Le 10 auto elettriche più attese del 2023

title

Nel 2023 vedremo molte nuove auto elettriche in listino: tante vetture a batteria per tutti i gusti e (quasi) tutte le tasche.

Di seguito troverete le 10 auto elettriche più attese del 2023: modelli soprattutto tedeschi appartenenti prevalentemente al segmento delle SUV grandi. Non mancano però proposte di altre nazioni e di altre categorie.

Le 10 auto elettriche più attese del 2023

title

Audi Q8 e-tron

L’Audi Q8 e-tron non è altro che il restyling della e-tron. La grande SUV elettrica tedesca a trazione integrale, sviluppata sullo stesso pianale della A6, è disponibile in due varianti di carrozzeria (“normale” e Sportback). Due motori (340 o 408 CV) e prezzi che partono da 79.900 euro.

title

Jeep Avenger BEV

La Jeep Avenger BEV – variante elettrica della piccola SUV statunitense – ospita sotto il cofano un motore da 156 CV e costa 39.500 euro.

title

Lexus RZ

La Lexus RZ è una SUV media elettrica a trazione integrale (due motori da 313 CV) sviluppata sullo stesso pianale della Subaru Solterra.

title

Lotus Eletre

La Lotus Eletre è una grande SUV elettrica britannica a trazione integrale spinta da due motori. Prezzi da 98.490 euro e due varianti di potenza: 612 e 918 CV.

title

Maserati GranTurismo Folgore

La Maserati GranTurismo Folgore è la variante elettrica della seconda generazione della supercar del Tridente. Trazione integrale e tre motori ognuno capace di erogare una potenza massima di 408 CV.

title

Maserati Grecale Folgore

La Maserati Grecale Folgore è la variante elettrica della SUV media modenese. Una crossover a trazione integrale in grado di generare 500 CV.

title

Mercedes EQE SUV

La Mercedes EQE SUV è una grande SUV elettrica tedesca disponibile a trazione posteriore (un motore, montato dietro, da 292 CV) o integrale (due motori in grado di generare una potenza complessiva di 292 o 408 CV).

title

Opel Astra Electric

La Opel Astra Electric è la variante elettrica della sesta generazione della compatta tedesca. Disponibile in due varianti di carrozzeria (cinque porte e station wagon Sports Tourer), monta un motore da 156 CV.

title

Peugeot e-308

La Peugeot e-308 è la variante elettrica della seconda generazione della 308. La compatta francese a emissioni zero è disponibile in due varianti di carrozzeria (cinque porte e station wagon) e monta un motore da 156 CV.

title

Volvo EX90

La Volvo EX90 è una grande SUV elettrica svedese a trazione integrale con due motori in grado di generare 408 o 517 CV. Sette posti e prezzi che partono da 104.500 euro.

L’articolo Le 10 auto elettriche più attese del 2023 proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Progressive Classic, il nuovo design di Casa Lancia

title

A fine novembre alla reggia di Venaria di Torino è andata in scena l’alba di una nuova era per Lancia, che sceglie gli stucchi e le geometrie reali della Galleria Grande per una giornata dedicata al design e al futuro del marchio italiano.

Rinascimento è la parola d’ordine utilizzata dal CEO del brand Luca Napolitano, che introduce il nuovo logo e la nuova visione aziendale, anticipando i progetti dei prossimi anni: la nuova Ypsilon, attesa nel 2024, una gamma 100% elettrificata entro il 2028, sostenibilità per almeno il 50% dei materiali, e un moderno modello distributivo.

Un piano solido che procede velocemente ma senza scostarsi dai pilastri che hanno sempre caratterizzato e sostenuto Lancia; italianità ed eleganza, ora declinata secondo le regole della contemporaneità, e di quel Progressive Classic che vuole diventarne il tratto distintivo.

Si parte dal logo, ispirato a quello del 1957 ma concepito secondo i dettami del design più evoluto, dove le forme si incastrano l’una con l’altra in un gioco di rette spigoli e curve, dove si capitalizza il passato per plasmare il presente e, grazie a un esercizio di scorporamento, come ha spiegato la Global Brand Designer Teresa Mendicino, i simboli Lancia si ritrovano e fondono per dare vita a un inedito equilibrio. “Tra minimalismo e ricchezza”, tra un passato glorioso e un nuovo inizio, che esprime al meglio la doppia anima dello scudo.

Ma come saranno le nuove Lancia? Jean-Pierre Ploué racconta di vetture che non abbandoneranno mai la loro identità tricolore, di prototipi futuristi manifesti di avanguardia ispirati alla scuola e all’eredità dei maestri del design italiano. Un cuore diviso tra tradizione e modernità quello del Design Officer di Stellantis incaricato della rinascita di Lancia, ma sempre aperto al domani, nel rispetto del dna e dell’identità del brand, e che assicura: “Non bisogna scegliere tra classic e progressive, perché queste caratteristiche fanne entrambe parte del marchio”.

Pure and radical sono altri due concetti chiave di questo rinascimento, a cui ci si ispira per disegnare il futuro, con lo sguardo rivolto anche al design del mobile italiano, alle architetture, con la volontà di rappresentare diversi stili di vita, di evadere, di creare un connubio con ispirazioni dimensioni e linguaggi estranei al mondo automotive.

E il primo assaggio del rinascimento firmato Lancia ha un nome: Pu+Ra, una filosofia che anticipa l’avvenire stilistico dei prossimi modelli, e un’opera d’arte, Pu+Ra Zero, ammirata in occasione del Design Day; una scultura che insegue il profilo dell’Aurelia B20 ostentando un design che diventa senza tempo.

Di nuovo, il futuro che si eleva dalle radici. E oltre.

L’articolo Progressive Classic, il nuovo design di Casa Lancia proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid: com’è e come va

title

L’Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid non è solo l’unica variante a trazione integrale della SUV compatta lombarda – sviluppata sullo stesso pianale della Jeep Compass – ma anche la prima ibrida “alla spina” di sempre della Casa del Biscione.

Una crossover ecologica e sportiva da acquistare – come tutte le PHEV in commercio – solo se avete il tempo, lo spazio e la voglia di ricaricare spesso la batteria per sfruttare il più possibile la modalità elettrica. In caso contrario meglio puntare sulle versioni mild hybrid o – se non vivete in posti soggetti a blocchi del traffico – turbodiesel.

Nel nostro primo contatto abbiamo avuto modo di guidare l’Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid nell’allestimento top di gamma Veloce. Scopriamo insieme i suoi pregidifetti.

Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid: come funziona il sistema ibrido

Il powertrain dell’Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid protagonista del nostro primo contatto (280 CV di potenza complessiva) è composto da un motore 1.3 turbo benzina da 180 CV e 270 Nm di coppia – abbinato a un cambio automatico (convertitore di coppia) a sei rapporti – che fornisce trazione alle ruote anteriori e da un’unità elettrica da 122 CV e 250 Nm di coppia che gestisce quelle posteriori. La batteria agli ioni di litio da 15,5 kWh – ricaricabile in meno di due ore e mezza sfruttando l’onboard charger da 7,4 kW – garantisce un’autonomia fino a 69 km in modalità elettrica (fino a 82 in città).

Il selettore di guida Alfa D.N.A. permette di scegliere tra tre modalità di guida: la Dynamic massimizza le prestazioni della vettura attraverso una specifica calibrazione del pedale dell’acceleratore, della gestione del cambio e dei controlli di stabilità uniti a una risposta del volante più diretta, la Natural (ibrida 4×4) è il giusto compromesso tra efficienza e divertimento mentre con la Advance Efficiency si viaggia in modalità EV a trazione posteriore.

Tra le altre funzionalità presenti sull’Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid segnaliamo l’E-Save, che consente di ricaricare o mantenere il livello di carica della batteria quando il propulsore termico è acceso.

Non mancano inoltre il Charging Station Finder (per visualizzare le stazioni di ricarica pubbliche più vicine), il Dynamic Range Mapping (per programmare la ricarica, impostare la temperatura da remoto e calcolare l’autonomia in base al percorso) e il My eCharge.

Quest’ultima tecnologia (programmata per comunicare direttamente con il sistema easyWallbox, in modo che i clienti possano scegliere quanta elettricità utilizzare e persino aumentare, diminuire, sospendere o riattivare la carica) permette di scegliere una colonnina, pagare e tenere traccia di tutte le operazioni in ordine cronologico.

title

Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid: efficiente in elettrico, assetata a benzina

Il motore 1.3 turbo ibrido plug-in benzina – già visto, in varianti meno potenti, sulle Jeep RenegadeCompass – ha una cilindrata contenuta che consente di risparmiare sull’assicurazione RC Auto e garantisce una buona autonomia in modalità elettrica.

Non altrettanto virtuosi i consumi in “full hybrid” a batteria scarica: con uno stile di guida normale si è più vicini ai 10 km/l che ai 15.

title

Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid: versatilità migliorabile

L’abitacolo dell’Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid protagonista del nostro primo contatto è identico a quello delle altre versioni: un ambiente costruito con cura impreziosito da sedili comodi e avvolgenti, da una plancia ergonomica e da un sistema di infotainment veloce e intuitivo.

Per quanto riguarda l’abitabilità va detto che diverse rivali offrono più spazio alle gambe e alla testa di chi si accomoda dietro mentre il bagagliaio (385 litri che diventano 1.430 quando si abbattono i sedili posteriori) è molto più piccolo di quello delle varianti mild hybrid e diesel (500/1.550 litri). Colpa dell’ingombrante batteria.

title

Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid: costa molto, offre tanto

L’Alfa Romeo Tonale Plug In Hybrid Veloce protagonista del nostro primo contatto ha un prezzo alto (55.900 euro) che non le permette di beneficiare dell’Ecobonus. In compenso la dotazione di serie è ricca:

Interni

  • Sedili in Alcantara traforata e tessuto tecnico soft-touch con cuciture rosse
  • Plancia in Alcantara con doppia cucitura rossa
  • Batticalcagno in alluminio
  • Pedaliera sportiva
  • Palette cambio al volante in alluminio
  • Volante sportivo in pelle
  • Regolazione sedili manuale a 6 vie lato guidatore e passeggero
  • Regolazione lombare elettrica a 4 vie lato guidatore
  • Ambient lighting
  • Sedile posteriore abbattibile 60/40 con ski pass e bracciolo poggiatesta centrale
  • Luci di cortesia portiere anteriori e posteriori
  • Bracciolo centrale

Esterni

  • Cerchi in lega da 19″ diamantati nero lucido
  • Badge specifico “Veloce”
  • Body kit Dark Miron lucido skidplate con inserti laterali e anteriori Miron opaco
  • V scudetto Dark Miron opaco
  • Coprimozzo Alfa Romeo Bianco e Nero
  • Cristalli posteriori oscurati
  • Finitura contorno esterno finestrini nero lucido
  • Pinze freno Brembo rosse
  • Serigrafia Elettro-Biscione su voletto sinistro
  • Doppio terminale di scarico cromato
  • Fari full led matrix adattivi e funzionalità dinamiche
  • Fari posteriori full led con tecnologia Infinity Mirroring ed effetto 3D
  • Calotte specchi nero lucide con dettaglio “tricolore”
  • Trilobo Alfa Romeo esagonale

Tecnologia sicurezza comfort

  • Sospensioni adattive Alfa Dual Stage
  • Sistema Infotainment da 10,25″ con navigazione, 2 porte USB, Bluetooth e comandi vocali
  • Passive Entry
  • Wireless Charging Pad
  • Sensori di parcheggio anteriori e posteriori
  • Specchietti esterni richiudibili elettricamente
  • Specchietto retrovisore interno elettrocromico
  • Intelligent Adaptive Cruise Control
  • Telecamera posteriore con griglie dinamiche
  • Prese USB posteriori Type A + C
  • Portellone elettrico con funzione Hands Free
  • Cannocchiale cluster 12,3″ Full TFT
  • Wireless Apple Car Play/Android Auto
  • Keyless Go
  • Climatizzatore automatico Bi-zona
  • Specchietti retrovisori esterni riscaldabili
  • Luce abbagliante/anabbagliante automatica
  • AEB con riconoscimento pedone
  • Lane Departure Warning
  • Lane Keeping Assist
  • Riconoscimento segnaletica stradale
  • Avviso occupazione sedile posteriore
  • Rilevamento sonnolenza conducente
  • Alfa connected services

title

Scheda tecnica
Caratteristiche motore turbo ibrido plug-in benzina, 4 cilindri in linea, 1.332 cc
Cambio automatico (convertitore di coppia) a 6 rapporti
Trazione integrale permanente
Dimensioni 4,53/1,84/1,60 metri
Acc. 0-100 km/h 6,2 secondi
Autonomia in modalità elettrica fino a 69 km
Prezzo 55.900 euro

Dove l’abbiamo guidata

Nel nostro primo contatto abbiamo avuto modo di guidare l’Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid tra Balocco (Vercelli) e Biella passando per il lago di Viverone. Un percorso molto vario che ci ha permesso di analizzare a fondo le caratteristiche della SUV compatta del Biscione.

Nelle curve la crossover lombarda si è rivelata più piacevole da guidare della Compass da cui deriva e non solo per merito dei 20 CV in più e delle prestazioni più vivaci: 206 km/h di velocità massima (135 in elettrico) e 6,2 secondi per scattare da 0 a 100 chilometri orari.

La prima Sport Utility italiana ibrida plug-in della storia è incollata all’asfalto e nonostante una batteria da 125 kg è anche piuttosto agile. Lo sterzo rasenta la perfezione in modalità Dynamic, i freni sono potenti ed efficaci mentre dal cambio ci saremmo aspettati una maggiore rapidità di risposta nella guida sportiva.

NON TUTTI SANNO CHE – A Biella è nato Piero Liatti, l’ultimo pilota italiano ad aver vinto una gara nel Mondiale Rally WRC (Monte Carlo 1997 con la Subaru Impreza).

Dove vorremmo guidarla

Abbiamo potuto testare l’Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid in tutte le condizioni possibili. Avremmo solo voluto guidarla con la batteria completamente carica per valutare meglio l’autonomia in modalità elettrica: approfondiremo questo punto in un altro test.

Le concorrenti

Hyundai Tucson PHEV Exellence Come la Kia Sportage (il pianale e il motore sono gli stessi) ma ancora meno cara.
Kia Sportage PHEV GT-line Plus La SUV compatta coreana – tecnicamente identica alla Hyundai Tucson – è spaziosa e ha un prezzo interessante. Il motore – non molto potente (265 CV), poco scattante e con un sound migliorabile – punta più sull’efficienza: consuma poco in modalità full hybrid.
Opel Grandland PHEV Ultimate La rivale più agguerrita della Tonale si trova in “casa” (il gruppo Stellantis è lo stesso). La crossover tedesca condivide il pianale e il motore – ricco di coppia – con la Peugeot 3008.
Peugeot 3008 Hybrid4 GT La “cugina” francese della Opel Grandland (sotto la pelle sono uguali) è compatta fuori – 4,45 metri di lunghezza – e cattiva dentro: solo 5,9 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h.

L’articolo Alfa Romeo Tonale Plug in Hybrid: com’è e come va proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Kia Sportage PHEV: offre tanto e beve poco

title

La Kia Sportage PHEV è la variante ibrida plug-in benzina della quinta generazione della SUV compatta coreana. Una crossover a trazione integrale sviluppata sullo stesso pianale della Hyundai Tucson rivolta a clienti che hanno la possibilità di ricaricare spesso la batteria.

Nel nostro primo contatto abbiamo avuto modo di guidare la Kia Sportage PHEV nell’allestimento GT-line Plus, il più ricco (nonché più costoso) del listino. Scopriamo insieme i suoi pregidifetti.

Kia Sportage PHEV: come va il motore 1.6 TGDi

Il motore della Kia Sportage PHEV protagonista del nostro primo contatto è un 1.6 turbo ibrido plug-in benzina TGDi da 265 CV. Un’unità ricca di coppia (350 Nm) in grado di offrire prestazioni interessanti: 191 km/h di velocità massima e 8,2 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari. Il cambio automatico (convertitore di coppia) a 6 rapporti regala passaggi marcia più fluidi che rapidi.

Kia Sportage PHEV: al top dell’efficienza

La batteria da 13,8 kWh – ricaricabile fino a 7,2 kW – garantisce un’autonomia di 70 km in modalità elettrica (oltre 50 ottenibili guidando in modo molto tranquillo) e in full hybrid ad accumulatori “quasi scarichi” (su questa vettura l’indicatore non scende mai a zero anche quando diventa impossibile procedere solo in EV) si sta senza problemi sopra quota 15 km/l. Un valore di tutto rispetto per una Sport Utility 4×4 che pesa quasi due tonnellate…

Kia Sportage PHEV: abitabilità e bagagliaio

Parlando di versatilità la Kia Sportage PHEV è simile alla variante full hybrid HEV da noi testata quasi un anno fa: la SUV compatta coreana è una vettura ingombrante fuori (4,52 metri di lunghezza non sono pochi da gestire nel traffico: per fortuna ci sono i sensori di parcheggio anteriori e posteriori e la telecamera 360° Surround View Monitor) e spaziosa dentro.

Il bagagliaio è leggermente più piccolo di quello della versione ibrida “senza spina” ma resta comunque molto ampio: 540 litri che diventano 1.715 quando si abbattono i sedili posteriori.

Kia Sportage PHEV GT-line Plus: prezzo giusto, dotazione ricca

La Kia Sportage PHEV GT-line Plus protagonista del nostro primo contatto ha un prezzo alto (53.000 euro) ma in linea con quanto offerto dalla concorrenza. Oltretutto la dotazione di serie ha tutto quello che serve e anche di più:

Comfort

  • Bracciolo anteriore con vano portaoggetti
  • Drive mode select
  • Freno di stazionamento elettronico (EPB)
  • Predisposizione gancio traino
  • Sensore crepuscolare
  • Sensori di parcheggio anteriori e posteriori
  • Servosterzo elettrico + volante regolabile in altezza e profondità
  • On Board Charger da 7,2kW
  • Cavo di ricarica di emergenza con ICCB (5 m) con presa Schuko
  • Comando del cambio Shift by Wire
  • Highway Driving Assist (HDA)
  • Paddles al volante
  • Smart Cruise Control
  • Smart key con start button
  • Supporto lombare elettrico lato guida a due direzioni
  • Climatizzatore automatico tri-zona
  • Portellone posteriore ad apertura intelligente
  • Sedile passeggero regolabile in altezza
  • Sedili anteriori regolabili elettricamente
  • Remote Smart Parking Assist (RSPA) (Entry)
  • Sospensioni regolabili elettricamente

Esterni

  • Barre longitudinali al tetto
  • Linea di cintura satinata
  • Luci di posizione anteriori a LED
  • Luci diurne anteriori a LED
  • Retrovisori esterni con indicatori di direzione integrati a LED
  • Retrovisori esterni ripiegabili elettricamente
  • Retrovisori esterni riscaldabili e regolabili elettricamente
  • Cerchi in lega da 19″
  • Fari fendinebbia a LED
  • Vetri posteriori oscurati
  • Vernice metallizzata o perlata
  • Fari anteriori Full LED con fascio adattivo intelligente
  • Fari posteriori a LED
  • Griglia anteriore in high glossy black
  • Tetto panoramico apribile elettricamente con verniciatura tetto a contrasto in colore nero

Interni

  • Gancio rete bagagliaio
  • Maniglie interne in vernice silver
  • Sedili posteriori abbattibili e frazionabili con modulo 40:20:40
  • Alzacristalli elettrici anteriori e posteriori – funzione auto up/down & safety anteriori
  • Mood lamps
  • Pedaliera in alluminio
  • Sedili anteriori e posteriori riscaldabili
  • Sedili in pelle e tessuto scamosciato
  • Volante riscaldabile
  • Luce vano bagagli a LED
  • Luci di lettura anteriori LED

Multimedia

  • Bluetooth con riconoscimento vocale
  • Comandi audio al volante
  • Kia Navigation System DAB con schermo touchscreen da 12,3″, Apple Car Play/Android Auto
  • 7 anni di traffico Kia Connect
  • 1 anno di aggiornamenti mappe Over-the-air gratuiti
  • Porta USB anteriore
  • Porta USB vassoio anteriore
  • Retrocamera con linee guida dinamiche
  • Retrovisore interno elettrocromatico
  • Sensore pioggia
  • Supervision cluster da 12,3″
  • Wireless phone charger
  • Sistema audio premium Harman Kardon
  • Surround view monitor (SVM)

Sicurezza

  • 7 anni di garanzia/150.000 km (secondo disposizioni della Casa)
  • ABS, ESC, DBC, HAC. TSA (Trailer Stability Assist), MCBA (Multi-Collision Brake Assist)
  • Airbag centrale tra guida e passeggero
  • Airbag laterali anteriori e a tendina anteriori e posteriori
  • Airbag lato guida e passeggero
  • Blocco portiere per bambini
  • Intelligent Speed Limit Assist (ISLA)
  • Kit di riparazione pneumatici
  • Lane Following Assist (LFA)
  • High Beam Assist (HBA)
  • Driver Attention Warning (DAW)
  • Lane Keeping Assist (LKA)
  • Predisposizione Isofix
  • Sistema di monitoraggio pressione pneumatici (TPMS) con indicazione pressione
  • Forward Collision Avoidance assist (FCA) vetture, pedoni, ciclisti e funzione svolta
  • Safe Exit Assist (SEA)
  • Blind-spot Collision Avoidance Assist (BCA)
  • Rear Cross Collision Avoidance Assist (RCCA)
  • Blind-spot View Monitor (BVM)
  • Parking Collision Avoidance Assist (PCA)

Scheda tecnica
Caratteristiche motore turbo ibrido plug-in benzina, 4 cilindri in linea, 1.598 cc
Cambio automatico (convertitore di coppia) a 6 rapporti
Trazione integrale permanente
Dimensioni 4,52/1,87/1,65 metri
Acc. 0-100 km/h 8,2 secondi
Autonomia in modalità elettrica 70 km
Prezzo 53.000 euro

Dove l’abbiamo guidata

Nel nostro primo contatto abbiamo avuto modo di guidare la Kia Sportage PHEV tra Rho e la provincia di Varese su un percorso pianeggiante caratterizzato da tratti urbani, extraurbani e autostrade. La SUV compatta coreana non nasce per fare le corse (il peso elevato incide negativamente sull’agilità nelle curve) bensì per affrontare i viaggi nel massimo comfort: le sospensioni regolabili elettricamente gestiscono egregiamente qualsiasi sconnessione, il propulsore è silenzioso e l’abitacolo è ben insonorizzato.

Decisamente riuscito anche l’impianto frenante.

NON TUTTI SANNO CHE – Varese non è il comune più popoloso della provincia di Varese: Busto Arsizio ha più abitanti.

Dove vorremmo guidarla

Avendo potuto scegliere il percorso siamo riusciti a far affrontare alla Kia Sportage PHEV quasi tutte le situazioni di guida possibili.

Le concorrenti

Audi Q3 45 TFSI e Business Costa poco meno della Sportage ma ha una dotazione più povera. Oltretutto la trazione è solo anteriore.
Audi Q3 Sportback 45 TFSI e Anche la variante “filante” della Q3 ibrida plug-in benzina è solo a trazione anteriore. L’allestimento “base” costa poco di più ed è ancora meno ricco di accessori.
Hyundai Tucson PHEV Exellence La rivale più agguerrita della Sportage condivide con la SUV compatta Kia il pianale e il motore ma costa meno, è più divertente da guidare e ha un bagagliaio ancora più capiente. La dotazione di serie, però, non è completa come quella della “cugina” coreana.
Jeep Compass 4xe 240 CV S La SUV compatta ibrida plug-in statunitense è comoda e briosa e monta un motore 1.3 dalla cilindrata contenuta carente di cavalli e di coppia e molto assetato di benzina a batteria scarica. Migliorabile la praticità.

L’articolo Kia Sportage PHEV: offre tanto e beve poco proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Decurtazione punti patente: si può impugnare se la multa è già pagata?

title

Credits: iStock

Spesso si verificano casi simili, per i quali il Giudice di Pace, nell’applicazione della legge, si esprime a favore del conducente. Questo significa che consente la reintegrazione dei punti decurtati dalla patente, nonostante l’automobilista stesso abbia già pagato la somma prevista dalla multa. La decurtazione dei punti infatti è una sanzione accessoria e quindi è possibile, per chi la subisce, fare ricorso.

Conducente diverso dal proprietario del veicolo

In questo caso, in sede di opposizione, il ricorrente rappresenta come, oltre alla sanzione pecuniaria pagata dal proprietario del veicolo, è scattata anche la sottrazione dei punti dalla patente del conducente dello stesso mezzo. Secondo il Giudice, visto che il soggetto alla guida è diverso dal proprietario dell’auto, allora gli è permesso impugnare il verbale e contestare l’infrazione.

Chi subisce la sanzione accessoria di decurtazione dei punti dalla patente può agire facendo ricorso in sede giurisdizionale, come confermato anche dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite nella sentenza n. 3936 del 13 marzo 2012, richiamata dal provvedimento in esame. La decurtazione dei punti non può essere sottratta al mezzo di opposizione, questo infatti risulterebbe “privo di giustificazione e quindi non compatibile con i principi della nostra Carta costituzionale”.

Cosa succede se manca l’indicazione dei tempi impiegati nelle singole fasi del procedimento?

Viene accolta anche l’eccezione con cui l’opponente contesta la carenza di motivazione dell’ordinanza e la mancata indicazione dei tempi previsti dalle fasi del procedimento. Ed è su questo punto che il Giudice onorario chiamato in causa riprende quello che viene specificato nella sentenza n. 1786/2010 con cui le Sezioni Unite di Cassazione hanno precisato che “l’obbligo di motivazione deve riguardare, a pena di nullità, anche i tempi impiegati nelle singole fasi del procedimento. Ciò al fine di verificare che le ordinanze di ingiunzione siano state emesse nel rispetto dei termini perentori indicati negli artt.

203 e 204 del Codice della Strada”.

Per quanto riguarda la presente sentenza, anche la giurisprudenza di merito conferma l’ulteriore onere in capo all’amministrazione. L’omissione determina la nullità del provvedimento amministrativo. Come sottolinea il Giudice di Pace si tratta di un adempimento indispensabile, che fa in modo che chi riceve l’ingiunzione possa controllare il rispetto della legge da parte dell’amministrazione nello svolgimento della procedura amministrativa.

Per concludere quindi possiamo dire che “la mancata indicazione nella stessa ordinanza di ingiunzione dell’avvenuto adempimento nei tempi previsti delle singole fasi del procedimento determina la nullità assoluta dello stesso”.

Cosa succede se il verbale è stato redatto con grafia inintelligibile

La grafia inintelligibile può essere sufficiente a dichiarare la nullità assoluta dell’ordinanza opposta; nonostante ciò, il magistrato onorario ritiene che possa sussistere anche una violazione del diritto di difesa (verbale redatto a mano e incomprensibile). La grafia impossibile da decifrare dell’agente accertatore può assolutamente determinare la mancata comprensione del contenuto della multa.

In questo caso specifico accaduto quindi il Giudice di Pace ha deciso di accogliere il ricorso, annullando l’ordinanza-ingiunzione con riferimento alla sanzione accessoria. Ha determinato così la reintegrazione dei punti che erano stati decurtati dalla patente del sanzionato.

L’articolo Decurtazione punti patente: si può impugnare se la multa è già pagata? proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Audi RS 6 Avant: la station wagon quasi perfetta

title

L’auto perfetta non esiste ma l’Audi RS 6 Avant si avvicina molto a questo ideale. La variante più cattiva della quinta generazione della A6 Avant è una grande station wagontrazione integrale spaziosissima per quattro (il sedile posteriore centrale non è dei più comodi) e in grado di regalare prestazioni paragonabili a quelle di una supercar (600 CV e uno “0-100” da 3,6 secondi). Non vi basta? Sappiate che il motore è mild hybrid e quindi non è soggetto ai blocchi del traffico.

La superfamiliare di Ingolstadt ha poco in comune con la tradizionale A6 station che incontrate regolarmente sulla corsia di sorpasso in autostrada e non solo per quanto riguarda la parte tecnica (oltre al propulsore 4.0 V8 ibrido leggero a benzina troviamo l’impronta a terra più ampia di 8 cm grazie ai passaruota maggiorati, l’impianto di scarico RS con due terminali ovali cromati e cerchi in lega fino a 22″). Le uniche parti della carrozzeria in comune sono infatti solo le portiere anteriori, il tetto e il portellone.

Nel nostro primo contatto abbiamo avuto modo di guidare l’Audi RS 6 Avant: scopriamo insieme i (molti) pregi e i (pochi) difetti di una sportiva versatile costruita con grande cura.

Audi RS 6 Avant: come va il motore 4.0 V8

Il motore 4.0 V8 biturbo TFSI mild hybrid benzina da 600 CV e 800 Nm di coppia è un gioiello tecnico. Un propulsore elastico e brutale – abbinato a un ottimo cambio automatico (convertitore di coppia) a 8 rapporti – capace di esaudire qualsiasi richiesta del guidatore. Quando si viaggia tranquilli è corposo e garbato, quando si schiaccia il pedale dell’acceleratore si trasforma in un mostro.

Audi RS 6 Avant: quanto beve!

L’unico vero difetto dell’Audi RS 6 Avant riguarda i consumi. La Casa dei quattro anelli dichiara percorrenze comprese tra 7,6 e 8,1 km/l, ottenibili però solo se non si esagera.

Audi RS 6 Avant: prezzo e dotazione di serie

L’Audi RS 6 Avant protagonista del nostro primo contatto ha un prezzo alla portata di poche tasche (136.850 euro) e una dotazione di serie che comprende:

Cerchi

  • Bulloni antifurto
  • Cerchi in lega di alluminio Audi Sport con design a stella a 10 razze
  • Sistema di controllo pressione pneumatici
  • Kit riparazione pneumatici
  • Attrezzi di bordo

Luci

  • Proiettori full-LED
  • Gruppi ottici posteriori a LED con indicatori di direzioni dinamici
  • Dispositivo di assistenza per proiettori abbaglianti
  • Lavafari
  • Pacchetto luci diffuse e profili in tecnica LED

Specchietti

  • Specchietto retrovisivo interno schermabile automaticamente, senza cornice
  • Specchietti retrovisivi esterni con indicatori di direzione a LED integrati, regolabili, riscaldabili e ripiegabili elettricamente; esterno sinistro asferico, esterno destro convesso; con funzione di memoria per entrambi gli specchietti e dispositivo bordo marciapiede per lo specchietto retrovisivo esterno lato passeggero; schermabili automaticamente
  • Alloggiamento specchietti retrovisivi esterni in  look alluminio opaco

Sistemi di chiusura

  • Portellone vano bagagli ad apertura e chiusura elettrica
  • Chiusura centralizzata con telecomando
  • Sistema antifurto

Vetri

  • Vetri laterali acustici
  • Parabrezza anteriore con vetro isolante

Ulteriori equipaggiamenti esterni

  • Paraurti RS
  • Pacchetto estetico in look alluminio
  • Spoiler al tetto in look RS
  • Logo RS alla griglia anteriore e al portellone posteriore
  • Diffusore posteriore in look cromato scuro opaco e cornice ai terminali di scarico in look alluminio
  • Mancorrenti al tetto in alluminio anodizzato
  • Modanature esterne alle cornici dei finestrini in alluminio anodizzato

Sedili

  • Sedili anteriori sportivi RS
  • Supporto lombare elettrico per i sedili anteriori
  • Regolazione elettrica dei sedili anteriori per posizione longitudinale, altezza sedile, inclinazione sedile e schienale. Include funzione memory per il sedile di guida con due posizioni di memoria
  • Riscaldamento dei sedili anteriori
  • Sedile posteriore a tre posti (2+1)
  • Appoggiabraccia centrale anteriore, ripiegabile
  • Rivestimenti in pelle/microfibra Dinamica
  • ISOFIX anteriore e posteriore
  • Pacchetto similpelle per interni parte inferiore e superiore

Inserti

  • Inserti in alluminio race al cruscotto, portiere e consolle centrale; con cornice in look alluminio
  • Look alluminio ampliato con tasti di comando in nero lucido e feedback aptico

Cielo dell’abitacolo

  • Cielo dell’abitacolo in tessuto nero
  • Alette parasole allungabili (lato guida e passeggero) con specchietti di cortesia illuminati

Volante

  • Volante sportivo sagomato multifunzionale in pelle con bilancieri, appiattito nella parte inferiore, riscaldabile
  • Volante regolabile elettricamente

Climatizzazione

  • Climatizzatore automatico comfort a 4 zone

Ulteriori equipaggiamenti interni

  • Pacchetto portaoggetti
  • Sistema di carico (piano del bagagliaio con binari a sinistra e destra; con 4 punti di ancoraggio che possono essere posizionati a piacimento nelle guide; con cinghia di contenimento inserita lato destro per fissare oggetti e una rete sul lato sinistro; con 2 ganci a sinistra e a destra
  • Appoggiapiedi e pedaliera in acciaio inox
  • Listelli sottoporta anteriori e posteriori con inserti in alluminio illuminati con logo RS 6 (solo anteriori)
  • Triangolo di emergenza, giubbotti catarifrangenti, materiale pronto soccorso
  • Presa di corrente a 12 V anteriore e posteriore

Infotainment

  • Radio MMI plus con MMI touch response
  • Ricezione radio digitale
  • Sistema sound Premium Bang & Olufsen 3D
  • Audi Smartphone interface
  • Audi phone box (senza compensatore)
  • Interfaccia bluetooth
  • Sistema di navigazione MMI plus con MMI touch response
  • Audi virtual cockpit plus

Audi connect

  • Audi connect Navigazione & Infotainment (3 anni)
  • Audi connect Emergency call (eCall/bCall) e service call con servizi Audi connect sicurezza e comfort

Sistemi di assistenza

  • Telecamera per retromarcia
  • Sistema di ausilio al parcheggio plus
  • Pacchetto assistenza Tour (include Adaptive drive assistant, assistente alla svolta Turn assist, assistente agli ostacoli Collision avoidance assist, Efficiency display e Emergency assist)
  • Audi pre sense front con sistema rilevazione pedoni
  • Audi pre sense basic

Assetto

  • Sospensioni pneumatiche sportive

Tecnica/Sicurezza

  • Airbag fullsize per conducente e passeggero anteriore con dispositivo di disattivazione airbag lato passeggero anteriore
  • Airbag laterali anteriori con sistema di airbag per la testa (protezione sui cristalli laterali anteriori e posteriori)
  • Sistema Mild-hybrid 48 V
  • Serbatoio di carburante da 73 l
  • Start&Stop
  • Trazione integrale permanente quattro con differenziale centrale autobloccante
  • Servosterzo progressivo
  • Audi drive select
  • Impianti di scarico RS
  • Impianto frenante RS

Scheda tecnica
Caratteristiche motore biturbo mild hybrid benzina, 8 cilindri a V, 3.996 cc, 600 CV
Cambio automatico (convertitore di coppia) a 8 rapporti
Trazione integrale permanente
Dimensioni 5,00/1,95/1,46 metri
Acc. 0-100 km/h 3,6 s
Consumi 7,6-8,1 km/l
Prezzo 136.850 euro

Dove l’abbiamo guidata

Nel nostro primo contatto abbiamo avuto modo di guidare l’Audi RS 6 Avant in Salento e più precisamente nei dintorni di Santa Cesarea Terme: un percorso extraurbano ricco di curve che ci ha consentito di apprezzare le sorprendenti doti di maneggevolezza della familiare di Ingolstadt. Una vettura agilissima nel misto stretto a dispetto delle dimensioni.

Merito anche dello sterzo integrale dinamico: a bassa andatura le ruote posteriori sterzano in controfase rispetto a quelle anteriori fino a un massimo di cinque gradi per aumentare l’agilità in manovra mentre oltre i 100 km/h le ruote posteriori sterzano fino a un massimo di due gradi nella stessa direzione di quelle anteriori a vantaggio della stabilità. Un sistema optional presente nel pacchetto dynamic (7.900 euro), che comprende anche il differenziale sportivo, l’innalzamento della velocità massima a 280 km/h e i proiettori a LED Audi Matrix HD con indicatori di direzione dinamici e luci laser.

Sospensioni non esageratamente rigide adatte anche ai lunghi viaggi, un impianto frenante potentissimo e uno sterzo sensibile come pochi altri: impossibile trovare in listino un’auto di cinque metri così godibile.

NON TUTTI SANNO CHE – Il comune di Castrignano del Capo, in provincia di Lecce, è bagnato da due mari: lo Ionio e l’Adriatico.

Dove vorremmo guidarla

Vorremmo testare l’Audi RS 6 Avant nella sua terra natale, la Germania, sui tratti delle Autobahn privi di limiti. Magari nella variante con la velocità massima innalzata a 305 chilometri orari, optional nel pacchetto dynamic plus (19.800 euro: in aggiunta al dynamic offre l’impianto frenante con dischi carbo-ceramici e lo scarico sportivo RS) e nel pacchetto dynamic race (21.200 euro: come il dynamic plus ma con le sospensioni sportive con dynamic ride control).

L’articolo Audi RS 6 Avant: la station wagon quasi perfetta proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Tonale Plug-in Hybrid Q4: la prima Alfa Romeo con la spina

title

Icon Wheels per Alfa Romeo

Elettrificata ma con la stessa grinta di sempre. Alfa Romeo Tonale sta al passo coi tempi, muovendo un primo passo importante verso l’elettrificazione. L’ultima arrivata è, infatti, la versione plug-in ed è, ça va sans dire, la prima Alfa Romeo con la spina. A lei spetta il compito di aprire le danze a un futuro (nel 2027) 100% a zero emissioni.

Sulla versione in prova per Icon Wheels, al motore termico turbo benzina 4 cilindri 1.300, che fornisce trazione alle ruote anteriori, è abbinato un propulsore elettrico con una potenza di picco di 90 kW al posteriore, per un totale complessivo di 280 CV.

Si tratta di un esempio di “sportività efficiente”. Performance d’eccellenza sì, con trazione integrale tipica del DNA Alfa. A bordo di Tonale Plug-in Hybrid Q4 si ha la certezza di trovare il tipico feeling di guida di Alfa Romeo. Che tradotto significa leggerezza, agilità e dinamica di guida da prima della classe.

E a esaltare le doti di Alfa Romeo Tonale Plug-in Hybrid, ci pensa il selettore di guida D.N.A che diventa simbolo di “efficient spotness”. Tre modalità di guida: Dynamic, per massimizzare le performance della vettura, “natural”, che imposta la guida ibrida a trazione integrale e “Advance Efficiency”, calibrata per ottenere la massima efficienza energetica nella guida in full electric.

Ideale per i viaggi lunghi, comoda, confortevole con tutti gli ADAS di ultima generazione, Tonale Plug-In Q4 ha un’autonomia di oltre 600 Km, ma possiamo anche decidere di usarla nella sola modalità elettrica: in questo caso le batterie garantiscono una percorrenza di circa 80 Km, dunque ideale soprattutto per gli spostamenti cittadini. I tempi di ricarica sono veloci: meno di due ore e mezza per un pieno di corrente. Poco più di una pausa pranzo.

La nostra prova di Alfa Romeo Tonale Plug-in Hybrid Q4

Le foto di Alfa Romeo Tonale Plug-in Hybrid Q4

L’articolo Tonale Plug-in Hybrid Q4: la prima Alfa Romeo con la spina proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Blocco camion dicembre 2022: il calendario e le date

title

L’elenco dei giorni di dicembre 2022 nei quali i camion e i mezzi pesanti oltre le 7,5 tonnellate non potranno circolare (salvo deroghe) fuori dai centri abitati è stato stabilito da un decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

Conoscere le date in cui non circolano i camion e i TIR è importante, soprattutto in un mese come questo ricco di feste (Immacolata Concezione, Natale, Santo Stefano) e di ponti.

Di seguito troverete il calendario completo del divieto di circolazione per i mezzi pesanti disposto dal Ministero e relativo a dicembre 2022. Come potete vedere dall’elenco questo mese i blocchi interesseranno sei date: tutte le domeniche più l’Immacolata e Santo Stefano.

Dicembre 2022: i giorni di divieto per i TIR

  • Domenica 4 dicembre 2022 dalle 09:00 alle 22:00
  • Giovedì 8 dicembre 2022 dalle 09:00 alle 22:00
  • Domenica 11 dicembre 2022 dalle 09:00 alle 22:00
  • Domenica 18 dicembre 2022 dalle 09:00 alle 22:00
  • Domenica 25 dicembre 2022 dalle 09:00 alle 22:00
  • Lunedì 26 dicembre 2022 dalle 09:00 alle 22:00

L’articolo Blocco camion dicembre 2022: il calendario e le date proviene da Icon Wheels.

Fonte:

Nissan X-Trail, sempre in armonia con la natura

title

Sarà che l’ultima volta che sono stata in Slovenia correvano gli anni dell’università e i ricordi erano un po’ offuscati, o che non vedevo l’ora di staccare (letteralmente) la spina dal ritrovato e subito odiato traffico milanese. Sarà, ma è stato facile tornare in Slovenia e immergersi in una atmosfera silvestre e lasciarsi conquistare dalla prova dell’ultima arrivata dalla factory giapponese di Yokohama: Nissan X-TRAIL e-POWER.

Staccare letteralmente la spina, dico, visto che il family SUV da 7 posti, perla rara nel suo mercato di riferimento, non vi chiederà mai di fermarvi a ricaricare la batteria ma solo di godervi l’avventura. Quella che la quarta generazione di X-Trail è pronta a farvi vivere insieme alla famiglia o agli amici, grazie a spazi accoglienti che ricordano il divano di casa, rifiniture e dettagli belli da vedere e da sfiorare, tecnologia intuitiva e funzionale a una guida capace di infondere sicurezza e regalare comfort senza compromessi, adatta a ogni tipo di automobilista e senza dubbio a tutti gli altri ospiti a bordo.

Se le auto del futuro dovranno essere non solo sinonimo di sostenibilità ma anche una versione mobile di tutto ciò che ogni giorno amiamo vivere e condividere all’interno dei nostri spazi personali, abitabilità e qualità degli ambienti, connettività e sicurezza, innovazione e evasione dallo stress quotidiano, l’ultima born electric targata Nissan è la risposta alla voglia di sentirsi in perfetta armonia con la propria auto e ciò che ci circonda, soprattutto fuori dalla giungla urbana.

Del resto Nissan X-Trail vantava già una fama non indifferente. SUV più acquistato nel 2017, con vent’anni di onorata carriera alle spalle e vendite che toccano quota 7 milioni di vetture nel globo, la sport utility vehicle amante della libertà è tra le teste di serie della casa nipponica; nella nuova versione, che per la prima volta affianca alla tecnologia Nissan e-POWER la trazione integrale e-4ORCE, si prepara a conquistare altri cuori selvaggi.

Ci sono voluti 5 anni di lavoro per metterla in strada e arrivare a un concentrato vincente di ottime prestazioni sui diversi tracciati, dall’asfalto al fango più insidioso, dai manti sconnessi alle discese impegnative, dove è un piacere affidarsi alle tecnologie più innovative.

Vi piacerebbe usare un solo pedale per guidare – attivando l’e-Pedal Step, per la prima volta su X-Trail, potete avanzare e frenare solo con l’acceleratore – o sentirvi talmente al sicuro da staccare entrambi i piedi mentre affrontate una pendenza difficile in mezzo al bosco? Io dico di sì, e mi rincuora sapere che una macchina oggi sa fare anche questo: assistermi al meglio in ogni situazione.

Poi ci sono le chicche di stile e di design, quello intelligente oltre che attraente: i rivestimenti in pelle Nappa trapuntata, con le cuciture che mappano l’abitacolo e che ti fanno sentire come se un sarto ti avesse disegnato addosso la tua auto; il poggia gomiti con l’apertura “a farfalla” posizionato tra i sedili anteriori, per smettere finalmente di disturbare chi è davanti; i posti riscaldati anche per i passeggeri in seconda fila, considerati chissà perché sempre un po’ figli di un dio minore dai progettisti di automobili; o ancora, le portiere posteriori che ora regalano una generosa apertura di 90°, un piccolo accorgimento che fa una grande differenza, insieme a una capacità di carico aumentata a 585 litri, con 16 separatori a disposizione per diverse configurazioni. Insomma, questa volta non avrete più scuse per lasciare a casa la suocera o l’amico antipatico.

Ma come batte il cuore della nuova X-Trail? È il motore elettrico da 204 CV (150 kW) a dare vita al movimento della vettura, caratterizzato da quell’inconfondibile guida fluida e rilassante, senza privarsi però di una grintosa accelerazione, grazie a una coppia di 330 Nm subito pronta, in pianura come nei boschi, mentre il turbo benzina tre cilindri da 1,5 litri fa il lavoro sporco – a voi basterà fare benzina – assicurando energia all’inverter e così alla batteria, al propulsore elettrico o a entrambi. Il “trucco” c’è ma non si vede, poiché la potenza termica non arriva mai direttamente alle ruote.

Un concentrato di efficienza a cui si aggiunge la trazione integrale e-4ORCE che garantisce al sistema una potenza totale di 213 CV (157kW) grazie ai due motori elettrici, uno per ogni asse, regalando una forza motrice capace di mangiarsi ogni curva e ogni tipo di terreno senza battere ciglio.

Ed è proprio così che mi sono sentita alla fine del mio viaggio con Nissan X-Trail, al sicuro e sicura di me stessa, coraggiosa, come se fossi Thelma in compagnia della mia amica Louise, quella che ti sprona a fare ciò che hai sempre voluto ma non hai mai osato fare, ricaricata da una insolita voglia di evadere, di andare a scovare orizzonti differenti, al volante di una macchina che non è solo una promettente soluzione per un futuro a zero emissioni, ma un vero e proprio passaporto per la libertà, da soli o con tutto il vostro mondo al seguito.

L’articolo Nissan X-Trail, sempre in armonia con la natura proviene da Icon Wheels.

Fonte:

SUV Mercedes ibride: l’elenco completo (con i prezzi)

title

La gamma delle SUV Mercedes ibride comprende tutti i modelli (esclusi ovviamente quelli elettrici) tranne la GLB e la classe G. La Casa della Stella può vantare una ricca gamma di Sport Utility a doppia alimentazione termica/elettrica (plug-in e mild sia benzina che diesel) per qualsiasi esigenza.

Di seguito troverete l’elenco completo (con i prezzi) di tutte le SUV Mercedes ibride in commercio: tante proposte per tutti i gusti.

SUV Mercedes ibride plug-in benzina: il significato e come funzionano

Le SUV Mercedes ibride plug-in benzina montano un motore a benzina abbinato a un’unità elettrica e a batterie grandi (ricaricabili attraverso una presa di corrente) che permettono di guidare in modalità esclusivamente elettrica per alcuni chilometri.

title

Mercedes GLA 250 e

La Mercedes GLA 250 e è la variante ibrida plug-in benzina della seconda generazione della SUV compatta tedesca. Prezzi da 52.552 euro e, sotto il cofano, un motore 1.3 turbo ibrido plug-in benzina da 218 CV.

title

Mercedes GLC e

La Mercedes GLC e è la variante ibrida plug-in benzina della seconda generazione della SUV media della Stella a trazione integralePrezzi da 73.923 euro e una gamma motori composta da due 2.0 turbo ibridi plug-in benzina da 340 e 388 CV.

title

Mercedes GLC Coupé 300 e

La Mercedes GLC Coupé 300 e è la versione ibrida plug-in della SUV media teutonica (versione filante della prima serie). Trazione integraleprezzi da 73.184 euro e, sotto il cofano, un motore 2.0 turbo ibrido plug-in benzina da 320 CV.

SUV Mercedes ibride plug-in diesel: il significato e come funzionano

Le SUV Mercedes ibride plug-in diesel montano un motore turbodiesel abbinato a un’unità elettrica e a batterie grandi (ricaricabili attraverso una presa di corrente) che permettono di guidare in modalità esclusivamente elettrica per alcuni chilometri.

title

Mercedes GLE 350 de

La Mercedes GLE 350 de è la variante ibrida plug-in diesel della seconda generazione della grande SUV della Stella. Trazione integraleprezzi da 88.405 euro e, sotto il cofano, un motore 2.0 turbodiesel ibrido plug-in da 320 CV.

title

Mercedes GLE Coupé 350 de

La Mercedes GLE Coupé 350 de è la variante ibrida plug-in diesel della grande SUV teutonica. La versione “filante” della Sport Utility della Stella a trazione integrale è in vendita a prezzi che partono da 91.533 euro e ospita sotto il cofano un motore 2.0 turbodiesel ibrido plug-in da 330 CV.

SUV Mercedes mild hybrid benzina: il significato e come funzionano

Le SUV Mercedes mild hybrid benzina montano un motore a benzina abbinato a un modulo elettrico che gestisce le funzioni di motorino d’avviamento e di alternatore. Il tutto per ridurre i consumi.

title

Mercedes GLC Mild Hybrid benzina

La Mercedes GLC Mild Hybrid benzina è la variante ibrida “leggera” della seconda generazione della SUV media della Stella a trazione integralePrezzi da 61.345 euro e una gamma motori composta da due 2.0 turbo mild hybrid benzina da 204 e 258 CV.

title

Mercedes GLC Coupé mild hybrid

La Mercedes GLC Coupé mild hybrid è la variante ibrida leggera a benzina della SUV media teutonica (versione filante della prima serie). Trazione integraleprezzi da 56.506 euro e una gamma motori composta da due 2.0 turbo mild hybrid benzina da 197 e 258 CV.

title

Mercedes GLE Mild Hybrid benzina

La Mercedes GLE Mild Hybrid benzina è la variante ibrida “leggera” della grande SUV tedesca a trazione integralePrezzi da 83.488 euro e una gamma motori composta da tre unità sovralimentate mild hybrid benzina: due 3.0 V6 turbo da 367 e 435 CV e un 4.0 V8 biturbo da 612 CV.

title

Mercedes GLE Coupé AMG

La Mercedes GLE Coupé AMG è la variante mild hybrid benzina della seconda generazione della grande SUV tedesca. La versione filante della Sport Utility di Stoccarda a trazione integrale è in vendita a prezzi che partono da 110.766 euro e ha una gamma motori composta da due unità sovralimentate mild hybrid benzina: un 3.0 turbo a sei cilindri in linea da 435 CV e un 4.0 V8 biturbo da 612 CV.

title

Mercedes GLS mild hybrid

La Mercedes GLS mild hybrid è la versione ibrida leggera a benzina della grande SUV della Stella a trazione integralePrezzi da 123.710 euro e una gamma motori composta da tre 4.0 V8 biturbo mild hybrid benzina da 511, 557 e 634 CV.

SUV Mercedes mild hybrid diesel: il significato e come funzionano

Le SUV Mercedes mild hybrid diesel montano un motore turbodiesel abbinato a un modulo elettrico che gestisce le funzioni di motorino d’avviamento e di alternatore. Il tutto per ridurre i consumi.

 

Le SUV Mercedes mild hybrid diesel montano un motore turbodiesel abbinato a un modulo elettrico che gestisce le funzioni di motorino d’avviamento e di alternatore.

Il tutto per ridurre i consumi.

title

Mercedes GLC d

La Mercedes GLC d è la variante mild hybrid diesel della seconda generazione della SUV media tedesca a trazione integralePrezzi da 62.809 euro e una gamma motori composta da due 2.0 turbodiesel mild hybrid da 197 e 269 CV.

title

Mercedes GLE 300 d

La Mercedes GLE 300 d è la variante mild hybrid diesel della seconda generazione della grande SUV della Stella a trazione integralePrezzi da 77.510 euro e, sotto il cofano, un motore 2.0 turbodiesel mild hybrid da 272 CV.

title

Mercedes GLE Coupé 300 d

La Mercedes GLE Coupé 300 d è la variante mild hybrid diesel della seconda generazione della grande SUV teutonica. La versione filante della Sport Utility della Stella a trazione integrale è in vendita a prezzi che partono da 84.586 euro e monta un motore 2.0 turbodiesel mild hybrid da 272 CV.

L’articolo SUV Mercedes ibride: l’elenco completo (con i prezzi) proviene da Icon Wheels.

Fonte: