranno infatti i già noti motori della gamma attuale con potenze comprese tra i 136 e i 185 CV. Per la Tucson veramente arrabbiata bisognerà perciò aspettare un’eventuale variante ’N’ con il quattro cilindri turbo da 250 o 270 CV della i30 N.

Veste sportiva

 

Intanto però la Hyundai Tucson N Line farà sfoggio di un body-kit che ne metterà in mostra i muscoli con elementi aerodinamici derivati proprio dalla i30 N, come i paraurti specifici, la griglia a rete e i fari bruniti, i cerchi da 19 pollici e gli specchietti retrovisori, le maniglie delle portiere e lo spoiler posteriore verniciati in nero. Dentro spiccano i sedili neri in pelle con logo N e cuciture a contrasto in rosso e la pedaliera in lega.

Motorizzazioni: da 136 a 185 CV

Per quanto riguarda la meccanica i clienti potranno scegliere tra il CRDi da 1.6 litri e 136 CV di potenza e il turbodiesel 2.0 da 185 CV. Entrambi Euro 6dTemp, sono dotati di tecnologia mild-hybrid con sistema a 48 volt e batterie al litio da 0,44 kW/h, generatore di avviamento e convertitore a basso voltaggio.


New York Auto Show 2018

Hyundai Tucson, a New York debutta il restyling 2018

La SUV coreana si rinnova. Più tecnologica, sicura ed efficiente

L’articolo Hyundai Tucson: look sportivo con la N Line proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Husqvarna Svartpilen 701, arriva “la Freccia Nera”

title

In svedese Svartpilen vuol dire Freccia Nera e il concetto, a giudicare dal design della moto, rappresenta perfettamente l’essenza di questo nuovo
modello. Presentata per la prima volta a Eicma 2018 a Milano, la nuova Husqvarna Svartpilen 701 debutta nelle concessionarie italiane (e non solo). Esploratrice stradale ispirata dal flat track, fa parte della nuova gamma ‘Real Street’ 2019.

Per i motociclisti attenti allo stile

La Svartpilen 701 è stata progettata per conquistare gli appassionati di moto più attenti allo stile, monta fari a LED premium ed è costruita attorno a un potente motore monocilindrico che eroga 75 CV e 72 Nm. È dotata di cambio elettronico Quickshift up/down, per poter passare da un rapporto all’altro senza l’utilizzo della frizione, di una frizione anti-saltellamento e di un ride by wire multimappa. La ciclistica si avvale di sospensioni WP completamente regolabili, i freni sono Brembo e l’ABS è firmato Bosch.

Ampiamente personalizzabile

Essendo la Svartpilen 701 una moto che fa dello stile e del dinamismo i suoi principali punti di forza, fermo restando il piacere di guida tipico delle Husqvarna, sono tanti gli accessori originali realizzati per poter permettere a ciascun cliente di personalizzare la propria moto in base al gusto o alla destinazione d’uso.

L’articolo Husqvarna Svartpilen 701, arriva “la Freccia Nera” proviene da Icon Wheels.

Fonte: